Diu vive nantu à a terra ?

696 Diu campa in terraDui canti gospel famosi dicenu: "Un appartamentu disabitatu m'aspetta" è "A mo pruprietà hè ghjustu daretu à a muntagna". Sti testi sò basati nantu à e parolle di Ghjesù: «In a casa di u mo Babbu sò parechje palazzi. S'ellu ùn era micca cusì, vi averia dettu : "Vaiu à preparà u locu per voi ? (Ghjuvanni 14,2).

Sti versi sò spessu citati à i funerali perchè prumettenu chì Ghjesù prepararà in u celu per u populu di Diu a ricumpensa chì aspetta a ghjente dopu a morte. Ma hè questu ciò chì Ghjesù vulia dì ? Saria sbagliatu s'ellu circhemu di mette in relazione ogni parolla ch'ellu hà dettu direttamente à a nostra vita senza cunsiderà ciò chì vulia dì à i destinatari di l'epica. A notte prima di a so morte, Ghjesù era pusatu cù i so discìpuli in ciò chì hè cunnisciutu com'è l'Ultima Cena. I discìpuli eranu sconvolti da ciò chì anu vistu è intesu. Ghjesù li lavò i pedi è annuncia chì ci era un traditore trà elli. Dichjarò chì Petru u tradirà micca solu una volta, ma trè volte. Pudete imagine cumu si sò andati l'apòstuli? Parlava di soffrenza, tradimentu è morte. Pensavanu è vulianu ch'ellu era u precursore di un novu regnu è ch'elli guvernanu cun ellu ! Cunfusione, disperazione, attese sbucciate, paura è emozioni chì sò troppu familiari ancu per noi. È Ghjesù contru à tuttu ciò : « Ùn àbbiate paura di i vostri cori ! Cridite in Diu è crede in mè! " (Ghjuvanni 14,1). Ghjesù vulia custruisce i so discìpuli spirituali in fronte à u scenariu di l'orrore imminente.

Chì Ghjesù vulia dì à i so discìpuli quand'ellu disse: "In a casa di u mo Babbu sò parechje mansioni"? L'appellu in a casa di u mo babbu si riferisce à u tempiu in Ghjerusalemme: "Perchè m'avete cercatu? Ùn sapete chì devu esse in l'affari di u mo Babbu?" (Luca 2,49). U tempiu avia rimpiazzatu u tabernaculu, a tenda portatile utilizata da l'Israele per adurà à Diu. Dintra u tabernaculu (da u latinu tabernaculum = tenda o capanna) ci era una stanza, siparata da una cortina spessa, chì era chjamata u santu di i santi. Questu era l'abitazione di Diu (tabernaculu in ebraicu significa "mishkan" = locu o locu d'abitazione) à mezu à u so populu. Una volta à l'annu era riservatu solu à u suvra sacerdote per entre in sta stanza per piglià a cuscenza di a prisenza di Diu. A parolla abitazione o spaziu di vita significa u locu induve si campa, ma ùn era micca un locu permanente per stà, ma una tappa di un viaghju chì avia purtatu à un altru locu à longu andà. Questu significaria allora qualcosa altru ch'è esse cun Diu in u celu dopu a morte; perchè u celu hè spessu cunsideratu cum'è l'ultima dimora di l'omu.

Ghjesù hà parlatu di preparà un locu per stà per i so discìpuli. Induve deve andà ? U so caminu ùn l'hà purtatu drittu in u celu per custruì abitazioni quì, ma da u Cenacu à a Croce. Cù a so morte è a risurrezzione avia da preparà un locu in a casa di u babbu per u so propiu. Era cum'è dì chì tuttu hè sottu cuntrollu. Ciò chì hè vicinu à succorsu pò esse terribili, ma hè tutta parte di u pianu di salvezza. Allora hà prumessu ch'ellu vultà. In questu cuntestu ùn pare micca esse alludu à a so seconda venuta, ancu s'è aspettemu l'apparizione gloriosa di Cristu l'ultimu ghjornu. Sapemu chì u percorsu di Ghjesù era di purtarilu à a croce è ch’ellu vultà trè ghjorni dopu, risuscitatu da i morti. Riturnò una volta di più in a forma di u Spìritu Santu u ghjornu di Pentecoste.

Ghjesù disse: "Quandu anderaghju à preparà un locu per voi, veneraghju di novu è vi purteraghju cun mè, affinchì tù sia ancu induve sò" (Ghjuvanni 1).4,3). Fighjemu per un mumentu nantu à e parolle "pigliate à mè" cum'è usate quì. Sò da esse intesu in u listessu sensu di e parolle chì ci dicenu chì u Figliolu (a Parolla) era cun Diu: "In u principiu era a Parolla, è a Parolla era cun Diu, è a Parolla era Diu. Era u listessu cù Diu in u principiu "(Ghjuvanni 1,1-2u).

L'scelta di sti parolle descrizanu a relazione trà u babbu è u figliolu è indica a so relazione intima cù l'altri. Si tratta di una relazione intima è prufonda faccia à faccia. Ma chì hà da fà cù voi è mè oghje ? Prima di risponde à sta quistione, lasciami riviseghjà brevemente u tempiu.

Quandu Ghjesù hè mortu, u velu di u tempiu era strappatu in dui. Stu crack simbulizeghja un novu accessu à a prisenza di Diu chì hà apertu cun ella. U tempiu ùn era più a casa di Diu nantu à sta terra. Una relazione completamente nova cù Diu era avà aperta à ogni esse umanu. Avemu lettu : Ci sò parechje mansioni in casa di u mo babbu. In u Santu di i Santi ci era solu spaziu per una persona, una volta à l'annu in u ghjornu di l'Espiazione per u Gran Sacerdote. Avà hè statu un cambiamentu radicali. Diu avia daveru fattu spaziu per tutti i persone in ellu stessu, in a so casa ! Questu era pussibule perchè u Figliolu divintò carne è ci hà redimutu da u putere distruttivu di u peccatu è da a morte. Riturnò à u Babbu è attirò à sè tutta l'umanità in a prisenza di Diu : « Eiu, quandu sò alzatu da a terra, attiraraghju tutti à mè. Ma hà dettu questu per indicà chì morte hà da more "(Ghjuvanni 12,32-33u).

Quella stessa sera Ghjesù disse : « Quellu chì mi ama, mantene a mo parolla ; è u mo babbu l'amerà, è andemu da ellu è faremu a nostra casa cun ellu "(Ghjuvanni 14,23). Vede ciò chì significa? In stu versu avemu lettu novu di palazzi. Chì idee avete assuciatu cù una bona casa? Forse: pace, riposu, gioia, prutezzione, insignamentu, pirdunu, pruvisione, amore incondizionatu, accettazione è speranza per citarne uni pochi. Ghjesù ùn hè micca solu ghjuntu à a terra per spiegà per noi. Ma hè ghjuntu ancu à sparte cun noi tutte isse idee nantu à una bona casa è per fà spirimintà a vita ch'ellu hà campatu cù u babbu inseme cù u Spìritu Santu. Quella relazione incredibile, unica è intima chì hà unitu à Ghjesù stessu solu cù u so Babbu, hè avà aperta ancu à noi: "Vi purteraghju à mè stessu, perchè ancu tù sia induve sò" (Ghjuvanni 1).4,3). induve hè Ghjesù Ghjesù hè in u pettu di u Babbu in a fraternità più vicina : « Nimu hà mai vistu à Diu ; l'unicu nascitu chì hè Diu è hè in u senu di u Babbu l'hà dichjaratu "(Ghjuvanni 1,18).

Si dice ancu : « Ripusà in grembo à qualcunu hè chjesa in i so bracce, esse chjappu da ellu cum'è l'ughjettu di u so affettu più prufondu è affettu, o, cum'è dice u proverbio, esse u so amicu di pettu ». Hè quì chì Ghjesù vive. Induve simu avà ? Facemu parte di u regnu di i celi di Ghjesù: "Ma Diu, chì hè riccu in misericordia, in u so grande amore cù quale ci hà amatu, ci hà fattu vivu cù Cristu ancu quandu eramu morti in i peccati - tù sì salvatu per grazia - ; è ci hà risuscitatu cun ellu, è ci hà istituitu cun ellu in u celu in Cristu Ghjesù " (Efesini 2,4-6u).

Sò in una situazione difficiule, scoraggiante o angustiosa avà? Siate assicurati: e parolle di cunfortu di Ghjesù sò indirizzate à voi. Cum'ellu vulia una volta rinfurzà, incuragisce è cunsulidà i so discìpuli, ti face listessa cù e stesse parolle : « Ùn àbbia paura di u to core ! Cridite in Diu è crede in mè! " (Ghjuvanni 14,1). Ùn lasciate micca chì e vostre preoccupazioni vi pisanu, affidà à Ghjesù è meditate ciò chì Ellu dice - è ciò chì lascia senza dì ! Solu ùn dice micca ch'elli anu da esse bravu è tuttu andarà bè. Ùn vi guarantisci micca quattru passi per a felicità è a prosperità. Ùn prumette micca ch'ellu vi darà una casa in u celu chì ùn pudete micca occupà finu à dopu chì site mortu, chì vale a pena tutte e vostre soffrenze. Piuttostu, ch'ellu hè chjaru ch'ellu hè mortu nantu à a croce per piglià nantu à ellu stessu tutti i nostri piccati, inchiodali cun ellu stessu nantu à a croce per chì tuttu ciò chì ci pò separà da Diu è a vita in a so casa pò esse sguassatu. L'apòstulu Paulu spiega cusì: "Mentre eramu ancu i so nemichi, eramu riconciliati cù Diu per via di a morte di u so Figliolu. Allora ùn pò esse altru chè chì ancu noi truvemu a salvezza per mezu di Cristu avà - avà chì avemu statu cunciliatu è chì Cristu hè risuscitatu è vive "(Rumani). 5,10 New Geneva translation).

Vi sò attirati in a vita triuna di Diu per via di a fede in l'amore per chì pudete participà à l'intima cumunione cù u Babbu, u Figliolu è u Spìritu Santu - in a vita di Diu - faccia à faccia. U desideriu di u core di David serà cumpletu per voi: "E cose bè è a misericordia mi seguiranu finu à ch'e aghju vivu, è staraghju in a casa di u Signore per sempre" (Salmu 2).3,6).

Diu vole chì tù sia una parte di ellu è tuttu ciò chì rapprisenta avà. Hà criatu per vive in a so casa avà è per sempre.

di Gordon Green