I mini parti di u rè Salomone 22

395 i minieri di u re Salomone parte 22 "Ùn m'anu micca urdinatu, allora lasciemu a chjesa", Jason si lamentò cun amarezza in a so voce chì ùn avia mai vistu prima. «Aghju fattu tantu per sta cumunità - aghju fattu studii biblichi, visitate i malati è perchè nantu à a terra ci anu fattu ... ordenà? I so sermoni sò per dorme, a so cunniscenza di a Bibbia hè poveru è ancu ùn hè micca amicu! » L'amarezza di Jason m'hà sorprendutu, ma hà dimustratu qualcosa assai più seriu nantu à a superficie - u so orgogliu.

U tipu d'orgogliu chì Diu odia (Proverbii 6,16-17), s'autovalorise et dévalorise les autres. In pruverbii 3,34 U rè Salomone indica chì Diu "se burla di quelli chì si burlan". Diu s'oppone à quelli chì u so modu di vita li porta à fallu apposta per confià in l'aiutu di Diu. Tutti luttemu cù l'orgogliu, chì hè spessu cusì sottile chì ùn avemu mancu avvistu cumu funziona. "Ma", cuntinueghja Salomone: "Darà grazia à l'umili". Avemu una scelta. Pudemu lascià l'orgogliu o l'umiltà guidà i nostri pinsamenti è cumpurtamentu. Chì ghjè l'umiltà è quale hè a chjave per l'umiltà? Induve cumminciate ancu? Cumu pudemu sceglie l'umiltà è riceve da Diu tuttu ciò chì ci vole à dà ?

Imprenditore è autore multipli Steven K. Scott conta a storia di un entrepreneur multi-milioni di dollari cù migliaia di dipendenti. Ancu s'ellu avia tuttu soldi pudia cumprà, era infelice, amaru è temperatu veloce. I so impiegati, ancu a so famiglia, u truvonu inghjustu. A so moglia ùn pudia più cuntà u so cumpurtamentu aggressivu è hà dumandatu à u pastore chì li parlessi. U pastore ascolta i discorsi di l'omu circa i so rializazioni è capì subitu chì l'orgogliu guvernava u cori è a mente di stu omu. Ellu hà dichjaratu chì hà custruitu a so cumpagnia fora di nunda solu da ellu stessu. Iddu avissi travagliatu duru per uttene u so gradu universitariu. S'hè vantatu ch'ellu avia fattu tuttu ellu stessu è chì ùn devi nulla à nimu. U pastore li dumandò dopu: "Quale hè chì hà cambiatu i pannelli? Quale hè chì ti hà alimentatu cum'è un zitellu? Quale hè chì vi hà amparatu à leghje è scrive? Quale hè chì vi hà datu i travaglii chì vi permettenu di finisce i vostri studii? Quale serve u cibu in a cantina? Quale purifica i toilette in a vostra cumpagnia? » Entratu, l'omu inclinò u capu. Qualchì momentu dopu, hà cunfessu cù lacrime in i so ochji: «Avà chì pensu, vecu chì ùn aghju micca statu capace di fà tutte e cose da mè. Senza a amabilità è u sustegnu di l'altri, probabilmente ùn avissi micca realizatu nunda. U pastore li dumandò: "Ùn pensate micca chì si meritano un pocu gratitudine?"

U core di l'omu hà cambiatu, apparentemente da un ghjornu à l'altru. In i mesi dopu, hà scrittu lettere di ringraziu à ognunu di i so impiegati è à tutti quelli chì, quantu pudia pensà, avianu cuntribuitu à a so vita. Ùn solu ùn sente un prufondu sensu di gratitudine, ma hà trattatu à tutti quelli chì l'intornu intornu cun rispettu è apprezzamentu. Dentru un annu avia cambiatu in una persona sfarente. A gioia è a pace anu rimpiazzatu a rabbia è a turbulenza in u so core. Pigliò anni più ghjovanu. I so dipenditori li piaciavanu perchè li trattò cun rispettu è rispettu, chì avà hè statu purtatu grazie à l'umiltà vera.

Criaturi di l'iniziativa di Diu Questa storia ci mostra a chjave per l'umiltà. Cum'è l'imprenditore hà capitu ch'ellu ùn pudia ottene nunda senza l'aiutu di l'altri, cusì avemu ancu capisce chì l'umiltà principia cù a cunniscenza chì ùn pudemu fà nunda senza Diu. Ùn avemu avutu nisuna influenza nantu à a nostra entrata in esistenza è ùn pudemu micca vantà o dichjarà chì avemu pruduttu qualcosa di bonu per noi stessu. Semu criaturi grazia à l'iniziativa di Diu. Eramu peccatori, ma Diu hà pigliatu l'iniziativa è s'avvicinò à noi è ci hà introduttu à u so amore indescrivibile (1 Ghjuvanni). 4,19). Ùn pudemu micca fà nunda senza ellu. Tuttu ciò chì pudemu fà hè di dì "Ti ringraziu" è riposu in a verità cum'è quelli chì sò chjamati in Ghjesù Cristu - accettati, pardunati è amati incondizionatamente.

Un altru modu di misurà a taglia Ci dumandemu : " Cumu possu esse umili " ? detti 3,34 Era cusì vera è puntuale guasi 1000 anni dopu chì Salomone hà scrittu e so parolle sapienti chì l'apòstuli Ghjuvanni è Petru l'anu riferitu in i so insignamenti. In a so lettera, chì spessu tratta di sughjetti è di serviziu, Paul scrive: "Voti tutti... vi vestite d'umiltà" (1 Pet). 5,5; Schlachter 2000). Cù sta metàfora, Petru usa l'imaghjini di un servitore chì mette un mantellu spiciale per vede a so prontezza à serve. Petru disse: "Siate tutti pronti à serve l'un l'altru umilmente". Senza dubbitu, Petru pensava à l'Ultima Cena quandu Ghjesù si misu un mantellu è lavò i pedi di i discìpuli (Ghjuvanni 1).3,4-17). L'espressione "cinghje si" aduprata da Ghjuvanni hè listessa à quella usata da Petru. Ghjesù si tolse u kilt è si fece u servitore di tutti. Si ghjinochje è li lavò i pedi. Fendu cusì, hà introduttu un novu modu di vita chì misura a dimensione da quantu servimu à l'altri. Fighjendu fieru nantu à l'altri è dice: "Servite à mè!", L'umiltà s'inchina à l'altri è dice: "Cumu vi possu serve?" Questu hè u cuntrariu di ciò chì succede in u mondu induve unu hè dumandatu à manipulà, à spiccà è à mette in una luce megliu davanti à l'altri. Aduramu un Diu umile chì si inginocchia davanti à e so criature per serve. Ùn hè micca stupente ?

"Fate cum'è ti aghju fattu" Essendu umile ùn significa micca chì pensemu inferiori di noi stessi o avemu una bassa opinione di u nostru talentu è u caratteru. Ùn hè certamente micca di prisentà voi cum'è nunda è nimu. Perchè questu seria un orgogliu torciutu chì pretende esse elogiatu per esse umile! L'umiltà ùn hà nunda di fà cù a difesa, di vulè avè l'ultima parolla, o di mette in contu l'altri per dimustrà a so superiorità. Semu fieri inflatati in modu chì ci sentimu indipendenti di Diu, cunsideremu più impurtanti è perde a vista di Ellu. L'umiltà ci face chì simu sottumessi à Diu è à ricunnosce chì simu totalmente dipendenti da ellu. Questu significa chì ùn mancemu micca di noi stessi, ma giravvi cumplitamenti versu Diu, chì ci ama è chì ci face vede megliu cà noi.

Dopu avè lavatu i piedi di i so discìpuli, Ghjesù disse: "Fate cum'è aghju fattu per voi". Ùn hà micca dettu chì l'unicu modu per serve era di lavà i pedi di l'altri, ma li hà datu un esempiu di cumu vive. L'umiltà hè in modu di ricerca constantemente è consciente per i modi di serve. Ci aiuta à accettà a realtà, chì hè chì grazia à a grazia di Diu, simu i so navi, i so purtatori è i rapprisentanti di u mondu. A Mamma Teresa hè statu un esempiu di "umiltà attiva". Ella disse chì hà vistu a faccia di Ghjesù nantu à e facce di tutti chì hà aiutatu. Ùn pudemu micca esse chjamati per esse a prossima Madre Teresa, ma duvemu solu esse più cuncernati da i bisogni di i nostri culle umani. Ogni volta chì avemu tentatu di piglià noi troppu seriamente, hè cunsigliatu di ricurdà e parolle di l'arcivescu Helder Camara: «Quand'ellu compare in publicu è un grande publicu applaude è facenu girà, vocu à Cristu è basta à dilli: Signore, eccu a vostra entrata trionfale in Ghjerusalemme! Sò solu u picculu sceccu chì ride ».        

di Gordon Green


in pdfI mini parti di u rè Salomone 22