Sacrificii spirituali

À l'epica di l'Anticu Testamentu, l'ebbrei facianu sacrifici per tuttu. In occasioni diverse è diverse circustanze esige una vittima, cum'è: B. un brulucciu, un alimentariu, un'offerta di paci, un peccatu, o un culpable. Ogni vittima avia alcune regule è regule. I vittimi sò stati fatti ancu in ghjorni di festa, luna nova, luna piena, etc.

Cristu, l'Agnellu di Diu, era u sacrificiu perfettu fattu una volta per sempre (Ebrei 10), chì rende inutile i sacrifici di l'Anticu Testamentu. Cum'è Ghjesù era ghjuntu à cumprirà a legge, per rende ancu più grande, per chì l'intenzione di u cori pò esse peccatu, ancu s'ellu ùn hè micca realizatu, cusì ellu hà cumplessu ancu è ingranditu u sistema di vittime. Avà simu di fà sacrifici spirituali.

In u passatu, quandu aghju lettu u primu versu da i Rumani 12 è u versu 17 da u Salmu 51, aghju assentitu u capu è vulia dì, sì, naturalmente, sacrifici spirituali. Ma ùn avissi mai ammessu chì ùn aghju micca idea di ciò chì significava questu. Chì ghjè una vittima spirituale? È cumu si sacrificà unu? Deve truvà un agnellu spirituale, mettilu nantu à un altare spirituale, è mi tagliava a gola cun un cuteddu spirituale? O ancu Paul significava qualcosa? (Questa hè una quistione retorica!)

U dizziunariu definisce una vittima cum'è "l'attu di sacrificà qualcosa di valore per a divinità." Chì avemu ciò chì Diu puderia esse preziosu? Ùn hà bisognu di qualcosa da noi. Ma ellu vole un spiritu ruptu, preghiera, elogie è u nostru corpu.

Questi ponu micca parenu grandi sacrifici, ma cunsideremu ciò chì tutti questi significanu per a natura umana è carnale. A fiertà hè u statu naturali di l'umanità. Sacrificà un spiritu rottu significa rinunzià a nostra fiertà è l'arrogance per qualcosa innatural: l'umiltà.

La preghiera - parlà à Diu, ascoltallu, pensendu à a so parolla, a cunnessione è a cunnessione, spiritu à spiritu - ci richiede di rinunzià altre cose chì puderiamu desiderà per pudemu passà un tempu cù Diu.

L'elogia accade quandu dirigemu i nostri pinsamenti luntanu da noi stessi è ci focu annantu à u grande Diu di l'universu. In novu, u statu naturale di una persona hè di pensà solu à voi stessu. Loda ci porta à a sala di u tronu di u Signore, induve sacrificemu i nostri ghjinochji prima di u so regnu.

Rumani 12,1 ci istruisce à dà à u nostru corpu cum'è sacrifici viventi, santu è piacevuli à Diu, in quale custituisce a nostra adorazione spirituale. Invece di sacrificà i nostri corpi à u Diu di stu mondu, ci femu dispunibuli à Diu cù i nostri corpi è adorateli à Ghjesù in e nostre attività di ogni ghjornu. Ùn ci hè nisuna separazione trà u tempu in u serviziu è u tempu fora di u serviziu - tutta a nostra vita diventa un serviziu quandu metemu i nostri corpi in l'altare di Diu.

Se pudemu fà sti sacrifici à Diu ogni ghjornu, ùn ci hè micca in periculu di adattà si à stu mondu. Semu trasfurmati mettendu in fiertà a nostra vuluntà, a nostra vulintà è a nostra vulintà di e cose mundani, a nostra preoccupazione per sè stessu è u nostru egoismu per u primu numeru.

Ùn pudemu micca chì i sacrifici sò più preziosi o preziosi chì questi.

di Tammy Tkach


Sacrificii spirituali