Matti 7: A Sermone nantu à u Monte

411 matthaeus 7 u Sermone annantu à u Monte In Matteu 5, Ghjesù spiega chì a vera ghjustizia vene da dentro è hè una questione di u cori, micca solu di cumpurtamentu. In u capitulu 6 leggiamu ciò chì Ghjesù hà dettu di i nostri fatti piosi. Avete da esse sinceru è ùn deve esse presentatu cum'è benefici per fà ci pare bè. In i dui capituli, Ghjesù affronta dui prublemi chì emergenu quandu unu basa principalmente a definizione di a ghjustizia nantu à u cumpurtamentu esternu. Da una banda, Diu ùn vole micca cambià u nostru cumpurtamentu esternu, è da l'altra parte, porta a ghjente à fà pretende chì i so cori cambianu. In u Capitulu 7, Ghjesù ci mostra un terzu prublema chì sorge quandu u cumpurtamentu hè primurosu: e persone chì equitanu di ghjustizia cù u cumpurtamentu tendenu à ghjudicà o criticà l'altri.

U splinter in l'ochju di l'altru

"Ùn ghjudicà micca chì ùn sarete micca ghjudicati", disse Ghjesù, "per chì secondu a lege chì ghjudicherete, sarete ghjudicati; è cù quale misura misurate, vi sarà misurata » (Matteu 7,1-2). L'ascultori di Ghjesù sapianu di quale tipu di ghjudiziu Ghjesù parlava. Hè stata diretta contr'à l'attitudine di ghjudiziu di e persone chì avianu digià criticatu à Ghjesù - contr'à l'ipocriti chì anu focu annantu à u cumpurtamentu esternu (vede Ghjuvanni). 7,49 cum'è un esempiu di questu). Quelli chì sò prestu à ghjudicà l'altri è si sentenu superiori à l'altri seranu ghjudicati da Diu. Tutti anu peccatu è tutti anu bisognu di misericordia. Eppuru, certi trovanu difficiuli di ammette questu, è cumu si trova difficiule di mostrà cumpassione versu l'altri. Dunque, Ghjesù ci avvirtenu chì a manera di trattà l'altri pòpulu pò purtà à Diu chì ci tratta u listessu modu. Più sentimu u nostru propiu bisognu di misericordia, menu ghjudicheremu l'altri.

Allora Ghjesù ci duna un'illustrazione umoristicamente esagerata di ciò ch'ellu vole dì: "Ma chì vede a spula in l'ochju di u vostru fratellu è ùn pigliate micca u logu in l'ochju?" (Matteu 7,3). In altre parolle, cumu si pò lagnà di u peccatu di qualcunu quandu unu hà fattu un peccatu più grande ? "O cumu si pò dì à u vostru fratellu: Stop, vogliu tirà a scheggia da u to ochju? E vede, ci hè un log in u to ochju. Ipocriti, pigliate prima u fasciu di l'ochju; poi vedi cumu ti caccià a scheggia da l'ochju di u to fratellu » (vv. 4-5). L'ascultori di Ghjesù duveranu riri in alta voce di stu ritrattu caricaturale di l'ipocriti.

Un ipocritu dice chì aiuterà l'altri à identificà i so peccati. Ellu dichjaratu esse sàviu è dichjara esse un zellu per a lege. Ma Ghjesù dice chì una tale persona ùn hè micca qualificata per aiutà. Hè un ipocritu, attore, un pretendente. Prima deve rimuvà u peccatu da a so vita; si deve capisce quantu grande hè u so propiu peccatu. Cumu pò esse eliminata a barra? Ghjesù ùn hà micca spiegatu questu finu à questu puntu, ma sapemu da altre passaggi chì u peccatu pò esse eliminatu solu da a grazia di Diu. Solu quelli chì anu sperimentatu a misericòrdia ponu veramente aiutà l'altri.

"Ùn duvete micca dà ciò chì hè santu à i cani, è ùn site micca di scaccià e vostre perle davanti à i porchi" (v. 6). Questa frasa hè comunmente interpretata per significà chì l'evangelu deve esse predicatu cun prudenza. Chì pò esse currettu, ma u cuntestu quì ùn hà nunda di fà cù l'evangelu. In ogni casu, s'ellu si mette stu pruverbiu in u cuntestu, pò esse una certa ironia in u sensu di questu: "Ipocrita, tenite e vostre perle di saviezza per sè stessu. Se pensate chì l'altra persona hè un peccatore, ùn perde micca e vostre parolle nantu à ellu. , perchè ellu hè. "Ùn vi sarà micca grata per ciò chì dite è solu arrabbiate per sè stessu". Questa seria allora una cunclusione umoristica à a dichjarazione di u core di Ghjesù: "Ùn ghjudicà".

I boni rigali di Diu

Ghjesù hà digià parlatu di a preghiera è a nostra mancanza di fede (Capitulu 6). Avà s'indirizza dinò: «Dumandate, è vi sarà datu; cercate è truverete; batte è vi sarà apertu. Per quellu chì dumanda riceve; è quellu chì ci cerca, truverà; è quellu chì ci piserà sarà apertu » (V 7-9). Ghjesù descrive una attitudine di fiducia o cunfidenza in Diu. Perchè pudemu avè una tale fede? Perchè Diu hè fiduciale.

Allora Ghjesù face un paragone simplice : « Quale hè trà voi omi chì, quand’ellu dumanda u pane, offre à u so figliolu una petra ? O, s'ellu li dumanda un pesciu, offre una serpente ? Sì tù, chì site u male, pudete ancu dà boni rigali à i vostri figlioli, quantu più u vostru Babbu celeste darà boni rigali à quelli chì li dumandanu ! (Vv. 9-11). Sè ancu i peccatori cura di i so figlioli, allora pudemu certamente confià in Diu chì ellu hà ancu cura di noi, i so figlioli, perchè ellu hè perfettu. Ci darà tuttu ciò chì avemu bisognu. Ùn avemu micca sempre ciò chì vulemu è qualchì volta avemu particularmente mancanza di disciplina. Ghjesù ùn entra in queste cose avà - a so preoccupazione quì hè solu chì pudemu fidà di Diu.

Dopu, Ghjesù parla di a regula d'oru. U sensu hè simile à u versu 2. Diu ci tratterà cum'è noi trattemu l'altri, per quessa ci dumanda "Avà ciò chì vulete chì a ghjente ti faci, fate ancu per elli!" (V 12). Siccomu Diu ci dà e cose boni, duvemu fà cose boni à l'altri. Se vulemu esse trattatu amablemente è se vulemu esse ghjudicati in u nostru favore in u dubbitu, allora avemu da esse boni à l'altri. Se vulemu chì qualcunu ci aiuti quandu avemu bisognu d'aiutu, allora duvemu esse disposti à aiutà l'altri ancu quandu anu bisognu d'aiutu.

Circa a regula d'oru, Ghjesù dice: "Questa hè a lege è i prufeti" (v. 12). Hè sta regula di raghjoni chì a Torah hè veramente. Tutti i tanti sacrifici ci duveranu dimustrà chì avemu bisognu di misericordia. Tutte e liggi civili ci anu da insignà à cumportà ghjustu versu i nostri cumpagni umani. A regula d'oru ci dà una idea chjara di u modu di vita di Diu. Hè facilitu di citazione, ma hè difficiule di agisce. Allora Ghjesù finisce u so sermone cù qualchi avvirtimenti.

A porta stretta

"Entra per a porta stretta", cunsiglia Ghjesù. "Perchè a porta hè larga è a strada hè larga chì porta à a dannazione, è ci sò parechji chì entranu per ella. Quantu strettu hè a porta è quantu strettu u chjassu chì porta à a vita, è sò pochi chì a trovanu ! (V 13-14).

U percorsu di a più minima resistenza porta à fallu. Dopu à Cristu ùn hè micca u modu più populari. Caminari significa significa nigà, pensà indipindente, è esse disposti per andà avanti in a fede ancu quandu nimu face più. Ùn pudemu micca andà cù a maiurità. Ùn pudemu micca ancu favurisce una minoranza riescita solu perchè hè chjuca. A popularità o l'occurrenza rara ùn sò micca una misura di a verità.

"Attenzione à i falsi prufeti", avvisa Ghjesù. "... chì venenu à voi in vestiti di pecuri, ma dentru sò lupi furiosi" (v.15). I falsi predicatori esterni facenu una bona impressione, ma i so mutivi sò egoisti. Cumu pudemu dì s'ellu sò sbagliati?

"Li ricanuscerete per u so fruttu". Pò durà qualchì tempu, ma à a fine videremu se u predicatore si prova à sfruttà lu o se ellu serva veramente l'altri. L'apparizione pò esse ingannosa per un pezzu. I travagliadori di u peccatu pruvate à vede cum'è l'angeli di Diu. Ancu falsi profeti parevenu bè temporaneamente.

Ci hè un modu più veloce per sapè? Iè, ci hè - Ghjesù entrerà in questu pocu dopu. Ma prima avvirtenu i falsi prufeti: "Ogni arburu chì ùn porta micca boni frutti hè tagliatu è ghjittatu in u focu" (v. 19).

Custruisce nantu à u scogliu

U Sermone nantu à a Montagna finisci cù una sfida. Dopu avè intesu à Ghjesù, a ghjente avia da decide di ubbidisce. "Micca tutti quelli chì mi dicenu: Signore, Signore! Vineranu in u regnu di i celi, ma quelli chì facenu a vulintà di u mo Babbu in u celu "(v. 21). Ghjesù implica chì ognunu deve chjamà u Signore. Ma e parolle solu ùn sò micca abbastanza.

Ancu i miraculi fatti in u nome di Ghjesù ùn sò micca bastanti: «Parechji mi diceranu quellu ghjornu: Signore, Signore, ùn avemu micca profetatu in u vostru nome? Ùn avemu micca cacciatu i maligni in u vostru nome? Ùn avemu micca fattu assai miraculi in u vostru nome?

Tandu li cunfessu : ùn vi aghju mai cunnisciutu ; alluntanatevi da mè, malfattori ! (Vv. 22-23). Quì Ghjesù indica chì ellu ghjudicherà tutta l'umanità. A ghjente hà da risponde à ellu è serà discrittu s'ellu ci sarà un futuru per elli cù o senza Ghjesù.

Quale pò esse salvatu? Leghjite a parabola di u cattivu edile di casa edile: "Quellu chì sente u mio discorsu è u face ..." Ghjesù mette e so parolle nantu à u listessu livellu di a vuluntà di u babbu. Ognunu deve ubbidisce à Ghjesù appena ubbidiscenu à Diu. E persone sò ghjudicati secondu u so cumpurtamentu versu Ghjesù. Tutti fallemu è necessitamu misericordia, è questa misericordia si trova in Ghjesù.

Quellu chì custruisce nantu à Ghjesù "hè cum'è un sàviu chì hà custruitu a so casa nantu à una roccia. Quandu una piovana cadeva è l'acqua ghjunsenu è i venti sbattevanu è chjappà in a casa, ùn hè micca accadutu; perchè era fundatu nantu à a roccia » (V 24-25). Ùn avemu da aspittà à a tempesta per vede ciò chì eventualmente vene da ellu. Qualchidunu chì custruisci nantu à u poviru sottusu soffrerà un gran dannu. Qualchese chì prova di basà a so vita spirituale nantu à qualcosa altru ch'è Ghjesù hè custruitu nantu à a sabbia.

"È avvene chì, quandu Ghjesù avia finitu stu discorsu," chì a ghjente era maravigliata di u so insignamentu; perchè li hà insignatu cù autorità è micca cum'è i so scribi » (vv. 28-29). Mosè hà parlatu in u nome di u Signore, è i scribi anu parlatu in u nome di Mosè. Ma Ghjesù hè u Signore è hà parlatu cù a so propria autorità. Ellu hà dichjaratu d'insignà a verità assoluta, di esse u ghjudice di tutta l'umanità è a chjave per l'eternità.

Ghjesù ùn hè micca cum'è i maestri di a lege. A liggi ùn era micca cumpleta è u cumpurtamentu solu ùn hè micca abbastanza. Avemu bisognu di e parolle di Ghjesù è ellu face e dumande chì nimu ùn si pò cumpiendu da a so propria. Avemu bisognu di misericordia, cù Ghjesù pudemu esse cunfidendu di riceve. A nostra vita eterna dipende da cumu rispondemu à Ghjesù.

di Michael Morrison


in pdfMatti 7: A Sermone nantu à u Monte