Diu ci dà a vita vera

491 Diu vole dà noi a vita vera In u filmu As Good as It Gets, Jack Nicholson interpreta una persona abbastanza scandalosa. Hè disturbatu sia emotivamente sia suciale. Ùn hà micca amichi è ci hè pocu speranza per ellu finu à ch'ellu scontra una ghjovana donna chì u serve in u so pub lucale. A cuntrariu di l'altri prima di ella, hà passatu tempi difficili. Allora ella li mostra un pocu d'attenzione, ellu reagisce in a listessa manera, è si avvicinanu sempre più vicinu à u filmu. Cum'è a ghjovana cameriera Jack Nicholson hà dimustratu una certa quantità di benevolenza ch'ellu ùn si meritava, cusì scontru a misericordia di Diu in u nostru viaghju cristianu. Miguel de Cervantes, u grande autore spagnolu di Don Chisciotte, hà scrittu chì "trà l'attributi di Diu, a so misericòrdia brilla assai più ch'è a so ghjustizia".

Grazia hè un rigalu chì ùn meritemu micca. Avemu tendenza à abbraccià un amicu chì passa per un mumentu bruttu di a so vita. Forse ci sussuremu ancu à l'orechja: "Tuttu sarà fine." vuluntà.

"Ùn tratta micca cun noi secondu i nostri peccati è ùn ci ripaga micca per e nostre iniquità. Perchè quantu u celu hè sopra à a terra, lascia chì a so grazia guverna nantu à quelli chì u teme. Quantu a matina hè da a sera, lascia chì e nostre trasgressioni sò da noi. Cum'è un babbu hà pietà di i zitelli, cusì u Signore hà pietà di quelli chì u teme. Perchè ellu sà chì tipu di struttura simu ; s'arricorda ch'è no simu polvara » (Salmu 103,10-14u).

Duranti una severa siccità in a terra, Diu hà urdinatu à u prufeta Elijah per andà in u Krit Creek per beie, è Diu hà mandatu i corbi per furnisce di manghjà (2. Re 17,1-4). Diu hà cura di u so servitore.

Diu hà da piglià cura di noi da l'abbundanza di e so ricchezze. Cusì Pàulu hà scrittu à a Chjesa di Filippu: "U mo Diu vi rimediarà à tutti i vostri bisogni, secondu a so ricchezza in gloria in Cristu Ghjesù" (Filippesi). 4,19). Chì era veru di i Filippini, è hè vera ancu di noi. Ghjesù hà incuraghjitu i so ascoltatori in u Sermone nantu à a Montagna:

Ùn vi preoccupate micca di a vostra vita, ciò chì manghjate è beie; mancu circa u vostru corpu, ciò chì vi purtari. Ùn hè micca a vita più chè l'alimentariu è u corpu più chè u vestitu ? Fighjate à l'acelli sottu à u celu : ùn suminanu, ùn cuglieranu, ùn cullighjanu micca in i stagni ; è ancu u vostru Babbu celeste li nutre. Ùn site micca assai più preziosu chè elli ? (Matteu 6,25-26u).

Diu hà ancu dimustratu ch'ellu avia cura di Eliseu quandu Eliseu avia bisognu di aiutu. U rè Ben-Hadad avia mobilizatu l'armata di Siria contr'à Israele parechje volte. Eppuru ogni volta chì hà attaccatu, l'armate d'Israele eranu in qualchì modu preparatu per a so avanzata. Pensò chì ci era una spia in u campu, cusì hà riunitu i so generali è li dumandò: "Quale hè u spia trà noi?" Unu rispose: "Signore, hè u prufeta Eliseu. Hà a cunniscenza prima chì u rè stessu sapi ciò ch'ellu hè. finu à. " Allora u rè Ben-Hadad hà urdinatu à i so armati di avanzà in Dotan, a cità nativa di Eliseu. Pudemu imaginà ciò chì deve esse vistu ? « Salute, rè Ben-Hadad ! Induve vai ? "U rè risponderia: "Faremu prigiuneru stu picculu prufeta Eliseu". Quandu ghjunse à Dotan, u so grande esercitu circundava a cità di u Prufeta. U ghjovanu servitore d'Eliseu si n'andò per piglià l'acqua è, quandu hà vistu u grande esercitu, hà panicatu è currìu versu Eliseu è disse: "Signore, l'armate di Siria sò contru à noi. Chì duvemu fà? "Elisa hà dettu:" Ùn àbbia paura, perchè ci sò più chì sò cun noi chè quelli chì sò cun elli ". U ghjovanu deve avè pensatu: "Già, un esercitu tamantu ci circunda fora è un pazzu sta cun mè quì dentru". Ma Elisa pricava : « Signore, apre l’ochji à u ghjovanu ch’ellu veda ! Diu hà apertu l'ochji è vide chì l'esercitu di Siria era circundatu da l'armate di u Signore è una grande multitùdine di cavalli di focu è carri (2. Re 6,8-17u).

U messagiu di l'Scrittura hè sicuramente questu: Di tantu in tantu avemu a sensazione chì in u nostru viaghju per a vita avemu persu u curagiu è e circustanze ci anu purtatu à l'abissu di a disperazione. Admittemu chì no simu capaci di aiutà noi stessi. Allora pudemu cunfidassi di Ghjesù è di u so messagiu per piglià cura di noi. Ci darà gioia è vittoria. Iddu ci duna a vita eterna vera cum'è fratellu amatu, surella amata. Ùn vi ne scurdemu mai. Fidemu à ellu!

di Santiago Lange


in pdfDiu ci dà a vita vera