U pesante pesu di u peccatu

569 u pisanti di u peccatu Avete mai cunsideratu cumu Ghjesù puderia dì chì u so ghjuvanu era gentile è a so luce di carica cunsiderendu ciò chì hà assicuratu cum'è u Figliolu di Diu carnatu durante a so esistenza terrena?

Natu u Messia profetizatu, u rè Erode hà cercatu di tumballu quandu era zitellu. Hà urdinatu à tutti i zitelli maschili in Betlemme chì avianu dui anni o menu ghjovani. Cum'è un ghjovanu, Ghjesù, cum'è tutti l'altri adolescenti, era espostu à tutte e tentazioni. Quandu Ghjesù hà annunziatu in u tempiu chì era statu l'Umitu di Diu, a ghjente in a sinagoga l'allisciò fora di a cità è pruvò à spinghiallu nantu à un salone. Disse ch'ellu ùn avia postu per dorme u capu. Ell hà chianciatu amaramente davanti à a mancanza di fede di a so amata Ghjerusalemme è era continuamente fattu male, dubbitu è ​​ridiculatu da i capi di a so fede di u so tempu. Hè statu qualificatu cum'è un zitellu illegittimu, un bevine di vinu, un peccatore è ancu un falsu profeta possedutu da demonii. Hà vissutu tutta a so vita in a cuscenza chì un ghjornu i so amichi u avarianu tradimentu, l'abbandunà, è ellu seria sbattutu è brutalmente crucifissu da suldati. È sopratuttu, sapia chì era u so destinu di piglià tutti i peccati spaventosi di l'omi per serve di ispiazione à tutta l'umanità. Eppuru, malgradu tuttu ciò chì avia duratu ferma, hà dichjaratu: "U mo yoke hè gentile è a mo carica hè ligera" (Matteu 11,30).

Ghjesù ci dumanda di vene à ellu per truvà riposu è sollievu da a carica è u pesu di u peccatu. Ghjesù dici uni pochi versi davanti: "Tuttu hè stata da u mo babbu; è nimu ùn cunnosce u figliolu ma solu u babbu; e nimu ùn cunnosce u babbu cum'è solu u figliolu è à quale u figliolu vole revelà » (Matteu 11,27).

Avemu ottene una impressione fugliale di l'immensa carga di e persone chì Ghjesù prumette di riduce. Ghjesù revela a vera faccia di u core paternu quandu noi venimu à ellu in fede. Ci invita à a relazione intima, perfetta, chì ci unisce sola cù u Babbu, in quale si trova fora di dubbitu chì u Babbu ci ama è chì cun amore siamu sempre fedeli. "Ma questa hè a vita eterna chì ti ricunnosceranu, quale sì u solu veru Diu, è à quale avete mandatu, Ghjesù Cristu" (Ghjuvanni 17,3) Durante a so vita, Ghjesù era sempre affruntatu à a sfida di risistiri à l'attacchi di Satana. Sti si sò mustrati in tentazione è angosce. Ma ancu in a croce, hè fermatu à u so mandatu divinu per salvà a ghjente quandu ellu portava tutte e culpe di l'umanità. Sutta a carica di tuttu u peccatu, Ghjesù, cum'è Diu è à u listessu tempu cum'è una persona morta, hà espressu u so abbandunà umanu gridendu: "U mo Diu, u mo Diu, perchè m'hai lasciatu?" Matteu (27,46).

In segnu di a so fiducia incerta in u so babbu, hà parlatu pocu prima di a so morte: "Babbu, cumandu u mo spiritu in e vostre mani!" (Luk 23,46) Ci hà datu capì chì u babbu ùn l'avia mai lasciatu, ancu quandu era sopratuttu cù u pesu di u peccatu di tutte e persone.
Ghjesù ci dà a cridenza chì simu stati uniti cun ellu in a so morte, sepultura è risurrezzione à una nova vita eterna. A traversu questu sperimentemu una vera pace di mente è a libertà da u jugu di a cecità spirituale chì Adamu ci hà purtatu annantu à a Caduta.

Ghjesù hà dettu esplicitamente per chì scopu è scopu hè vinutu à noi: "Ma aghju vene per purtallu a vita - a vita in pienezza" (Giuvanni (10,10 Nova traduzzione di Ginevra). A vita in pienezza significa chì Ghjesù ci hà datu torna a vera cunniscenza di a natura di Diu chì ci hà separatu da ellu per via di u peccatu. Inoltre, Ghjesù proclama chì ellu hè "u riflessu di a gloria di u babbu è l'imaghjini di a so natura" (Ebrei 1,3). U Figliolu di Diu ùn solu riflette a gloria di Diu, ma ellu stessu hè Diu è irradia sta gloria.

Pò ricunnosce cun u Babbu, u so Figliolu, in cummunione cù u Spìritu Santu, è sperimentate veramente in questa vita piena d'amore, chì ellu hà preparatu per voi da u principiu di u mondu!

di Brad Campbell