Perchè Ghjesù deve mori?

214 perchè Ghjesù hè mortu?U travagliu di Ghjesù hè vintu in modu incredibile. Hà amparatu è curatu migghiara. Attraia un gran numeru di ascoltatori è puderia avè un impattu assai più largu. Puderia avè guaritu più millaie se ellu era andatu in i Ghjudei è in i Ghjudei chì habite in altre terra. Ma Ghjesù hà permessu chì a so opara hè vultata à a fine brusca. Puderia avè evitatu l'arrestu, ma hà sceltu di muriri invece di portà u so messagiu in u mondu. I so insegnamenti eranu impurtanti, ma micca solu vense à insegnà ma ancu à muriri, è ancu cù a so morte hà fattu più ch'è in a so vita. A morte era a parte più impurtante di l'opera di Ghjesù. Quandu pensemu à Ghjesù, pensemu à a croce cum'è un simbulu di u Cristianesimu, di u pane è u vinu di a Cena di u Signore. U nostru Redentore hè un Redentore chì hè mortu.

Natu per muriri

L'Anticu Testamentu ci dice chì Diu hè statu apparsu in parechje volte in forma umana. Se Ghjesù avia vulutu solu guarì è insegnà, puderia solu avè "apparsu". Ma hà fattu più: diventò umanu. Perchè? Cusì puderia mori. Per capisce Ghjesù, avemu bisognu di capisce a so morte. A so morte hè una parte centrale di u messagiu di salvezza è qualcosa chì afecta direttamente tutti i cristiani.

Ghjesù hà dettu chì "u Figliolu di l'Omu ùn hè micca vinutu per esse servutu, ma ch'ellu deve serve è dà a so vita per a redenzione [Bibbia multitùdine è Bibbia Elberfeld: cum'è riscattu] per parechji" Matt. 20,28). Ghjunse à sacrificà a so vita, à more; a so morte duvia "cumprà" a salvezza per l'altri. Questa hè stata a ragione principale per a quale hè ghjuntu in terra. U so sangue hè statu versatu per l'altri.

Ghjesù annunziò a so soffrenza è a morte à i discìpuli, ma apparentemente ùn anu micca cridutu. "Da quellu tempu, Ghjesù hà cuminciatu à mustrà à i so discìpuli cumu avia da andà à Ghjerusalemme è soffre assai da l'anziani, i principali sacrificadori è i scribi, è esse uccisu è risuscitatu u terzu ghjornu. È Petru u pigliò à parte, u fighjulandu è disse : Diu ti guardi, Signore ! Solu ùn lasciate micca chì succede à voi! " (Matteu 16,21-22.)

Ghjesù sapia ch'ellu avia da more perchè era scrittu cusì. "... E tandu cumu hè scrittu di u Figliolu di l'omu chì deve soffre assai è esse disprezzatu?" (Marcu. 9,12; 9,31; 10,33-34.) "È cuminciò cù Mosè è tutti i prufeti è li spiegò ciò chì era dettu di ellu in tutte e Scritture ... Hè scrittu chì Cristu soffrerà è risuscitarà da i morti u terzu ghjornu" (Luc 2).4,27 è 46).

Tuttu hè accadutu secondu u pianu di Diu: Erodu è Pilatu fecenu solu ciò chì a manu è i cunsiglii di Diu "avianu stabilitu prima chì duverebbe succede" (Atti di l'Apòstuli). 4,28). In u giardinu di Getsemani supplicava in preghiera s'ellu ùn pudia esse un altru modu; ùn ci era nimu (Luc. 22,42). A so morte era necessaria per a nostra salvezza.

U servitore chì soffre

Induve era scrittu ? A prufezia più chjara si trova in Isaia 53. Ghjesù stessu hà Isaia 53,12 quotes: "Perchè vi dicu: ciò chì hè scrittu in mè deve esse cumpletu: "Hè statu cuntatu trà i malfattori". Perchè ciò chì hè scrittu da mè serà cumpletu » (Luc. 22,37). Ghjesù, senza peccatu, deve esse cuntatu trà i peccatori.

Chì altru hè scrittu in Isaia 53? "In verità, ellu hà purtatu a nostra malatia è hà inflittu i nostri peni nantu à ellu stessu. Ma avemu cridutu ch'ellu era quellu chì avia statu afflittu è battutu è torturatu da Diu. Ma hè feritu per a nostra iniquità [apostasia, apostasia], è culpitu per u nostru peccatu. A punizioni hè nantu à ellu chì pudemu avè a pace, è attraversu e so ferite simu guariti. Simu tutti sviati cum'è pecure, ognunu guardendu u nostru modu. Ma u Signore hà cacciatu i piccati di tutti noi nantu à ellu » (versi 4-6).

Iddu era "piagatu per l'iniquità di u mo pòpulu ... ancu s'ellu ùn hà micca fattu male ... Allora u Signore hà vulsutu chjappà cù a malatia. S'ellu hà datu a so vita cum'è una offrande di culpabilità ... porta [ellu] i so piccati ... [hà] purtatu i peccati di parechji ... è pricava per i malfattori "(vv 8-12). Isaia raffigura una persona chì soffre micca per ellu stessu, ma per i peccati di l'altri.

Stu omu hè da esse "strappatu da a terra di i vivi" (v. 8), ma questu ùn hè micca a fine di a storia. Duverebbe "vede a luce è avè abbundanza. È per via di a so cunniscenza, ellu, u mo servitore, u ghjustu, farà ghjustizia à parechji ... ellu hà una progenie è vive longu » (versi 11 è 10).

Ciò chì Isaia hà scrittu hè statu cumpletu da Ghjesù. Hà datu a so vita per e so pecure (Gh. 10, 15). In a so morte hà pigliatu i nostri peccati è hà patitu per i nostri trasgressioni; hè statu punitu in modu chì pudemu avè a pace cù Diu. Per mezu di u so soffrenu è a morte, a malatia di a nostra ànima hè guarita; simu ghjustificati - i nostri piccati sò tolti. Queste verità sò allargate è approfondite in u Novu Testamentu.

Una morte in vergogna è in vergogna

Un "impiccatu hè maleditu da Diu", si dice in 5. Mosè 21,23. A causa di stu versu, i Ghjudei anu vistu a malidizzione di Diu nantu à ogni persona crucificata è, cum'è Isaia scrive, u vedenu cum'è "colpitu da Diu". I preti ebrei probabilmente pensavanu chì questu puderia spaventà è paralizza i discìpuli di Ghjesù. Infatti, a crucifixion hà distruttu e so speranze. Abattus, anu cunfessu: "Avemu ... sperava chì era ellu chì rachetera Israele" (Luca 2).4,21). A risurrezzione tandu ristabilisce e so speranze, è u miraculu di Pentecostal l’hà rimpinata di curaghju rinnuvatu per annunzià un eroe chì era u portu di salvezza chì, secondu a credenza populari, era un antieroe assolutu : un Messia crucifissu.

"U Diu di i nostri babbi", hà dettu Petru davanti à u cunciliu, "hà risuscitatu à Ghjesù, chì avete impiccatu à u legnu è uccisu" (Atti di l'Apòstuli). 5,30). In "Legnu" Petru evoca tutta a vergogna di a morte in croce. A vergogna, dice, ùn hè micca nantu à Ghjesù - hè nantu à quelli chì u crucifissu. Diu l'hà benedettu perchè ùn si meritava micca a maledizione ch'ellu hà patitu. Diu hà invertitu u stigma.

Paul parla a listessa maledizione in Galati 3,13 à: «Cristu ci hà liberatu da a malidizzione di a lege, quand'ellu hè diventatu una maledizione per noi; perchè hè scrittu: "Maledetti sò tutti quelli chì sò appiccicati à u legnu" ... "Ghjesù divintò una malidizzione in u nostru locu, per pudè esse liberatu da a maledizione di a lege. Hè diventatu qualcosa chì ùn era micca cusì chì pudemu diventà qualcosa chì ùn simu micca. "Perchè ellu hà fattu peccatu per noi quellu chì ùn hà cunnisciutu micca u peccatu, affinchì pudemu diventà in ellu a ghjustizia chì hè davanti à Diu" (2. Cor.
5,21).

Ghjesù hè diventatu un peccatu per noi in modu chì pudemu dichjarà ellu ghjustu. Perchè hà soffratu ciò chì si meritava, hà liberatu da a malidizioni - da a punizione - di a lege. "U punitu hè nantu à ellu per avè pace". Perchè ellu hà servutu a punizione, pudemu godere a pace cù Diu.

A parolla di a croce

I discìpuli ùn anu mai scurdatu di a manera vergognosa chì Ghjesù hè mortu. Certe volte era ancu in u centru di a so proclamazione: "... ma predicemu u Cristu crucifissu, una offesa per i Ghjudei è una follia per i Grechi "(1. Cor. 1,23). Paul ancu chjama u Vangelu "a parolla di a croce" (verse 18). Dice à i Galati chì anu persu di vista l'imaghjini curretta di Cristu: "Quale hà incantatu quandu Ghjesù Cristu hè statu dipintu davanti à i so ochji cum'è u crucifissu?" (Gal. 3,1.) In questu hà vistu u missaghju core di u Vangelu.

Perchè a croce "evangelu", una bona nutizia? Perchè ci eranu redimiti in croce è i nostri peccati sò stati datu u casticu chì si meritevanu. Paulu si centra in a croce perchè hè a chjave per a nostra salvezza per mezu di Ghjesù.

Ùn saremu micca risuscitati per a gloria finu à chì u nostru debitu peccatu hà pagatu, quandu avemu statu ghjustificatu in Cristu cum'è "davanti à Diu". Solu allora possemu entra in a gloria di Ghjesù.

"Per noi" Ghjesù hè mortu, dice Paul (Rom. 5,6-8; 2. Corinti 5:14; 1. Issi. 5,10); è "per i nostri peccati" hè mortu (1. Cor. 15,3; Gal. 1,4). Ellu "portò u nostru peccatu stessu ... in u so corpu nantu à u legnu" (1. Petru. 2,24; 3,18). Paul continua à dì chì avemu mortu cù Cristu (Rum. 6,3-8u). Cridendu in ellu, spartemu in a so morte.

Se accettemu Ghjesù Cristu cum'è u nostru Salvadore, a so morte conta cum'è a nostra; i nostri peccati cuntenenu cum'è e so, è a so morte abolisce u casticu per quelli peccati. Hè cume cume siamu stati appiccicati à a croce, cum'è s'ellu avemu ricevutu a maledizione i nostri peccati avemu. Ma l'hà fattu per noi, è perchè l'hà fattu, pudemu esse ghjustificate, vale à dì cunsideratu ghjustu. Piglia u nostru peccatu è a nostra morte; ellu ci dà ghjustizia è a vita. U prìncipe hè diventatu un zitellu di capricciò cusì chì pudemu diventà príncipes di i zitelli.

Hè veru chì a Bibbia dici chì Ghjesù hà pagatu u riscattu (in u vechju sensu di redenzione: riscattà, cumprà gratis) per noi, ma u riscattu ùn hè micca statu pagatu à alcuna autorità specifica - hè una frasa figurativa chì hà da scopu di fà chjaru. chì era ellu hà costu un prezzu incredibilmente altu per liberà. "Avete statu compru à un caru" Paul parafrase a nostra redenzione per mezu di Ghjesù: questu hè ancu una espressione figurativa. Ghjesù ci hà "cumpattu" ma ùn hà "pagatu" nimu.

Qualchidunu anu dettu chì Ghjesù hè mortu per suddisfà i pretesti legali di u babbu - ma si pò ancu dì chì era u babbu stessu chì hà pagatu u prezzu mandendu è dà u so solu figliolu per questu. 3,16; Rom. 5,8). In Cristu, Diu stessu pigliò a punizioni - per ùn avè micca bisognu; "Per via di a grazia di Diu hà da tastà a morte per tutti" (Ebr. 2,9).

Fuga da l'ira di Diu

Diu ama a ghjente - ma odia u peccatu perchè u peccatu dannu a ghjente. Dunque ci sarà un "ghjornu di còllera" quandu Diu ghjudicherà u mondu (Rom. 1,18; 2,5).

Quelli chì rifiutanu a verità seranu puniti (2, 8). Quellu chì rifiuta a verità di a grazia divina hà da cunnosce l'altra parte di Diu, a so còllera. Diu vole chì tutti si pentinu (2. Petru. 3,9), ma quelli chì ùn si pentenu sentenu e cunsequenze di u so piccatu.

In a morte di Ghjesù, i nostri peccati sò pardunati, è per via di a so morte scappemu da l'ira di Diu, a punizione per u peccatu. Questu ùn significa micca, però, chì un Ghjesù amante hà appacitu un Diu arrabbiatu o, in una certa misura, "hà compru tranquillamente". Ghjesù hè arraggiatu cù u peccatu cum'è u Babbu. Ghjesù ùn hè micca solu u ghjudice mundiale chì ama tantu i peccatori chì paga a pena per u peccatu, hè ancu u ghjudice mundiale chì cundanna (Matt. 2).5,31-46u).

Quandu Diu ci pardona, ùn lavora micca simplemente u peccatu è fingeva chì ùn esiste mai. In tuttu u Novu Testamentu, ci insegna chì u peccatu hè guadagnatu per via di a morte di Ghjesù. U peccatu hà cunsiquenzi grave - cunsequenze chì pudemu vede nantu à a croce di Cristu. Hè custatu à Ghjesù u dulore è a vergogna è a morte. Hà guadagnatu u casticu chì meritavamu.

L'Evangelu revela chì Diu agisce in ghjustizia quandu ci parduna (Rom. 1,17). Ùn ignora i nostri peccati, ma li supera in Ghjesù Cristu. "Diu l'hà stabilitu per a fede cum'è una espiazione in u so sangue per mostrà a so ghjustizia ..." (Rum.3,25). A croce palesa chì Diu hè ghjustu; mostra chì u peccatu hè troppu seriu per esse ignoratu. Hè apprupriatu chì u peccatu deve esse punitu, è Ghjesù hà pigliatu vuluntariamente a nostra punizioni nantu à ellu stessu. In più di a ghjustizia di Diu, a croce mostra ancu l'amore di Diu (Rom. 5,8).

Cum'è Isaia dice, simu in pace cù Diu perchè Cristu hè statu punitu. Una volta eramu luntanu da Diu, ma avà avemu avvicinatu à ellu per mezu di Cristu (Ef. 2,13). In altri palori, simu cunciliati à Diu attraversu a croce (v. 16). Hè una credenza cristiana basica chì a nostra relazione cù Diu dipende da a morte di Ghjesù Cristu.

Cristianesimu : ùn hè micca un catalogu di regule. U Cristianesimu hè a credenza chì Cristu hà fattu tuttu ciò chì avemu bisognu per esse ghjustu cù Diu - è hà fattu nantu à a croce. Eramu "cunciliati cù Diu ... da a morte di u so Figliolu mentre eramu nemici" (Rum. 5,10). Per mezu di Cristu, Diu hà cunciliatu l'universu "fendu a pace cù u so sangue nantu à a croce" (Col. 1,20). Se simu cunciliati per ellu, ci sò pardunati di tutti i piccati (versu 22) - a cunciliazione, u pirdunu è a ghjustizia significanu una sola cosa: a pace cù Diu.

Vittoria!

Pàulu usa una stampa interessante per a salvezza quand'ellu scrive chì Ghjesù "hà spogliatu i puteri è l'autorità di u so putere è li mette in mostra publica è hà fattu un trionfo d'elli in Cristu [a. Trans .: à travers la croix] » (Col. 2,15). Aduprà l'imaghjini di una parata militare: u generale vittorioso guida i prigiuneri nemici in una prucessiò trionfale. Sò disarmati, umiliati, in mostra. Ciò chì Paul dice quì hè chì Ghjesù hà fattu questu nantu à a croce.

Ciò chì pareva una morte vergognosa era in verità un trionfo coronale per u pianu di Diu, perchè era per mezu di a croce chì Ghjesù hà ottinutu a vittoria annantu à i puteri ostili, nantu à Satanassu, u peccatu è a morte. I vostri rivindicazioni nantu à noi sò stati cumplettamente soddisfatti da a morte di a vittima innocente. Ùn ponu micca dumandà più di ciò chì hè digià statu pagatu. Per a so morte, ci hè dettu, Ghjesù hà privatu di u putere "chì avia putere nantu à a morte, vale à dì u diavulu" (Eb. 2,14). «... U Figliolu di Diu apparsu per distrughje l'opere di u diavulu» (1. Ghjuvà. 3,8). A vittoria hè stata vinta nantu à a croce.

vittima

A morte di Ghjesù hè ancu discritta cum'è un sacrificiu. L'idea di u sacrifiziu si basa in a ricca tradizione di u sacrifiziu di l'Anticu Testamentu. Isaia chjama u nostru Creatore una "offerta di culpabilità" (Deut3,10). Ghjuvanni u Battista u chjama "l'Agnellu di Diu chì porta u peccatu di u mondu" (Gh. 1,29). Paulu u descrive cum'è un sacrifiziu d'expiazione, cum'è una offrande per u peccatu, cum'è un agnellu di Pasqua, cum'è una offrande d'incensu (Rom. 3,25; 8,3; 1. Cor. 5,7; Eph. 5,2). La lettre aux Hébreux l'appelle l'offrande pour le péché (10,12). Ghjuvanni u chjama un sacrificiu d'espiazione "per i nostri peccati" (1. Ghjuvà. 2,2; 4,10).

Ci sò parechji nomi per ciò chì Ghjesù hà fattu nantu à a croce. L'autori individuali di u Novu Testamentu utilizanu diversi termini è imagine per questu. A scelta esatta di e parolle è u mecanismu esatta ùn sò micca decisive. U fattore decisivu hè chì avemu salvatu attraversu a morte di Ghjesù, chì solu a so morte apre a salvezza per noi. "Semu guariti da e so ferite". Hè mortu per liberà, per riscattà i nostri peccati, per affruntà a nostra punizione, per cumprà a nostra salvezza. "Amati, se Diu ci hà cusì amatu, duvemu amassi l'un l'altru" (1. Ghjuvà. 4,11).

Curazione: Sete parolle chjave

A ricchezza di u travagliu di Cristu hè spressu in u Novu Testamentu per mezu di una mansa di imagerie linguistiche. Pudemu chjamà queste stampi paraboli, modelli, metafore. Ogni pinta una parte di a stampa:

  • Ransom (chì significa quasi u listessu cum'è "redenzione"): un prezzu pagatu per liberà qualcunu. L'enfasi hè nantu à l'idea di liberazione, micca a natura di u prezzu.
  • Redenzione: in u sensu uriginale di a parolla ancu basatu nantu à "cumprà fora", B. a compra libera di schiavi.
  • Ghjustificazione: stà davanti à Diu novamente senza culpabilità, cum'è dopu una assuluzione in tribunale.
  • Salvazione (salvezza): L'idea basica hè a liberazione o a salvezza da una situazione periculosa. Contene ancu guariscenza, guariscenza è un ritornu à a sanu.
  • Reconciliazione: Rinnova una relazione disturbata. Diu ci cuncilia cun ellu stessu. Agisce per restituverà una amicizia è simu pigliati a so iniziativa.
  • A zitiddina: Diventemu i figlioli legittimi di Diu. A fede cambia a nostra situazione civile: da l'esternu à u membru di a famiglia.
  • Perdona: pò esse vistu in dui maneri. Per legge, u pardonu significa l'annullamentu di un debitu. Interpersonale significa u pirdunu chì pardona un preghjudiziu persunale (Secunnu Alister McGrath, Cumprendu Ghjesù, p. 124-135).

di Michael Morrison


in pdfPerchè Ghjesù deve mori?