Matti 9: Scopu di Guarigioni

430 matthaeus 9 scopu di e guarì Matteu 9, cum'è a maiò parte di l'altri capituli in l'evangelu di Matteu, raporta nantu à diversi avvenimenti in a vita di Cristu. Ùn hè micca solu una raccolta messe di raporti - Matteu volte aghjunghje a storia à a storia perchè si cumplementanu meravigliosamente. E verità spirituali sò dimustrati usendu esempi fisici. In u Capitulu 9, Matteu hà riassuntu una quantità di storie chì ponu ancu esse truvate in l'evangelu di Marc è Luca - in ogni modu, e spiegazioni di Matteu sò assai più brevi è più concisi.

L'auturità di pardunà i peccati

Quandu Ghjesù riturnò in Capernaum, "anu purtatu [un paru d'omi] per ellu un paraliticu chì si stava nantu à un lettu. Quandu Ghjesù hà vistu a so fede, hà dettu à u paralizatu: Fate fiducia, u mo figliolu, i vostri peccati sò pardunati » (V 2). L'omi l'avianu purtatu à Ghjesù in fede per ch'ellu pudia guarì. Ghjesù si dedicò à u paralizatu perchè u so prublema più grande ùn era micca a paralisi ma i so peccati. Ghjesù hè statu u primu à piglià cura.

"E eccu, alcuni di i scribi si dissenu:" Chistu blasfema Diu " (V 3). Pensavanu solu chì Diu pudia pardunà i peccati, Ghjesù pigliò troppu.

"Ma quandu Ghjesù hà vistu i so pinsamenti, disse: Perchè pensate u male in u vostru core? Chì hè più faciule da dì: i vostri peccati sò pardunati, o di dì: alzate è camminate? Ma cusì chì sapete chì u Figliolu di l'omu hà l'autorità di pardunà i peccati nantu à a terra - disse à l'omu paralizatu: Suscitatu, arrizzate u lettu è vultate in casa! È si alzò è si ne hè andatu in casa ». (V 5-6). Hè facilitu per parlà di u perdonu divinu, ma hè difficiule di dimustrà chì hè stata veramente data. Dunque, Ghjesù hà fattu un miraculu di guariscenze per mustrà ch'ellu avia l'autorità di pardunà i peccati. A so missione in a terra ùn era micca di guarì tutti di e so malatie fisiche; ùn mancu guarì tutti i malati in Ghjudea. A so missione principale era di annunzià u pardonu di i peccati - è chì ellu era a fonte di u pirdunu. Stu miraculu ùn era micca chjamatu per proclamà guariscenze fisiche, ma più importantemente, guariscenza spirituale. "Quandu u populu ha vistu questu, temianu è elogiavanu à Diu" (V 8) - ma micca tutti eranu felici.

Manghjà cun peccatori

Dopu stu incidente, vide [Ghjesù] un omu chì si pusò in dogana, u so nome era Matteu; è li disse: Seguitami! È si alzò è u seguitò » (V 9). U fattu chì Matteu era in aduana indica chì hà elevatu i diritti doganali da e persone chì transportavanu merchenzie per un'area - forsi ancu da i pescatori chì anu purtatu a so cattura in cità per a vende. Era un ufficiale doganale, un cajerariu di tolli è un "rapidu" incaricatu da i Rumani. Eppuru, hà lasciatu u so travagliu lucrativu per seguità à Ghjesù è a prima cosa chì hà fattu era di invità à Ghjesù à una festa cù i so amichi.

"È hè accadutu quandu era sedutu à u tavulinu in casa, eccu chì parechji colettori di tributi è peccatori venianu è si pusonu à a tavola cun Ghjesù è i so discìpuli" (V 10). Saria cumparatu cù un pastore chì andaria à una festa in una villa mafia chic.

I Farisei osservanu u tippu di sucietà chì era Ghjesù, ma ùn vulianu micca indirizzallu direttamente. Invece, li dumandonu à i so discìpuli, "Perchè u vostru maestru manghja cun i cullezzione d'imposti è i peccatori?" (V 11b). I discìpuli anu pussutu guardà si stupiti è finalmente Ghjesù hà rispostu: "I forti ùn anu micca bisognu à u duttore, ma ai malati". Ma vai è amparà ciò chì significa (Osea 6,6): "Mi piace misericordia è micca sacrificà". «Aghju vinutu à chjamà i peccatori è micca i justi» (V 12). Hà avutu l'autorità di pardunà - a guariscenza spirituale hà ancu fattu quì.

Cume cum'è un medico travaglia per i malati, cusì Ghjesù si fermò per i peccatori perchè eranu quelli chì ghjunse per aiutà. (Tutti sò un peccatore, ma questu ùn hè micca ciò chì importa di Ghjesù.) Chjamò a ghjente per esse santa, ma ùn li hà micca dumandatu d'esse perfetti prima di chjamà. Perchè avemu una grazia tantu più necessaria cà u giudiziu, Diu vole chì esercitassi più grazia ch'è ghjudicà l'altri. Ancu s'è noi facemu tuttu chì Diu cumanda (p.e. sacrificà), ma fallendusi di mustrà misericordia versu l'altri, allora falliamu.

U vechju è u novu

I Farisei ùn eranu micca i soli à meravigliate circa u ministeru di Ghjesù. I discìpuli di Ghjuvanni Battista facenu à Ghjesù a quistione: "Perchè noi è i Farisei fastidiamemu tantu è chì i vostri discepuli ùn ne fastidianu?" (V 14). Aghjunghjenu perchè anu soffratu a distanza di Diu da a nazione.

Ghjesù hà rispostu: «Cumu puderanu soffre l'inviti di nozze mentre u sposu hè cun elli? Ma sarà u tempu quandu a sposa serà presa da elli; poi saranu » (V 15). Ùn ci hè micca raghjone finu à ch'e sò quì, hà dettu - ma hà indicatu chì eventualmente - furzà - esse "pigliatu da elli" - allora i so discepuli soffrevanu è viloci.

Allora Ghjesù li hà datu una enigmatica dicendu: "Nimu ùn patchjate un vechju vestitu cun un ragru di tela novu; perchè u rag stacca u vestitu di novu è a lacrima si face peghju. Ùn mette micca u vinu novu in buttiglii vechji; altrimenti, i manichi ti lacrimeranu è u vinu sparghjera è spoilerà i manichi. Ma s'ellu si riempia u vinu novu in buttigli novi, i dui sò conservati inseme » (V 16-17). Ghjesù ùn hè ghjuntu à vene "à ripiglià" l'istruzzioni di i Farisei nantu à cumu vive una vita piacè. Ùn ùn hà micca pruvatu à aghjustà misericordia à i sacrifici prescritti da i Farisei; nè ha pruvatu à introduverà novi idee in e regule esistenti. Piuttostu, hà iniziatu quarchi cosa completamente nova. A chjamemu u Novu Pattimentu.

Aghjunghjendu i morti, guarì l'impuru

"Quandu li parlava, eccu, unu di i capi di a cumunità hè ghjuntu à a caduta davanti à ellu è disse:" A mo figliola hè morta, ma venite à mette a manu nantu à ella, ella vènerà à a vita " (V 18). Quì si tratta di un capu religiosu assai insolitu - unu chì hà fiducia Ghjesù cumpletamente. Ghjesù andò cun ellu è hà risuscitatu a zitella trà i morti (V 25).

Ma prima di ghjunghje à a casa di a zitella, una altra persona si avvicinò da ellu per esse guarita: "E eccu, una donna chì hà dodici anni di sangue si avvicinò da daretu è toccò l'orlu di a so stizza. Per ella hà dettu à sè stessu: se mi pudia solu toccu u so vistitu, averia bè. Allora Ghjesù si vultò è l'hà dettu è disse: Fate cunfidenza, a mo figliola, a vostra fede vi ha aiutatu. È a donna s'hè andata bè à a listessa ora » (V 20-22). A donna era impura à causa di u so flussu di sangue. A lege di Mosè ùn hà permessu à nimu chì u toccu. Ghjesù hà un novu modu di fà e cose. Invece di evità ella, a guarì quandu u toccu. Matteu a riassume: A fede l'ha aiuta.

La Fede avia causatu à l'omi di purtallu u so amicu paralizatu. La Fede hà motivatu à Matteu per abbandunà u so travagliu. La fede hà guidatu un capu religioso per dumandà a risurrezzione di a so figliola, una donna per guarì u flussu di sangue, è chì i cecchi dumandonu di vede Ghjesù (V 29). C'era una spezia di soffrenza, ma una fonte di guariscenza: Ghjesù.

U significatu spirituale hè chjaru: Ghjesù pardona i peccati, dà a nova vita è una nova direzzione in a vita. Ellu ci fa puliti è ci aiuta à vede. Stu novu vinu ùn hè statu spurtatu in e vechje regule di Mosè - un travagliu separatu hè statu creatu per questu. A missione di grazia hè in u centru di u ministeru di Ghjesù.

di Michael Morrison


in pdfMatti 9: Scopu di Guarigioni