Diu ama tutte e persone

398 Diu ama tutte e persone Friedrich Nietzsche (1844-1900) divintò cunnisciutu com'è "l'ateu supremu" per via di a so critica disprezzativa di a fede cristiana. Ellu hà dichjaratu chì l'Scrittura cristiana, soprattuttu per via di u so enfasi in l'amore, era un subproduttu di a decadenza, a corruzzione è a vendetta. Invece di principià ancu à cunsiderà l'esistenza di Diu pussibule, hà pruclamatu cù a so ora famosa dicendu "Diu hè mortu" chì a grande idea di un Diu era morta. Intendeva rimpiazzà a fede cristiana tradiziunale (chì chjamò l'antica fede morta) cù qualcosa radicalmente nova. Cù a nutizia chì "u vechju Diu hè mortu", hà dichjaratu, i filòsufi è i spiriti liberi cum'è ellu seranu illuminati da una nova partenza. Per Nietzsche, ci era una nova partenza in una sucità di "scienza felice", in quale unu hè liberu da a credenza ripressiva chì robba a ghjente di gioia attraversu frontiere strette.

Cumu si pudemu guardà cù atei?

A filusufìa di Nietzsche hà motivatu assai persone per abbraccià l'ateismu. Ancu à mezu à i cristiani, ci sò quelli chì accoglienu i so insignamenti, credendu ch'elli cundannanu una forma di Cristianesimu chì pretende chì Diu hè mortu. Ciò chì trascuranu hè chì Nietzsche pensava chì l'idea di qualsiasi diu era assurda è vede ogni tipu di credenza cum'è stupidu è feritu. A so filusufia hè in uppusizione à u Cristianesimu biblicu, chì ùn significa micca chì vulemu mette sopra à ellu o à l'altri atei. A nostra chjama hè di aiutà e persone (cumpresi l'atei) capiscenu chì Diu hè ancu per elli. Cumpitemu stu chjamà esemplificà i nostri cumpagni umani un modu di vita chì hè carattarizatu da una relazione gioiosa cù Diu - o, cum'è dicemu in u WCG, vivendu è trasmettendu a bona nova.

398 dio hè mortu nietzsche Probabilmente avete vistu un sticker (cum'è quellu di a manca) chì si burla di Nietzsche. Ciò chì ùn hè micca cunsideratu quì hè chì un annu prima di a perdita di a so mente, Nietzsche hà scrittu parechji puemi chì indicanu chì hà cambiatu a so vista di Diu. Eccu unu di elli:

 

Innò! Vultate cù tutte e vostre tortu!
Per l'ultimu di tutte e persone solitarie. Oh tornate!
Tutte e mo lacrime mi currenu!
È mi ultimu fiamma di u core   Ti glows!
Oh, vultà à u mio dius scunnisciutu! U mo dulore! A mo ultima sorte!
Malintesi circa Diu è a vita cristiana

Sembra chì ùn ci hè micca fine à a misrepresentazione di Diu chì mantene a fiamma di l'ateismu. Diu hè misrepresentatu cum'è vindicativu, imperiosu è punitivu piuttostu cà u Diu di l'amore, a misericordia è a ghjustizia. U Diu chì si palesa in Cristu, chì ci invita à accettà una vita di fede in ellu è à abbandunà a strada di a vita chì porta à a morte. Invece di campà a vita di una persona cundannata è oppressa, a vita cristiana hè una participazione gioiosa à u ministeru cuntinuu di Ghjesù, di quale hè scrittu in a Bibbia chì ùn hè micca vinutu per ghjudicà u mondu, ma per salvà (Jn. 3,16-17). Per capisce bè à Diu è a vita cristiana, hè impurtante di ricunnosce a diffarenza trà i ghjudizii è i cundannamenti di Diu. Diu ùn ci ghjudica micca perchè ellu hè contru à noi, ma perchè hè per noi. Per mezu di i so ghjudizii, indica i modi chì portanu à a morte eterna - questi sò modi chì ci alluntananu da a fraternità cun ellu, attraversu quale avemu, grazia à a so grazia, ricevemu benessiri è benedizioni. Perchè Diu hè amore, u so ghjudiziu hè diretta contru à tuttu ciò chì hè contru à noi, u so amatu. Mentre chì u ghjudiziu umanu hè spessu capitu cum'è ghjudiziu, u ghjudiziu di Diu ci mostra ciò chì porta à a vita versus ciò chì porta à a morte. I so ghjudizii ci aiutanu à evità a cundanna per u peccatu o u male. Diu hà mandatu u so Figliolu in u mondu per cunquistà u putere di u peccatu è salvà da a so schiavitù è a so peghju cunsiguenza, a morte eterna. U Diu Triune vole chì ricunnoscemu l'unica vera libertà: Ghjesù Cristu, a verità viva chì ci rende liberi. In cuntrastu à i misconceptions di Nietzsche, a vita cristiana ùn hè micca sottu à a pressione di rapprisali. Invece, hè una vita di gioia in è cun Cristu attraversu u Spìritu Santu. Include a nostra participazione à ciò chì Ghjesù face. In modu persunale, mi piace l'esplicazione chì certi persone ricevenu da u campu di sportu: u Cristianesimu ùn hè micca un sport di spettatore. Sfurtunatamente, ancu questu hè misconstrued da alcune persone è hà risultatu in pressione à l'altri per fà qualcosa per a so salvezza. Ci hè una grande diferenza trà fà boni travaglii per a salvezza (chì mette l'accentu nantu à noi) è a nostra participazione à l'opere di Ghjesù, chì hè a nostra salvezza (chì mette l'accentu nantu à ellu).

Atei cristiani?

Puderete avè intesu a frasa "Ateu cristianu" prima. Hè adupratu per e persone chì dicenu di crede in Diu, ma cunnosci pocu di ellu è campanu cum'è s'ellu ùn esiste micca. Un credente sinceru pò diventà un ateu cristianu cessendu di esse un seguitore devotu di Ghjesù. Un pò esse implicatu cusì in l'attività (ancu quelli chì anu una etichetta cristiana) chì unu diventa un seguitore part-time di Ghjesù - più focu annantu à l'attività chè Cristu. Allora ci sò quelli chì crèdenu chì Diu li ama è chì anu una relazione cun ellu, ma ùn vede micca bisognu di participà à a vita di a chjesa. In attaccà à questa vista, (forsi involontariamente) rifiutanu a so appartenenza è l'appartenenza attiva in u corpu di Cristu. In ogni casu, mentri à volte si fidavanu di Diu per guidà, ùn volenu micca ch'ellu piglia u cuntrollu tutale di a so vita. Vulenu chì Diu sia u so copilotu. Qualchidunu preferiscenu chì Diu sia u so assistente di volu, purtendu qualcosa dumandatu ogni tantu. Diu hè u nostru pilotu - ci dà a direzzione chì ci porta à a vita vera. Veramente ellu hè a strada, a verità è a vita.

Participà cun Diu in a cumunità di a Chjesa

Diu chjama i credenti per guidà parechji figlioli è figliole cun ellu à a gloria (Ebr. 2,10). Ci invita à sparte in a so missione per u mondu campendu è sparte u Vangelu. Facemu questu inseme cum'è membri di u corpu di Cristu, a Chjesa ("U serviziu hè un sport di squadra!"). Nimu hà tutti i rigali spirituali, cusì sò tutti necessarii. In a fraternità di a chjesa, dumu è ricevemu cun l'altru - avemu edificatu è rinfurzà l'altru. Cum'è l'autore di l'Ebrei esorta, ùn lasciamu micca e nostre congregazioni (Ebr. 10,25) ma riunite cù l'altri per fà u travagliu à quale Diu ci hà chjamatu cum'è una cumunità di credenti.

Prufittate di vita vera, eterna cun Cristu

Ghjesù, u Figliolu incarnatu di Diu, hà sacrificatu a so vita in modu chì duvemu avè "a vita eterna è a piena satisfaczione" (Gh. 10,9-11). Questa ùn hè micca una vita di ricchezza garantita o bona salute. Ùn và micca sempre senza dolore. Invece, vivemu in a certezza chì Diu ci ama, ci hà pardunatu è ci hà accettatu cum'è i so figlioli aduttati. Invece di una vita di pressione è strettezza, hè piena di speranza, gioia è certezza. Hè una vita in quale andemu avanti per diventà ciò chì Diu hà stabilitu per noi cum'è seguitori di Ghjesù Cristu per mezu di u Spìritu Santu. Diu, chì hà passatu u ghjudiziu nantu à u male, hà cundannatu nantu à a croce di Cristu. Dunque ùn ci hè micca un futuru per u male è u passatu hè statu datu una nova direzzione in quale pudemu participà per via di a fede. Diu ùn hà micca permessu di qualcosa chì ùn pò micca cuncilià. Infatti, "ogni lacrima hè asciuttata" perchè Diu, in Cristu è per mezu di u Spìritu Santu, "face tuttu novu" (Apocalisse 2).1,4-5). Chì, cari amichi è cumpagni di travagliu, hè a veramente bona nutizia ! Dice chì ancu s'è vo rinunzià, Diu ùn rinuncia à nimu. L'apòstulu Ghjuvanni dichjara: "Diu hè amore" (1 Ghjuvanni 4,8) - l'amore hè a so natura. Diu ùn cessà mai d'amà noi perchè s'ellu facia, saria contru à a so natura. Dunque, pudemu esse incuraghjiti in a cunniscenza chì l'amore di Diu include tutte e persone, s'ellu anu digià campatu o viveranu sempre. Questu vale ancu per Friedrich Nietzsche è tutti l'altri atei. Pudemu sperà chì l'amore di Diu hà ancu ghjuntu à Nietzsche, chì pocu prima di a fine di a so vita hà sperimentatu u pentimentu è a fede, ciò chì Diu hà da dà à tutti i pirsuni. Daveru serà chì "tutti quelli chì chjamanu u nome di u Signore seranu salvati" (Rm. 10,13). Quantu maravigliu chì Diu ùn ferma mai d'amà noi.

Ghjiseppu Tkach

prisidenti
COMUNITÀ INTERNAZIONALE GRACE


in pdfDiu ama tutte e persone