Chì hè a salvazione?

293 chì hè a salvezza Perchè campu A mo vita hà un scopu? Chì ne serà di mè quandu morgu? Dumande di basa chì tutti si sò forse fatti prima. Dumande à chì vi daremu una risposta quì, una risposta chì duverebbe mustrà: Iè, a vita hà un significatu; iè, ci hè a vita dopu a morte. Nunda ùn hè più sicuru cà a morte. Un ghjornu avemu a nutizia temuta chì un amatu hè mortu. Di colpu ci ramenta chì ancu noi duvemu more da dumane, l'annu prossimu o da mezu seculu. A paura di more hà spintu parechji, per esempiu, u cunquistadore Ponce de Leon à circà a funtana legendaria di a ghjuventù. Ma u segadore ùn pò esse alluntanatu. A morte vene à tutti. 

Oghje assai speranza per estensione è mellora di a vita scientifica è tecnica. Chì sensazione se i scientifichi anu sappiutu scopre meccanismi biologichi chì puderanu ritardà o forse ancu frenà l'anziane! Saria a nutizia più grande è entusiasta di a storia mundiale.

Tuttavia, ancu in u nostru mondu super-tech, a maiò parte di e persone si capiscenu chì questu hè un sognu inattenibile. Parechji, dunque, si appicchinu a speranza di surviglià dopu à a morte. Forsi sì unu di quelli chì speranu. Ùn saria micca maraviglioso se a vita umana fussi veramente sottumessa à alcun grande scopu? Un destinatu chì include a vita eterna? Sta speranza hè in u pianu di salvezza di Diu.

In fattu, Diu intende di dà a vita eterna à e persone. Diu, chì ùn mince micca, l'apostulu Paulu scrive, hà prumessu a speranza di a vita eterna ... (Titu 1: 2).

Altrò scrive chì Diu vole chì tutte e persone esse salvate è venenu à cunnosce a verità (1 Timoteu 2: 4, traduzzione da u scontru). Attraversu l'evangelu di salvezza, predicatu da Ghjesù Cristu, a grazia curativa di Diu era apparsu à tutte e persone (Titu 2: 11).

Mandatu à morte

U peccatu hè ghjuntu in u mondu in u Giardinu di l'Eden. Adamu è Eva anu peccatu, è i so discendenti anu fattu u listessu. In i Rumani 3 Paulu spiega chì tutte e persone sò peccate.

  • Ùn ci hè nimu chì hè giustu (Verse 10)
  • Ùn ci hè nimu chì dumanda di Diu (Verse 11)
  • Ùn ci hè nimu chì face u bonu (Verse 12)
  • Ùn ci hè teme di Diu (Verse 18).

... sò tutti i peccatori è mancanu a gloria chì duveranu cù Diu, dice Paul (Verse 23). Elenca i maletti chì risultanu di a nostra incapacità di superare u peccatu - cumprese l'invidia, l'assassiniu, l'immoralità sessuale è a viulenza (Rumani 1: 29-31).

L'apostulu Petru parla di questi debuli umani cum'è desideri carnali chì luttanu contru l'ànima (1 Petru 2:11); Paulu li parla di elli cum'è passioni peccatrici (Rumani 7:5). Iddu dice chì l'omu vive sicondu a natura di stu mondu è prova à cumpiendu a vuluntà di a carne è i sensi (Efesini 2: 2-3). Ancu u megliu esame è pensamentu umanu ùn face micca ghjustizia à ciò chì hè chjamatu ghjustizia in a Bibbia.

A lege di Diu define u peccatu

Ciò chì u peccatu significa, ciò chì significa contravistà a vuluntà di Diu, pò esse definitu solu nantu à u sfondate di a lege divina. A lege di Diu riflette u caratteru di Diu. Stabilisce e norme per u cumpurtamentu umanu senza peccatu. ... u salariu di u peccatu, scrive Paulu, hè a morte (Rumani 6:23). Questa cumminazione chì u peccatu implica a pena di morte hà cuminciatu cù i nostri primi parenti Adamu è Eva. Paulu ci dice: ... appena u peccatu hè ghjuntu in u mondu à traversu un omu [Adam] è a morte per mezu di u peccatu, cusì a morte hè ghjunta à tutte e persone perchè tutti anu peccatu (Rumani 5:12).

Diu solu ci pò salvà

I salari, u casticu per u peccatu hè a morte, è tutti ne meritemu perchè tutti avemu peccatu. Ùn ci hè nunda chì pudemu fà per noi stessi per evità una certa morte. Ùn pudemu micca agisce cù Diu. Ùn avemu nunda chì pudemu offre à ellu. Ancu i boni opere ùn ponu salvà micca di u nostru destinu cumunu. Nunda chì pudemu fà per noi stessi pò cambià a nostra imperfezione spirituale.

Una situazione dilicata, ma d'altra parte avemu una certa, certa speranza. Paulu hà scrittu à i Rumani chì l'umanità hè sottumessa à impermanenza senza a so vulintà, ma per mezu di quellu chì l'ha sottumessa, ma per sperà (Rumani 8:20).

Diu ci salverà da noi stessi. Chì bona nutizia! Paul aghjusta: ... ancu per a creazione serà liberata da a servitù di l'impermanenza à a gloriosa libertà di i figlioli di Diu. (Verse 21). Videmu issa pruspettiva di a prumessa di salvezza di Diu.

Cristu ci cuncilia cù Diu

U pianu di Diu per a salvezza era stabilitu ancu prima di l'umanità hè stata creata. Dapoi u principiu di u mondu, Ghjesù Cristu, u Figliolu di Diu, era l'agnellu sacrificadore sceltu (Revelazione 13:8). Petru dichjara chì u Cristianu serà redimituu cù u sangue caru di Cristu, chì hè statu sceltu prima di u mondu pusatu (1 Petru 1: 18-20)

Diu descrive a decisione di Diu per furnisce una offerta di u peccatu cum'è un scopu eternu chì Diu hà realizatu in Cristu Ghjesù u nostru Signore (Efesini 3:11). In i tempi chì vene, Diu vulia ... mostrà a ricchezza esuberante di a so grazia à traversu a so bè à noi in Cristu Ghjesù (Efesini 2:7).

Ghjesù di Nazaret, incarnatu à Diu, hè vinutu è campatu trà noi (Ghjuvanni 1:14). Si pigliò l'umanità è hà spartu i nostri bisogni è preoccupazioni. Hè statu pruvatu cum'è noi, ma restava senza peccatu (Ebrei 4:15). Eppuru chì era perfettu è peccatu, hà sacrificatu a so vita per i nostri peccati.

Amparemu chì Ghjesù mette a nostra nota spirituale in croce (Colossiani 2:13 à 14). Hà redimitu u nostru contu di peccatu per pudemu campà. Ghjesù hè mortu per salvà noi!
U mutivu di Diu per l'inviu di Ghjesù hè spressu succinamente in unu di i versi biblichi più cunnisciuti in u mondu cristianu: perchè Diu hà amatu cusì u mondu chì hà datu u solu figliolu per chì tutti quelli chì credenu in ellu ùn si ne perde, ma piuttostu a vita eterna avè (Ghjuvanni 3:16)

L'attu di Ghjesù ci salva

Diu hà mandatu à Ghjesù in u mondu per salvà u mondu per ellu (Ghjuvanni 3:17). A nostra salvezza hè pussibile solu per mezu di Ghjesù. ... in nisun altru hè a salvezza, nè ci hè un altru nome sottu u celu datu à l'omi per mezu di u quale simu da esse salvati (Atti 4:12).

In u pianu di salvezza di Diu, deve esse ghjustificatu è cunciliatu cù Diu. A ghjustificazione va assai oltre u semplice perdonu di i peccati (chì hè inclusa, però). Diu ci salva da u peccatu è, per mezu di a putenza di u Spìritu Santu, ci permette di cunfidassi in ellu, di ubbidì à ellu è di amallu.
U sacrifiziu di Ghjesù hè una espressione di a grazia di Diu chì redime i peccati di una persona è abolisce a pena di morte. Paulu scrive chì a ghjustizia di unu hè ghjustificazione per tutti i populi (da a grazia di Diu) chì porta à a vita (Rumani 5:18).

Senza u sacrifiziu di Ghjesù è a grazia di Diu, restemu in a serva di u peccatu. Tutti semu peccatori, affruntemu tutti a pena di morte. U peccatu ci separa da Diu. Crea un muru trà Diu è noi chì deve esse tombatu da a so grazia.

Cume u peccatu hè cundannatu

U pianu di Diu per a salvezza esige chì u peccatu sia cundannatu. Leghjemu: Mandendu u so figliolu in forma di a carne peccativa ... [Diu] hà cundannatu u peccatu in a carne (Rumani 8:3). Questa dannazione hà parechje dimensioni. À u principiu ci era a nostra inevitabbile punizione per u peccatu, a sentenza à morte eterna. Questa sentenza di morte puderia esse cundannata o annullata solu per via di un'offerta di peccatu tutale. Hè ciò chì hà fattu chì Ghjesù murissi.

Pàulu hà scrittu à l'Efesini chì sò stati purtati à a vita cun Cristu quandu sò morti in peccati (Efesini 2:5). Allora una sintenza core, à traversu a quale diventa chjaru cumu pudemu avè a salvezza: ... avete statu salvatu da a grazia ...; a salvezza vene solu da a grazia.

Eramu una volta, per mezu di u peccatu, quant'è morti, sì sempre vivi in ​​carne. Quellu chì hè statu ghjustificatu da Diu hè sempre sottumessu à a morte carnale, ma hè potenzialmente digià eternu.

Paulu ci dice in Efesini 2: 8: Per grazia vi sò stati salvati da a fede, è micca da voi: u donu di Diu hè ... significa esse cunciliatu cù Diu. U peccatu crea alienazione trà noi è Diu. A ghjustificazione elimina questa alienazione è ci porta à una relazione stretta cù Diu. Allora simu salvati da e terribili cunsequenze di u peccatu. Semu salvu da un mondu chì hè incarceratu. Partemu ... in a natura divina è avemu scappatu ... u desideriu pernicu di u mondu (2 Petru 1:4)

Di e persone chì anu una tale relazione cù Diu, Paulu dice: Avà chì avemu statu ghjustificatu da a fede, avemu a pace cun Diu dm-eh u nostru Signore
Ghjesù Cristu ... (Rumani 5:1).

Cusì u Cristianu ora vive sottu a grazia, micca ancora sicuru da u peccatu, ma hà continuamente purtatu à u pentimentu da u Spìritu Santu. Ghjuvanni scrive: Ma se cunfessu i nostri peccati, hè fedele è solu chì ellu ci perdona i nostri peccati è ci purifica di tutte l'injustizie (1 Ghjuvanni 1:9).

Cum'è cristiani, ùn averemu micca più un attitudinu abbitativamente peccatu. Piuttostu, darete u fruttu di u spiritu divinu in a nostra vita (Galatini 5: 22-23).

Paulu scrive: Perchè simu u so travagliu, creatu in Cristu Ghjesù per e boni opere ... (Efesini 2: 1 0). Ùn pudemu micca ghjustificà per via di boni opere. L'omu hè ghjustificatu ... per crede in Cristu è micca in l'opere di a lege (Galatti 2:16).

Facemu ghjustizia ... senza l'opere di a lege, solu per a fede (Rumani 3:28). Ma sè andemu a strada di Diu, circheremu ancu di piacevulu. Ùn simu salvati da e nostre opere, ma Diu hà datu a salvezza per chì pudemu fà e boni opere.

Ùn pudemu micca guadagnà a grazia di Diu. Iddu ci duna. A salvezza ùn hè micca qualcosa chì pudemu travaglià per via di pratiche di autobus o opere religiose. U favore di Diu è a misericordia sempre restanu indesperata.

Paulu scrive chì a ghjustificazione deriva da a bondà di Diu è l'amore per e persone (Titu 3: 4). Ùn vene micca per l'opere di ghjustizia chì avemu fattu, ma per a so misericòrdia (Verse 5).

Diventate figliolu di Diu

Una volta Diu hà chjamatu noi è avemu seguitu a chjamata cù fede è fiducia, Diu ci fa i so figlioli. Quì Paulu usa l'adopzione cum'è un esempiu per descriverà l'attu di grazia di Diu: Ricevemu un spiritu zitellu (folla-trasl .: Spìritu di filatura] ... da quale chjamemu: Abba, caru babbu! (Rumani 8:15). In questu modu noi diventemu figlioli di Diu è dunque eredi, à dì l'eredi di Diu è l'eredei cumuni di Cristu (Versi 16-17).

Prima di riceve a grazia, eramu in a serva di i putenzi di u mondu (Galatti 4:3). Ghjesù ci redimisce in modu chì pudemu riceve a zitiddina (Verse 5). Paulu dice: Perchè sìte zitelli ora ... ùn site più un schiavu ma un zitellu; ma se figliolu, allora l'eredità per mezu di Diu (Versi 6-7). Quissa hè una prumessa incredibile. Pudemu diventà figlioli aduttati di Diu è eredità a vita eterna. A parolla greca per a zitiddina in Rumani 8:15 è in Galatini 4: 5 hè huiothesia. Paulu usa questu termine in modu speziale chì riflette a pratica di u dirittu rumanu. In u mondu rumanu in chì i so lettori vivianu, l'adopzione di i zitelli hà avutu un significatu speciale chì ùn hà micca sempre avutu trà i populi sottumessi à Roma.

In u mondu Rumanu è Grecu, l'adopzione era una pratica cumuna trà e classi suciali superiore. U zitellu aduttatu hè statu sceltu individualmente da a famiglia. I diritti legali sò stati trasferiti à u zitellu. Era utilizata cum'è eredi.

Sì avè statu aduttatu da una famiglia Rumana, a nova relazione familiale era legale. L'adopzione ùn solu hà purtatu obblighi, ma ancu trasferì i diritti di a famiglia. L'adopzione in nome di u zitellu era quarchi cosa finale, a transizione à a nova famiglia era cusì vinkante chì u zitellu aduttatu hè statu trattatu cum'è un zitellu biologicu. Siccomu Diu hè eternu, i cristiani Rumani anu certamente capitu chì Paulu vulia dì quì: U vostru postu in a casa di Diu hè per sempre.

Diu sceglie adotta noi apposta è individualmente. Ghjesù esprime sta nova relazione cun Diu, chì avemu da guadagnà per questu, cun un altru simbulu: in conversazione cù Nicodemu dice chì ci vole à nasce di novu (Ghjuvanni 3:3).

Questu face di noi figlioli di Diu. Ghjuvanni ci dice: Vedi chì amore ci hà mostratu u Babbu chì duvemu esse chjamati figlioli di Diu è simu ancu noi! Hè per quessa chì u mondu ùn ci cunnosce; perchè ella ùn lu cunnosce. Cari cari, simu dighjà figlioli di Diu; ma ùn hè ancu statu palisatu ciò chì seremu. Ma sapemu chì quandu serà rivelatu, seremu cum'è; perchè u videremu cum'ellu hè (1 Ghjuvanni 3: 1-2).

Da a mortalità à l'immortalità

Allora semu figlioli di Diu, ma micca ancora glurificatu. U nostru corpu attuale deve esse cambiatu se vulemu avè a vita eterna. U corpu fisicu, in decadenza, deve esse rimpiazzatu da un corpu chì hè eternu è imperishabile.

In 1 Corinzi 15 Paul scrive: Ma qualchissia puderia dumandà: Cumu sarà resuscitatu i morti è cun quale tipu di corpu vinarà? (Verse 35). U nostru corpu attuale hè fisicu, hè a polvera (Versi 42 à 49). Carne è sangue ùn ponu micca eredità u regnu di Diu, chì hè spirituale è eternu (Verse 50). Perchè sta decadenza deve attrarà l'incurruptibilità, è questu mortale deve attrae l'immortalità (Verse 53).

Questa trasfurmazione finali ùn si svolge finu à a risurrezzione, quandu Ghjesù torna. Paulu spiega: Aspettemu u Salvatore, u Signore Ghjesù Cristu, chì trasfurmerà u nostru corpu vanu, chì diventerà u so corpu glurificatu (Filippini 3:20 à 21). U cristianu chì hà fiducia è ubbidisce à Diu hà digià diritti civili in celu. Ma solu hà realizatu quandu Cristu hè tornatu novu
questu hè finale; tandu solu u Cristianu eredite l'immortalità è a pienezza di u Regnu di Diu.

Cume grati pudemu esse chì Diu hà fattu adattà per eredità i santi in a luce (Colossiani 1: 12). Diu hà salvatu da u putere di a bughjura è hà messu in u regnu di u so caru figliolu (Verse 13).

Una nova criatura

Quelli chì sò stati accettati in u regnu di Diu ponu gode di l'eredità di i santi in a luce quant'elli continuanu à fiducia è ubbidendu à Diu. Perchè simu salvati da grazia di Diu, in a so vista salvezza hè cumpletu è cumpletu.

Paulu spiega: Se qualchissia hè in Cristu, hè una criatura nova; u vechju hè passatu, eccu, u novu hè diventatu (2 Corintini 5:17). Diu hà segellatu è in i nostri cori cum'è
Impegnu datu u spiritu (2 Corintini 1:22). A persona cunvertita, devota hè digià una nova criatura.

Quellu chì hè sottu grazia hè digià un figliolu di Diu. Diu dà à e persone chì credenu in u so nome u putere di diventà figlioli di Diu (Ghjuvanni 1:12).

Paulu discrive i rigali è e chiama di Diu cum'è irrevucabili (Rumani 11:29, traduzzione di folla). Dunque puderia ancu dì: ... Sò sicuru chì quellu chì hà iniziatu u bonu travagliu in voi a finiscerà ancu finu à u ghjornu di Cristu Ghjesù (Filippini 1:6).

Pò chì l'omu à quale Diu hà datu a grazia di tantu in tantu stumbasse: Diu resta fedele à ellu. A storia di u figliolu pródigo (Luca 15) mostra chì u sceltu è chjamatu di Diu sò sempre i so figlioli ancu in casu di sbagli. Diu hà aspettatu chì i straggiatori anu da entra è vultèndulu in ellu. Ùn vole micca ghjudicà a ghjente, vole salvà.

U figliolu prodigiu in a Bibbia era veramente autocuscente. Disse: Quanti travagliatori hà u mo babbu chì anu u pane in abbundanza è chì aghju da patene quì in a fame! (Luca 15:17). U puntu hè chjaru. Quandu u figliolu pruvendu hà capitu in la stupidità di e so azioni, si pentì è vultò. U babbu u pardunò. Cum'è Ghjesù dice: Ma quand'ellu era sempre un bellu luntanu, u babbu u vidì è gemì; curriò e si lampò intornu à u collu è l’hà accazzatu (Luca 15:20). A storia illustra a fedeltà di Diu in i so figlioli.

U figliolu hà dimustratu umilità è fiducia, hè rimpiazzatu. Ellu disse: Babbu, aghju peccatu contru à u celu è davanti à voi; Ùn sò più degnu d'esse chjamatu u to figliolu (Luca 15:21).

Eppuru u babbu ùn vulia micca parlà di a so festa è era organizatu una festa per l'omu chì vultò. Disse chì u mo figliolu hè mortu è hè tornatu à a vita; era persu è truvatu (Verse 32).

Se Diu ci salva, seremu i so figlioli per sempre. Hà cuntinuà à travaglià cun noi finu à chì simu pienamente uniti cun ellu in a risurrezzione.

U donu di a vita eterna

Per a so grazia, Diu ci dà e più promesse più caru è più grande (2 Petru 1:4) Per mezu d’elli ottenemu una parte… in a natura divina. U sicretu di a grazia di Diu hè in
una speranza vivente per a risurrezzione di Ghjesù Cristu da i morti (1 Petru 1:3) Sta speranza hè un ereditariu imperishabile chì hè guardatu per noi in u celu (Verse 4). Attualmente simu sempre salvati da u putere di Diu per via di a fede ... à a beata chì hè pronta à esse rivelata in l'ultimu mumentu (Verse 5).

U pianu di Diu per a salvezza serà finalmente realizatu cù a seconda venuta di Ghjesù è a risurrezzione di i morti. Allora si trova a trasfurmazione mintuata da mortali à immortali. L'apòstulu Ghjuvanni dice: Ma sapemu: se diventa apparente, serebbe cum'è ellu; perchè u vedaremu cum'è ellu (1 Ghjuvanni 3:2).

A risurrezzione di Cristu guarantisce chì Diu hà da riscattà a prumessa per noi risurrezzione da i morti. Vede, vi dicu un secretu, scrive Paulu. Ùn seremu micca tutti addurmintati, ma seremu tutti cambiati; è di colpu, in un mumentu ... i morti risusciteranu imperissibili è seremu cambiati (1 Corintini 15: 51-52). Questa succede à u sonu di l'ultima tromba, ghjustu prima di Ghjesù torna (Revelazione 11:15).

Ghjesù prumetti chì quellu chì crede in ellu riesce a vita eterna; L'incorrerà fin'à l'ultimu ghjornu, prumette (Ghjuvanni 6:40).

L'apostolu Paulu spiega: Perchè se credimu chì Ghjesù hè mortu è resuscitatu di novu, Diu ancu guidarà quelli chì si sò addurmintati cun ellu per mezu di Ghjesù (1 Tessaloniciani 4:14). In novu u tempu di a seconda venuta di Cristu hè significatu. Paulu cuntinua: Per ellu stessu, u Signore, quandu u cumandamentu hè assicuratu ... falà da u celu ... è prima, i morti chì sò morti in Cristu sarà risuscitatu. (Verse 16). Allora quelli chì sò ancu vivu à u ritornu di Cristu saranu chjappi cun elli nantu à i nuvuli in l'aria, versu u Signore; è cusì seremu sempre cun u Signore (Verse 17).

Paulu dumanda à i cristiani: Dunque cunfortu cun queste parole (Verse 18). E cun bona raggiuni. A risurrezzione hè u momentu quandu quelli chì sò sottumessi à grazia otturanu l'immortalità.

A ricompensa vene cun Ghjesù

E parolle di Paulu sò digià citate: Perchè a grazia curativa di Diu hè apparsu à tutte e persone (Titu 2: 11). Questa salvezza hè a speranza beata chì hè redimitata quandu si vede a gloria di u grande Diu è u nostru Salvatore Ghjesù Cristu (Verse 13).

A risurrezzione hè sempre in l'avvene. L'aspettemu, speremu cum'è Paul hà fattu. Versu a fine di a so vita hà dettu: ... hè ghjuntu u mumentu di a mo morte (2 Timoteu 4: 6). Ellu sapia chì era rimessu fideli à Diu. Aghju luttatu per a bona lotta, aghju finitu a cursa, tene a fede ...  (Verse 7). Aspettava cun impazienza a so ricumpensa: ... d'ora in poi a corona di a ghjustizia hè pronta per mè, chì u Signore, u ghjudice ghjustu, mi darà quellu ghjornu, ma micca solu per mè, ma ancu per tutti quelli chì amanu u so aspettu (Verse 8).

À questu tempu, Paul dice, Ghjesù trasfurmerà u nostru corpu vanu ... chì diventerà u so corpu glurificatu (Filippini 3:21). Una trasfurmazione rializata da Diu, chì hà risuscitatu Cristu trà i morti è hà da ancu piglià à a vostra vita i vostri corpi mortali attraversu u so spiritu, chì abita in tè (Rumani 8:11).

U significatu di a nostra vita

Sì noi sò figlioli di Diu, ci seremu focu a nostra vita interamente à Ghjesù Cristu. A nostra pusizione deve esse quella di Paulu, chì hà dettu chì ellu cunsidereghja a so vita passata di esse filata per chì possu vince à Cristu ... Vogliu cunnosce ellu è u putere di a so risurrezzione. (Filippini 3: 8, 10).

Paulu sapia ch'ellu ùn avia ancu uttinutu stu scopu. Mi scurdate di ciò chì hè daretu è ghjunghje per quellu chì ci hè è perseguite dopu u scopu predefinitu, u premiu di a chjama celestica di Diu in Cristu Ghjesù (Versi 13-14).

Stu premiu di vittoria hè a vita eterna. Quellu chì accetta à Diu cum'è u so babbu è l'amore, crede in ellu è viaghja u so caminu, viverà per sempre in a gloria di Diu (1 Petru 5: 1 0). In Revelazione 21: 6-7 Diu ci dice quale hè u nostru destinu: Daraghju i soiu da a fonte di acqua viva gratuitamente. Quellu chì viderà ereditarà tuttu, è seraghju u so Diu, è ellu sarà u mo figliolu.

Brochure di a Chjesa di Diu Mundiale 1993


in pdfChì hè a salvazione?