Nisun fuggiu

Una vechja cummercializazione TV per pulveri di bagnu mostra una donna inghjuliata dopu à una ghjurnata assai affascinata, trafficu, billette, lavanderia, ecc ... Suspira: Tira mi fora, Calgon! A scena cambia à a stessa donna chì hè rilassata è felice in a bagnera, mentre chì i so figlioli facenu u rumu in a stanza à u vicinu.

Ùn saria micca geniale si puderia solu sguassà e nostre difficultà è lavà in a fossa cù l'acqua di u bagnu? Sfurtunatamente, i nostri esami è i prublemi sò spessu più forti chì a nostra pelle hè spessa è ùn sò micca fàciuli lavà. Mi pare chì fermanu attaccati.

A mamma Teresa hà dettu una volta chì a so vita ùn era "incarnata nantu à rosi. Ùn pudemu solu cunfirmà sta dichjarazione, ancu se aghju pruvatu à fà a mo parte piantendu tanti arbusti di rosa pussibule in u mo giardinu di casa!

I dubbii, i deletti è i duluri sò tutti ghjunti per noi. Accuminzanu quandu e zitelli chjuchi è ci accumpagnanu finu à quandu ghjunghjemu l'età d'oru. Amparemu à trattà cù dubbii, delusioni è duluri è à sperimentà elli.

Ma perchè qualchissia pare avè da pudè trattà queste inevitabbilità megliu cà l'altri? A differenza, sicuramente, hè basata nantu à e nostre credenze. Esperienze terribili sò sempre terribili, ma a cridenza pò alluntanà u latu di u dulore.

Ùn hè dolore perde u vostru travagliu è affruntà e difficultà chì ponu purtà? Iè, ma a fede ci assicura chì Diu piglia cura di i nostri bisogni (Mat. 6,25). Ùn ferite micca perde un amatu? Di sicuru, ma a fede ci assicura chì vedemu dinò sta persona cù un novu corpu (1 Cor. 15,42).

Ogni prova o prublema hè faciule? Innò, ma a fiducia in Diu ci cunvince chì Ghjesù ùn ci lascia mai i soli, ùn importa ciò chì a difficultà chì avemu avà (Ebrei 13,5). Hè felice di caccià a nostra carica (Mat.11,28-30). Li piace à accumpagnà quellu chì si fida di ellu (Salmu 37,28) è prutegge u credente (Salmu 97,10).

A fede ùn face chì i nostri prublemi si ne sò andati, è u dulore cuntinua. Ma a sapemu è ci fidemu di ellu chì hà datu a so vita per noi. Havutu più dolore di ciò chì pudemu mai imaginà. Ci puderà accumpagnà attraversu u dulore.

Avanzate è pigliate stu longu bagnu caldu di balla. Luci una candela, manghja cioccolatu è leghje un bon thriller di crimini. Eppo, quandu esce da a vasca, i prublemi sò sempre, ma sò cusì di Ghjesù. Ùn ci tira, cume dice Calgon, ma ùn sparisce micca attraversu a fossa. Ci sarà sempre quì.

di Tammy Tkach


in pdfNisun fuggiu