Ghjesù hà risuscitatu, hè vivu

603 Ghjesù hè risuscitatu ch'ellu hè vivu Dapoi u principiu, a vuluntà di Diu era per l'omu di sceglie l'arbulu chì u fruttu li dà a vita. Diu vulia unisce à u spiritu di l'omu per via di u so Spìritu Santu. Adamu è Eva rifiutonu a vita cun Diu perchè anu cridutu a minzogna di Satana senza avè una vita megliu senza a ghjustizia di Diu. Cum'è u discendenti di Adam, avemu ereditatu a culpabilità di u peccatu da ellu. Senza una relazione persunale cù Diu, nasce spirituali morti è deve mori à a fine di a nostra vita per via di u nostru peccatu. A cunniscenza di u bè è di u male ci porta annantu à u percorsu autudrittu di l'indipendenza di Diu è ci porta a morte. Se lasciemu u Spìritu Santu guidà, ricunniscemu a nostra propria culpabilità è a nostra natura peccadora. U risultatu di questu hè chì avemu bisognu di aiutu. Questa hè a prerequisita per u nostru prossimu passu:

"Semu stati cunciliate cù Diu per a morte di u figliolu quandu eramu ancora i so nemici" (Rumani 5,10 Bibbia di a Nova Vita). Ghjesù ci ha cunciliatu à Diu per via di a so morte. Parechji cristiani si piantanu in questu fattu. Li trovanu difficiule di vive una vita chì currisponde à Cristu perchè ùn capiscenu micca a seconda parte di u versu:

«Allora, sopratuttu avà chì simu diventati amichi, seremu salvati da a vita di Cristu» (Rumani 5,10 Bibbia di a Nova Vita). Chì significa chì sia salvatu da a vita di Cristu? Quellu chì appartene à Cristu hè statu crucifissu, mortu è enterratu cun ellu è ùn pò più fà nunda nantu à ellu stessu. Cristu hà risuscitatu per farì a so vita cù a ghjente chì morse cun ellu. Si ripiglia a vita di Ghjesù per a vostra salvezza cume a cunciliazione, dunque Ghjesù hà risuscitatu a nova vita in voi. Per mezu di a fede di Ghjesù cun quale sì d'accordu, Ghjesù vive a so vita in voi. Hè ricivutu una nova vita spirituale attraversu ellu. A vita eterna! I discepuli di Ghjesù ùn anu pussutu capisce questa dimensione spirituale prima di Pentecoste, quandu u Spìritu Santu ùn era ancora in i discepuli.

Cristu vive!

Eranu passati trè ghjorni da Ghjesù hè statu cundannatu, crucifissu è intarratu. Dui di i so discìpuli caminavanu à un paesi chjamatu Emmaus: «Si parlavanu unu di tutti sti cunti. E quandu si parlavanu è si dumandonu questu modu, Ghjesù si avvicinò per ellu stessu è andò cun elli. Ma i so ochji eranu prisenti chì ùn a ricanuscivanu micca » (Luca 24,15-16).

Ùn s'aspittavanu di scontru à Ghjesù in a strada perchè crèdenu chì Ghjesù era mortu! Cusì ùn anu micca cridutu a nutizia di e donne chì era vivu. I discepuli di Ghjesù pensavanu: Quessi sò stupidi fati! «Ghjesù li disse: Chì sò e cose chì tù negoziate unu cun l'altru in via? Dopu si sò piantati tristi » (Luca 24,17). Hè u simbulu di una persona chì ùn hà ancu scontru di a risurrezzione. Questu hè tristu cristianisimu.

"Unu, chjamatu Cleopas, hà rispostu è li disse:" sì u solu scunnisciutu in Ghjerusalemme chì ùn sà micca ciò chì hè accadutu in quelli tempi? È ellu (Ghjesù) li disse: "Chì allora?" (Luca 24,18-19). Ghjesù era u caratteru principale è insuscente in modu chì puderanu spiegà à ellu:
"È li dissenu: Chì cun Ghjesù di Nazaret, chì era un prufeta, putente in azzione è in parolla davanti à Diu è à tuttu u populu; cumu i nostri maiò sacerdoti è i superiori l'anu trasmessu à a pena di morte è u crucifissu. Ma avemu speratu chì ellu seria ellu chì redimverà Israele. E tuttu questu hè u terzu ghjornu oghje chì hè accadutu » (Luca 24,19-21). I discìpuli di Ghjesù anu parlatu in u passatu passatu. Speravanu chì Ghjesù salvà Israele. Avianu tombu sta speranza dopu avè testimuniatu da a morte di Ghjesù è micca cridutu in a so risurrezzione.

In quale tensa sperienze Ghjesù? Hè solu una figura storica chì hà campatu è morse circa 2000 anni fà? Cumu sperienza Ghjesù oghje? Vi sperite in ogni mumentu di a vostra vita? O si vive in a cuscenza chì vi ha cunciliatu à Diu per mezu di a so morte è scurdate u scopu di perchè Ghjesù hè risuscitatu?
Ghjesù hà rispostu i dui discìpuli: "Ùn a Cristu hà avutu a soffre è entre in a so gloria? È ellu (Ghjesù) hà iniziatu cù Mosè è tutti i profeti è li spiegò ciò chì era dettu d'ellu in tutte e Scritture » (Luca 24,26-27). Ùn avianu nunda di ciò chì Diu hà dettu in anticipu nantu à u Messia.

"Quand'ellu era pusatu à a tavola cun elli, pigliò u pane, li ringraziò, l'abbandunò è u dete. Allora i so ochji sò aperti è u ricunniscìanu. È hè sparitu da elli » (Luca 24,30-31). Anu ricunnisciutu ciò chì Ghjesù li disse è credevanu in e so parolle chì hè u pane di a vita.
In altrò si leghje: «Eccu u pane di Diu, chì vene da u celu è dà a vita à u mondu. Allora li disse: Signore, dete sempre stu pane. Ma Ghjesù li disse: Sò u pane di a vita. Quellu chì vene à mè ùn và a fame; è quellu chì crede in mè ùn sarà mai sete » (Ghjuvanni 6,33: 35).

Ciò chì succede quandu avete da veru incontru à Ghjesù cum'è u Risuscitatu. Esperiscenu è goderanu una specie di vita, cume i discepuli stessi avianu sperimentatu: "Si dicianu l'unu à l'altru: Ùn ci sò stati i nostri cori in noi chì ci stava parlendu annantu à a strada è ci hà aperta a scrittura?" (Luca 24,32). Quandu Ghjesù si incontra in a vostra vita, u to core cumincià à brusgià. Per esse in a presenza di Ghjesù hè a vita! Ghjesù, chì ci hè è vive, porta gioia. I so discìpuli anu amparatu questu inseme un pocu dopu: «Cumu ùn pudìanu crede ancora di gioia è di meraviglia» (Luca 24,41). Chì eranu felici? À u tempu di Ghjesù risuscitatu!
Cumu Petru hà descrittu più tardi sta gioia? «Ùn l’avete vistu è l’amore ancu; è ora crede in ellu ancu sè ùn li vedi; ma sarete cuntenti cù una gioia inespressibile è maravigliosa quand'è tù sì capitu u scopu di a vostra fede, à dì a felicità di l'anime » (1 Petru 1,8-9). Petru hà sperimentatu questa gioia indispettabile è gloriosa quand'ellu scontra à Ghjesù risuscitatu.

"Ellu, Ghjesù li disse: Queste sò e mo parolle chì vi aghju dettu quandu era ancora cun voi: Tuttu ciò chì hè scrittu da mè deve esse rializatu in a lege di Mosè è in i prufeti è i salmi. Allora li hà fattu capiscenu chì capìvanu l'Scritture » (Luca 24,44-45). Chì era u prublema? A vostra capiscitura era u prublema!
"Quandu era risuscitatu da i morti, i so discepuli pensavanu ch'ellu avia dettu questu è credevanu l'Scrittura è a parolla chì Ghjesù avia dettu" (Ghjuvanni 2,22). I discìpuli di Ghjesù ùn solu micca cridutu à e parolle di l'Scrittura, ma credi ancu di ciò chì Ghjesù li hà dettu. Hanu capitu chì a Bibbia di l'Anticu Testamentu era l'ombra di u futuru. Ghjesù hè u veru cuntenutu è a rialità di l'Scrittura. E parolle di Ghjesù li davanu una nova capiscitura è gioia.

Inviandu i discìpuli

Mentre era vivu, Ghjesù hà mandatu i so discìpuli fora à predicà. Chì messagiu proclamavanu à a ghjente? "Sò surtite è predicavanu chì i autobus fussinu fà è scacciavanu parechji demoni è unghianu tanti malati cù l'oliu è li facianu bè" (Marcu 6,12: 13). I discepuli predicavanu à e persone chì si pentanu. A ghjente duverebbe vultà da u so anticu modu di pensà? Iè! Ma hè abbastanza sè a ghjente face autobus è ùn sanu micca nunda? No, ùn basta micca! Perchè ùn anu micca dichjaratu à a ghjente di u pirdunu di i peccati? Perchè ùn sapianu nunda di a reconciliazione di Diu per mezu di Ghjesù Cristu.

"Allora li fece capisce chì capìanu l'Scrittura, è li disse: Hè scrittu chì Cristu soffre è risurrecerà trà i morti u terzu ghjornu; è chì a predicazione hè in u so nome à u pentimentu à pardunà i peccati trà tutti i populi » (Luca 24,45-47). L'incontru cù u Ghjesù vivu hà datu à i discìpuli una nova capiscenza di u risuscitatu è un novu missaghju, a cunciliazione cù Diu per tutte e persone.
"Sapete chì ùn sì micca redimituu cù argentu transituu o oru da u vostru cambiamentu inutile in modu di i babbi, ma cun u caru sangue di Cristu cum'è un agnellu inocente è immaculatu" (1 Petru 1,18-19).

Petru, chì tentava di evità u sangue di u Calvariu, hà scrittu queste parolle. Ùn pudete micca guadagnà o cumprà una redenzione. Diu hà datu cunciliazione à Diu per via di a morte di u figliolu. Questa hè a prerequisita per a vita eterna cù Diu.

"Allora Ghjesù li disse novamente: Paci sia cun voi! Cum'è u babbu m'hà mandatu, vi mandu. E quand'ellu avia dettu questu, si lampò annantu à elli è li disse: Pigliate u Spìritu Santu! » (Ghjuvanni 20,21: 22).

Diu hà fattu soffià u soffiu di a vita in u nasu d'Adamu in u giardinu di l'Eden è cusì hè diventatu un essere vivu. "Cumu hè scrittu: U primu omu, Adamu, hè diventatu un essaru vivu, è l'ultimu Adam hè diventatu u spiritu chì dà vita" (1 Corinzi 15,45).

U Spìritu Santu porta a vita à e persone nati in a morte spirituale per mezu di a fede di Ghjesù Cristu. I discepuli di Ghjesù ùn eranu ancu vivu spiritualmente à questu tempu.

"Quandu era cun elli à u pranzu, li hà urdinatu di ùn lascià Ghjerusalemme, ma di sperendu a prumessa di u Babbu, chì disse chì avete intesu parlà da mè; per Ghjuvanni battizatu cù l'acqua, ma duvete esse batteziatu cù u Spìritu Santu micca longu dopu questi ghjorni » (Atti 1,4-5).
I discìpuli di Ghjesù deve esse batteziati cù u Spìritu Santu in Penticoste. Questa hè a rinascita è a risurrezzione da a morte spirituale è a ragiò perchè u sicondu Adam, Ghjesù, hè ghjuntu in u mondu per rializà questu.
Cumu è quandu era natu Petru? «Lode à Diu, u Patre di u nostru Signore Ghjesù Cristu, chì ci hà rinnuvatu dopu a so grande misericordia à una speranza viva per mezu di a risurrezzione di Ghjesù Cristu trà i morti» (1 Petru 1,3) Petru era natu di novu per a risurrezzione di Ghjesù Cristu.

Ghjesù hè ghjuntu in u mondu per avvicinà a ghjente. Ghjesù hà cunciliatu l'umanità cun Diu per via di a so morte è sacrificò u so corpu per noi. Diu ci hà datu una nova vita per chì pò campà in noi. A Pentecoste, Ghjesù ghjunse à traversu u Spìritu Santu in i cori di quelli chì anu cridutu e parolle di Ghjesù. Anu per via di a testimonianza di u Spìritu Santu, chì vive in elli. L'a fattu spirituali in vita! Da li a so vita, a vita di Diu, a vita eterna.
"Ma se u spiritu di quelli chì anu risuscitatu Ghjesù trà i morti, abita in voi, quellu chì hà risuscitatu Cristu trà i morti vi hà da rende ancu i vostri corpi mortali a traversu u so spiritu chì abita in voi". (Rumani 8,11). Ghjesù ti insegna ancu: Cumu u Babbu m'hà mandatu, vi mandu (dopu à Ghjuvanni 17,18).

Cumu facemu a forza da a fonte infinita di vita? Ghjesù hà risuscitatu per campà è travaglià in tè. Chì autorizazione vi cuncede è cuncede? Dete à Ghjesù u dirittu di guvernà a vostra mente, i vostri sentimenti, i vostri pensi, a vostra vuluntà, e vostre pussidenze intere, u vostru tempu, tutte e vostre attività è tuttu u vostru essere? I vostri cumpagni umani puderanu sapè da u vostru cumpurtamentu è u vostru cumpurtamentu.

«Credu à mè chì sò in u babbu è u babbu in mè; siddu, allora crede per u opere. In verità, veramente, vi dicu: Quellu chì crede in mè farà ancu l'opere chì facciu è feraghju più grande di queste; perchè andu à u babbu » (Ghjuvanni 14,11: 12).

Chì u Spìritu di Diu travaglia in tè per ammettà umilmente chì sì quellu chì ùn pò micca fà nunda per sè. Attate cun cunniscenza è fiducia chì Ghjesù, chì vive in voi, pò è farà qualcosa cun voi. Dì tuttu à Ghjesù è in ogni mumentu ciò chì duverebbe fà cun voi secondu a so vuluntà cù e parolle è l'opere.
David si mirò: "Chì hè l'omu chì pensate di ellu è u zitellu di l'omu chì tù tenite cura di ellu? Ai fattu ellu un pocu più bassu di Diu, cun onore è gloria chì l'hai coronatu » (Salmu 8,5-6). Eccu l'omu in a so innocenza in u so statu nurmale. U Cristianesimu hè u statu normale di ogni essere umanu.

Grazie à Diu una volta è novu per u fattu chì ellu vive in voi è chì vi permettenu di cumpiendu. À ringrazià à a vostra gratitudine, stu fattu impurtante hè in forma!

di Pablo Nauer