U miraculu di a rinascita

418 u miraculu di u rinascimentu Semu nati per esse nati di novu. Sò sia u vostru destinu per sperimentà u più grande cambiamentu pussibule in a vita - una spirituale. Diu ci hà creatu per chì pudemu sparta in a so natura divina. U Novu Testamentu parla di sta natura divina cum'è un risolvitore chì sguassà a spesa di u peccatu umanu. È tutti avemu bisognu di questa purificazione spirituale perchè u peccatu hà pigliatu a purezza da tutti. Tutti semu tutti i stessi quadri chì anu messu terra nantu à elli dapoi seculi. Cum'è un capricciu hè incurvatu da un film multistrato di terra, i residui di a nostra peccata anu sbulicatu l'intenzione originale di l'artista omnipotente maestru.

Restaurazione di l'opera di arte

L'analogia cù a pittura sporca ci duveria dà una megliu comprensione di perchè avemu bisognu di purificazione spirituale è rinascita. Avemu avutu un famosu casu d'arte dannighjata cù raffigurazioni sceniche di Michelangelo in u tettu di a Cappella Sistina in u Vaticanu in Roma. Michelangelo (1475-1564) hà iniziatu cù u disegnu artisticu di a Cappella Sistina in 1508 à l'età di 33 anni. In pocu più di quattru anni, hà creatu numerosi dipinti cù scene di a Bibbia in u tettu di quasi 560 m2. Scene da u Libru di Mosè ponu truvà sottu i dipinti di u tettu. Un motivu ben cunnisciutu hè l'antropomorfu di Michelangelo Rappresentazione di Diu (mudellatu nantu à l'imaghjini di l'omu): u bracciu chì si stende versu u primu omu, Adam, a manu è i dita di Diu. Duranti i seculi, a fresca di u tettu hà avutu (Chjamatu u frescu perchè l'artista pittatu nantu à u gesso frescu) dannu è fù finalmente cupertu cù una strata di terra. In u tempu seria stata distrutta completamente. Per prevene questu, u Vaticanu hà affidatu a pulizia è a restaurazione à i sperti. A maiò parte di u travagliu nantu à i dipinti hè statu finitu in l'anni 80. U tempu avia lasciatu a so impronta nantu à u maestru. A polvere è a soot anu dannatu di manera seria a pittura dipoi seculi. Ancu l'umidità - a pioggia era penetrata à traversu u tettu fucile di a Cappella Sixtina - hà causatu stravaganti è fortemente decolorita l'opera d'arte. Paradossalmente, però, forse u più bruttu prublema era i tentativi fatti di seculi per preservà i dipinti! U frescu era statu cupertu cù un vernice di colla animale per alluminà a so superficie scura. U successu à cortu andà hè risultatu à esse un allargamentu di i lacune per esse rimediati. A decadenza di i diversi strati di vernice hà fattu ancu più evidenti a nuvola di a pittura di u tettu. A cola ancu hà causatu a superficie di u quadru à riduce è deformà. A cola si hè sbulicata in certi lochi, di u quali i particuli di u culore sò ancu sciolti. Dopu, l'esperti anu incaricatu di a risturazione di i dipinti eranu assai attenti à u so travagliu. Applicavanu solventi pani in forma di gel. È cun eliminazione delicata di u gel aduprendu spugne, l'efflorescenza scurazione hè ancu eliminata.

Hè stata cum'è un miraculu. U frescu chiuvutu, scuru è tumbatu torna. I rapprisentazioni pruduciuti da Michelangelo sò stati rinfriscati. Da elli radiatu radiance è vita di novu. In cunfrontu à a so cundizione scura precedente, l'affrescata pulita paria una nova creazione.

L'opera di Diu

A risturazione di a pittura di u tettu fatta da Michelangelo hè una metafora adattata per a purificazione spirituale di u peccatu umanu da a so peccata da Diu. Diu, u maestru creatore, ci hà creatu cum'è a so opera d'arte più preziosa. L'umanità hè stata creata in a so maghjina è duverebbe riceve u Spìritu Santu. Tragicamente, a defilazione di a so creazione causata da a nostra peccata hà pigliatu sta purità. Adamu è Eva hà peccatu è ricevutu u spiritu di stu mondu. Avemu dinò, siamo spiritualmente corrotti è macchiati di a piena di peccatu. Perchè? Perchè tutte e persone sò peccati è vive a vita contru a vulintà di Diu.

Ma u nostru Babbu Celestinu pò rinnuvà spirituale, è a vita di Ghjesù Cristu pò esse riflessa da a luce chì tutti vedemu. A quistione hè: vulemu veramente fà ciò chì Diu hà intesu fà cun noi? A maiò parte di a ghjente ùn vole micca questu. Stanu sempri campendu a so vita macchjata cun u cattivu pettu di u peccatu in a bughjura. L'apostulu Paulu hà descrittu a bughjura spirituale di stu mondu in a so lettera à i cristiani in Efesu. Disse di a so vita precedente: "Tù dinù erate mortu per via di e vostre transgressioni è di i peccati in quelli chì avicavanu di campà à u modu di stu mondu" (Efesini 2,1-2).

Ancu noi avemu permessu di sta forza corruzzione per sfattà a nostra natura. È u mumentu chì l'affrescu di Michelangelo era coperto è defacatu da Russ, a nostra anima ancu s'hè scuru. Hè per quessa chì hè cusì urgente chì dà spaziu à a natura di Diu. Ci ponu lavà, caccià a scumpa di u peccatu è rinnuvà spirituale è brilla.

Images di rinnovu

U Novu Testamentu spiega cumu pudemu esse ricreati spirituale. Da parechje analogie adatta per rende chjaru stu miraculu. Mentre era necessariu per liberare l'affrescu di Michelangelo da a terra, avemu da esse lavatu spirituale. È hè u Spìritu Santu chì pò fà questu. Ci porta da i defilamenti di a nostra natura peccante.

O per mette in parolle di Paulu, chì si sò indirizzati à i cristiani dapoi seculi: "Ma avete statu lavatu pulitu, avete statu santificatu, avete statu ghjustificatu da u nome di u Signore Ghjesù Cristu" (1 Cor 6,11). Questa purificazione hè un attu di redenzione è hè chjamatu "rinascita è rinuvamentu in u Spìritu Santu" da Paulu (Titulu 3,5). Questa rimozione, purificazione o eradicazione di u peccatu hè ancu bè rapprisentatu da a metafora di a circoncisione. I cristiani anu u so core circoncisu. Pudemu dì chì Diu ci salva in a so grazia per cirurgia per liberaci di u cancro di u peccatu. Questa separazione di u peccatu - circoncisione spirituale - hè una stampa di u pirdunu di i nostri peccati. Ghjesù hà fattu questu pussibule per via di a so morte cum'è ispiazione completa. Paulu hà scrittu: "È vi hà fattu vivaci cun ellu, quale eri morti in i peccati è in l'ingiru di a vostra carne, è ci ha perdonatu tutti i peccati" (Colosiani 2,13).

U Novu Testamentu usa u simbulu di a croce per mustrà cumu u nostru essere peccatu hè statu privatu di tuttu u putere uccidendu u nostru stessu. Paulu hà scrittu: "Sapemu chì u nostru vechju hè statu crucifissu cun ellu [Cristu], in modu chì u corpu di u peccatu puderia esse distruttu per ùn servemu più u peccatu" (Rumani 6,6). Quandemu in Cristu, u peccatu diventa in noi (i.e. u nostru peccatu stessu) crucifissu, o mori. Di sicuru, u mondu hè sempre à pruvà à copre a nostra anima cù u vestitu bruttu di u peccatu. Ma u Spìritu Santu ci pruteghja è ci permette di risistiri di l'attrazione di u peccatu. Per mezu di Cristu, chì ci riempia l'essenza di Diu per l'azione di u Spìritu Santu, siamu liberati da a supremazia di u peccatu.

L'apostolu Paulu spiega stu attu di Diu usendu a metafora di u funerale. U funerale comporta una risurrezzione simbolica, chì avà sta per u novu natu cum'è "omu novu" in u locu di u peccatu "vechju". Hè Cristu chì hà fattu a nostra nova vita pussibule, chì ci dà constantemente u perdonu è dà a forza chì dà a vita. U Novu Testamentu compara a morte di u nostru anzianu sè è a nostra risturazione è risurrezzione simbolica à una nova vita cun rinascita. Semu rinviviti spiritualmente à u mumentu di a nostra cunversione. Semu rinviviti da u Spìritu Santu è purtatu à a vita.

Paulu fece sapè à i cristiani chì "Diu, dopu a so grande misericordia, ci hà rinnuvatu per una speranza vivente per mezu di a risurrezzione di Ghjesù Cristu da i morti" (1 Petru 1,3) Innota chì u verbu "rinvivisce" hè in perfettu. Eccu una spressione di u fattu chì stu cambiamentu hè accadutu à u principiu di a nostra vita cristiana. Quandu simu cunvertiti, Diu dimora in noi. È cun quessa simu ricreati. Hè Ghjesù, u Spìritu Santu è u Patre chì vive in noi (Ghjuvanni 14,15: 23). Quandu noi - cum'è persone nuvolmente spirituali - sò cunvertiti o nati di novu, Diu si move in a nostra casa. Se Diu u Patre travaglia in noi, cusì sò u Figliolu è u Spìritu Santu à u stessu tempu. Diu ci insegna, ci purifica di i peccati è ci cambia. È stu cunsequimentu ci hè datu per via di a cunversione è di rinascita.

Cume i cristiani crescenu in fede

Naturalmente, i cristiani nati di novu sò - per mette in parole di Petru - "cum'è i zitelli nascuti". Anu da esse "ansiosi per u latte sensibile, più forte", chì li alimenta di manera chì si possu maturazione in fede (1 Petru 2,2) Petru spiega chì i cristiani nati di novu guadagnanu insight è maturità spirituale cù u tempu. Cresce "in a grazia è a cunniscenza di u nostru Signore è Salvatore Ghjesù Cristu" (2 Petru 3,18) Paulu ùn dice micca chì una cunniscenza più larga di a Bibbia ci face i cristiani megliu. Piuttostu, esprime a necessità di accentuà ancu più a nostra cuscenza spirituale in modu chì possemu veramente capisce ciò chì significa di seguità à Cristu. A "Cunuscenza" in u sensu biblicu include a so implementazione pratica. Va inseme cun l'appropriazione è a rializazione persunale di ciò chì ci face più simile à Cristu. A crescita di a fede cristiana ùn hè micca esse capita in u sensu di a furmazione di caratteri umani. Né hè u risultatu di una crescita spirituale in u Spìritu Santu più quandu vivemu in Cristu. Piuttostu, crescemu via di u travagliu di u Spìritu Santu digià inerente in noi. A natura di Diu vene à noi da grazia.

A ottenimu a ghjustificazione in dui modi. Per una banda, simu ghjustificati o sperienze u nostru destinu quandu ricevemu u Spìritu Santu. A ghjustificazione da questu puntu di vista hè fatta in una caduta è hè pussibile da l'Espiazione di Cristu. Tuttavia, avemu sperimentatu ancu ghjustificazione annantu à u tempu chì Cristu abita in noi è ci prepara per adurà à Diu è serve in u so ministeru. L'essenza o "caratteru" di Diu ci hè datu digià quandu Ghjesù ci porta in casa quandu cunvertemu. Ricevemu a presenza di rinfurzamentu di u Spìritu Santu quandu ne pentemu è mettimu a nostra fede in Ghjesù Cristu. Un cambiamentu hè accadutu in u corsu di a nostra vita cristiana. Amparemu à sottumettassi più à l'illuminazione è à rinfurzà u putere di u Spìritu Santu chì hè digià in noi.

Diu in noi

Quandu simu rinviviti spirituali, Cristu vive pienamente ind'è noi per mezu di u Spìritu Santu. Pè piacè pensate à questu significa. A ghjente pò spirimintassi cambiamentu per l'azzione di Cristu chì abite in elli per mezu di u Spìritu Santu. Diu comparte a so natura divina cun noi l'omu. Chistu significa chì un Cristianu hè diventatu una persona completamente nova.

«Sì qualchissia hè in Cristu, hè una criatura nova; u vechju hè passatu, eccu, novu hè diventatu ", dice Paulu in 2 Corintini 5,17.

I cristiani nati di novu spirituali piglianu una nova maghjina - quella di Diu, u nostru Creatore. A vostra vita deve esse un spechju di sta nova realtà spirituale. Hè per quessa chì Paul hà sappiutu dà elli l'istruzzioni: "È ùn si mette micca nantu à un parità uguali cun stu mondu, ma cambiate si rinnuvendu a vostra mente ..." (Rumani 12,2). Tuttavia, ùn deve micca pensà chì significa chì i cristiani ùn peccanu. Iè, avemu cambiatu da un mumentu à l'altru in u sensu chì siamu nati di novu ricevendu u Spìritu Santu. Eppuru, alcuni di u "vechju" sò sempre. Cristiani facenu sbagli è peccatu. Ma ùn abitualmente indulge in peccatu. Devi esse pardunati constantemente è lavati da a so peccata. U rinnovu spirituale hè dunque cunsideratu cum'è un prucessu cuntinuu in u cursu di una vita cristiana.

A vita di Cristianu

S'è noi vivemu secondu a vuluntà di Diu, avemu più prubabile di seguità Cristu. Duvemu esse pronti à rinunzià ogni ghjornu u peccatu è sottumettemu à a vulintà di Diu in a penitenza. È mentre simu facendu questu, grazie à u sangue sacrificadore di Cristu, Diu ci elimina constantemente da i nostri peccati. Sò spirituali puliti da u vestitu sanguinolu di Cristu, chì ferma a so Expiazione. Da a grazia di Diu pudemu campà in santità spirituale. Fendu questu in a nostra vita, a vita di Cristu hè riflessa in a luce chì emanemu.

Un miraculu tecnulugicu trasfurmò a pittura mullizata è dannighjata di Michelangelo. Ma Diu hè realizatu un miraculu spirituale assai più maravigghiusu nantu à noi. Tuttu faci più di ritruvà u nostru essere spirituale tintatu. Crea di novu. Adam hà peccatu, Cristu pardunò. A Bibbia identifica Adamu u primu omu. È u Novu Testamentu ci dici chì ci hè datu a stessa vita cum'è Adam in u sensu chì simu mortali è carnali cum'è ellu in a terra (1 Cor 15,45-49).

Tuttavia, Genesi 1 dice chì Adamu è Eva sò stati creati à l'imaghjini di Diu. Sapendu chì sì creatu à l'imaghjini di Diu aiuta i cristiani à capisce chì sò salvati da Ghjesù Cristu. Cumu era originalmente creatu à l'imaghjini di Diu, Adamu è Eva anu peccatu è accusatu a culpabilità di u peccatu. I primi pòpuli creati eranu culpabili di peccatu è u risultatu era un mondu spirituatu. U peccatu ci hà contaminatu è ci hà difinutu tutti. A bona nutizia, però, hè chì ci pudemu esse tutti perdunati è ricreati spirituale.

Diu ci salva per mezu di u so travagliu redentore in a carne, Ghjesù Cristu, a paga di u peccatu: a morte. A morte sacrificativa di Ghjesù ci cuncilia cù u nostru Babbu celesticu per redimisce ciò chì separava u Creatore da a so creazione per via di u peccatu umanu. Cum'è u nostru gran sacerdote, Ghjesù Cristu ci dà ghjustificazione per mezu di u Spìritu Santu inherente. L'Espiazione di Ghjesù rompe a barrera di u peccatu chì hà rottu a relazione trà l'umanità è Diu. Ma oltre, l'opera di Cristu per mezu di u Spìritu Santu ci unisce cun Diu, facendu à u listessu tempu felici. Paulu hà scrittu: "Perchè se ci eravamu cunciliati cù Diu per a morte di u figliolu quandu eramu ancora nemici, quante di più saremu salvati da a so vita dopu ch'e siamu avà cunciliati" (Rumani 5,10).

L'apostulu Paulu cuntrasta e cunsequenze di u peccatu di Adam cù u pardonu di Cristu. In principiu, Adamu è Eva permettenu di vene u peccatu in u mondu. Falanu per false prumesse. È cusì ella hè ghjunta in u mondu cun tutte e so cunsequenze è hà pigliatu. Paulu palesa chì a punizione di Diu seguita u peccatu di Adam. U mondu hè cascatu in u peccatu, è tutte e persone peccanu è cadunu preda à a morte. Ùn hè micca chì altri morse per u peccatu di Adam o chì hà passatu u peccatu à i so discendenti. Di sicuru, e cunsequenze "carnali" afectanu digià generazioni future. Adamu era a prima persona chì sia rispunsevule di l'urighjina di un ambiente in u quale u peccatu puderia sparghje liberamente. U peccatu di Adamu hà fundamentu per più azzione umana.

Listessa manera, a vita senza peccatu di Ghjesù è a so morte vuluntaria per i peccati di l'umanità facianu pussibile chì tutti si cunciliavanu spirituali cù Diu è riuniscenu cun ellu. "Perchè se a causa di u peccatu di l'Omu [Adam] a morte hà regnatu attraversu l'Omu", hà scrittu Paulu, "quant'è di più quelli chì ricevenu a pienezza di grazia è di u rigalu di ghjustizia regulanu in a vita à traversu l'Onu," Ghjesù Cristu » (Verse 17). Diu riconcilia l'umanità peccatoria in ellu stessu per mezu di Cristu. È al di là, noi chì simu empowered da Cristu per mezu di u Spìritu Santu, sò nate spirituale di novu in a prumessa di Diu cum'è figlioli di Diu.

In riferimentu à a futura risurrezzione di i ghjusti, Ghjesù hà dettu chì Diu hè "micca un diu di i morti, ma di i vivi" (Marcu 12,27). Eppuru, e persone di quale parlava ùn eranu micca vivi, ma morti., Postu chì Diu hà u putere di rializà u so scopu, a risurrezzione di i morti, Ghjesù Cristu parlava di elli cum'è vivi. Cum'è figlioli di Diu, pudemu aspittà per a risurrezzione di a vita à u ritornu di Cristu. Simu datu a vita avà, una vita in Cristu. L'apostulu Paulu ci incurage: «... pensate chì sì mortu di u peccatu è vivete Diu in Cristu Ghjesù» (Rumani 6,11).

di Paul Kroll


in pdfU miraculu di a rinascita