Lazarus, vene!

A maiò parte di noi sapemu a storia: Ghjesù hà risuscitatu Làzaru da i morti. Hè statu un miraculu tremendu chì hà dimustratu chì Ghjesù hà u putere di alzà noi ancu trà i morti. Ma a storia cuntene di più, è Johannes include qualchi dettagli chì pò avè un significatu più profundo per noi oghje. Mi pregu chì si sparte un pocu di i mo pensamenti cun voi, ùn site micca inghjustizia in a storia.

Avvisu a manera chì Ghjuvanni conta sta storia: Làzaru ùn era micca solu un residente di Ghjudea - era u fratellu di Marta è Maria, a Maria chì hà amatu à Ghjesù tantu chì hà versatu un preziosu oliu d'unzione nantu à i so pedi. E surelle anu chjamatu Ghjesù: "Signore, vede, quellu chì amate hè malatu". (Johannes 11,1-3). Questu sona cum'è un gridu per aiutu per mè, ma Ghjesù ùn hè micca vinutu.

Un ritardu deliberatu

Sentite qualchì volta chì u Signore ritardi a so risposta? Certamente hè stata cusì per Maria è Marta, ma u ritardu ùn significa micca chì Ghjesù ùn ci piaci micca. Piuttostu, significa chì hà un pianu diversu in mente perchè pò vede qualcosa chì ùn pudemu micca. Si face chì quandu i messageri ghjùnsenu à Ghjesù, Làzaru era digià mortu. Tuttavia, Ghjesù hà dettu chì sta malatia ùn finisceria micca in morte. S’era sbagliatu? Innò, perchè Ghjesù pudia vede al di là di a morte è in questu casu sapia chì a morte ùn seria micca a fine di a storia. Sapia chì u scopu era di glurificà à Diu è à u Figliolu (v. 4). Ancu cusì, hà fattu pensà à i so discìpuli chì Làzaru ùn more micca. Ci hè una lezziò quì ancu per noi, perchè ùn capimu micca sempre ciò chì Ghjesù significa veramente.

Dui ghjorni dopu, Ghjesù hà surpresu i so discìpuli suggerenduli di turnà in Ghjudea. Ùn capìanu micca perchè Ghjesù vulia vultà in a zona di periculu, dunque Ghjesù rispose cun un enigmaticu cummentariu annantu à marchjà in a luce è l'iniziu di a bughjura (vv. 9-10). Tandu li disse chì duvia andà à alzà Làzaru.

I discìpuli parevanu abituati à a natura misteriosa di certi rimarche di Ghjesù è anu truvatu un scopu per uttene più infurmazioni. Anu signalatu chì u significatu literale ùn hà micca sensu. Se ellu dorme, svegliu nantu à ellu stessu, allora perchè avemu da risicà a nostra vita andendu ci?

Ghjesù hà dichjaratu: "Làzaru hè mortu" (v. 14). Ma hà ancu dettu: "Sò felice chì ùn eru micca quì". Perchè? "Chì pudete crede" (v. 15). Ghjesù faria un miraculu chì seria più maravigghiusu ch'è s'ellu avessi ghjustu impeditu a morte d'un omu malatu. Ma u miraculu ùn era micca solu di rende a vita à Làzaru - era ancu Ghjesù chì sapia ciò chì accadia à circa 30 chilometri di distanza è ciò chì li avia da accade in un futuru vicinu.

Hà avutu a luce chì ùn anu pussutu vede - è questa luce hà revelatu a so propria morte in Ghjudea - è a so propria risurrezzione. Era in cuntrullamentu tutale di avvenimenti. Puderia avè impeditu a cattura s'ellu vulia; puderebbe chjà u prucessu in una sola volta, ma ùn hà micca fattu. Hà decisu di fà ciò ch'è era ghjuntu per a terra.

L'omu chì hà datu a vita à i morti daria ancu a so vita à u pòpulu perchè avia putere nantu à a morte, ancu sopra a so propria morte. Hè ghjuntu à questa terra cum'è un omu mortale per chì puderia mori è ciò chì pareva una tragedia nantu à l'osservazione superficiale era in realtà per a nostra salvezza. Ùn vogliu finterà chì ogni tragedia chì succede hè in realtà pianificata o bona da Diu, ma crede chì Diu hè capace di fà u bè da e cose male è vede a realità chì ùn pudemu micca.

Sembra oltre a morte è cuntrola l'avvenimenti oghje micca menu di quellu - ma hè spessu invisibule per noi cum'è era per i discìpuli in Ghjuvanni 11. Ùn simu solu vedemu a grande stampa è a volte falemu in a bughjura. Avemu da fiducia in Diu per fà e cose cumu pensa megliu. A volte pudemu finalmente vede cumu e cose funzionanu per u megliu, ma spessu avemu solu per piglià a so parolla per questu.

Ghjesù è i so discìpuli andonu in Betania è amparonu chì Làzaru era statu in a tomba dapoi quattru ghjorni. I discorsi funerali eranu stati tenuti è u funerale era longu - è infine u duttore vene! Martha disse, forse cù un pocu di disperazione è ferita: "Signore, se tu fussi statu quì, u mo fratellu ùn seria micca mortu" (v. 21). Avemu chjamatu per voi uni pochi di ghjorni fà è se site ghjuntu tandu, Làzaru serebbe sempre vivu. Ma Martha hà avutu una luce di speranza - un pocu di luce: "Ma ancu avà sò: ciò chì dumandate à Diu chì ti demu à Diu" (v. 22). Forse hà pensatu chì era un pocu troppu arditu per dumandà una risurrezzione, ma ella insinua qualcosa. «Làzaru camperà torna», dicenu Ghjesù è Marta anu rispostu: «Sò bè ch'ellu serà risuscitatu» (ma aghju speratu un pocu nanzu). Ghjesù disse: "Hè bè, ma sapete chì sò a risurrezzione è a vita? Se credi in mè, ùn mureranu mai. Pensate chì u? " Marta hà dettu dopu in una di e dichjarazioni di fede più eccezionali in tutta a Bibbia: "Iè, a credu. Sì u Figliolu di Diu" (v. 27).

A vita è a risurrezzione ponu esse truvati solu in Cristu - ma pudemu crede oghje chì Ghjesù hà dettu? Pensemu veramente chì "quellu chì vive quì è crede in mè ùn mori mai?" Vulariu chì tutti possu capisce megliu questu, ma sacciu di sicuru chì in a risurrezzione averemu una vita chì ùn si finisce mai.

In questa età noi tutti moriri, cum'è Làzaru è Ghjesù "duverà alzà noi". Mortu, ma per noi chì ùn hè micca a fine di a storia, cumu ùn era micca a fine di a storia di Lazzaru. Marta si n'andò à chjappà Maria è Maria ghjunse à Ghjesù chiancennu. Ghjesù ha chianciatu ancu. Perchè hà chianciatu quandu ellu sapia chì Làzaru avissi da viverà di novu? Perchè Ghjuvanni hà scrittu questu quandu Ghjuvanni sapia chì a gioia era "à u circondu"? Ùn sò micca - Ùn sò micca sempre perchè piangu, ancu in occasioni felici.

Ma pensu chì a dichjarazione hè chì và bè chiancià in un funeral, ancu sì chì sapemu chì sta persona serà risuscitata à a vita immortale. Ghjesù hà prumessu chì ùn ne stessi mai morti, è ancora a morte esiste.

Hè sempre un nemicu, a morte in questu mondu hè sempre qualcosa chì ùn serà micca quellu chì serà in eternità. Ancu s'è a gioia eterna hè "intornu à u circondu", simu sempre sperimentati tempi di tristezza profonda, ancu s'è Ghjesù ci ama. Quandu chianciamu, Ghjesù plama cun noi. Pò vede a nostra tristezza in questa età, cum'ellu si pò vede l'alegria di l'avvene.

"Allevate a petra", disse Ghjesù, è Maria li disse: "Ci sarà un soffiu perchè hè mortu dapoi quattru ghjorni."

Ci hè qualcosa in a vostra vita chì puzza, qualcosa chì ùn vuleriamu micca chì Ghjesù espone "trascinendu a petra?" Ci hè forse qualcosa di simile in a vita di tutti, qualcosa chè no preferimu tene piattu, ma qualchì volta Ghjesù hà altri piani perchè sà cose chì ùn cunniscimu micca è duvemu solu fidacci. Allora lamponu a petra è Ghjesù pricò è dopu esclamò: "Làzaru, esci!" "È u mortu hè surtitu", ci dice Johannes - ma ùn era micca veramente mortu. Era ligatu cù panni tombi cum'è un mortu, ma si n'andò. "Allentà i so ligami", disse Ghjesù, "è lascialu andà!" (Vv. 43-44).

A chjama di Ghjesù passa ancu à u mortu spirituale oghje è alcuni sentenu a so voce è surtenu da e so tombe - venenu da u soffice, surtenu di a mente egoista chì porta à a morte. È chì avete bisognu? Avete bisognu à qualchissia per aiutà ti lascià i vostri fucili, sbarcate da i vechji modi di pensà chì sò cusì faciuli per noi. Hè unu di i compiti di a chjesa. Aiutemu e persone à rumpulà a petra, ancu s'ellu ci hè una durezza, è aiutemu à e persone chì rispondenu à a chjama di Ghjesù.

Sentite u chjamu di Ghjesù per vene à ellu? Hè ora di esce da a vostra "fossa". Sapete chì qualchissia Ghjesù chjama? Hè tempu di aiutà à turnà à a so petra. Ci hè qualcosa di pensà.

di Ghjiseppu Tkach


in pdfLazarus, vene!