A benedizzione di Ghjesù

093 benedizioni di Ghjesù

Spessu quandu viaghju mi ​​dumandanu di parlà à i servizii di a chjesa di Grace Communion International, cunferenze è riunioni di u cunsigliu. A volte mi dumandanu ancu di dà a benedizione finale. Tandu spessu falaghju nantu à a benedizzione di Aaron, ch'ellu hà datu à i figlioli d'Israele (in l'annu dopu a so fuga da l'Egittu è assai prima di a so entrata in a Terra Promessa) in u desertu. À quellu tempu, Diu hà amparatu à Israele cumu si tene a lege. A ghjente era instabile è piuttostu passiva (Dopu tuttu, eranu stati schiavi tutta a so vita!). Probabilmente anu pensatu: "Diu ci hà purtatu fora d'Egittu per mezu à u Mari Rossu è ci hà datu a so lege. Ma avà simu quì, girandulemu sempre in u desertu. Chì vene? " Ma Diu ùn hà micca rispostu palisendu li in dettu u so pianu per elli. Invece, hà incuraghjitu à guardallu cun fede:

È u Signore hà parlatu à Mosè, dicendu: Dite à Aaron è à i so figlioli, è dite: Eccu ciò chì dite à l'Israele quandu li benedite: U Signore ti benedica è vi guarda; u Signore face lampà u so visu nantu à tè è ti face gràzia; u Signore alza u so visu nantu à tè è ti dà pace (Genesi 4:6,22)

Pudu vede à Aaron chì stà davanti à i figlioli amati di Diu cù e so bracce stese è dicendu sta benedizzione. Chì onore deve esse statu per ellu di dà li benedizioni di u Signore. Cum'è sò sicuru chì sapete, Aaron era u primu sommu sacrificadore di a tribù levita:

Ma Aaron hè statu messu da parte per santificà ciò chì hè più santu, ellu è i so figlioli per sempre, per sacrificà davanti à u Signore, è per serve è benedì in nome di u Signore per sempre (1.Chr. 23,13).

A donazione di una benedizione hè stata un attu di lode più riverente, in u cuntestu di u quale Diu hè statu presentatu à u so pòpulu per incuragisce - quì durante u duru esodu da l'Egittu à a Terra Promessa. Sta benedizzione sacerdotale facia riferenza à u nome di Diu è a benedizzione chì u so pòpulu pudessi campà in l'assicuranza di a gràzia è a pruvidenza di u Signore.

Ancu se sta benedizzione hè stata data prima di tuttu à un populu stancu è scuragitu in u so viaghju per u desertu, possu ancu vede a so riferenza per noi oghje. Ci sò i tempi chì, sintendu chì girandulemu à l'azardu, guardemu ancu incerti in l'avvene. Dopu avemu bisognu di parolle di incuragimentu chì ci ramentanu chì Diu ci hà benedettu è cuntinueghja à sparghje a so manu prutettiva nantu à noi. Duvemu ramintà à noi stessi chì face lampà u so visu nantu à noi, hè pietosu di noi è ci dà a so pace. Soprattuttu, però, ùn duvemu micca scurdà chì per amore ci hà mandatu u so Figliolu Ghjesù Cristu - u grande è ultimu suvranu sacrificadore chì ellu stessu cumple a benedizzione d'Arone.

Settimana Santa (chjamata dinò a Settimana di a Passione) principia circa una settimana cù a Dumenica di e Palme (arricurdendusi di l'entrata trionfante di Ghjesù in Ghjerusalemme), seguitata da Ghjovi Maghju (in memoria di l'Ultima Cena), Vennari Santu (quellu ghjornu di u ricordu, chì ci mostra a buntà di Diu mostrata à noi, chì hè stata rivelata in u più grande di tutti i sacrifici) è u Sabatu Santu (arricurdendusi di l'interru di Ghjesù). Dopu vene l'ottesimu ghjornu, chì supraneghja tuttu - Dumenica di Pasqua, quandu celebremu a risurrezzione di u nostru gran suvranu sacrificadore Ghjesù, u Figliolu di Diu. (Ebrei 4,14) Questa ora di l'annu ci ramenta fermamente chì simu benedetti per sempre "cù tutte e benedizioni spirituali in u celu per mezu di Cristu" (Efesimi 1,3).

Ié, sperimentemu tutti tempi di incertezza. Ma pudemu restà tranquilli sapendu cumu meravigliosamente Diu ci hà benedettu in Cristu. U nome di Diu prepara a strada per u mondu cum'è un fiume putente chì si move, chì l'acqua scorre da a so surgente à luntanu in u paese. Ancu se ùn vedemu micca sta preparazione in tuttu u so puntu, simu cun riverenza cunnosce ciò chì ci hè in realtà rivelatu. Diu ci benedica veramente. A Settimana Santa hè un ricordu enfaticu di questu.

Mentre u populu d'Israele hà intesu a benedizzione sacerdotale d'Aaron è senza dubbiu si hè sentitu incuragitu da questu, si sò prestu dimenticati di e prumesse di Diu. Questu hè in parte dovutu à i limiti, ancu i punti debuli, di u sacerdoziu umanu. Ancu i migliori è i più preti fideli in Israele eranu solu murtali. Ma Diu aspittava cun qualcosa di megliu (un megliu sommu prete). A Lettera à l'Ebrei ci ramenta chì Ghjesù, chì hè sempre vivu, hè u nostru sommu sacrificadore permanente:

Dunque pò ancu salvà per sempre quelli chì venenu à Diu per ellu, perchè ellu vive sempre per difendesi. Un sommu prete cusì era ancu adattu per noi: quellu chì hè santu, innocente è senza manghjà, separatu da i piccatori è più altu di u celu [...] (Ebr. 7, 25-26; Bibbia di Zurich).

L'imaghjina di Aaron chì stende e so bracce annantu à Israele in benedizzione ci riferisce à un sommu sacrificadore ancu più grande, Ghjesù Cristu. A benedizzione chì Ghjesù dà à u pòpulu di Diu va ben al di là di a benedizione d'Aaron (hè più cumpletu, più putente è più persunale):

Puderaghju e mo leggi in a so mente è li scriveraghju in u so core è saraghju u so Diu è saranu u mo pòpulu. È nimu ùn amparerà à u so citatinu è à nimu à u so fratellu cù e parolle: Cunnosce u Signore! Perchè tutti mi cunnisceranu, da u più chjucu à u più grande. Perchè vogliu trattà i so atti inghjusti cun grazia è ùn ricordu più i so piccati (Ebrei 8,10: 12; Bibbia di Zurich).

Ghjesù, u Figliolu di Diu, parla una benedizione di u perdonu chì ci riconcilierà cun Diu è ristabilirà a nostra relazione rotta cun ellu. Hè una benedizzione chì purtarà cambiamenti in noi chì ghjunghjenu in u nostru core è in a nostra mente. Ella ci alza à a più intima fedeltà è fraternità cù l'Onniputente. Per mezu di u Figliolu di Diu, u nostru fratellu, sapemu chì Diu hè u nostru Babbu. Per mezu di u so Spìritu Santu diventemu i so figlioli benamati.

Mentre pensu à a Settimana Santa, un altru mutivu mi vene in mente perchè sta benedizzione hè cusì impurtante per noi. Quandu Ghjesù hè mortu nantu à a croce, e so bracce eranu stese. A so preziosa vita, data cum'è sacrifiziu per noi, era una benedizzione, una benedizione eterna chì riposa nantu à u mondu. Ghjesù hà dumandatu à u Babbu di perdunacci in tuttu u nostru peccatu, po hè mortu per pudè campà.

Dopu a so risurrezzione è pocu prima di a so ascensione, Ghjesù hà datu una altra benedizione:
È i purtò fora finu à Betania, alzò e mani è li benedisse; è accadde, mentre li benedicava, chì si separò da elli è cullò in celu. Ma l'anu veneratu è vultonu in Ghjerusalemme cun grande gioia (Luke 24,50-52).

In sostanza, Ghjesù disse à i so discìpuli, allora è avà: "Eiu stessu ti benediscu è ti tengu, vi facciu lampà a faccia è ti aghju gràzia; Alzu a mo faccia à voi è vi dò a pace ".

Pudemu cuntinuà à campà sottu à e benedizioni di u nostru Signore è Salvatore, qualunque sia l'incertezza chì pudemu incontrà.

Vi salutu cù un sguardu fidu à Ghjesù,

Ghjiseppu Tkach
U presidente GRACE COMMUNION INTERNATIONAL


in pdfA benedizzione di Ghjesù