Per accustà a lege

563 rispettà a lege In a Lettera à i Rumani Paulu scrive: "L'amore ùn face micca male à u prossimu; cusì avà hè l'amore di a cumplimazione di a lege » (Rumani 13,10 EG). Avemu naturalmente tendenu à turnà a dichjarazione "l'amore cumple a lege" è dicemu: "a lege cumpene l'amore". Spécialmente vulemu sapè induve simu in relazioni. Vuliamu vede chjaramente o mette in ballu una manera di duvemu stà cun l'altri è amassi. A lege stabilisce u standard per cumu svolge l'amore è hè assai più faciule da misurà ch'è se l'amore hè u modu di rializà a lege.

U prublema cù questu ragiunamentu hè chì una persona pò mantene a lege senza amassi. Ma ùn pudete micca amassi senza cumpiendu a lege. A lege dice cumu una persona chì amate si cumporterà. A sfarenza trà a lege è l'amore hè chì l'amore travaglia da l'internu, una persona hè cambiata da l'internu. A lege, invece, afecta solu u cumpurtamentu di l'esterno, di fora.

Questu hè chì l'amore è a legge anu principii guidatori assai diversi. Una persona guidata da l'amore ùn hà micca bisognu d'istruzioni di cumportà cun amore, ma una persona guidata da a lege hà bisognu. Tememu chì senza principii forti di guida, cum'è a legge, chì ci richiede di cumpurtà correttamente, ùn pudemu micca agisce in modu cumminente. Tuttavia, l'amore veru ùn hè micca sughjettu à e cundizioni perchè ùn pò micca esse forzatu o forzatu. Hè datu liberamente è ricevutu liberamente, altrimenti ùn hè micca amu. Pò esse amichevuli d'accettazione o ricunniscenza, ma micca d'amore, perchè l'amore ùn ha cundizione. L'accettazione è u ricunniscenza sò generalmente sottumessi à e cundizioni è sò spessu cunfunditi cù l'amore.

Questa hè a raghjoni perchè u nostru chjamatu "amore" hè tantu facilmente sopraffatto quandu e persone chì amemu si trovanu assai di e nostre aspettative è di e nostre richieste. Stu tipu d'amore hè sfurtunatamente solu ricunniscenza, chì ne damu o ritenimu secondu u cumpurtamentu. Parechji di noi sò stati trattati in stu modu da i nostri vicini, i nostri genitori, i maestri è i superiori, è spessu trattemu i nostri zitelli è i nostri omi in modu perdutu.

Forse hè per quessa chì ci sentimu cusì incòmode cun l'idea chì a fede di Cristu in noi hà rinunciatu a lege. Vulemu misurà l'altri cù qualcosa. Ma noi sò salvati da grazia per via di a fede è ùn ne più bisognu di scala. Se Diu ci amate malgradu i nostri peccati, cumu pudemu ghjudicà i nostri culle umani cusì basi è di ricusalli l'amore se ùn agiscenu micca secondu e nostre idee?

L'apòstulu Paulu spiega questu à l'Efesini in a manera seguente: "Hè davveru grazia pura chì sì salvatu. Tù stessu ùn pudete fà nunda ma accettà cun fiducia ciò chì Diu vi dà. Ùn l'avete micca guadagnatu per fà nunda; perchè Diu ùn vole micca chì nimu sia capace di riferisce à i so propri rializazioni davanti à ellu (Efesini 2, 8-9 GN).

A bona nutizia hè chì vi sò salvatu da grazia solu da a fede. Pudete esse assai grati per quessa, perchè nimu, senza Ghjesù, hà righjuntu a misura di a salvezza. Grazie à Diu per u so amore incondizionatu, attraversu quale ti riduce è vi trasforma in a natura di Cristu!

di Ghjiseppu Tkach