U ghjudizia celeste

206 U ghjudice celeste Quandu capemu chì noi campà, sò è sò in Cristu, in quellu chì hà creatu tutte e cose è chì hà redimitu tutte e cose è chì ci amate senza cundizione . riposa in a nostra vita. U Vangelu hè una bona nutizia, è in verità hè una bona nutizia micca solu per i pochi ma per tutte e persone, cum'è noi leghjemu in 12,32 Ghjuvanni 1,19: 20.

Hè triste ma veru chì parechji cristiani credenti anu paura di u giudiziu finale. Forse ancu tù. Dopu tuttu, se simu onesti cun noi stessu, sapemu chì ùn simu micca bè di ghjustizia perfetta di Diu in parechji modi. Ma la cosa più impurtante chì avemu da ricurdà di a corte hè l'identità di u ghjudice. U ghjudice presidente in u ghjudiziu finale ùn hè altru chè Ghjesù Cristu, u nostru Redentore!

Cum'è a sapete, u libru di l'Apocalisse hà assai da parlà di u Ghjudiziu di Ultimu, è qualchì pò pudè sonà spaventosa quandu pensemu à i nostri peccati. Ma Revelazione hà assai di dì da u ghjudice. Ella a chjama quella "chì ci ama e ci riduci di i nostri peccati per mezu di u so sangue". Ghjesù hè un ghjudice chì amate i peccatori chì ghjudica tantu chì hè mortu per elli è stava in elli per elli, è per elli! Più chè, si alzò per ella trà i morti è a purtonu in a vita è a presenza di u Babbu chì a ama quant'è Ghjesù. Questu ci riempie di succorsu è di gioia. Siccomu Ghjesù stessu hè u ghjudice, ùn ci hè nisuna ragione per noi di teme di u ghjudiziu.

Diu ama i peccatori, cumpresi voi, tantu chì u Babbu hà mandatu u Figliolu per mette in causa per l'omi è di attirare tutti, cumpresi voi, a Ellu (Ghjuvanni 12,32) trasfurmendu a nostra mente è u nostru core attraversu u Spìritu Santu. Diu ùn hè micca pruvatu à truvà cose sbagliate cun voi per alluntanassi da u so regnu. Innò, vi sinceramente ti vole in u so regnu, è ùn ne lascerà mai tiri in quella direzzione.

Avvisate cumu Ghjesù definisce a vita eterna in stu passaghju in u Vangelu di Ghjuvanni: "Ma hè a vita eterna chì ti ricunnoscenu chì sì solu Diu veru è à quale avete mandatu, Ghjesù Cristu." (Ghjuvanni 17,3). Sapendu Ghjesù ùn hè micca difficiule o cumplicatu. Ùn ci hè micca un gestu di a mano secreta per descifrar o risolve i puzzle. Ghjesù disse solu: "Venite à mè tutti voi laboriosi è carichi, vogliu rinfriscà" (Matteu 11,28).

Hè ghjustu chì voltemu versu ellu. Hà fattu tuttu ciò chì era necessariu per fassi degnu. Ti hà digià perdunatu di tutti i vostri peccati. Cum'è l'apòstulu Paulu hà scrittu: "Diu mostra u so amore per noi per u fattu chì Cristu hè mortu per noi quandu eramu ancora peccatori" (Rumani 5,8). Diu ùn aspetta finu à noi chì simu bè prima ch'ellu ci pardunate è chì ci face i so figlioli - Hè digià dighjà fattu.

Quandu turnemu à Diu è mette a nostra fiducia in Ghjesù Cristu, entremu in una nova vita. U Spìritu Santu dannighja in noi è principia à sfraccià u strattu densu di a nostra peccata - abitudini peccativi, attitudini, è modi di pensà - trasfurmenduvi di l'internu fora à l'imaghjini di Cristu.

Pò esse doloroso a volte, ma hè ancu liberatore è rinfrescante. Per via di questu, crescemu in fede è cunniscenu è amemu u nostru Salvadore di più in più. E quantu più sapemu di u nostru Salvadore, chì hè ancu u nostru ghjudice, menu avemu paura di a corte. Se sapemu Ghjesù, avemu fiducia in Ghjesù è pudemu restà cunfidenza completa di a nostra salvezza. Ùn si tratta micca di ciò chì simu bè; chì ùn hè mai statu u puntu. Sempre hè stata annantu à quantu ellu hè. Questa hè una bona nutizie - a più bona nutizie chì qualcunu pò sente!

di Ghjiseppu Tkach


in pdfU ghjudizia celeste