Da a caterpillar à a farfalla

591 quella di a caterpillar à a farfalla Una piccula caterpillar avanza cù difficultà. Hè stende versu u pettu perchè vole ghjunghje e foglie pocu più altu perchè sò più gustosi. Allora scopre una farfalla chì si siede annantu à una fiorita chì si pò scoglià avanti è avanti da u ventu. Hè bella è culore. Ella fighjulava volu da fiore à fiore. Ella chjachja un pocu invidiosamente: «Ete furtunatu, vola da fiore à fiore, brilla in culori meravigliosi è pò vola versu u sole mentre aghju da luttà quì, cù i mo pedi pochi è po solu arrampicassi nantu à a terra. Ùn possu micca stà à i belli fiori, i diliziosi foglie è u mo vestitu hè bellu incolore, cumu hè a vita injusta! »

A farfalla si senti una poca pietà per a caterpillar è a cunsola: «Pudete diventà cum'è mè, forse cù culori assai più belli. Allora ùn ci hè più bisognu di luttà ». A caterpillar si dumanda: "Cumu avete fattu, ciò chì hè accadutu chì avete cambiatu tantu?" A farfalla risponde: "Eru una caterpillar cum'è tè. Un ghjornu aghju intesu una voce chì m'hà dettu: Avà hè venutu l'ora di cambià voi. Segui mi è vi purtaraghju in una nova fase di a vita, vi purteraghju u to manghjà è di passu per cambià. Fidu in mè e perseverate, allora sarete un essiri completamente novu à a fine. L'oscurità in quale ti muvianu avà vi porta à a luce è vola versu u sole ».

Sta piccula storia hè un paragone meraviglioso chì ci mostra u pianu di Diu per noi umani. A caterpillar s'assumiglia à a nostra vita prima ch'e sapiamu à Diu. Hè u tempu quandu Diu cumencia à travaglià in noi, di cambià si per passu finu à a pupulazione è a metamorfosi à a farfalla. Un tempu quandu Diu ci nutrisce spirituale è fisicu è ci furmuleghja in modu chì pudemu ottene u scopu ch'ellu hà stabilitu per noi.
Ci hè parechji passaggi in a Bibbia nantu à a nova vita in Cristu, ma ci focu annantu à ciò chì Ghjesù voli di contà in e Beatitudine. Videmu cumu Diu travaglia cun noi è cumu ci cambia di più in più in una nova persona.

I poveri spirituali

A nostra miseria hè spirituale è avemu bisognu urgente di u so aiutu. «Beati i poveri di spiritu; perchè u regnu di i celi hè di elli » (Matteu 5,3). Quì Ghjesù cumencia à mustrà noi quantu avemu bisognu di Diu. Pudemu solu ricunnosce stu bisognu à traversu u so amore. Chì significà esse "poveru di spiritu" ? Hè un tipu d'umiltà chì face una persona capisce quantu poveru hè davanti à Diu. Scopre quantu hè impussibile per ellu di pentirà di i so peccati, di mette da parte è di cuntrullà e so emozioni. Una tale persona sà chì tuttu vene da Diu è si umiliarà davanti à Diu. Vuleria accettà a nova vita chì Diu grazia li dà cun gioia è gratitùdine. Siccomu simu inclinati à u peccatu cum'è e persone naturali è carnali, stumbleremu più à spessu, ma Diu ci hà sempre drittu. Spessu volte ùn avemu micca capitu chì simu spiritualmenti poveri.

U cuntrariu di a miseria spirituale hè - esse fieru in u spiritu. Videmu sta attitudine basica in a preghiera di u Fariseu: "Ti ringraziu, Diu, chì ùn sò micca cum'è l'altri populi, ladri, inghjusti, adulteri, o ancu cum'è questu publicanu" (Luca 1).8,11). Allora Ghjesù ci mostra l'esempiu di un omu chì hè poviru in spiritu, usendu a preghiera di u publicanu: "Diu, sia misericordioso di mè peccatore!"

I poviri in spiritu sapemu chì sò indefensi. Elli sanu chì a so ghjustìzia hè prestitu solu è sò dipende di Diu. Per esse poviru spirituale hè u primu passu chì ci forma in a nova vita in Ghjesù, in una trasfurmazione in una nova persona.

Ghjesù Cristu era un esempiu di dependenza di u Babbu. Ghjesù disse di ellu stessu: "In verità, in verità, vi dicu: u Figliolu ùn pò fà nunda di sè stessu, ma solu ciò chì vede u Babbu fà; per ciò chì l'ultimu faci, u figliolu face ancu di listessa manera » (Ghjuvanni 5,19). Questa hè a mente di Cristu chì Diu vole furmà in noi.

Porta i suffirenzi

E persone di cori rotti sò raramente arroganti, sò aperti à tuttu ciò chì Diu vole fà per elli. Chì hà bisognu à una persona disgraziata? «Beati quelli chì soffrenu; perchè anu da esse cunsulati » (Matteu 5,4). Hà bisognu di cunsulazione è u Consolatore hè u Spìritu Santu. Un core rottu hè a chjave per u Spìritu di Diu per travaglià in noi. Ghjesù sà di ciò ch’ellu parla : era un omu chì hà sappiutu u dulore è u soffrenu più chè qualchissia di noi. A so vita è a mente ci mostranu chì i cori rotti sottu a guida di Diu ci ponu guidà à a perfezione. Sfurtunatamente, quandu soffremu è Diu appare luntanu, spessu reagiscenu amaramente è accusemu à Diu. Questa ùn hè micca a mente di Cristu. U scopu di Diu in a vita difficiule ci mostra chì ellu hà benedizioni spirituali in riserva per noi.

U mansu

Diu hà un pianu per ognunu di noi. «Beati i mansueti; perchè ch'elli possederanu a terra » (Matteu 5,5). L'obiettivu di sta benedizzione hè a vuluntà di dà sè stessu à Diu. Quandu ci rendemu à ellu, ci dà a forza di fà cusì. In sottumessu avemu amparatu chì avemu bisognu di l'altru. L'umiltà ci aiuta à ricunnosce i bisogni di l'altru. Truvemu una maravigliosa dichjarazione duv’ellu ci invita à sottumette à ellu i nostri carichi : « Pigliate u mo jugulu nantu à voi è amparà da mè ; perchè sò mansu è umile di core » (Matteu 11,29). Chì diu, chì rè ! Quantu simu luntanu da a so perfezione ! L'umiltà, a mansuranza è a pudorità sò qualità chì Diu vole furmà in noi.

Ramintemu in breve cumu Ghjesù hè statu publicamente insultatu quandu era in visita à Simone u Fariseu. Ùn hè statu salutatu, i so pedi ùn sò micca stati lavati. Cumu hà reagitu? Ùn era micca offesu, ùn si ghjustificava micca, u suppurtava. È quandu dopu hà indicatu questu à Simone, l'hà fattu umilmente (Luke 7: 44-47). Perchè l'umiltà hè cusì impurtante per Diu, perchè ama l'umili? Perchè riflette a mente di Cristu. Amemu ancu e persone cun questa qualità.

Fame per a ghjustizia

A nostra natura umana cerca a so propria ghjustizia. Quandu avemu capitu chì avemu bisognu urgente di ghjustizia, Diu ci dà a so ghjustizia per mezu di Ghjesù : « ​​Beati quelli chì anu a fame è a sete di ghjustizia ; perchè saranu soddisfatti » (Matteu 5,6). Diu ci attribuisce a ghjustizia di Ghjesù perchè ùn pudemu micca stà davanti à ellu. A dichjarazione "fame è sete" indica una necessità aguda è cuscente in noi. A brama hè una forte emozione. Diu ci vole à alignà i nostri cori è i desideri cù a so vulintà. Diu ama i bisogni, veduvi è orfani, prigiuneri è stranieri in a terra. U nostru bisognu hè a chjave per u core di Diu, ellu voli piglià cura di i nostri bisogni. Hè una benedizzione per noi di ricunnosce stu bisognu è di lascià à Ghjesù calmà.
In i primi quattru beatità, Ghjesù mostra quantu avemu bisognu di Diu. In questa fase di a trasfurmazione di "pupulazione", ricunniscimu a nostra bisogni è dipendenza da Diu. Stu prucessu aumenta è in fine senteremu un prufondu aspettimu di vicinanza di Ghjesù. I quattru seguenti beatità mostranu u travagliu di Ghjesù in noi.

Misericordiosu

Quandu esercitemu a misericordia, a ghjente vede qualcosa di a mente di Cristu in noi. «Beati i misericordiosi; perchè riceveranu misericordia » (Matteu 5,7). Per mezu di Ghjesù, imparemu à esse misericordiosi perchè ricunnoscemu a necessità di una persona. Sviluppemu cumpassione, empatia è cura per i nostri amati. Amparemu à pardunà quelli chì ci dannu. Trasmettemu l'amore di Cristu à i nostri cumpagni umani.

Avè un core pur

Un core puru hè orientatu à Cristu. «Beati i puri di core; perchè vederanu à Diu » (Matteu 5,8). A nostra dedicazione à a nostra famiglia è l'amichi hè guidata da Diu è u nostru amore per ellu. Se u nostru core si gira più à e cose terrestri chè à Diu, allora questu ci separa da ellu. Ghjesù hà datu ellu stessu à u Babbu. Questu hè ciò chì duvemu strincà è dà noi cumplettamente à Ghjesù.

Fate a pace

Diu voli cunciliazione, unità cun ellu è in u corpu di Cristu. «Beati i pacificatori; perchè seranu chjamati figlioli di Diu » (Matteu 5,9). Ci hè spessu un disaccordu in e cumunità cristiane, u timore di a cumpetizione, u timore chì e pecure migraranu, è i prublemi finanziarii. Diu ci vole à custruì ponti, soprattuttu in u corpu di Cristu : « Tutti deve esse unu, cum'è tù, o Babbu, sì in mè è eiu in tè, cusì anu ancu esse in noi, per chì u mondu crede. chì mi sò mandatu. È li aghju datu a gloria chì tù m'hai datu, per ch'elli ponu esse unu cum'è noi simu unu, eiu in elli è voi in mè, per ch'elli sianu perfettamente unu è u mondu sapi chì tù m'hai mandatu è amateli cum'è mi amate » (Ghjuvanni 17,21-23).

Chì sò seguite

Ghjesù profetizza à i so seguitori: «U servitore ùn hè micca più grande di u so maestru. S'elli m'anu perseguitatu, vi perseguiteranu ancu; s'elli anu osservatu a mo parolla, mantenenu ancu a vostra » (Gh 15,20). E persone ci tratteranu cum'è anu trattatu à Ghjesù.
Quì hè citatu una benedizzione extra per quelli chì sò perseguitati per fà a vulintà di Diu. «Beati quelli chì sò perseguitati per a ghjustizia; perchè u regnu di i celi hè di elli » (Matteu 5,10).

Per mezu di Ghjesù Cristu avemu digià campatu in u regnu di Diu, in u regnu di i celi, perchè avemu a nostra identità in ellu. Tutte e Beatitudini portanu à questu scopu. À a fine di e Beatitudini, Ghjesù cunsulava a ghjente è li dete a speranza : « Siate cuntenti è alegra ; sarete riccamente ricumpinsatu in u celu. Perchè in u listessu modu anu perseguitatu i prufeti chì eranu prima di voi » (Matteu 5,12).

In l'ultime quattru beatitudini, simu i donatori, travagliammu l'esternu. Diu ama i donatori. Hè u più grande datore di tutti. Continua à dà noi ciò chì avemu bisognu, spirituale è materialmente. I nostri sensi sò diretti à l'altri quì. Duvemu riflette a natura di Cristu.
U corpu di Cristu cumencia à ligà veramente quandu i so membri ricunnoscenu ch'elli devenu sustene si. Quelli chì anu a fami è sete necessitanu alimentazione spirituale. In questa fase, Diu intende ricunnosce l'anghjulu per ellu è per u prossimu per e nostre cundizioni di vita.

A metamorfosi

Prima di pudè guidà l'altri à Diu, Ghjesù travaglia cun noi per custruisce una relazione assai intima cun ellu. Per mezu di noi, Diu mostra à e persone intornu à noi a so misericordia, a purità è a pace. In i primi quattru Beatitudini, Diu travaglia in noi. In i seguenti quattru Beatitudini, Diu travaglia fora per noi. L'internu armonizza cù l'esternu. In questu modu, pezzu per pezzu, forma a nova persona in noi. Diu ci hà datu una nova vita per mezu di Ghjesù. Hè u nostru compitu di lascià stu cambiamentu spirituale in noi. Ghjesù rende questu pussibule. Petru ci avvirta: "Se tuttu questu hà da dissolve, cumu duvete stà in caminata santa è esse piu" (2. Petru 3,11).

Semu avà in a fase di gioia, un pocu gustu di a gioia chì hè ancu da vene. Cume a farfalla vola versu u sole, scuntremu tandu à Ghjesù Cristu : «Perchè ellu stessu, u Signore, falà da u celu quandu u chjama, quandu a voce di l'arcànghjulu è a tromba di Diu sona, è i morti. diventenu i primi chì sò morti in Cristu sò risuscitati. Allora noi chì simu vivi è chì sò lasciati seranu chjappi à u stessu tempu cun elli nantu à i nuvuli in l'aria per scuntrà u Signore. È cusì seremu cun u Signore in ogni mumentu "(1. Tesa 4,16-17u).

di Christine Joosten