Stu rapportu di Diu cù u so pòpulu

431 Relazione di Diu cù u so pòpulu A storia d'Israele pò esse riassunta solu in a parolla fallimentu. A relazione di Diu cù u populu di Israele hè chjamata in i libri di Mosè cum'è una allianza, una relazione in cui sò stati fatti voti di lealtà e promesse. Tuttavia, cum'è a Bibbia mostra, ci sò stati numerosi casi di fallimentu di l'Israeliti. Ùn fidavanu micca di Diu è brontulavanu nantu à l'azzioni di Diu. U so cumpurtamentu tipicu di sfiducia è di disubbidienza attraversa tutta a storia d'Israele.

A fideltà di Diu hè u puntu culminante in a storia di u populu d'Israele. Avemu pigliatu una grande fiducia da questu oghje. Postu chì Diu ùn hà micca rifiutatu u so pòpulu allora, ùn ci rifiuterà mancu, ancu se passemu per tempi di fiascu. Puderemu campà u dulore è soffre di cattivi scelte, ma ùn avemu bisognu di teme chì Diu ùn ci ami più. Hè sempre fidelu.

Prima prumessa: un capu

Durante u tempu di i ghjudici, Israele era in permanenza in un ciclu di disubbidienza - oppressione - pentimentu - liberazione. Dopu à a morte di u rispettivu capimachja, u ciculu hà ricuminciatu di novu. Dopu à parechji eventi cusì, a ghjente hà dumandatu à u prufeta Samuel un rè, una famiglia reale, affinchì ci fussi sempre un discendente per guidà a prossima generazione. Diu hà spiegatu à Samuele: "Ùn ti anu micca rigettatu, ma mè chì ùn devu più esse rè nantu à elli. Ti facenu, cum'elli l'anu sempre fattu da u ghjornu chì l'aghju purtatu fora d'Egittu, finu à questu ghjornu ch'elli m'hanu lasciatu è servutu à altri dii » (1 Sam 8,7: 8). Diu era u so capu invisibile, ma a ghjente ùn hà micca fiducia in ellu. Dunque, Diu li hà datu una persona per serve com'è mediatore chì, cum'è rappresentante, puderia guvernà e persone per ellu.

Sàulu, u primu rè, hè statu un fiascu perchè ùn avia micca fiducia in Diu. Allora Samuel hà untu David à rè. Benchè David hà fiascatu in i modi peghju di a so vita, u so desideriu era principalmente direttu per adurà è serve à Diu. Dopu ch'ellu era in gran parte capaci di assicurà a pace è a prosperità, offre à Diu di custruì un grande tempiu in Ghjerusalemme. Questu deve esse un simbulu di permanenza, micca solu per a nazione, ma ancu per u so cultu à u veru Diu.

In un ghjocu ebreu nantu à e parolle, Diu hà dettu: "No, David, ùn custruirete micca una casa per mè. A sera à l’internu: custruiraghju una casa per voi, a casa di David. Serà un regnu chì durà per sempre è unu di i vostri discendenti custruirà u tempiu per mè » (2. Sam 7,11-16, riassuntu propiu). Diu aduprate a formula di pattu: "Vogliu esse u so babbu è duverebbe esse u mo figliolu" (V 14). Hà prumessu chì a rega di David durà per sempre (V 16).

Ma mancu u tempiu durò per u sempre. U regnu di David hè andatu sottu - religiosamente è militare. Chì hè diventatu a prumessa di Diu? E prumesse à Israele sò state compie in Ghjesù. Hè à u centru di a relazione di Diu cù u so pòpulu. A sicurità chì a ghjente cercava puderia esse truvata solu in una persona chì esiste permanentemente è hè sempre fedele. A storia d'Israele punta à qualcosa di più grande chè Israele, eppuru face parte ancu di a storia d'Israele.

Seconda prumessa: a presenza di Diu

Durante a migrazione di u disertu di u pòpulu d'Israele, Diu hà vissutu in u tabernaculu: «Aghju mutu in una tenda cum'è un appartamentu» (2 Sam 7,6). U tempiu di Salomonu hè statu custruitu cum'è a nova residenza di Diu è "a gloria di u Signore piena a casa di Diu" (2 Chr 5,14). Questu era da esse capitu simbolicamente, perchè a ghjente sapia chì u celu è tuttu u celu di u celu ùn pudia micca capisce à Diu (2 Chr 6,18).

Diu hà prumessu di abità trà l'Israele per sempre se eranu ubbidienti da ellu (1 Reiu 6,12: 13). Eppuru, siccomu l'anu disubbiditu, hà decisu "ch'ellu li faria da a so faccia" (2 Rei 24,3), vale à dì ch'ellu li avia purtati in un altru paese in cattività. Ma dinò Diu era rimessu fideli è ùn hà micca rifiutatu u so populu. Hà prumessu chì ùn hà micca sguassà u so nome (2 Re 14,27). Anu venutu à u pentimentu è à circà a proximità, ancu in un paese straneru. Diu li avia prumessu chì, si ne vultessinu daretu à ellu, li avissi ripigliò in u so paese, chì duverebbe ancu manifestà simbolicamente a risturazione di a relazione (Deuteronomiu 5: 30,1-5; Neemia 1,8-9).

Terza prumessa: una casa eterna

Diu hà prumessu à David: "E daraghju à u mo pòpulu Israele un locu, è li piantaraghju, per ch'elli campessinu quì, è ch'elli ùn anu più paura, è chì i viulenti ùn la frustinu più cum'è prima" (1 Chr 17,9). Sta prumessa hè stupente postu chì si trova in un libru scrittu dopu à l'esiliu di Israele. A storia di u pòpulu di Israele va più luntanu da a so storia - hè una prumessa chì hè ancora rializata. A nazione avia bisognu di un capu chì era discendente da David è ancu più altu chì David. Avianu bisognu di a presenza di Diu, chì ùn averia micca solu simbolizà in un tempiu, ma seria una realità per tutti. Avianu bisognu di un paese induve a pace è a prosperità ùn durà micca solu, ma cambianu u mondu in modu chì ùn ci serebbe più oppressione. A storia di Israele indetta una realità futura. Ma ci era ancu una realità in l'anticu Israele. Diu avia fatto un pattu cù Israele è a mantene in fede. Eranu u so populu ancu quand'elli sò stati disubbidienti. Ancu se assai persone si sò alluntanati da a strada ghjusta, ci sò stati assai chì anu firmatu fermu. Ancu s’elli sò morti senza vede a cumplimintà, ci saranu di novu per vede u capu, a terra, è u megliu di tutti, u so Salvatore è per avè a vita eterna in a so presenza.

di Michael Morrison


in pdfStu rapportu di Diu cù u so pòpulu