A seduzione di e ricchezze

546 a seduzzione di a ricchezzaUna rivista hà dettu chì un numeru crescente di persone trova significatu è scopu in a so vita in u mantra "Compru, hè per quessa chì sò". Ricunnoscerete sta girata umoristica nantu à una frase filosofica cunnisciuta: "Pensu chì hè per quessa chì sò". Ma a nostra cultura orientata à u cunsumadore ùn hà micca bisognu di più pruprietà acquistate. Ciò chì a nostra cultura hà bisognu hè a verità di u Vangelu, chì hè l'autorevelazione di Diu: Sò quellu chì sò; hè per quessa chì site quì! Cum'è tanta ghjente oghje, u ghjovanu riccu s'identificava in u Vangelu di Mark cù i so bè è e so ricchezze. Hè statu seduttu in u so pensamentu è hà pensatu chì u so benessere in quì è avà hè assicuratu da e so ricchezze fisiche è a vita eterna hè garantita da e so bone opere.

U riccu dumandò à Ghjesù ciò chì avia da fà per eredite a vita eterna. "Una cosa ti manca. Andate quì, vende tuttu ciò chì avete è dà à i poveri, è avete un tesoru in u celu, è venite, seguite mi ! (Marcus 10,21). Ghjesù hà rispostu à a so dumanda dicendulu di rinunzià à l'amore di i so pussidimenti è invece riempie u so core cù una fame di ghjustizia. A risposta di Ghjesù ùn era micca nantu à ciò chì u riccu puderia fà per Ghjesù, ma ciò chì Ghjesù puderia fà per ellu. Ghjesù hà dumandatu à l'omu di rinunzià a so fiducia in e cose materiali, l'illusione chì puderia cuntrullà a so propria vita, per rinunzà à Diu è cunfidendu in a sicurità di Diu. Ghjesù sfidau l'omu à accettà a ricchezza eterna per a grazia di Diu è l'assicuranza assoluta di a vita eterna basatu nantu à a ghjustizia di Ghjesù. Ghjesù offre à u riccu di diventà unu di i so discìpuli. Eccu una offerta da u Messia per viaghjà cun ellu, campà cun ellu, è camminà cun ellu ogni ghjornu, intima. L'omu riccu ùn hà micca disprezzatu l'offerta di Ghjesù o a rifiuta prematuramente. Una traduzzione nota chì l'omu riccu hè statu scuncutu è si n'andò in pena, in un dolore evidenti. Sintia a verità di u diagnosticu di Ghjesù, ma ùn pudia accettà a cura offerta.

Ricurdativi chì u ghjovanu riccu era inizialmente piacè di e parolle di Ghjesù. Era cunfidendu ch'ellu era ubbidiente à Diu, avè guardatu i so cumandamenti "da a so ghjuventù" (v. 20). Ghjesù ùn li rispose micca cù impazienza o burla, ma cun amore : "Ghjesù u fighjulava è l'amò" (v. 21). Cù una vera cumpassione, Ghjesù hà identificatu rapidamente l'ostaculu chì impedisce a relazione di questu omu cù Diu - un affettu per i so pussidimenti fisichi è a crede chì a so ubbidienza puderia merità a vita eterna.

Pare chì a ricchezza di st'omu s'hè impatrunita di ellu. L'omu riccu avia una illusione simile in a so vita spirituale. Hà travagliatu sottu à a falsa premessa chì e so bone opere obligeranu à Diu à dalli a vita eterna. Dunque duverebbe dumandassi: «Quale o chì cuntrolla a mo vita?»

Vivemu in una cultura orientata à u cunsumadore chì, da una parte, paga un serviziu lip à a libertà è à l'indipendenza. In listessu tempu, tuttavia, ci rende piacevuli di cunsultà senza cessà in un obbligu schiavu di cumprà, di apprupriassi è di prupietà cose, è di scalà e scale suciale è ecunomiche di successu. Simu ancu cunfruntati à una cultura religiosa chì mette in risaltu e bone opere cum'è a chjave per a salvezza, o almenu afferma chì e bone opere svolgenu un rolu impurtante in se qualificamu o micca per a salvezza.
Hè una tragedia chì certi cristiani perdenu di vista induve Cristu ci porta è cumu ci ghjunghjeremu eventualmente. Ghjesù hà stabilitu u nostru avvene sicuru quandu disse à i so discìpuli: "Credite in Diu è crede in mè. Ci sò parechji appartamenti in a casa di u mo babbu. S'ellu ùn era micca cusì, vi avaria dettu : vi aghju da appruntà u locu ? È quandu anderaghju à appruntà u locu per voi, veneraghju di novu è vi purteraghju à mè, per pudè esse induve sò. È induve andaraghju, sapete a strada » (Ghjuvanni 14,1-4). I discìpuli sapianu a strada.

Arricurdatevi chì Diu hè quellu chì hè è per via di questu Diu ti ama è ti perdona. Ghjesù in a so gràzia vi offre tutte e ricchezze di u so regnu. Hè u fundamentu di tuttu ciò chì credi, hè a surghjente di a to salvezza. Rispondi cun gratitudine è amore, cù tuttu u vostru core, cù tutta a vostra anima è cù tutta a vostra mente è cù tutte e vostre forze.

di Ghjiseppu Tkach