Hè veramente realisa

436 hè veramente fattu Ghjesù hà fattu una dichjarazione rivelante nantu à l'Scrittura à un gruppu di dirigenti ebrei chì l'anu perseguitatu: "L'Scrittura mi punta à mè" (Ghjuvanni 5,39 Nova traduzzione di Ginevra). Anni dopu, sta verità hè stata cunfirmata da un anghjulu di u Signore in una proclamazione: "Per u messagiu profeticu chì u Spìritu di Diu dà hè u messagiu di Ghjesù" (Revelazione 19,10 Nuova Traduzione di Ginevra).

Sfurtunatamente, i capi ebbrei stavanu attualmente ignorannu a verità di e Scritture è l'identità di Ghjesù cum'è Figliolu di Diu. Invece, i riti religiosi di u tempiu in Ghjerusalemme eranu in u centru di u so interessu perchè li dete i so vantaghji. Cusì perdevanu a vista di u Diu di Israele è ùn anu pussutu vede a cumpletazione di e profezie in a persona è à u serviziu di Ghjesù, u Messia prumessu.

U tempiu in Ghjerusalemme era veramente magnificu. U storicu e studiusu ghjudeu Flavius ​​Josephus hà scrittu: «A facciata lucida di marmo biancu hè decorata cù oru è di una bellezza straordinaria. Anu intesu a profezia di Ghjesù chì stu magnificu tempiu, u centru di culte sottu u Vechju Covenant, seria cumplitamente distruttu. Una distruzzione chì hà signalatu u pianu di salvezza di Diu per tutta l'umanità si porta à u tempu ghjustu senza stu tempiu. Chì stupore è quale scossa chì hà causatu à e persone.

Ghjesù ùn era evidentemente micca particularmente impressiunatu da u tempiu in Ghjerusalemme per una ragione. A sapia chì a gloria di Diu ùn si pò superare da un edifiziu creatu da l'omu, quantunque grande sia. Ghjesù disse à i so discìpuli chì u tempiu seria sustituitu. U tempiu ùn serve più à u scopu per u quale era custruitu. Ghjesù hà spiegatu: «Ùn dice micca l'Scrittura: A mo casa deve esse una casa di preghiera per tutti i populi? Ma l'avete fattu fora di una grotta di u ladru » (Marcu 11,17 Nova traduzzione di Ginevra).

Leghjite dinò ciò chì l'evangelu di Matteu informa questu: «Ghjesù hà lasciatu u tempiu è era nantu à lascià andà. Eppo, i so discìpuli si avvicinonu à ellu è l'hà fattu cunnosce u splendore di l'edificii di u tempiu. Tuttu chistu ci impressa, ùn hè micca? disse Ghjesù. Ma ti assicuraghju: ùn alcuna petra ùn ferà quì da l'altru; tuttu sarà distruttu » (Matteu 24,1: 2-21,6, Luca Nuova traduzzione di Ginevra).

Ci era duie occasioni quandu Ghjesù hà preditu a destruzzione imminente di Ghjerusalemme è u tempiu. U primu avvenimentu era a so entrata trionfale in Ghjerusalemme, durante a quale a ghjente si mette a roba in u pianu davanti à ellu. Era un gestu di culte per personalità di primura qualità.

Fighjate ciò chì Luca dice: "Quandu Ghjesù s'avvicinò di a cità è u vide chjinatu davanti ad ellu, u piense è disse: Sì solu avete ricunnisciutu oghje ciò chì vi purterà a pace! Ma avà hè piattu da voi, ùn a vidite micca. Un tempu ghjunghjerà per voi quandu i vostri nemichi alzeranu un muru intornu à voi, vi assedieranu è vi fastidieranu da tutti i lati. Vi distrughjeranu è sfasciaranu i vostri figlioli chì campanu in voi è ùn lasciaranu micca petra in a cità sana perchè ùn avete micca ricunnisciutu u tempu in chì Diu vi hà scontru »(Luke 19,41: 44 New Geneva Traduzzione).

U secondu avvenimentu, in quale Ghjesù hà preditu a distruzzione di Ghjerusalemme, hè accadutu quandu Ghjesù era guidatu à traversu a cità à u locu di a so crucifixione. A ghjente si folla in i vicoli, sia i so nemici è i so seguitori dedicati. Ghjesù hà profetizatu ciò chì avissi da succede à a cità è u tempiu è ciò chì avissi da succede à e persone cume da a distruzzione da i Rumani.

Leghjite ciò chì Luca riporta: "Una folla maiò seguitò à Ghjesù, cumprese assai di e donne chì si lamentavanu forte è chì piantavanu per ellu. Ma Ghjesù si ne vultò versu elli è disse: Eiu donne di Ghjerusalemme, ùn chiancivi micca di mè! Pidite cun voi è i to figlioli! Perchè ghjè un tempu quandu unu dicerà: Felice sò e donne sterili è ùn anu mai mai nascitu un zitellu! Allora unu dicerà à e muntagne: Fate nantu à noi! E à e muntagne: Inbientate noi! » (Luca 23,27: 30 Nova traduzzione di Ginevra).

Sapemu da a storia chì a profezia di Ghjesù hè ghjunta circa 40 anni dopu à ellu hè statu annunziatu. In u 66 dC ci hè stata una ribellione di i Ghjudei contr'à i Rumani è in u 70 dC u tempiu hè statu demolatu, a maiò parte di Ghjerusalemme era distrutta è u populu soffre terribilmente. Tuttu hè accadutu cum'è Ghjesù hà tristamente previstu.

Quandu Ghjesù hà cridatu annantu à a croce, "Hè fattu", ùn solu hà riferitu à a finalizazione di u so travagliu di conciliazione di salvezza, ma ancu hà dichjaratu chì l'Anticu Alianza (U modu di vita è a venerazione d'Israele secondu a lege di Mosè) hà rializatu u scopu chì Diu li avia datu. Cù a morte di Ghjesù, risurrezzione, l'ascensione è a missione di u Spìritu Santu, Diu in è per mezu di Cristu è per mezu di u Spìritu Santu hà rializatu u travagliu di cuncilià tutta l'umanità cun ellu stessu. Ora ciò chì u prufeta Ieremia hà predichju succede: "Eccu, hè ghjuntu u tempu, dice u Signore, quandu aghju da fà un novu pattu cù a casa d'Israele è cù a casa di Ghjuda, micca cum'è l'allianza chì eru cun elli. Quandu l'aghju pigliatu da a manu per purtallu fora di a terra d'Egittu, i Patri anu chjusu un pattu chì ùn anu micca mantinutu, ancu s'ellu eru u so signore, dice u Signore; ma questu serà l'allianza chì faraghju cù a casa d'Israele dopu à questu tempu, dice u Signore: Mi metteraghju a legge in u so core è scrive in a so mente, è saranu u mo pòpulu è seraghju u so Diu. E nimu ùn ci insegnerà nè un altru fratellu à l'altru è dicenu: "Cunniscite u Signore", ma tutti mi ricunnosceranu, picculi è grossi, dice u Signore; perchè vogliu perdonà per a so iniquità è ùn mai ricurdate e so peccate » (Ghjeremia 31,31-34).

Cù i paroli "Hè fattu," Ghjesù proclamò a bona nova nantu à u stabilimentu di u Novu Patt. U vechju hè passatu, u novu hè diventatu. U peccatu hè statu chjatu à a croce è a grazia di Diu hè ghjuntu à noi à traversu l'attu di riconciliazione di Cristu chì hà permessu u prufondu travagliu di u Spìritu Santu per rinnuvà i nostri cori è e nostre menti. Stu cambiamentu ci permette di participà à a natura umana rinnovata da Ghjesù Cristu. Ciò chì era statu prumessu è dimustratu sottu l'Anticu Alianza hè statu rializatu à traversu Cristu in u Novu Alianza.

Cum'è l'apòstulu Paulu hà insignatu, Cristu (u Novu Pattimentu personificatu) hà ottenutu per noi ciò chì a lege di Mosè (u vechju pattu) ùn pudia micca è ùn si deve micca pagà. «Chì cunclusione duvemu tira da questa? E persone chì ùn appartenenu à u pòpulu ebraicu sò stati dichjarati ghjusti da Diu senza avè pruvatu à fà. Anu ricevutu a ghjustizia basata nantu à a fede. Israele, invece, in tutti i so sforzi per rispettà a lege è dunque ottene a ghjustizia ùn hà micca ottenutu l'ughjettivu chì a lege hè. Perchè micca? Perchè a basa nantu à a quale eranu custruiti ùn era micca una credenza; pensavanu ch'ella puderia riesce u scopu per via di i so sforzi. U ostaculu chì anu scontru era "u stuccu" (Rumani 9,30-32 Nova traduzzione di Ginevra).

I Farisei à l'epica di Ghjesù è i credenti chì venianu da u ghjudaisimu eranu influenzati da a so pusizioni ghjuridica à l'epica di l'Apòstulu Paulu per orgogliu è peccatu. Assumenu chì per via di i so sforzi religiosi puderanu ottene ciò chì solu Diu stessu pò fà per noi da a grazia, in e per mezu di Ghjesù. U vostru approcciu sicondu u vechju pattu (basatu nantu à a ghjustizia di fabbrica) era una falsificazione purtata da u putere di u peccatu. Ùn ci era certamente mancanza di grazia è fede in l'Anticu Alianza, ma cum'è Diu sapia digià, Israele si alluntanassi di questa grazia.

Hè per quessa chì u novu pattu hè statu pianificatu da u principiu cum'è un cumplimentu di l'anticu pattu. Una cumplimentu rializatu in a persona di Ghjesù è per mezu di u so ministeru è per mezu di u Spìritu Santu. Hà salvatu l'umanità da l'orgogliu è a putenza di u peccatu è hà creatu una nova prufundità in relazioni cù tutte e persone di u mondu. Una relazione chì porta à a vita eterna in presenza di u Diu Triune.

Per mustrà a grande impurtanza di ciò chì era accadutu nantu à a croce di u Calvariu, pocu dopu chì Ghjesù avia gridatu: "Hè fattu", a cità di Ghjerusalemme hè stata scuzjata da un terrimotu. L'esistenza umana hà cambiatu fondamentalmente è hà purtatu à l'insignamentu di e profezie riguardanti a distruzzione di Gerusalemme è di u tempiu, è ancu di u stabilimentu di u Nuovo Alianza:

  • A cortina in u tempiu, chì impedisce l'accessu à u Santissimu Sacramentu, si sfondò in dui da cima à fondu.
  • I gravi sò aperti. Parechji santu morti sò stati risuscitati.
  • I televidenti anu ricunnisciutu Ghjesù cum'è u Figliolu di Diu.
  • L'antica allianza facia via per u novu pattu.

Quandu Ghjesù gridò e parolle "Hè realizatu", hà dichjaratu a fine di a presenza di Diu in un tempiu fattu da l'omu, in u "U più santu". In e so lettere à i Corintini, Paulu hà scrittu chì Diu avà vive in un tempiu non fisicu, furmatu da u Spìritu Santu:

"Ùn sapete chì sì u tempiu di Diu è chì u spiritu di Diu vive in mezu à voi? Quellu chì distrugge u tempiu di Diu si distrugge perchè porta u giudiziu di Diu sopra ellu stessu. Perchè u tempiu di Diu hè santu, è voi sì stu tempiu santu » (1 Cor. 3,16-17, 2. Corinzi 6,16 Nuova traduzzione di Ginevra).

L'apòstulu Paulu l'hà dettu cusì: "Venite à ellu! Hè a petra vivente chì l'omu hà dichjaratu inutilizabile, ma chì Diu stessu hà sceltu è chì hè inestimabile in i so ochji. Lasciate sì esse inseritu in a casa cume petre vivute, custruite da Diu è carricu di u so Spìritu. Dunque esse custruitu in un sacerdotatu santu per chì pudete fà sacrifici à Diu chì sò stati fatti da u so Spìritu - sacrifici chì gode perchè sò basati nantu à l'opera di Ghjesù Cristu. «Ma sì u populu sceltu da Diu; tu sì un sacerdoziu reale, una nazione santa, un pòpulu chì appartene à ellu solu è hà u compitu di proclamà e so grandi atti - le azioni di quellu chì vi chjamava da a bughjura in a so maravigliosa luce » (1. Petr. 2,4-5 è 9 Nuova traduzzione di Ginevra).

Inoltre, tuttu u nostru tempu hè cantatu è resu santu mentre vivemu sottu u Novu Alianza, chì significa chì per mezu di u Spìritu Santu participemu à u so serviziu continuu cù Ghjesù. Ùn importa micca sì travagliammu in i nostri professioni in i nostri posti di travagliu o impegnammi in u nostru tempu liberu, simu citatini di u celu, u regnu di Diu. Vivemu a nova vita in Cristu è camparemu sia finu à a nostra morte o finu à u ritornu di Ghjesù.

Caru, l'ordine anticu ùn esiste più. In Cristu simu una criatura nova, chjamata da Diu è dotata di u Spìritu Santu. Cù Ghjesù simu in una missione per vive è sparta a bona nova. Implicà si in u travagliu di u nostru babbu! Per mezu di u Spìritu Santu chì sparte in a vita di Ghjesù, simu unu è cunnessu.

di Ghjiseppu Tkach


in pdfHè veramente realisa