Satan ùn hè micca divinu

A Bibbia mostra chjara chì ci hè un solu Diu (Mal 2,10:4,6; Efesini), è ellu hè Babbu, Figliolu è Spiritu Santu. Satan ùn hà micca e caratteristiche distintive di a divinità. Ùn hè micca u creatore, ùn hè micca onnipresente, micca onnisciente, micca pienu di grazia è di verità, micca "l'unicu putente, u rè di i rè è u signore di i signori" (1 Timoteu 6,15). L'Scrittura indica chì Satana era trà l'angeli creati in u so statu originale. Anghjuli sò creati spiritu servitori (Neemia 9,6; Ebrei 1,13-14), dotato di volontà libera.

Anghjuli realizanu i cumandamenti di Diu è sò più potenti chè l'omu (Salmu 103,20: 2; 2,11 Petru) Sò ancu dichjarati per prutegge i credenti (Salmu 91,11) è lodare Diu (Luca 2,13: 14-4; Revelazione, etc.).
Satana, chì u so nome significa "avversariu" è chì u so nome hè ancu u diavulu, pò esse purtatu finu à un terzu di l'angeli in una ribellione contr'à Diu (Revelazione 12,4). Malgradu questu apostasiu, Diu riunite "millai di anghjuli" intornu à ellu (Ebrei 12,22).

I dimònii sò ànghjuli chì "ùn anu micca mantenutu u so rangu celeste ma anu lasciatu a so casa" (Ghjude 6) è si unì à Satanassu. "Perchè Diu stessu ùn hà risparmiatu l'ànghjuli chì anu piccatu, ma li hà lampatu cù catene di bughjura in l'infernu è li hà datu per pudè esse tenuti per ghjudiziu" (2 Petru 2,4) L'attività di i dimonii hè limitata da sti catene spirituali è metaforiche.

A tipulugia di tutti i passaggi di u Testamentu cum'è Isaia 14 è Ezechiele 28 suggerisce chì Satanassu era un essaru angelicu speciale, alcuni speculanu chì era un arcangelu chì era in bona reputazione cun Diu. 

Satanassu era "impeccabile" da u ghjornu chì hè statu creatu finu à chì l'iniquità hè stata trovata in ellu, è era "pienu di saviezza è assai bella" (Ezekiel 28,12: 15).

Ma diventò "pienu di gattivera", u so core diventò arrogante per via di a so bellezza, è a so saviezza era spulatu per via di a so splendore. Abbandunò a so santità è a so capacità di copre cumpassione è diventò un "spettaculu" destinatu à a distruzzione (Ezekiel 28,16: 19).

Satana hà cambiatu da u lampone (u nome Luciferu in Isaia 14,12 significa "Light Bringer") à u "putere di a bughjura" (Colosiani 1,13:2,2; Efesini) quandu hà decisu chì u so status di anghjulu ùn era micca abbastanza è chì vulia diventà divinu cum'è u "Altissimu" (Isaias 14,13-14).

Comparare chì à a reazione di l'ànghjulu chì Ghjuvanni vulia adurà: "Ùn facete micca!" (Revelazione 19,10). Anghjuli ùn deve micca esse venerà perchè ùn sò micca Diu.

Perchè a società hà fattu idoli fora di i valori negativi chì Satana susteneva, a Scrittura u chiama "u Diu di stu mondu". (2 Corintini 4,4), è i "putenti chì governanu in l'aria" (Efesini 2,2), chì u so spiritu corrottu hè in ogni locu (Efesini 2,2). Ma Satana ùn hè micca divinu è ùn hè micca nantu à u listessu livellu spirituale cum'è Diu.

Ciò chì Satan fa

«U diavulu peccate da u principiu» (1 Ghjuvanni 3,8). «Hè statu un assassinatu da u principiu è ùn hè micca in a verità; perchè a verità ùn hè micca in ellu. Quand’ellu parla minzogni, parla da ellu; perchè hè un bugiu è u babbu di a minzogna » (Ghjuvanni 8,44). Cù i so minzoggi, accusa i credenti "ghjornu è notte davanti à u nostru Diu" (Rumani 12,10).

Hè u male, cume ellu seduce l'umanità in a gattività in i tempi di Noè: a puesia è a ricerca di u so core era solu sempre male. (Genesi 1:6,5)

U so desideriu hè di esercitare una influenza male sulla credenti e potenziali credenti, per allontanarli da "luce luminosa del Vangelo di gloria di Cristu" (2 Corintini 4,4) in modu chì ùn ricevenu micca una "parte in a natura divina" (2 Petru 1,4)

A questu scopu, porta i cristiani à u peccatu mentre pruvò Cristu (Matteu 4,1: 11), è hà utilizatu ingannà, cum'è cù Adamu è Eva, per mantene "da a simplicità versu Cristu" (2 Corintini 11,3). Per ottene chistu, a volte finta di esse l'ànghjulu di a luce " (2 Corinzi 11,14), è finta esse qualcosa chì ùn hè micca.

Per mezu di e tentazioni è per l'influenza di a società sottu u so cuntrollu, Satana prova di uttene i cristiani per alluntanassi da Diu. Un credente si separa di a so libera volontà di peccà da Diu, dendu a natura umana peccatrice, seguitendu i modi corrotti di Satana è accettendu a so considerable influenza fraudulenta (Matteu 4,1: 10-1; 2,16 Ghjuvanni 17: 3,8-5,19; 2,2; 1,21: 1; Efesini 5,8: 3,15; Colosiani; Petru; Giacomu).

Tuttavia, hè impurtante ricurdà chì Satana è i so dimònii, cumprese tutte e tentazioni di Satanassu, sò sottumessi à l'autorità di Diu. Diu permette tali attività perchè hè a vulintà di Diu chì i credenti anu a libertà (volontà libera) per piglià decisioni spirituali (Job 16,6-12; Mark 1,27; Luke 4,41; Colossians 1,16-17; 1 Corinthians 10,13; Luke 22,42; 1 Corinthians 14,32).

Cumu u credente deve risponde à Satana?

A principale risposta biblica di u credente in Satana è i so tentativi di incaricià noi à u peccatu hè "di resistere à u diavulu perciò fughje da voi" (Ghjacumu 4,7; Matteu 4,1: 10), è cusì per dalli "nisun spaziu" o opportunità (Efesini 4,27).

Resistere à Satana include preghiera per a prutezzione, sottumettendu à Diu in ubbidienza à Cristu, essendu cuscenti di quantu u male ci attrae, acquistendu qualità spirituali (ciò chì Paul chjama l'impulsioni di tutte l'armatura di Diu), cridenza in Cristu chì ci piglia cura di noi per u Spìritu Santu (Matteu 6,31; Ghjacumu 4,7; 2 Corintini 2,11; 10,4-5; Efesini 6,10-18; 2 Tessalonikani 3,3).

Resister significa ancu esse mentalmente vigilante, "perchè u diavulu camina cum'è un leone rugente è circà per quellu chì devendrà" (1 Petru 5,8-9).

Soprattuttu, metti a nostra fiducia in Cristu. In 2 Salonicchi 3,3 leghjimu "chì u Signore hè fedele; vi rinfurzerà è vi prutegarà da u male ». Pensemu à a fideltà di Cristu "fermendu in a nostra fede" è in preghiera dedicanduci cumplettamente à liberaci di noi (Matteu 6,13).

Cristiani duverebbe stà in Cristu (Ghjuvanni 15,4) è evite di impegnà in attività di Satana. Vi duvete pensà à e cose chì sò onorabili, ghjusti, puri, belle, è anu una bona reputazione (Filippini 4,8) meditate invece di esplurà "i profondità di Satana" (Revelazione 2,24).

I credenti devenu ancu accettà a rispunsabilità per piglià a responsabilità di i so peccati persunali è micca di culpà a Satana. Satan hà pussutu esse l'origine di u male, ma ellu è i so dimònii ùn sò micca l'unichi chì mantenenu u male perchè l'omi è e donne anu creatu è persiste in a so propria vuluntà di creà u so male. E persone, micca Satana è i so demonii, sò rispunsevuli di i so peccati (Ezequiel 18,20; Ghjacumu 1,14-15).

Ghjesù hà digià vintu

Qualchì volta a visione hè spressa chì Diu hè u Diu più grande è Satanassu hè u Diu minore, è chì sò in qualchì manera chjappi in un cunflittu eternu. Questa idea hè chjamata dualismu.
Una tale vista non è bibbia. Ùn ci hè micca a lotta per a supremazia universale trà i putenzi di a bughjura, guidati da Satana è i puteri di u bè, guidati da Diu. Satana hè solu un essere creatu, cumpletamente subordinatu à Diu, è Diu hà l'autorità suprema in tutte e cose. Ghjesù hà vintu sopra tutte e rivendicazione di Satana. Cridendu in Cristu avemu digià a vittoria, è Diu hà a sovranità nantu à tutte e cose (Colosiani 1,13:2,15; 1:5,4; 93,1 Ghjuvanni 97,1; Salmu 1; 6,15; 19,6 Timoteu; Apocalisse).

Dunque, i cristiani ùn anu micca da preoccupassi indebitamente di l'efficacità di l'attacchi di Satanassu contr'à elli. Nè anghjuli nè puteri nè autorità "ùn ci ponu separà da l'amore di Diu chì hè in Cristu Ghjesù" (Rumani 8,38-39).

Di tantu in tantu leghjemu in i Vangeli è in Atti chì Ghjesù è i discepuli à quale ellu hà abilitatu specificamente cacciate demonii da e persone chì eranu fisicamenti è / o spirituali. Questa illustra a vittoria di Cristu nantu à i putenzi di a bughjura. A motivazione includia sia a cumpassione per i patimenti è l'autenticazione di l'autorità di Cristu, u Figliolu di Diu. L'espulsione di i demonii hè stata assuciata à l'alleviazione di u patimentu spirituale è / o fisicu, micca di a dumanda spirituale di caccià u peccatu persunale è e so cunsequenze (Matteu 17,14-18; Marcu 1,21-27; Marcu 9,22; Luca 8,26-29; Luca 9,1; Atti 16,1-18).

Satana ùn ferà più a terra chì trema, tremerà regni, ferà u mondu un desertu, distrughje e cità, è mantene l'umanità chjusa in una casa di prigiuneri spirituali (Isaias 14,16-17).

«Quellu chì commette u peccatu hè di u diavulu; perchè u diavulu peccà da u principiu. Inoltre, u Figliolu di Diu hè apparsu per distrughje l'opere di u diavulu » (1 Ghjuvanni 3,8). Pruvucendu u credente à u peccatu, Satana hà avutu u putere di guidallu o ella à a morte spirituale, vale à dì una alienazione di Diu. Ma Ghjesù si sacrificava "per chì per a so morte pigleria u putere di quelli chì avianu u cuntrollu di a morte, à dì u diavulu" (Ebrei 2,14).

À u ritornu di Cristu, hà da caccià l'influenza di Satana è i so demonii, in più di quelli chì teneranu à l'influenza di Satana senza rimorsi arroccanduli una volta per tutte in u Lago di Goena (2 Salonicchi 2,8: 20; Revelazione).

iju

Satana hè un angelo cadutu chì cerca di corrompisce a vuluntà di Diu è impedisce à i credenti d'ottene u so potenziale spirituale. Hè impurtante chì u credente sia cuscenti di l'utili di Satana senza esse troppu preoccupatu di Satana o di i demonii per chì Satana ùn ne prufiteghja di noi (2 Corinzi 2,11).

da James Henderson


in pdfSatan ùn hè micca divinu