U Regnu di Diu (Parte 3)

Finu à ora, in questa serie avemu guardatu i modi in chì Ghjesù hè centrale in u regnu di Diu è cumu hè oghje. In questa parte videremu cumu questu hè a fonte di una grande speranza per i credenti.

Fighjemu e parolle incuragrice di Paul in a Lettera à i Rumani:
Perchè sò cunvinta chì u soffrenu à questu tempu ùn conta micca da a gloria chì deve esse rivelata per noi. [...] A creazione hè sottumessa impermanenza - senza a so vuluntà, ma attraversu quellu chì a sottumette - ma cù speranza; per a creazione ancu sarà libera da a servitù di impermanenza per a meravigliosa libertà di i zitelli di Diu. [...] Perchè simu salvati, ma nantu à a speranza. Ma a speranza chì vedete ùn hè micca speranza; perchè cumu si pò sperate per ciò chì vede? Ma si speremu per ciò chì ùn vemu micca, aspettemu cun pacienza (Rumani 8:18; 20-21; 24-25).

In altrò, Johannes hà scrittu ciò chì segue:
Cari caru, simu digià figlioli di Diu, ma ciò chì seremu ùn hè statu ancu revelatu. Ma sapemu chì, se diventa apparente, seremu cum'è ellu; perchè u vedaremu cum'è ellu. E tutti quelli chì anu una speranza cusì in ellu si purifica, cumu hè pur (1 Ghjuvanni 3: 2-3).

U messagiu riguardante u regnu di Diu hè essenzialmente un messagiu di speranza; tramindui in sè stessu è in a creazione di Diu in generale. Fortunatamente, u dulore, u soffrenu è l'horrore chì stemu attraversu in questu tempu di u mondu attuale male si finiscinu. U male ùn avarà micca avvene in u regnu di Diu (Revelazione 21, 4). Ghjesù Cristu stessu ùn solu significa per a prima parolla, ma ancu per l'ultimi. O cum'è dicemu coloquialmente: Hà l'ultima parola. Dunque ùn ci deve micca preoccupatu di cumu finisce tuttu. A sapemu. Pudemu custruisce annantu à questu. Diu hà da mette tuttu in dirittu, è tutti quelli chì sò pronti à riceve u donu umilmente saperanu da ellu è l'averanu sperimentatu un ghjornu. Comu dicemu, tuttu hè sottu un tettu. U novu celu è a terra veneranu cù Ghjesù Cristu cum'è u so Criatore risuscitatu, u Signore è u Redentore. I scopi originali di Diu seranu realizati. A so gloria omplirà u mondu sanu cù a so luce, a so vita, u so amore è una bontà perfetta.

È averemu ghjustificatu o truvamu dirittu è micca ingannatu per custruisce nantu à quella speranza è campà. Pudemu digià in parte da stu benefiziu vivendu a nostra vita in speranza in a vittoria di Cristu nantu à tuttu u male è in u so putere di fà tuttu di novu. Sè avemu agisce in pienezza, spiranza per a venuta indubitabile di u Regnu di Diu, hà da affettà a nostra vita di ogni ghjornu, a nostra persunale è ancu a nostra etica sociale. Incetta nantu à cume trattemu cun l'avversità, a tentazione, u soffrenu è a persecuzione basata nantu à a nostra speranza per u Diu vivante. A nostra speranza ci ispirarà à spazzà l'altri, per chì ancu ponu alimentà a speranza chì ùn ci ne torna, ma à u travagliu di Diu. Allora l'evangelu di Ghjesù ùn hè micca solu un missaghju chì dice, ma una rivelazione di quale hè è ciò chì hà rializatu è chì pudemu sperà per a finalizazione di u so regnu, u so regnu, u cumpletu di u so destinu finale. Un evangelu cumpletu include a riferenza à u ritornu indiscutibile di Ghjesù è a finalizazione di u so regnu.

Spergu, ma nisuna predicibilità

Tuttavia, tali speranza per u Regnu di Diu chì vene ùn implica micca chì pudemu predichendu u caminu à una fine sicura è perfetta. Cume Diu afecta stu tempu mundiale chì si avvicina à a so fine hè sopratuttu imprevisibile. Eccu perchè a saviezza di l'Onnipotente và assai al di là di i nostri. Se li piaci à fà qualcosa da a so grande misericòrdia, qualunque sia, piglia tuttu u tempu è u spaziu in contu. Ùn pudemu micca capisce questu. Diu ùn ci pudia spiegà se ancu ellu vulia. Ma hè ancu veru chì ùn avemu micca bisognu di più spiegazioni chì ne vanu più allora di ciò chì si riflette in e parolle è in atti di Ghjesù Cristu. Resta u stessu - ieri, oghje è per sempre (Ebrei 13, 8).

Diu travaglia in u stessu modu oghje cum'è era revelatu in a natura di Ghjesù. Fighjendu daretu à un ghjornu, videremu chjaramente questu. Tuttu ciò chì Onnipotente faci in cunfurmità cù ciò chì sintemu è vedemu nantu à a vita terrestre di Ghjesù. Fighjemu in daretu un ghjornu è dicemu: Oh iè, ora possu vede chì u Diu triunfatu, quandu hà fattu questu o allò, hà fattu ciò chì hà fattu. E so azioni riflettenu senza inconveniente a scrittura di Ghjesù in tutti i so aspetti. Averia avutu cunnisciutu. Puderia avè avutu. Puderia avè avutu. Questu hè assai tipicu di Ghjesù; porta tuttu da a morte à a risurrezzione è à l'ascensione.

Ancu in a vita terrena di Ghjesù, ciò chì utilizava è hà dettu era imprevisible à quelli chì l'anu trattati. Hè statu difficiule per i discepuli di mantene cun ellu. Ancu se ne sò ghjudicati retrospettivi, u regnu di Ghjesù hè in piena evoluzione, è dunque a nostra revue ùn ci permette di fà u pianu (è ùn avemu micca bisognu ancu). Ma pudemu esse sicuri chì Diu, sicondu a so natura, cum'è Diu trune, currisponde à u so caratteru di amore santu.

Pò ancu esse bè di nutà chì u male hè cumpletamente imprevedibile, capricciosu, è ùn seguita alcuna regula. Hè almenu in parte ciò chì a cumpone. È cusì a nostra sperienza, chì avemu in questa età terrena, chì hè vicina à a so fine, porta solu tali tratti, in quantu u male hè caratterizatu da una certa sustenibilità. Ma Diu contrarizza i periculi caotichi è capricciosi di u male è li mette in fine à u so serviziu - cum'è una sorta di travagliu furzatu, per dì cusì. Per l'Onniputente permette solu ciò chì si pò lasciare à a redenzione, perchè in definitiva cù a creazione di un novu celu è di una nova terra, grazia à u putere di risurrezzione di Cristu chì vince a morte, tuttu serà sottumessu à a so regula.

A nostra speranza hè basatu annantu à a natura di Diu, nantu à u bè chì persegue, è micca nantu à pudè predichendu cumu è quandu hà da agisce. Hè a salvezza stessa di Cristu, una vittoria prometitiva, chì dà à quelli chì credenu in u futuru regnu di Diu è speranu per ellu, pacienza, a longa soffrenza è a fermezza, accumpagnata da a pace. A fine ùn hè micca faciule d'avè, è ùn hè micca in e nostre mani. Hè mantinutu pronta per noi in Cristu, è dunque ùn avemu micca bisognu di preoccupari in questu, a fine, l'età presente. Iè, semu qualchì volta tristi, ma micca senza speranza. Iè, soffremu qualchì volta, ma in a speranza fiducia chì u nostru Diu Omnipotente averebbe tutelerà tuttu è ùn lasciarà nunda chì ùn sia micca riescosu in tuttu. In fondo, a salvezza pò esse già sperimentata in a forma è in u travagliu di Ghjesù Cristu. Tutte e lacrime saranu sguassate (Revelazione 7:17; 21, 4).

U regnu hè u rigalu è u travagliu di Diu

Se leghjemu u Novu Testamentu è in parallelu à questu, l'Anticu Testamentu chì ci porta, diventa chjaru chì u regnu di Diu hè u so propiu, u so donu è u so successu - micca u nostru! Abràhamu aspittava una cità chì u costruttore è u creatore hè Diu (Ebrei 11, 10). Prima è nanzu à tuttu, appartene à u Figliolu di Diu incarnatu, eternu. Ghjesù li cunsidereghja cum'è u mo regnu (Ghjuvanni 18:36) Ne parla di questu cum'è u so travagliu, u so successu. U porta; a mantene. Quand’ellu ritorna, compierà à pienu u so travagliu di salvezza. Cumu ùn puderebbe esse altrimente, quandu ellu hè u rè è u so travagliu dà à u regnu a so essenza, u so significatu, a so realità! U regnu hè opera di Diu è u so rigalu à l'umanità. Per natura, un rigalu pò esse accettatu solu. U destinatariu ùn pò nè guadagnà nè pruduce. Allora chì hè a nostra parte? Ancu sta scelta di parolle pare un pocu ardita. Ùn avemu micca parte à rende in realtà u regnu di Diu una realità. Ma hè veramente datu à noi; contemplemu u so regnu è, ancu avà, mentre campemu in speranza di a so consumazione, sperimentemu qualcosa di i frutti di a signuria di Cristu. Tuttavia, in nisun locu in u Novu Testamentu ùn dice micca chì custruimu u regnu, u creemu o u mettimu in ballu. Sfurtunatamente, una tale formulazione diventa di più in più pupulare in certi circoli di fede cristiana. Una tale interpretazione sbagliata hè preoccupante è fuorviante. U regnu di Diu ùn hè micca ciò chì femu. Ùn aiutemu micca l'Onniputente à realizà u so regnu perfettu à pocu à pocu. Ùn simu micca noi chì, quantunque, mettimu in opera a so speranza o rializemu u so sognu!

Se uttenite a ghjente à fà qualcosa per Diu suggerenduli chì ellu dipende da noi, allora una tale motivazione hè generalmente esaurita dopu à pocu tempu è spessu porta à un burnout o à una delusione. Ma l'aspettu u più dannosu è periculosu di un tale ritrattu di Cristu è di u so regnu hè chì inverte cumpletamente a relazione di Diu cun noi. L'Onniputente hè cusì vistu cum'è dipendente da noi. L'implicazione chì ùn puderia micca esse più leali di noi risu in secretu. Diventemu l'attori principali in a realizazione di l'ideale di Diu. Dopu simplificeghja u so regnu pussibule è poi ci aiuta à u megliu ch'ellu pò è in quantu i nostri sforzi permettenu di esse realizatu. Sicondu sta caricatura, ùn ci hè micca vera suveranità o grazia à Diu. Pò purtà solu à ghjustizia di travagliu chì ispira fiertà o à delusione o ancu à u pussibule abbandunamentu di a fede cristiana.

U Regnu di Diu ùn deve mai esse ritrattu cum'è un prughjettu umanu, a priscinniri di ciò chì a motivazione o a cunvinzione etica pò motivà qualchissia à fà cusì. Un tali avvicinamentu sbagliatu distorta a natura di a nostra relazione cù Diu è interpreta una magnitudine di u travagliu di Cristu digià realizatu. Perchè se Diu ùn pò micca esse più fideli chè noi, ùn ci hè veramente una grazia redentore. Ùn pudemu micca rinfriscà in una forma di salvezza stessu; perchè ùn ci hè nisuna speranza in questu.

da u Dr. Gary Deddo


in pdf U regnu di Diu (Parte 3)