Làzaru è l'omu riccu - una storia di incredulità

277 lazaru è l'omu riccu una storia di incredulità

Avete mai intesu dì chì quelli chì morenu incrèduli ùn ponu più esse ghjunti da Diu? Hè una duttrina crudele è distruttiva chì pò esse dimustrata da un solu versu in a parabola di l'omu riccu è di u povaru Lazzaru. Ma cum'è tutti i passaghji biblichi, sta paràbula hè in un certu cuntestu è pò esse capita solu currettamente in questu cuntestu. Hè sempre male di basà una duttrina nantu à un versu unicu - è ancu di più quandu si tratta di una storia chì u so messagiu di basa hè interamente diversu. Ghjesù hà riferitu a paràbula di l'omu riccu è di u povaru Lazzaru per duie ragioni: prima, per dinunzià u rifiutu di i capi israeliani di crede in ellu, è secondu, per ricusà a cridenza pupulare chì a ricchezza hè un segnu di a bona vuluntà di Diu. mentre a puvertà hè prova di a so inghjustizia.

A parabola di l'omu riccu è di u povaru Làzaru hè l'ultima di una seria di cinque altri chì Ghjesù disse à un gruppu di Farisei è di scribi chì, avidi è cumpiacenti quant'è eranu, eranu offesi da Ghjesù chì s'occupava di i piccatori. è hà spartutu un pastu cun elli (Luke 15,1: 16,14 è). Nanzu à quessa avia dighjà dettu a parabola di a pecura persa, quella di u soldu persu è quella di u figliolu prodigiu. Cù questu, Ghjesù hà vulsutu fà capisce à i publicani è à i piccatori, è ancu à i Farisei è i scribi arrabbiati chì dicenu ch'elli ùn avianu alcuna ragione di penitenza, chì cun Diu in u celu ci hè più gioia per un peccatore chì principia una nova vita chè più di novanta nove altri chì ùn ne anu bisognu (Luke 15,7 Good News Bible). Ma ùn hè micca tuttu.

Soldi contr'à Diu

Cù a paràbula di u stordardu disonestu, Ghjesù vene à a quarta storia (Luca 16,1-14). U so missaghju principale hè: Se amate i soldi cum'è i Farisei, ùn amate micca Diu. Si vultò apposta versu i Farisei, Ghjesù disse: Sò voi chì vi ghjustificate davanti à l'omi; ma Diu cunnosce i vostri cori; perchè ciò chì hè altu cù l'omi hè una abominazione davanti à Diu (V. 15).

A lege è i prufeti testimuneghjanu - cusì e parolle di Ghjesù - chì u regnu di Diu hè ghjuntu è chì tutti si furzanu in ellu (Vv. 16-17). U so messagiu cunnessu hè: Postu chì apprezzate tantu ciò chì hè apprezzatu assai da e persone è micca ciò chì piace à Diu, rifiutate a so chjama evucativa - è cun ella a possibilità - di truvà l'ingressu in u so regnu per mezu di Ghjesù. U versu 18 esprime - in un sensu figuratu - chì i capi ebrei di a fede anu rinunciatu à a lege è à i prufeti chì si riferiscenu à Ghjesù è cusì si sò alluntanati da Diu (cf. Ghjeremia 3,6). In u versu 19, integratu in e quattru parabole precedenti, a storia di l'omu riccu è di u povaru Lazzaru principia, cum'è Ghjesù li disse.

Una storia di incredulità

Ci hè trè persunagi principali in a storia: l'omu riccu (chì face parte di i Farisei ingordi), u poveru mendicante Làzaru (riflettendu quella classa suciale chì era disprezzata da i Farisei) è infine Abraham (chì u so senu simbulizava tantu in u mondu ebraicu quant'è cunfortu è pace in l'aldilà).

A storia conta a morte di u mendicante. Ma Ghjesù sorprende u so publicu cù e parolle: ... hè statu purtatu da l'angeli in u senu d'Abràhamu (V. 22). Questu era esattamente u cuntrariu di ciò chì i Farisei avarianu presuppostu in un omu cum'è Làzaru, vale à dì chì tali persone eranu povere è malate precisamente perchè eranu cundannate da Diu è dunque nunda altru chì i turmenti dopu a so morte infernu da aspettà. Ma Ghjesù li insegna megliu. U vostru puntu di vista hè ghjustu sbagliatu. Ùn sapianu nunda di u regnu di u babbu è si sbagliavanu micca solu in quantu à a valutazione di Diu di u mendicante, ma ancu in quantu à u so ghjudiziu di elli.

Tandu Ghjesù porta a surpresa: Quandu l'omu riccu hè mortu è hè statu sepoltu, ellu - è micca u mendicante - seria statu espostu à i turmenti di l'infernu. Allora alzò l'ochji è vide à Abràhamu à pusà luntanu cù Làzaru stessu à fiancu. Ellu disse: Babbu Abràhamu, abbi pietà di mè, è manda à Làzaru per lampà a punta di u so ditu in acqua è rinfriscà a mo lingua; perchè sò turmentatu in ste fiamme (V. 23-24).

In sostanza, però, Abràhamu hà fattu a dichjarazione seguente à l'omu riccu: Tutta a vostra vita avete amatu e ricchezze è ùn avete micca lasciatu tempu per persone cum'è Làzaru. Ma aghju tempu per ghjente cum'è ellu, è avà hè cun mè è ùn avete nunda. - Poi seguita u versu chì hè cusì spessu cacciatu fora di u cuntestu: È in più, ci hè una grande lacuna trà voi è noi, chì nimu chì vole attraversà da quì à voi pò vene quì, è ancu nimu da quì à noi (Luca 16,26).

Quì è culà

Vi avete mai dumandatu perchè qualcunu vuleria passà da quì à voi? Hè assai evidenti perchè qualchissia deve esse attiratu da noi da quì, ma pruvà di fà u cuntrariu ùn hà micca sensu - hè vera? Abràhamu si vultò versu l'omu riccu indirizzendulu cum'è figliolu; dopu hà dettu chì mancu quelli chì vulianu vene à ellu - per via di a grande lacuna - ùn pudianu fà. A rivelazione sottostante di sta storia hè chì ci hè veramente unu chì hà superatu sta lacuna per u nome di i piccatori.

U ponte sopra l'abissu

Diu hà datu u so Figliolu per tutti i piccatori, micca solu per quelli cum'è Làzaru, ma ancu per quelli cum'è l'omu riccu (Ghjuvanni 3,16: 17). Ma u regnu menzionatu in a parabola, chì simbulizava i Farisei è i scribi chì cundannavanu à Ghjesù, rifiutava u Figliolu di Diu. Cercava ciò chì era sempre statu u scopu di i so sforzi: u benessere persunale à spese di l'altri.

Ghjesù hà chjosu sta storia dumandendu à l'omu riccu chì qualcunu avverti i so fratelli per chì a stessa cosa ùn li accada micca. Ma Abràhamu rispose: Hanu Mosè è i prufeti; ch'elli ti sentinu (V. 29). Ghjesù ci avia ancu riferitu prima (cf. vv. 16-17) chì a lege è i prufeti li anu testimuniatu - una testimunianza chì ellu è i so fratelli ùn anu micca accettatu (cf. Ghjuvanni 5,45: 47-24,44 è Luke 47).

Innò, Babbu Abràhamu, rispose l'omu riccu, sì unu di i morti andava versu elli, si pentirianu (Luca 16,30). À chì Abràhamu rispose: S'elli ùn stanu micca à sente à Mosè è à i prufeti, ùn seranu ancu cunvinti sì qualchissia risuscitassi da i morti. (V. 31).

È ùn eranu micca cunvinti: i Farisei, i scribi è i sommi sacrificadori, chì avianu fattu a cungiura per avè crucifissu à Ghjesù, ghjunsenu ancu à Pilatu dopu a so morte è li dumandonu di cosa si trattava di a bugia di a risurrezzione. (Matteu 27,62: 66), è anu perseguitatu quelli chì prufessavanu a fede, i perseguitavanu è i tumbavanu.

Ghjesù ùn hà micca dettu sta parabola per mostrarci u celu è l'infernu u più chjaramente pussibule. Piuttostu, si hè giratu contr'à i capi religiosi di quellu tempu chì si sò chjusi à a fede è contr'à e persone ricche di core è egoiste in ogni momentu. Per rende cusì chjaru, hà adupratu l'imaghjini abituali in lingua ebraica per riprisentà l'aldilà (cun ricorsu à l'infernu riservatu à i gattivi è l'essere di i ghjusti in u senu d'Abraham). Cù sta paràbula ùn hà micca pigliatu una pusizione nantu à l'espressività o l'accuratezza di u simbolisimu ebraicu in quantu à u più in là, ma hà solu usatu quellu linguaghju visuale per illustrà a so storia.

U so focus principale ùn era certamente micca di suddisfà a nostra ardente curiosità nantu à ciò chì seria in u celu è in l'infernu. Piuttostu, hè a so preoccupazione chì u misteru di Diu sia rivelatu à noi (Rumani 16,25:1,9; Efesini ecc.), U misteru di i tempi antichi (Efesini 3,4: 5): chì Diu in ellu, Ghjesù Cristu, u Figliolu incarnatu di u Babbu onniputente, hà ricunciliatu u mondu cun ellu stessu da u principiu (2 Corinzi 5,19).
 
Dunque, se simu primuramente cuncernati cù i pussibuli dettagli di l'aldilà, questu ùn pò solu alluntanà ci di più a cunniscenza stessa chì era chjusa à l'omu riccu in quella storia: Duvemu è pudemu crede in quellu chì hè tornatu da i morti.

di J. Michael Feazell


in pdfLazarus è u riccu