Esiste cun Ghjesù

544 inseme cù Ghjesù Cumu hè a vostra situazione di vita attuale? Portanu carichi in a vita chì li deprimente è i peste? Avete avutu a vostra forza è avete imbuttatu finu à u limitu di ciò chì pudete fà? A vostra vita, cum'è sperimentate avà, ti stancu, ancu s'è avete aspessu per un riposu più profundo, ùn puderete truvà nimu. Ghjesù ti chjama à vene à ellu: «Venite à mè, tutti quelli che sò laboriosi è carichi; Vogliu rinfriscà ti. Pigliate u mo juginu nantu à tè è amparà da mè; chì sò amile è umile da u core; dunque truverete riposu per e vostre ànime. U fattu chì u mo mancu hè gentile è u mo caricu hè legnu » (Matteu 11,28: 30). Chì ci cumanda Ghjesù per via di u so appellu? Ellu ammenta trè cose: "Venite à mè è pigliate u mo ghjugliu nantu à voi è amparate da mè".

Venite à mè

Ghjesù ci invita à vene à vive in a so presenza. Ellu apre una porta per noi di sviluppà una relazione più stretta da esse cun ellu. Duvemu esse felice di esse cun ellu è di stà cun ellu. Ellu ci invita à cultivà più cuncessione cun ellu è a cunnosce li più intensamente - cusì chì semu felici di cunnosce ellu è di cunfidassi in quellu chì hè.

Pigliate u mo juginu nantu à tè

Ghjesù dice à i so auditori micca solu di vene à ellu, ma dinò di piglià u so ghjucatu. Notate chì Ghjesù ùn parle micca solu di u so "yoke", ma spiega chì u so yoke hè "a so carica" ​​cum'ellu era. Un ghjuvatu era una tavola in legnu chì era attaccata à u collu di dui animali, per suprattuttu boi, per chì pudessinu chjappà una carica di beni. Ghjesù fa una distinzione chjara trà i fusti chì avemu digià è quelli chì Ellu ci hà postu per noi per i so carichi. U ghjuzzu connetta cun ella è cumprendi una nova relazione stretta. Sta rilazione hè una participazione à caminari in cummunione è in a cunnessione cun ellu.

Ghjesù ùn ci hà micca chjamatu per unisce un grande gruppu. Ellu voli campà in una relazione persunale in dui sensi cun noi chì hè vicinu è omnipresente in modu chì pudemu dì chì simu cunnessi cun ellu cum'è un jugulò!

Ripiglià u ghjuvatu di Ghjesù significa allineà a nostra vita sana cun ellu. Ghjesù ci chjama in una relazione intima, custante, dinamica in quale cresce a nostra cunniscenza di ellu. Cresce in questa rilazioni cù quellu cù quale simu cunnessi in u chjame. Pighendu u so tonu, ùn stemu micca di guadagnà a so grazia, ma crescenu per accettallu da ellu.

Amparate da mè

Permette à Ghjesù di arrugà ti sottu u ghjucu significa micca solu participà à u so travagliu, ma ancu amparà da ellu attraversu a vostra relazione cù ellu. L'imàgine quì hè quella di un studiente chì hè cunnessu cù Ghjesù, chì u so sguardu hè cumpletamente focalizatu nantu à ellu invece di solu caminari da fiancu è fighjendu davanti à ellu. Avemu duverebbe camminà cun Ghjesù è sempre piglià a nostra perspettiva è e nostre instructions da ellu. L'enfasi ùn hè micca solu nantu à a carica, ma nantu à quellu chì simu cunnessi. A vita cun ellu significa chì amparemu più è più nantu à ellu è ricunnosce veramente quale hè veramente.

Gentile è ligeru

U jugulatu chì Ghjesù ci offre hè gentile è piacevule. In altrò in u Novu Testamentu hè adupratu per discrive l'azzioni di Diu è benevule. «Avete tastatu chì u Signore hè bonu» (1 Petru 2,3) Luca descrive Diu: "Hè gentile cù l'ingrate è u male" (Luca 6,35).
U soffiu o u ghjoculu di Ghjesù hè ancu "ligeru". Hè forse a parolla più strana aduprata quì. Ùn hè micca una carica definita cum'è qualcosa pesante? Sì hè bellu, cumu pò esse un pesu?

A so carica ùn hè micca simplice, gentile è ligera perchè ci hè menu carricu da suppurtà cà u nostru, ma perchè hè nantu à noi, circa a nostra participazione à a so relazione amorosa, chì hè in cumminazione cù u Babbu.

Truvate u restu

Portendu stu jugu inseme è amparà da ellu ciò chì Ghjesù ci dice, ci dà u riposu. Per enfatizà questu, Ghjesù ripete stu penseru duie volte, è a seconda volta dice chì averiamu riposu "per e nostre ànime". U cuncettu di riposu in a Bibbia va di più in più di interrompe u nostru travagliu. Basta annantu à u cuncettu ebraicu di Shalomu - Shalom hè l'intenzione di Diu per u so pòpulu di avè prosperità è benessere è cunnosce a bè di Diu è i so modi. Pensate à quessa: chì Ghjesù vole dà à quelli chì Chjamate? Riposizione curativi per e vostre ànime, rinfrescamentu, benessere olisticu.

Pudemu cuncludi da questu chì l'altri carichi chì portemu cun noi se ùn venimu à Ghjesù ùn ci facenu veramente stanchi è ùn ci lascianu micca solu. Per esse cun ellu è amparà da ellu hè u nostru restu di u sabbatu, chì ghjunghje à u core core di quale simu.

Manchezza è umiltà

Cumu a so gentilezza è umiltà di Ghjesù li permette di dà a pace di a mente? Chì hè particularmente impurtante per Ghjesù? Ellu dice chì a so relazione cù u babbu hè un veru rapportu daretu è pigliatu.

«Tuttu hè mandatu da mè da u babbu, è nimu ùn cunnosce u figliolu ma solu u babbu; e nimu ùn cunnosce u babbu cum'è solu u figliolu è à quale u figliolu vole revelà » (Matteu 11,27).
Ghjesù hà ricevutu tutte e cose da u Babbu perchè u Babbu li dò. Spiega a relazione cù u babbu cum'è una relazione di mutuu, persunale è intimu di familiarità. Questa relazione hè unica - ùn ci hè nimu à u babbu chì cunnosce u figliolu in questu modu è ùn ci hè nimu altrimenti u figliolu chì cunnosce u babbu in questu modu. A so vicinanza intima è eterna implica a fiducia mutuale.

Cume a descrizione di Ghjesù di ellu stessu cum'è modesta è umile si riferisce à a descrizzione di a relazione chì hà cù u so babbu? Ghjesù hè "u destinatariu" chì riceve da quellu chì cunnosce intimamente. Micca solu si prende esternamente a vuluntà di u babbu di dà, ma dà cun generosu ciò chì li hè stata generosamente datu. Ghjesù hè felice di vive in a calma chì vene perchè u sparte cun u Babbu in a relazione chì cunnosce, amu è chì dà.

A sulidarità di Ghjesù

Ghjesù hè cunnessu dinamicamente è constantemente à u Babbu sottu u ghjucu è sta cunnessione hè esistita per sempre. Ellu è u babbu sò unu in una vera relazione di dà è piglia. In l'evangelu di Ghjuvanni, Ghjesù dice chì ellu solu fà è dice ciò chì vede è sente è cumanda à u Patre di fà. Ghjesù hè umile è amicu perchè hè cunnessu cù u so babbu in u so amore sicuro.

Ghjesù dice chì l'unicu chì cunnosce u Babbu sò quelli chì Ellu sceglie per revelà à elli. Chjama tutti quelli chì anu ricunnisciutu chì sò laboriosi è carichi. A chjama va per tutte e persone chì sò labore è caricate, afecta veramente à tutti. Ghjesù hè à a ricerca di e persone chì sò pronti à riceve qualcosa.

spartera unità

Ghjesù ci chjama à "scambià di carichi". U cumandamentu di Ghjesù per vene, per piglià è per amparà da ellu implica u cumandamentu di lascià i carichi cun noi chì venemu à ellu. Rinunziamu è lascimu. Ghjesù ùn ci offre micca u so carricu è u to ghjugnu per aghjunghje à i nostri carichi è ghjoculi esistenti. Ùn dà micca cunsiglii per cumu pudemu trasportà i nostri carichi in modu più efficace o efficace per chì parevenu più ligeri. Ùn ci ne duna cuttings per chì i cinghje di e nostre carriche ci spinghje menu incisivamente.
Siccomu Ghjesù ci chjama in una relazione unica cun ellu, ci dumanda di dà à ellu tuttu ciò chì pesa nantu à noi. Quandu pruvemu di portà tuttu noi stessi, scurdamu di quale hè Diu è piantemu di guardà à Ghjesù. Ùn a stà più à sente è dimenticà di cunnosce lu. I fardoli chì ùn semu micca stati posti sò opposti à ciò chì Ghjesù ci da in realtà.

Rimani in mè

Ghjesù hà urdinatu à i so discepuli per "stà in ellu" perchè sò i so rami è ellu hè a vigna. «Stà à mè è eiu in tè. Cum'è a vigna ùn pò micca fruttu da sè stessu sè ùn resta micca nantu à a vigna, nè mancu puderete sì stà cun mè. Sò a vigna, sì a vigna. Quellu chì stà in mè è eiu in ellu porta assai frutti; perchè senza mè ùn si pò fà nunda » (Ghjuvanni 15,4: 5).
Ghjesù vi ​​chjama à ripiglià stu maravigliu yoke di vita ogni ghjornu. Ghjesù s'impegna in permessu di campà di più in più in a so pace di a mente, micca solu quandu ci sapemu chì avemu bisognu. Cusì per pudè sparte u so sucu, ci mustrà di più di ciò chì simu sempre indettendu, di ciò chì crea veramente fatica è ci impedisce di campà in pace.
Pensemu chì puderia piglià u so jugu dopu dopu avè masterizatu a situazione è e cose sò calmu. Allora quandu si sò messi in ordine, quandu hè più praticu campà è agisce in una pusizioni in quale mantenemu a nostra calma di ogni ghjornu.

Ghjesù, u sacerdote

Quandu trasmette tutte e so fureste à Ghjesù, ricordate chì hè u nostru sacerdote. Cum'è u nostru gran prete, hà digià cunnisciutu tutte e fune è li hà pigliatu è piglia cura di noi. Hà pigliatu a nostra vita rotta, tutti i nostri prublemi, lotte, peccati, teme, etc., è a so propiu per guariscenu di noi. Pudete cunfidassi in ellu. Ùn ci vole micca à paura di u passaggiu: vechji fardoli, cumbattimenti novi, picculi carichi apparentemente triviali o quelli chì parevenu eccessivamente grossi. Hè prontu è sempre fideli - tu sì cunnessu cun ellu è ellu cù u babbu, tuttu in spiritu.

Stu prucessu di abituallassi à esse pienamente cunnessu à Ghjesù - alluntanendu tè, nova vita in u so riposu - cuntinueghja è intensifica a vostra vita. Nisuna cumbattimentu o preoccupazione attuale o passata hè più pressante chè sta chjama à voi. Per chì chjama? À ellu stessu, di sparte in a so vita, in a so calma propria. Duvete esse conscientu di questu quandu si prende è porta carichi sbagliati. Ci hè una sola carica chì vi sò chjamati à purtassi è questu hè Ghjesù.

di Cathy Deddo