Matti 9: Scopu di Guarigioni

430 matthaeus 9 scopu di e guarì Matteu 9, cum'è a maiò parte di l'altri capituli in l'evangelu di Matteu, raporta nantu à diversi avvenimenti in a vita di Cristu. Ùn hè micca solu una raccolta messe di raporti - Matteu volte aghjunghje a storia à a storia perchè si cumplementanu meravigliosamente. E verità spirituali sò dimustrati usendu esempi fisici. In u Capitulu 9, Matteu hà riassuntu una quantità di storie chì ponu ancu esse truvate in l'evangelu di Marc è Luca - in ogni modu, e spiegazioni di Matteu sò assai più brevi è più concisi.

L'auturità di pardunà i peccati

Quandu Ghjesù vultò à Capernaum, « [quelques omi] li purtonu un omu paraliticu chì era chjinatu nantu à un lettu. Quandu Ghjesù hà vistu a so fede, disse à l'omu paralìticu : Siate di cori, figliolu mo, i vostri piccati sò stati pardunati » (V 2). In a fede, l'omi l'anu purtatu à Ghjesù per ch'ellu puderia guarì. Ghjesù hà dedicatu à i paralizzati, perchè u so prublema più grande ùn era micca a so paralisi, ma i so piccati. Ghjesù hà cura di prima.

"Eccu, alcuni di i scribi si dicenu à sè stessu: Questu hè blaspheming Diu" (V 3). Pensavanu chì solu Diu pò pardunà i peccati, chì Ghjesù pigliava troppu da ellu stessu.

"Ma quandu Ghjesù hà vistu i so pinsamenti, disse: Perchè pensate cose cusì male in i vostri cori? Allora chì hè più faciule per dì: I vostri peccati sò stati pardunati, o per dì: Alzate è marchjà? Ma per sapè chì u Figliolu di l'omu hà l'autorità di pardunà i peccati nantu à a terra - disse à l'omu paralìticu : Alzate, pigliate u to lettu è vai in casa ! È si alzò è andò in casa » (V 5-6). Hè faciule di parlà di u pirdunu divinu, ma hè difficiule di pruvà chì hè veramente datu. Dunque, Ghjesù hà fattu un miraculu di guariscenza per dimustrà chì avia l'autorità di pardunà i peccati. A so missione nantu à a terra ùn era micca di curà tutti l'omu da e so malatie fisiche; ùn hà mancu guaritu tutti i malati in Ghjudea. A so missione era principalmente di annunzià u pirdunu di i peccati - è chì era a fonte di u pirdunu. Stu miraculu ùn era micca destinatu à proclamà a guariscenza fisica, ma, più impurtante, a guariscenza spirituale. "Quandu a ghjente hà vistu questu, anu a paura è hà lodatu à Diu" (V 8) - ma micca tutti eranu cuntenti.

Manghjà cun peccatori

Dopu questu incidente, "[Ghjesù] hà vistu un omu à pusà à l'uffiziu doganale chì si chjamava Matteu; è li disse : Seguimi. Et il se leva et le suivit » (V 9). U fattu chì Matteu era incaricatu di e dogane suggerisce chì hà cullatu i diritti doganali da e persone chì trasportanu merchenzie attraversu una zona - forse ancu i pescatori chì purtonu a so cattura in cità per vende. Era un duganale, un pedaggiu è un « ladrone di strada » assuciatu da i Rumani. Eppuru abbandunò u so travagliu lucrativu per seguità à Ghjesù è a prima cosa ch'ellu hà fattu era invita à Ghjesù à una festa cù i so amichi.

"È avvene chì, mentre ch'ellu era pusatu à tavola in a casa, eccu, parechji publicani è piccatori ghjunsenu è si pusonu à tavola cù Ghjesù è i so discìpuli " (V 10). Chì saria paragunabili à un pastore chì andava à una festa in una mansione chic Mafia.

I Farisei osservanu u tipu di sucità chì Ghjesù si truvò, ma ùn vulianu micca affruntà à ellu direttamente. Invece, anu dumandatu à i so discìpuli: "Perchè u vostru Maestru manghja cù i publicani è i peccatori?" (V 11b). I discìpuli anu pussutu esse perplessi è infine Ghjesù hà rispostu: "I forti ùn anu micca bisognu di un duttore, ma i malati." Ma andate è amparà ciò chì significa (Osea). 6,6): "Mi piace à misericordia è micca in sacrifiziu". "Sò venutu à chjamà i peccatori, è micca i ghjusti" (V 12). Hà avutu l'autorità di pardunà - a guariscenza spirituale hè stata ancu quì.

Cum'è un duttore intervene per i malati, cusì Ghjesù intervene per i peccatori perchè eranu quelli chì hè vinutu per aiutà. (Ognunu hè un piccatore, ma ùn hè micca ciò chì Ghjesù li importa quì.) Chjamò a ghjente per esse santu, ma ùn li dumandò micca per esse perfettu prima di chjamà. Perchè avemu bisognu di grazia assai più cà di ghjudiziu, Diu ci vole à mustrà a gràzia più di ghjudicà l'altri. Ancu s'è no facemu (dicemu, sacrificà) tuttu ciò chì Diu cumanda, ma fallenu di mostrà misericordia versu l'altri, avemu fallutu.

U vechju è u novu

I Farisei ùn eranu micca l'unichi maravigliati di u ministeru di Ghjesù. I discìpuli di Ghjuvanni Battista dumandò à Ghjesù: "Perchè noi è i Farisei digiunate tantu è i vostri discìpuli ùn digiunanu micca?" (V 14). Anu digiunatu perchè soffrenu di l'alluntanamentu di a nazione da Diu.

Ghjesù rispose: "Cumu ponu soffre l'invitati di u matrimoniu mentre u sposu hè cun elli? Ma vinarà u tempu quandu u sposu li serà pigliatu; tandu digiunaranu » (V 15). Ùn ci hè micca ragiò mentre sò quì, disse - ma hà indicatu chì eventualmente ellu seria - per forza - "pigliatu da elli" - allora i so discìpuli soffrenu è digiunaranu.

Allora Ghjesù li dete un pruverbiu enigmaticu : « Nimu ùn ripara un vechju vestitu cù un stracciu di tela nova ; perchè u stracciu si strapparà di novu u vestitu è ​​a lacrima s'aggravarà. Ùn si mette ancu vinu novu in vechji buttigli ; altrimenti i buchi si strapparanu è u vinu sparghjerà è sguassate i buchi. Ma s'è tù metti u vinu novu in otri novi, tutti dui sò cunservati inseme "(V 16-17). Di sicuru, Ghjesù ùn hè micca vinutu à "ripara" e prescrizioni di i Farisei nantu à cumu guidà una vita divina. Ùn hà micca pruvatu à aghjunghje grazia à i sacrifici prescritti da i Farisei; Nè ùn hà pruvatu à intruduce idee novi in ​​u settore di regule esistenti. Piuttostu, hà iniziatu qualcosa di novu. Chjamemu u Novu Pattu.

Aghjunghjendu i morti, guarì l'impuru

"Mentre ellu li parlava questu, eccu, unu di i capi di a cungregazione s'avvicinò è s'inchinava davanti à ellu è disse: A mo figliola hè morta, ma venite è mette a to manu nantu à ella, è sarà viva" (V). 18). Quì avemu trattatu cun un capu religiosu assai inusual - quellu chì hà completamente fiducia in Ghjesù. Ghjesù andò cun ellu è hà risuscitatu a zitella da i morti (V 25).

Ma prima ch'ellu ghjunse in casa di a zitella, una altra persona s'avvicinò à ellu per esse guarita : "Ed eccu, una donna chì avia avutu u flussu di sangue dapoi dodici anni, s'avvicinò da daretu à ellu è toccò l'orlu di u so mantellu. Perchè ella si dicia à sè stessu: S'ellu possu tuccà solu u so vestitu, saria bè. Allora Ghjesù si vultò è a vide, è disse: "Abbiate bon'anima, figliola, a vostra fede vi hà guaritu". È a donna si guarì à a listessa ora » (V 20-22). A donna era impura per via di u so flussu di sangue. A lege di Mosè ùn hà permessu à nimu di tuccalli. Ghjesù avia un novu modu di fà e cose. Invece di evitarla, a guarì quand'ella u toccu. Matteu a mette in un pocu: A fede l’avia aiutata.

A fede avia fattu chì l'omi portanu à ellu u so amicu paralizatu. A fede hà motivatu à Matthew à lascià u so travagliu. A fede hà purtatu un capu religiosu à dumandà a risurrezzione di a so figliola, una donna per avè u so flussu di sangue guaritu, è chì u cecu hà dumandatu à Ghjesù per vede (V 29). Ci era malatie di ogni tipu, ma una fonte di guariscenza: Ghjesù.

U significatu spirituale hè chjaru: Ghjesù pardona i peccati, dà a nova vita è una nova direzzione in a vita. Ellu ci fa puliti è ci aiuta à vede. Stu novu vinu ùn hè statu spurtatu in e vechje regule di Mosè - un travagliu separatu hè statu creatu per questu. A missione di grazia hè in u centru di u ministeru di Ghjesù.

di Michael Morrison


in pdfMatti 9: Scopu di Guarigioni