Vinu di nozze

619 vinu di casamentu Ghjuvanni, discìpulu di Ghjesù, conta una storia interessante chì hè accaduta à u principiu di u ministeru di Ghjesù in terra. Ghjesù hà aiutatu una festa di nozze per un gran imbarazzu trasfurmendu l'acqua in u vinu di a più bona qualità. Avaria amatu pruvà stu vinu è sò in ligna cù Martin Luther, chì hà dettu: "A biera hè u travagliu di l'omu, ma u vinu hè di Diu".

Ancu se a Bibbia ùn dice nunda nantu à u tippu di vinu chì Ghjesù avia in mente quandu hà trasformatu l'acqua in vinu à u matrimoniu, pò esse statu "Vitis vinifera", una varietà da a quale a maiò parte di l'uva vene da fà u vinu oghje serà pruduttu. Stu tippu di vinu produce uva chì hà pelli più spesse è petre più grande è sò di solitu più dolci di i vini di tavula chì sapemu.

Mi pare stupendu chì u primu miraculu publicu di Ghjesù di trasfurmà l'acqua in vinu sia fattu soprattuttu in u settore privatu, senza chì a maiò parte di l'invitati di a festa di u matrimoniu ne anu mancu avvistu. Ghjuvanni hà chjamatu u miraculu, un segnu chì Ghjesù hà rivelatu a so gloria (Ghjuvanni 2,11). Ma in chì manera hà fattu questu? In a guarigione di e persone, Ghjesù hà rivelatu a so autorità per perdonà i peccati. Maledicendu u ficu, hà fattu vede chì u ghjudiziu ghjunghjerà nantu à u tempiu. Guarendu u sàbatu, Ghjesù hà rivelatu a so autorità annantu à u sàbatu. In a risurrezzione di e persone da i morti, hà rivelatu ch'ellu hè a risurrezzione è a vita. Alimentendu millaie, hà rivelatu ch'ellu hè u pane di a vita. Dendu miraculosamente generosamente à una cena di nozze in Cana, Ghjesù hà fattu capisce chì hè quellu chì detiene a realizazione di e grandi benedizioni di u regnu di Diu. «Ghjesù hà fattu assai altri segni davanti à i so discìpuli, chì ùn sò micca scritti in stu libru. Ma quessi sò scritti per pudè crede chì Ghjesù hè u Cristu, u Figliolu di Diu, è chì, perchè credite, pudete avè vita in u so nome » (Ghjuvanni 20,30: 31).

Stu miraculu hè di grande impurtanza perchè hà datu à i discìpuli di Ghjesù una prova à l'iniziu chì era veramente u Figliolu di Diu incarnatu chì hè statu mandatu per salvà u mondu.
Mentre pensu à stu miraculu, vedu in a mo mente cume Ghjesù ci trasforma in qualcosa di assai più gloriosu di quellu chì sariamu mai senza a so maravigliosa opera in a nostra vita.

U matrimoniu in Cana

Passemu avà à un sguardu più da vicinu à a storia. Cumencia cù un matrimoniu in Cana, un picculu paese in Galilea. A situazione ùn pare micca importà tantu - piuttostu u fattu chì era un matrimoniu. I matrimoni eranu e celebrazioni più grandi è impurtanti per i Ghjudei - e settimane di feste signalavanu u statutu suciale di a nova famiglia in a cumunità. I matrimoni eranu tali feste chì u banquet di nozze era spessu adupratu metaforicamente per discrive e benedizioni di l'era messianica. Ghjesù stessu hà adupratu sta maghjina per discrive u regnu di Diu in alcune di e so parabole.

U vinu era finitu è ​​Maria hà infurmatu à Ghjesù, è Ghjesù hà rispostu: "Chì hà da fà cù voi è me, donna? A mo ora ùn hè ancu quì » (Ghjuvanni 2,4 ZB). A stu puntu, Ghjuvanni rimarca chì Ghjesù hè in una certa misura davanti à u so tempu in ciò ch'ellu face. Maria s'aspittava chì Ghjesù fessi qualcosa perchè hà urdinatu à i servitori di fà tuttu ciò ch'ellu li dicia di fà. Ùn sapemu micca se ella pensava à un miraculu o à una breve deviazione versu u mercatu di vinu u più vicinu.

Abluzioni rituali

Ghjuvanni riporta: «Ci era sei brocche d'acqua in petra, cum'è quelle aduprate da i Ghjudei per l'abluzioni prescritte, chì stavanu vicinu. E brocche cuntenianu trà ottanta è centu vinti litri ciascuna » (Ghjuvanni 2,6 Nova traduzzione di Ginevra). Per e so pratiche di pulizia, anu preferitu l'acqua da i contenitori di petra invece di i vasetti in ceramica altrimenti usati. Sta parte di a storia pare esse di grande impurtanza. Ghjesù era in traccia di trasfurmà certa acqua in vinu per i riti ebraichi di abluzione. Immaginate ciò chì sarebbe accadutu sì l'invitati avianu vulsutu lavà torna e mani. Avarianu circatu i vascelli d'acqua è truvavanu ognunu pienu di vinu! Ùn ci saria statu più acqua per u so ritu stessu. Cusì, u lavatu spirituale di i peccati attraversu u sangue di Ghjesù hà rimpiazzatu u lavatu rituale. Ghjesù fece questi riti è i rimpiazzò per qualcosa di assai megliu - ellu stessu.I servitori scumpressonu un pocu di vinu è u purtonu à u maestru, chì dopu disse à u sposu: "Ognunu dà u vinu bonu prima è, quand'elli sò briachi, menu ; ma avete ritenutu u bonu vinu finu à avà » (Ghjuvanni 2,10).

Perchè pensate chì Ghjuvanni hà arregistratu ste parolle? Cum'è cunsiglii per futuri banchetti o per mustrà chì Ghjesù pò fà vinu bonu? Innò, vogliu dì per via di u so significatu simbolicu. U vinu hè un simbulu per u so sangue versatu, chì provoca u perdonu di tutte e culpabilità di l'umanità. L'abluzioni rituali eranu solu un'ombra di u megliu chì avia da vene. Ghjesù hà purtatu qualcosa di novu è di megliu.

A pulizia di u tempiu

Per apprufundisce questu sughjettu, Ghjuvanni ci dice quì sottu cumu Ghjesù hà cacciatu i cummircianti da a corte di u tempiu. Rimette a storia in u cuntestu di u Ghjudaismu: "A Pasqua di i Ghjudei era vicinu, è Ghjesù cullò in Ghjerusalemme" (Ghjuvanni 2,13). Ghjesù truvò persone in u tempiu chì vendianu animali è scambiavanu soldi quì. Eranu animali chì eranu offerti da l'offerte da i credenti per u perdonu di i peccati è u soldu chì era adupratu per pagà l'impositi di u tempiu. Ghjesù hà attaccatu un semplice flagellu è cacciatu à tutti.

Hè surprisante chì un individuu hà sappiutu caccià tutti i cummercianti. Suppongo chì i trader sappianu chì ùn appartenenu micca quì è chì assai di a ghjente cumuna ùn li vulianu mancu quì. Ghjesù hà solu messu in pratica ciò chì a ghjente hà digià sentitu è ​​i cummircianti sapianu ch'elli eranu superati in numeru. Ghjiseppu Flaviu discrive altre prove di i capimachja ghjudei per cambià l'usi di u tempiu; in questi casi un tale critu s'arrizzò trà e persone chì i sforzi sò stati fermati. Ghjesù ùn avia nunda contr'à e persone chì vendianu animali per sacrificà o scambià soldi per offerte di tempiu. Ùn hà dettu nunda nant'à e spese di scambiu addebitate per questu. Ciò chì hà dinunziatu hè solu u locu sceltu per questu: «Hà fattu un flagellu da e corde è li hà cacciatu tutti à u tempiu cù e pecure è u bistiame, hà versatu i soldi à i cambiatori, hà tombu i tavuli è hà parlatu à quelli chì i culombi vinduti: Purtatelu è ùn trasfurmate micca a casa di babbu in un grande magazinu! " (Ghjuvanni 2,15: 16). Avianu fattu un affari prufittu da a fede.

I dirigenti ebrei di a fede ùn anu micca arrestatu à Ghjesù, sapianu chì a ghjente appruvava ciò ch'ellu avia fattu, ma li dumandavanu ciò chì li dava u dirittu di agisce cusì: «Chì tippu di segnu ci mostrate chì site permessu di fà quessa? ? Ghjesù li rispose è disse: Distrugge stu tempiu, è in trè ghjorni u susciteraghju " (Ghjuvanni 2,18: 19).

Ghjesù ùn li spiegò micca perchè u tempiu ùn hè micca u locu per stu tipu d'attività. Ghjesù hà parlatu di u so corpu stessu, chì i dirigenti ebrei ùn cunniscianu micca. Senza dubbitu anu pensatu chì a so risposta era ridicula, eppuru ùn l'anu micca arrestatu avà. A risurrezzione di Ghjesù mostra chì hè statu autorizatu à pulì u tempiu, è e so parolle anu digià indicatu a so imminente distruzzione.

«Dopu dicenu i Ghjudei: Stu tempiu hè statu custruitu in quarantasei anni, è u ferete cresce in trè ghjorni? Ma hà parlatu di u tempiu di u so corpu. Quand'ellu hè risuscitatu da i morti, i so discìpuli s'arricurdonu chì l'avia dettu, è cridianu e Scritture è a parolla chì Ghjesù avia dettu » (Ghjuvanni 2,20: 22).

Ghjesù hà messu fine à u sacrifiziu di u tempiu è à i rituali di purificazione, è i capimachja ghjudei l'anu aiutatu senza vulè, pruvendu à distrughjelu fisicamente. In trè ghjorni, tuttavia, tuttu da l'acqua à vinu è vinu à u so sangue duvia esse trasfurmatu simbolicamente - u ritu mortu duvia diventà l'ultima pozione di fede. Alzu u mo bichjeru à a gloria di Ghjesù, à u regnu di Diu.

di Ghjiseppu Tkach