Solo e parole

466 parolle soluCalchì volta mi piace à piglià un viaghju musicale in u passatu. Un vechju successu di i Bee Gees da l'anni 1960 m'hà purtatu à u mo tema oghje mentre ascoltava a interpretazione di "Words". "Hè solu parolle, è e parolle sò tuttu ciò chì aghju per vince u vostru core".

Chì saria i canti senza parolle? I compositori Schubert è Mendelssohn anu scrittu un gran numeru di "canti senza parolle", ma ùn ne ricurdatu nimu d'elli in particulare. Chì saria i nostri servizii senza parolle? Quandu cantemu canzoni novi, primuremu sempre e parole, ancu sì a melodia ùn hè micca cusì pegadiziale. Discorsi famosi, sermoni in muvimentu, grande literatura, poesia inspirante, ancu guida di viaghju, storie detective è racconti di fatte anu tutte una cosa in cumunu: e parolle. Ghjesù, u maravigliu salvatore di tutta l'umanità, porta u titulu "Logos" o "A Parola". I cristiani si riferiscenu à a Bibbia cum'è a Parola di Diu.

Quandu eramu creati, noi stati umani ci hè datu lingua. Diu hà parlatu direttamente à Adam è Eva, è senza dubbiu ch'elli si parlavanu. Satana hà utilizatu parolle assai tentatore per affettà u cori di Eva, è a hà ripete in una versione ligeramente modificata à Adam. U risultatu era disastrosu di dì u minimu.

Dopu l'inundazione, tutte e persone parlavanu a stessa lingua. A cumunicazione orale era di impurtanza cruciale per a pianificazione di a torre, chì era di "ghjunghje à u celu". Ma questa azione era in cuntradizione diretta à u cumandamentu di Diu per multiplicà è populà a terra, è cusì hà decisu di mette un fine à u "prugressu". cumu hà fattu questu? Hà cunfusatu a so lingua, rendendu l'impussibule per capiscenu e parolle di l'altru.

Ma cù u Novu Cuntrattu hè accadutu un novu principiu. Parechji gruppi di persone di sfarenti paesi venianu in Ghjerusalemme è si riunì in Pentecoste per celebrà u festival. U festival s'hè fattu pocu dopu a crucifixione di Ghjesù è a risurrezzione. Tutti quelli chì ascoltavanu u discorsu di Petru in quellu ghjornu era assai maravigliatu di sente ellu predicà l'evangelu in a so lingua! Sia sì u miraculu sintia o parlava, a barrera di a lingua hè stata rimessa. Tre mila persone capìanu abbastanza per sperimentà u pentimentu è u pardonu. Era allora chì a chjesa hà cuminciatu.

Maestria di a lingua

E parolle ponu ferite o guarì, tristi o impressionà. Quandu Ghjesù hà cuminciatu u so ministeru, a ghjente era piacè di e parolle gentile chì esce da a so bocca. In seguitu, quandu alcuni di i discìpuli si alluntanò, Ghjesù li dumandò à i dodici: "Vulete andà ancu voi?" Simon Petru, chì raramenti mancava di parolle, li rispose : « Signore, induve andemu ? Avete e parolle di a vita eterna » (Johannes 6,67-68).

A lettera di Ghjacumu hà assai da dì nantu à l'usu di a lingua. Ghjacumu l'hà paragunatu à una chjachja chì basta à focu una foresta intera. A sapemu cusì bè in Sudafrica! Uni pochi di parolle odiu nantu à e social media ponu inizià una guerra di parolle chì creanu odi, violenza è ostilità.

Allora cumu duvemu noi cristiani trattà cù e nostre parolle? Mentre simu fatti di carne è sangue, ùn pudemu micca fà questu perfettamenti. Ghjacumu scrive: "Ma quellu chì ùn falla in a parolla hè un omu perfettu" (Giacomo 3,2). Ci hè statu solu una persona chì era perfetta; nimu di noi riesce. Ghjesù sapia esattamente quandu dì qualcosa è quandu era megliu stà in silenziu. I Farisei è i prufessori di a lege anu pruvatu ripetutamente à "piglià ellu in e so parolle", ma hà fiascatu.

In preghiera ci pudemu dumandà chì noi passemu a verità in amore. L'amore pò esse à volte "l'amore duru" quandu hè necessariu ùn parle micca. Pò ancu significà à cunsiderà l'effettu annantu à l'altri è di truvà e parolle ghjuste.

M'arricordu assai bè quandu era zitellu, è u mo babbu m'hà dettu: "Aiu aghju da parlà." Puderia solu significà una seguita chì avaria una seguita, ma quandu a chianciò "Avete messe!" Era di solitu qualcosa di bonu.

Ghjesù ci assicura: "U celu è a terra passeranu; ma e mo parolle ùn passanu micca "(Mat 24,35). U mo passaghju predilettu da a Bibbia hè à a fine di l'Apocalisse di Ghjuvanni, induve dice chì Diu farà tuttu novu, un novu celu è una nova terra, induve ùn ci sarà più morte, nè dolore, nè urla nè dolore. Ghjesù hà urdinatu à Ghjuvanni: "Scrivi, perchè sti parolle sò veri è certi!" (Rev 21,4-5). E parolle di Ghjesù, cum'è u Spìritu Santu indwelling, sò tuttu ciò chì avemu è ciò chì avemu bisognu per entre in u gloriosu regnu di Diu.

di Hilary Jacobs


in pdfSolo e parole