Fà rigalu u putere di Diu in a preghiera

E persone anu assai penseru nantu à Diu è parechji ùn sò micca necessariamente veri. Se a dichjarazione di Tozer hè curretta è u nostru pensamentu à Diu hè sbagliatu, allora u più impurtante di noi hè ancu sbagliatu. I sbaglii fundamentali di pensà à Diu ponu purtallu à campà in paura è a culpabilità è purtanu à l'altri à pensà sbagliatu in Diu.

Ciò chì pensemu à a preghiera dice assai di ciò chì pensemu à Diu. Quandu pensemu chì l'ovu di preghiera hè u strumentu per uttene qualcosa da Diu, a nostra visione di Diu hè ridutta à una scatula di desideri celeste. Quandu pruvemu à fà affari cun Diu, Diu diventa u nostru negoziatore, chì hè apertu à a negoziazione è chì ùn tene micca accordi è prumesse. Se guardemu à a preghiera per una sorta di appaciamentu è di riconciliazione, allora Diu hè meschinu è arbitrariu è deve esse soddisfattu di a nostra offerta prima di fà qualcosa per noi. Tutte queste visioni portanu à Diu à u nostru livellu è u riducenu à qualchissia chì deve pensà è agisce cum'è noi - un Diu fattu à a nostra sumiglia. Un'altra credenza nantu à a preghiera hè quandu preghemu (currettamente) chì libereremu u putere di Diu in a nostra vita è in u mondu. Apparentemente, quandu ùn preghemu micca currettamente o quandu u peccatu ci interessa, fermemu à Diu è ancu u bluccemu d'agisce. Stu penseru ùn solu pinta un stranu ritrattu di un diu in catene chì hè tenutu in cuntrollu da e forze più putenti, ma hè ancu un grande pesu per e nostre spalle. Semu rispunsevuli se a persona per a quale avemu pregatu ùn hè micca guarita è hè colpa nostra se qualchissia hà un accidente di vittura. Ci sentimu rispunsevuli quandu e cose ùn vanu micca chì vulemu è bramemu. U focu ùn hè più nantu à Diu, ma nantu à a persona chì prega, è trasforma a preghiera in un sforzu egoistu.

A Bibbia parla di a preghiera per disabili in u cuntestu di u matrimoniu (1. Petru 3,7), ma micca à Diu, ma à noi perchè spessu truvamu difficiuli di pricà per via di i nostri sentimenti.Ddiu ùn aspetta micca per noi per dì e preghiere ghjustificate per pudè agisce. Ùn hè micca u babbu chì mantene e cose boni da i so figlioli finu à chì anu pronunziatu a "parola magica", cum'è un babbu aspetta à sente "per piacè" è "ringraziu" da u so zitellu. Diu li piace à sente e nostre preghiere. Ellu ascolta è agisce cun ognunu di noi, indipendentemente da chì avemu a risposta chì vulemu o micca.

Cumu crescemu in cunniscenza di a grazia di Diu, cusì face a nostra vista di Ellu. Quandu sapemu più nantu à ellu, ci vole à esse attenti è micca cunsideremu tuttu ciò chì sintemu di ellu cum'è a verità ultima, ma pruvate dichjarazioni annantu à Diu, a verità di a Bibbia. Hè impurtante di esse cuscenti chì i presupposti sbagliati nantu à Diu prevalenu in a cultura pupulare è cristiana è s'amusanu di supposte verità.

In riassuntu:

Diu ama sentire a nostra preghiera. Ùn importa micca s'ellu usemu e parolle ghjusta. Ci hà datu u rigalu di preghiera per pudè cuntattu cun ellu per mezu di Ghjesù in u Spìritu Santu.

di Tammy Tkach


in pdfFà rigalu u putere di Diu in a preghiera