Stu rapportu di Diu cù u so pòpulu

410 Relazione di Diu cù u so pòpulu In e sucietà tribali antiche, quandu un omu vulia aduttà un zitellu, hà prununziatu e parolle chì seguitanu in una ceremonia simplice: «Seraghju un babbu per ellu è serà u mo figliolu. "Durante a ceremonia di u matrimoniu, una frase simile hè stata pronunziata:" Hè a mo moglia è sò u so maritu ". In presenza di testimoni, a relazione chì avianu intrutu hè stata ripurtata è hè stata per mezu di ste parolle chì hè stata ufficialmente validata.

Cum'è una famiglia

Quandu Diu hà vulsutu sprime a so rilazione cù l'anticu Israele, hà adupratu qualchì volta parolle simili: "Sò u babbu d'Israele è Efraim hè u mo primu figliolu" (Ghjeremia 31,9). Per questu hà adupratu parolle chì discrivenu una relazione - cum'è quella di genitori è zitelli. Diu usa ancu u matrimoniu per discrive a relazione: "Quellu chì ti hà fattu hè u vostru maritu ... ti hà chjamatu à ellu cum'è una donna" (Isaias 54,5-6). "Vogliu esse fidanzatu per voi per tutta l'eternità" (Osea 2,21).

Moltu più spessu a relazione hè formulata in u modu seguente: "Devi esse u mo pòpulu è vogliu esse u to Diu". In l'anticu Israele, a parolla "populu" significava relazioni forti trà di elli. Quandu Ruth hà dettu à Naomi: "U to pòpulu hè u mo pòpulu" (Ruth 1,16), hà prumessu di entre in una relazione nova è durabile. Hà spiegatu duve apparteneria avà. Cunferma in Times of Doubt Quandu Diu dice: "Sì u mo pòpulu", enfatizza (cum'è Ruth) a relazione più forte di l'appartenenza. "Sò liatu à tè, sì cum'è a famiglia per mè". Diu dice assai più spessu in i libri di i prufeti chè in tutte e scritture precedenti cumbinate.

Perchè si ripete cusì spessu? Hè a mancanza di lealtà di Israele chì hà messu in discussione a relazione. Israele avia ignoratu a so allianza cun Diu è adurava altri dii. Dunque Diu hà permessu di cunquistà e tribù di u nordu di l'Assiria è di portà a ghjente. A maiò parte di i prufeti di l'Anticu Testamentu campavanu ghjustu nanzu chì i Babilonii cunquistessinu a nazione di Ghjuda è a purtassinu in a schiavitù.

A ghjente si dumandava. Hè tuttu finitu? Diu ci hà cacciatu fora? I prufeti ripetenu cun fiducia: Innò, Diu ùn ci hà rinunziatu. Simu sempre u so pòpulu è ellu hè sempre u nostru Diu. I prufeti anu previstu una ristaurazione naziunale: a ghjente tornerà in a so terra è, soprattuttu, tornerà à Diu. U tempu futuru hè spessu adupratu: "Sarete u mo pòpulu è seraghju u to Diu". Diu ùn li hà micca rigettati; ristabilirà a relazione. Ellu farà chì sta succeta è serà megliu di ciò chì era.

U messagiu di u prufeta Isaia

"Aghju allevatu è curatu i zitelli, è per mezu di mè anu fattu qualcosa, ma si sò alluntanati da mè", dice Diu per via di Isaia. "Si sò alluntanati da u Signore, anu rigettatu u Santu d'Israele è l'anu rinunciatu" (Isaia 1,2: 4 &; Vita Nova). U risultatu hè chì u populu hè statu fattu prigiuneru. "Hè per quessa chì u mo populu deve alluntanassi, perchè hè senza mente" (Isaia 5,13; Vita Nova).

Paria chì a relazione sia finita. "Avete scacciatu u vostru pòpulu, a casa di Ghjacobbu", leghjimu in Isaia 2,6. Tuttavia, questu ùn duverebbe micca esse veru per sempre: "Ùn àbbia paura, u mo pòpulu chì stà in Sion ... Perchè ùn passerà chè un pocu prima chì a mo ingiustizia finisca" (10,24-25). "Israele, ùn ti scordu micca di tè!" (44,21). "Perchè u Signore hà cunsulatu u so pòpulu è hà pietà di i so malati" (49,13).

I prufeti anu parlatu di un rimpatru tamantu: "Perchè u Signore averà pietà di Ghjacobbu è sceglierà dinò Israele è li metterà in u so paese" (14,1). «Vogliu dì à u nordu: date mi! È à u sudu: ùn ritene! Purtate i mo figlioli da luntanu è e mo figliole da a fine di a terra » (43,6). "U mo populu camperà in prati pacifici, in case sicure è in calma fiera" (32,18). "U Signore Diu asciucherà e lacrime di tutti i visi ... À quellu tempu diceranu:" Eccu, questu hè u nostru Diu, in quale speramu ch'ellu ci aiutessi " (25,8-9). È Diu li disse: "Site u mo pòpulu" (51,16). «Site u mo pòpulu, figlioli chì ùn anu micca tortu» (63,8).

Ci hè una bona nutizia, micca solu per Israele, ma per tutti: "Stranieri si uniranu à elli è si attaccanu à a casa di Ghjacobbu" (14,1). "U stranieru chì si hè giratu versu u Signore ùn dicerà micca: U Signore mi tenerà luntanu da u so populu" (56,3). "U Signore di l'armate farà un pastu grassu per tutti i populi di sta muntagna" (25,6). Diceranu: "Questu hè u SIGNORE ... raligremu è ralegremu di a so salvezza" (25,9).

U messagiu di u prufeta Ghjeremia

Ghjeremia combina i quadri di a famiglia: «Aghju pensatu: cumu vogliu tene ti cum'è se fussi u mo figliolu è ti daraghju a terra cara ... Pensu chì mi chjamerebbe" Caru Babbu "è ùn mi lasciarà micca. Ma a casa d'Israele ùn hè micca stata leali à mè, cum'è una donna ùn ferma micca leali per via di u so amante, dice u Signore " (Ghjeremia 3,19-20). "Ùn avete micca mantenutu a mo allianza, ancu sè eru u vostru maestru [maritu]" (31,32). À u principiu, Ghjeremia hà prufetizatu chì a relazione finisceria: «Ùn site micca di u Signore! Mi disprezzanu, dice u Signore, a casa d'Israele è a casa di Ghjuda " (5,10-11). "Aghju punitu Israele per u so adulteriu è l'aghju liberata è li aghju datu una lettera di divorziu" (3,8). Tuttavia, questu ùn hè micca un rigettu permanente. «Ephraim ùn hè micca u mo figliolu caru è u mo figliolu caru? Perchè ogni tantu chì u minacciu, devu ramintà lu; hè per quessa chì u mo core si rompe, è devu avè pietà di ellu, dice u Signore » (31,20). "Quantu tempu vulete smarrisce, figliola rinnegata?" (31,22). Ellu hà prumessu di ristabilisce li: "Vogliu coglie i resti di a mo banda da tutti i paesi induve l'aghju cacciati" (23,3). "U tempu hè ghjuntu, dice u Signore, chì turnaraghju u destinu di u mo populu Israele è Ghjuda, dice u Signore" (30,3). «Vede, i faraghju fora da a terra di u nordu è i riuneraghju da l'estremità di a terra» (31,8). "Ti vogliu pardunà a vostra malfatta è ùn ricordu mai u to piccatu" (31,34). "Israele è Ghjuda ùn saranu micca veduve abbandunate da u so Diu, u Signore di l'armate" (51,5). Hè assai impurtante chì Diu i cambiessi per ch'elli sianu fideli: «Riturnate, figlioli apostati, è ti guariraghju da a vostra disubbidienza» (3,22). "Vogliu dà li un core per ch'elli mi cunnoscinu chì sò u Signore" (24,7).

"Vogliu mette a mo lege in u vostru core è scrive in a vostra mente" (31,33). "Vogliu dà li u listessu significatu è u listessu cambiamentu ... è vogliu mette a paura di mè in u so core, affinch'elli ùn mi abbanduninu" (32,39-40). Diu prumette un rinnovu di a so relazione, chì equivale à fà una nova allianza cun elli: "Devenu esse u mo pòpulu è vogliu esse u so Diu" (24,7; 30,22; 31,33; 32,38). "Vogliu esse u Diu di tutte e famiglie d'Israele è devenu esse u mo pòpulu" (31,1). "Vogliu fà una nova allianza cù a casa d'Israele è cù a casa di Ghjuda" (31,31). "Vogliu fà un allianza eterna cun elli chì ùn cesseraghju di fà li bè" (32,40).

Ghjeremia hà vistu chì i pagani serianu ancu unu di elli: «Contr'à tutti i mo vicini gattivi chì toccanu l'eredità ch'e aghju distribuitu à u mo pòpulu Israele: Eccu, li sradicheraghju da a so terra è strapperaghju a casa di Ghjuda da mezu à elli. ... È accadrà quandu si amparanu da u mo pòpulu à ghjurà per u mo nome: Cum'è u Signore vive! ... cusì abiteranu à mezu à u mo pòpulu » (12,14-16).

U prufeta Ezechiele hà un missaghju simile

U prufeta Ezechiele descrive ancu a relazione di Diu cù Israele cum'è un matrimoniu: «È aghju passatu per voi è aghju guardatu à voi, ed eccu, era u mumentu di curavvi. Cusì aghju stesu u mo mantellu nantu à voi è aghju cupertu a vostra nudità. E l'aghju ghjuratu è aghju fattu un allianza cun voi, dice u Signore Diu, chì tù sia a moia » (Ezekiel 16,8). In un'altra analogia, Diu si descrive cum'è pastore: "Cum'è un pastore cerca e so pecure quand'elli sò persi da a so banda, cusì cercu e mo pecure è i liberu da tutti i lochi induve eranu sparse" (34,12-13). Sicondu sta analogia, hà mudificatu e parolle nantu à a relazione: "Sarete a mo banda, a banda di u mo pasculu, è seraghju u vostru Diu" (34,31). Ellu prevede chì a ghjente tornerà da l'esiliu è Diu cambierà u so core: «Vogliu dà li un altru core è dà li un spiritu novu, è vogliu caccià u core di petra da u so corpu è dà li un core fattu di carne cun ellu camminanu in i mo cumandamenti è tenenu i mo ordini è li facenu di conseguenza. È devenu esse u mo pòpulu è vogliu esse u so Diu » (11,19-20). A relazione hè ancu descritta cum'è una allianza: "Vogliu ricurdà a mo allianza, chì aghju fattu cun voi in a vostra ghjuventù, è vogliu stabilisce un allianza eterna cun voi" (16,60). Stà ancu in mezu à elli: "Staraghju trà elli è saraghju u so Diu è saranu u mo pòpulu" (37,27). «Camparaghju quì per sempre trà l'Israele. È a casa d'Israele ùn prufanarà più u mo nome santu " (43,7).

U messagiu di i prufeti minori

U prufeta Osea discrive dinò una rumpitura in a relazione: "Ùn site micca u mo pòpulu, allora ùn vogliu micca esse ancu voi" (Osea 1,9). Invece di e solite parolle per u matrimoniu, usa e parolle di un divorziu: "Ùn hè micca a mo moglia è ùn sò micca u so maritu!" (2,4). Ma cum'è ghjè accadutu cun Isaia è Ghjeremia, hè una esagerazione. Hosea aghjusta subitu chì a relazione ùn hè micca finita: "Dopu, dice u Signore, mi chjamerai" u mo maritu "... Seraghju fidanzatu per voi per tutta l'eternità" (2,18 è 21). "Vogliu avè pietà di Lo-Ruhama [l'amatu], è diceraghju à Lo-Ammi [micca u mo populu]:" Site u mo pòpulu ", è diceranu:" Sì u mo Diu ". (2,25). «In questu modu vogliu guarì dinò a so apostasia; Mi piacerebbe amà la; perchè a mo rabbia si ne turnerà " (14,5).

U prufeta Ghjuvellu trova parolle simule: "Allora u Signore ghjeluserà per a so terra è risparmierà u so pòpulu" (Ghjuvanni 2,18). «U mo populu ùn averà più vergogna» (2,26). U prufeta Amos scrive ancu: "Turnaraghju a cattività di u mo populu Israele" (U 9,14).

«Ellu averà pietà di noi dinò», scrive u prufeta Micà. "Sarete fideli à Ghjacobbu è mostrerete grazia à Abràhamu, cum'è avete ghjuratu à i nostri babbi di l'antichità" (Mer 7,19: 20). U prufeta Zaccaria offre un bellu riassuntu: «Rallegratevi è siate felici, figliola di Sion! Perchè eccu, vengu è staraghju cun voi, dice u Signore " (Zaccaria 2,14). «Eccu, riscattaraghju u mo pòpulu fora di a terra contr'à a nascita è fora di a terra contr'à u tramontu di u sole, è li purtaraghju in casa per stà in Ghjerusalemme. È devenu esse u mo pòpulu è vogliu esse u so Diu in fideltà è ghjustizia » (8,7-8).

In l'ultimu libru di l'Anticu Testamentu u prufeta Malachi scrive: «Saranu, dice l'Eternu di l'armate, i mei u ghjornu chì li faraghju, è averaghju pietà di elli, cum'è un omu hà pietà di u so figliolu chì l'ha serve » (Tempi 3,17).

di Michael Morrison


in pdfStu rapportu di Diu cù u so pòpulu