Stu rapportu di Diu cù u so pòpulu

410 Relazione di Diu cù u so pòpulu In e sucietà tribali antiche, quandu un omu vulia aduttà un zitellu, hà prununziatu e parolle chì seguitanu in una ceremonia simplice: «Seraghju un babbu per ellu è serà u mo figliolu. "Durante a ceremonia di u matrimoniu, una frase simile hè stata pronunziata:" Hè a mo moglia è sò u so maritu ". In presenza di testimoni, a relazione chì avianu intrutu hè stata ripurtata è hè stata per mezu di ste parolle chì hè stata ufficialmente validata.

Cum'è una famiglia

Quandu Diu vulia sprimà a so rilazioni cù l'antica Israele, qualchì volta usava parolle simili: "Sò u babbu d'Israele è Efraim hè u mo figliolu primunatu" (Jeremiah 3).1,9). Per questu hà utilizatu parolle chì descrizanu una relazione - cum'è quella di i genitori è i zitelli. Ddiu usa ancu u matrimoniu per discrìviri a relazione: "Quellu chì t'hà fattu hè u to maritu ... ti hà chjamatu à ellu cum'è una donna" (Isaia 5).4,5-6). "Vogliu esse fidanzatu cù voi per tutta l'eternità" (Osea 2,21).

Moltu più spessu a rilazioni hè formulata in a seguente manera: "Avete da esse u mo populu, è vogliu esse u vostru Diu". In l'antica Israele, a parolla "populu" significava relazioni forti cù l'altri. Quandu Ruth disse à Naomi: "U to pòpulu hè u mo populu" (Rut 1,16), hà prumessu di entre in una relazione nova è durabile. Ella spiegò induve appartene avà. Cunfirmazione in Tempi di dubbitu Quandu Diu dice: "Tu sì u mo pòpulu", ellu (cum'è Ruth) enfatizeghja a relazione più di l'appartenenza. "Sò ligatu à tè, sì cum'è una famiglia per mè". Diu dice questu assai più spessu in i libri di i prufeti cà in tutte e scritture precedente cumminate.

Perchè si ripete cusì spessu? Hè a mancanza di lealtà di Israele chì hà messu in discussione a relazione. Israele avia ignoratu a so allianza cun Diu è adurava altri dii. Dunque Diu hà permessu di cunquistà e tribù di u nordu di l'Assiria è di portà a ghjente. A maiò parte di i prufeti di l'Anticu Testamentu campavanu ghjustu nanzu chì i Babilonii cunquistessinu a nazione di Ghjuda è a purtassinu in a schiavitù.

A ghjente si dumandava. Hè tuttu finitu? Diu ci hà cacciatu fora? I prufeti ripetenu cun fiducia: Innò, Diu ùn ci hà rinunziatu. Simu sempre u so pòpulu è ellu hè sempre u nostru Diu. I prufeti anu previstu una ristaurazione naziunale: a ghjente tornerà in a so terra è, soprattuttu, tornerà à Diu. U tempu futuru hè spessu adupratu: "Sarete u mo pòpulu è seraghju u to Diu". Diu ùn li hà micca rigettati; ristabilirà a relazione. Ellu farà chì sta succeta è serà megliu di ciò chì era.

U messagiu di u prufeta Isaia

"Aghju criatu è cura di i zitelli è per mè anu fattu qualcosa, ma si sò alluntanati da mè", dice Diu per Isaia. « Ils se sont détournés du Seigneur, ont rejeté le Saint d'Israël et l'ont renoncé à lui » (Isaïe) 1,2 u. 4; nova vita). U risultatu hè chì u populu hè statu fattu prigiuneru. "Hè per quessa chì u mo pòpulu deve andà, perchè ùn hè micca capitu" (Isaia 5,13; nova vita).

Paria chì a relazione era finita. "Avete cacciatu u vostru populu, a casa di Ghjacobbu", leghjemu in Isaia 2,6. Tuttavia, questu ùn deve esse veru per sempre: "Ùn àbbiate paura, u mo populu chì campa in Sion ... Perchè solu un pocu tempu prima chì a mo inghjustizia finiscinu" (10,24-25). "Israele, ùn ti scurdaraghju micca!" (4e4,21). "Perchè u Signore hà cunsulatu u so populu è hà pietà di i so afflitti" (49,13).

I prufeti parlavanu di un rimpatriu enormu: "Perchè u Signore hà da misericòrdia di Ghjacobbu è sceglierà di novu Israele è li mette in u so paese" (Gen.4,1). «Vogliu dì à u nordu : dà à mè ! È à u sudu : ùn tratene micca ! Portate i mo figlioli da luntanu è e mo figliole da a fine di a terra "(43,6). "U mo pòpulu camparà in prati tranquilli, in abitazioni sicure è in fiera calma" (3)2,18). "U Signore Diu sguasserà e lacrime da tutti i visi ... À quellu tempu si dicerà: "Eccu, questu hè u nostru Diu, chì avemu aspittatu per aiutà" (Ex.5,8-9). È Diu li disse: "Voi site u mo populu" (Deut1,16). "Voi site u mo populu, figlioli chì ùn sò micca falsi" (63,8).

Ci hè una bona nutizia, micca solu per Israele, ma per tutti: "I stranieri si uniscenu à elli è si appiccicaranu à a casa di Ghjacobbu" (Gen.4,1). "U stranieru chì s'hè vultatu à u Signore ùn deve micca dì: U Signore mi mantene fora di u so pòpulu" (Deut.6,3). "U Signore di l'ospiti prepararà un pastu grassu per tutti i populi nantu à sta muntagna" (Es5,6). Diceranu: "Questu hè u Signore ... rallegremu è rallegremu in a so salvezza" (Ex.5,9).

U messagiu di u prufeta Ghjeremia

Jeremiah unisci i ritratti di famiglia: "Pensu: Cumu ti vogliu tene cum'è s'è tù fussi u mo figliolu, è ti darà a terra cara ... Pensu chì mi chjamassi "Caru Babbu" è ùn mi lascià micca. Ma a casa d'Israele ùn hè micca stata fidela à mè, cum'è una donna ùn hè micca fedele per via di u so amante, dice u Signore "(Geremiah). 3,19-20). "Ùn anu micca guardatu u mo pattu, ancu s'ellu era subitu u so maestru [maritu]" (31,32). À u principiu, Ghjeremia prufetizava chì a relazione finisci : « Ùn site micca di u Signore ! Mi disprezzanu, dice u Signore, a casa d'Israele è a casa di Ghjuda "(5,10-11). "J'ai puni Israël pour son adultère et l'ai relâchée et lui a donné une lettre de divorce" (3,8). Tuttavia, questu ùn hè micca un rifiutu permanente. « Efraim ùn hè micca u mo figliolu caru è u mo figliolu caru ? Perchè quante volte l'aghju minacciatu, l'aghju da ricurdà; dunque u mo core si rompe, per avè pietà di ellu, dice u Signore » (31,20). - Finu à quandu vulete sviate, figliola rinnegata ? (31,22). Hà prumessu ch'ellu li risturarà: "Aghjuleraghju i resti di u mo gregnu da tutti i paesi induve l'aghju cacciatu" (Ex.3,3). "U tempu hè ghjuntu, dice u Signore, chì aghju da turnà u destinu di u mo pòpulu Israele è Ghjuda, dice u Signore" (30,3: 3). "Eccu, li purteraghju fora di a terra di u nordu, è li racoltaraghju da l'estremità di a terra" (Lev).1,8). "Li pardunaraghju a so iniquità è ùn mi ricurdaraghju mai di u so peccatu" (31,34). "Israele è Ghjuda ùn saranu micca veduvi abbandunati da u so Diu, u Signore di l'armata" (Deut.1,5). Hè assai impurtante chì Diu li cambierà in modu ch'elli sianu fideli: "Ventate, figlioli apostati, è vi guarisceraghju da a vostra disubbidienza" (3,22). "Vogliu dà li un core chì mi deve sapè chì sò u Signore" (Es4,7).

"Vogliu mette a mo lege in i so cori è scrive in a so mente" (31,33). "Vogliu dà li u listessu significatu è u listessu modu di vita ... è vogliu mette a paura di mè in i so cori, per ch'elli ùn mi lascianu micca" (3).2,39-40). Diu prumetti un rinnuvamentu di a so rilazioni, chì equivale à fà un novu pattu cun elli: "Deve esse u mo populu è vogliu esse u so Diu" (2).4,7; 30,22; 31,33; 32,38). "Vogliu esse u Diu di tutte e famiglie d'Israele è seranu u mo pòpulu" (31,1). "Vogliu fà un novu pattu cù a casa d'Israele è cù a casa di Ghjuda" (31,31). "Vogliu fà un pattu eternu cun elli chì ùn cesseraghju micca di fà li bè" (32,40).

Ghjeremia hà vistu chì i pagani seranu ancu unu di elli: «Contra tutti i mo vicini gattivi chì toccanu l'eredità ch'e aghju distribuitu à u mo pòpulu Israele: eccu, li caccieraghju da u so paese è scontru a casa di Ghjuda da mezu à elli. . ... È averà da esse quandu amparanu da u mo populu à ghjurà per u mo nome : Cum'è u Signore vive ! ... cusì abitanu à mezu à u mo pòpulu "(12,14-16u).

U prufeta Ezechiele hà un missaghju simile

U prufeta Ezechiele discrive ancu a relazione di Diu cù Israele cum'è un matrimoniu : « Eiu t'aghju passatu è t'aghju fighjulatu, è, eccu, era u tempu di coraggià. Allora aghju stesu u mo mantellu nantu à tè è copre a to nudità. È ti l'aghju ghjuratu è aghju fattu un pattu cun voi, dice u Signore Diu, chì tù sia u mo » (Ezechiele 1).6,8). In un'altra analogia, Diu si discrive cum'è un pastore: "Cum'è un pastore cerca e so pecure quand'elle sò perse da u so gregnu, cusì cercheraghju e mo pecure è salveraghju da tutti i lochi induve eranu spargugliati" (3).4,12-13). Sicondu sta analogia, hà mudificatu e parolle nantu à a rilazioni: "Tu serà a mo banda, a banda di u mo pasture, è seraghju u vostru Diu" (3).4,31). Prevede chì u populu vultà da l'esiliu è Diu cambierà u so core : « Vogliu dà li un altru core è dà un spiritu novu, è vogliu caccià u core di petra da u so corpu è dà un core fattu di carne. cun ella camminanu in i mo cumandamenti è guardanu i mo ordini è li facenu per quessa. È duveranu esse u mo populu è vogliu esse u so Diu "(11,19-20). A relazione hè ancu descritta cum'è un pattu: "Ma vogliu ricurdà u mo pattu, chì aghju fattu cun voi in a vostra ghjuventù, è vogliu stabilisce un pattu eternu cun voi" (Gen.6,60). Abitarà ancu à mezu à elli: "Abitaraghju à mezu à elli è serà u so Diu è seranu u mo pòpulu" (3).7,27). "Aghju campà quì per sempre trà l'Israele. È a casa d'Israele ùn profanerà più u mo santu nome "(43,7).

U messagiu di i prufeti minori

U prufeta Osea descrive ancu una rottura in a relazione: "Ùn site micca u mo populu, dunque ùn vogliu micca esse ancu u vostru" (Osea 1,9). Invece di e parolle di solitu nantu à u matrimoniu, usa e parolle di un divorziu: "Ùn hè micca a mo moglia è ùn sò micca u so maritu!" (2,4). Ma cum'è digià accadutu cù Isaia è Ghjeremia, questu hè una esagerazione. Hosea aghjusta prestu chì a rilazioni ùn hè micca finita: «Allora, dice u Signore, mi chjamate» U mo maritu «... Vogliu esse fidanzatu cù tè per l'eternità » (2,18 u. 21). "Vogliu avè pietà di Lo-Ruhama [u micca amatu], è dicu à Lo-Ammi [micca u mo pòpulu]: "Tu sì u mo pòpulu", è dicenu: "Tu sì u mo Diu".2,25). «In questu modu guarisceraghju di novu a so apostasia; Mi piacerebbe amà; perchè a mo còllera serà volta da elli "(14,5).

U prufeta Joel trova parolle simili: "Allora u Signore ghjilosu per a so terra è risparmià u so populu" (Joel 2,18). "U mo pòpulu ùn si vergogna più" (2,26). U prufeta Amos scrive ancu: "Vogliu turnà a cattività di u mo pòpulu Israele" (Am 9,14).

"Hè pietà di noi di novu", scrive u prufeta Mica. "Serete fideli à Ghjacobbu è mostrarete grazia à Abraham, cum'è avete ghjuratu à i nostri babbi di l'antichi" (Mi 7,19-20). U prufeta Zaccaria prupone un bonu riassuntu: "Rallegrate è siate felice, figliola di Sion! Perchè eccu, vengu è staraghju cun voi, dice u Signore » (Zacaria 2,14). "Eccu, riscattà u mo pòpulu fora di a terra contru à u sorgente è fora di a terra contru à u tramontu di u sole, è li purteraghju in casa per abitare in Ghjerusalemme. È seranu u mo pòpulu è seraghju u so Diu in fideltà è ghjustizia "(8,7-8u).

In l'ultimu libru di l'Anticu Testamentu, u prufeta Malachia scrive: «Seranu, dice u Signore di l'ospiti, esse a mo pruprietà in u ghjornu ch'aghju da fà, è aghju pietà di elli cum'è un omu hà pietà di u so figliolu chì hè ellu serve » (Mal 3,17).

di Michael Morrison


in pdfStu rapportu di Diu cù u so pòpulu