Diu hè ...

372 hè DieuSè vo pudia dumandà à Diu una quistione; quale saria ? Forse un "grande" : secondu u vostru destinu ? Perchè a ghjente hà da soffre? O una piccula ma urgente: Chì hè accadutu à u mo cane chì scappava da mè quandu eru dieci anni ? E s'ellu avia maritatu u mo amore di zitiddina ? Perchè Diu hà fattu u celu turchinu ? O forse li vulia solu dumandà : Quale site ? o chì site o chì vulete A risposta à questu probabilmente risponde à a maiò parte di l'altri dumande. Quale è ciò chì Diu hè è ciò ch'ellu vole sò dumande basi nantu à u so esse, a so natura. Tuttu u restu hè determinatu da questu: perchè l'universu hè a manera chì hè; quale simu umani; perchè a nostra vita hè cusì è cumu duvemu a forma. Enigma originale chì ognunu hà pensatu prima. Pudemu avè una risposta à questu, almenu in parte. Pudemu principià à capisce a natura di Diu. In fatti, quant'è incredibile quantu sona, pudemu participà di a natura divina. Per mezu di quale ? Per mezu di l'autorerivelazione di Diu.

I pensatori di tutti i tempi anu fattu a più variata di l'imaghjini di Diu. Ma Diu si palesa à noi per mezu di a so creazione, di a so parolla è di u so Figliolu Ghjesù Cristu. Ci mostra quale hè, ciò chì hè, ciò chì face, ancu, in una certa misura, perchè ellu. Ci dice ancu chì rilazioni duvemu avè cun ellu è chì forma pigliarà sta relazione à a fine. Un prerequisite basicu per ogni cunniscenza di Diu hè un spiritu ricettivu è umile. Avemu da rispettà a parolla di Diu. Allora Diu si manifesta à noi (Isaia 66,2), è amparà à amà à Diu è i so modi. "Quellu chì mi ama", dice Ghjesù, "guarderà a mo parolla, è u mo Babbu l'amerà, è noi veneremu à ellu è campemu cun ellu" (Ghjuvanni 1).4,23). Diu voli piglià residenza cun noi. S'ellu face cusì, averemu sempre risposte più chjaru à e nostre dumande.

1. In cerca di l'eternu

L'omi anu sempre luttatu per mette in luce e so origini, u so esse è u so scopu in a vita. Sta lotta di solitu u cunduce à a quistione di s'ellu ci hè un diu è chì essenza hè a so. Facendu cusì, l'omu hè ghjuntu à e maghjine è l'idee più diverse.

Percorsi sinuosi di ritornu à Eden

U desideriu umanu anticu per una interpretazione di l'essere si riflette in i diversi edifici di idee religiose chì esistenu. Da parechje direzzioni diverse si circava à avvicinassi à l'urigine di l'esistenza umana è cusì a presunta guida di a vita umana. Sfurtunatamente, l'incapacità di l'omu di capisce pienamente a realità spirituale hà purtatu solu à cuntruversie è à altre dumande:

  • I Panteisti vedenu à Diu cum'è tutte e forze è e lege chì sò daretu à u cosmu. Ùn credenu micca in un Diu persunale è interpretanu sia u male sia u male cum'è divinu.
  • I politeisti credenu in parechji esseri divini. Ognunu di questi dii pò aiutà o dannà, ma nimu hà u putere assolutu. Dunque tuttu deve esse veneratu. Parechje credenze in u Mediu Oriente è Greco-Rumane, è ancu i culti spirituali è ancestrali di parechje culture tribali eranu o sò politeiste.
  • I teisti credenu in un Diu persunale cum'è origine, sustenitore è centru di tutte e cose. Se l'esistenza di altri dii hè fondamentalmente esclusa, hè una questione di monoteismu, cume si mostra in forma pura in a fede di u patriarca Abraham. Trè religioni mundiali si riferenu à Abràhamu: Ghjudaismu, Cristianesimu è Islam.

Ci hè un diu?

Ogni cultura di a storia hà sviluppatu un sensu più o menu forte chì Diu esiste. U scetticu chì nega à Diu hà sempre avutu difficultà. Ateismu, nihilisimu, esistenzialismu - quessi sò tutti tentativi di interpretazione di u mondu senza un onnipotente, creatore chì agisce personalmente chì determina ciò chì hè bonu è ciò chì hè male. In ultimamente, queste è filosofie simili ùn danu micca una risposta soddisfacente. In un certu sensu, eludenu u prublema di core. Ciò chì vulemu veramente sapè hè chì tippu d'esse u Creatore hà, ciò chì prevede di fà è ciò chì deve accadere per chì pudemu campà in armunia cù Diu.

2. Cumu Diu si palesa à noi?

Mettite ipoteticamente in u locu di Diu. Hanu fattu tutte e cose, cumpresi l'omu. Avete fattu l'omu à a vostra imagina (1. Mosè 1,26-27) è hà datu a capacità di sviluppà una relazione speciale cun voi. Allora ùn dite micca ancu à e persone qualcosa di sè stessu ? Dimmi ciò chì vulete da ellu ? Mostra li cumu si mette in a relazione di Diu chì vulete? Qualchidunu chì assume chì Diu hè incunnisciutu assume chì Diu hè ammucciatu da a so criatura per una certa ragione. Ma Diu si palesa à noi: in a so creazione, in a storia, in a Bibbia è per mezu di u so Figliolu Ghjesù Cristu. Cunsideremu ciò chì Diu ci mostra per mezu di i so atti di auto-rivelazione.

A creazione palesa à Diu

Pò esse ammirazione di u grande cosmu è ùn vulete micca ammette chì Diu esiste, ch'ellu tene tuttu u putere in e so mani, ch'ellu permette l'ordine è l'armunia per prevale? Rumani 1,20: "Per l'esse invisibule di Diu, chì hè u so eternu putere è divinità, hè statu vistu da e so opere da a creazione di u mondu, se unu li percepisce". A vista di u celu hà stunatu u rè David chì Diu tratta di qualcosa d'insignificante cum'è l'omu: "Quandu vegu u celu, u travagliu di i vostri ditte, a luna è e stelle chì avete preparatu: chì hè l'omu chì pensate ellu, è u zitellu di l'omu, chì ti cura di ellu ? (Salmu 8,4-5u).

A grande polemica trà u Job dubbitu è ​​Diu hè ancu famosa. Diu li mostra i so miraculi, prova di a so autorità è saviezza illimitata. Stu scontru riempie Job di umiltà. I discorsi di Diu pò esse leghje in u Libru di Job in u 38u à u 4u seculu1. Capitulu. Aghju capitu, Job cunfessa, chì pudete fà tuttu, è nunda di ciò chì avete da fà hè troppu difficiule per voi. Hè per quessa ch'e aghju parlatu imprudente, ciò chì hè troppu altu per mè è ùn aghju micca capitu ... Aghju intesu solu da voi da u sente; ma avà u mo ochju vi hà vistu "(Job 42,2-3,5). Da a creazione ùn vedemu micca solu chì Diu esiste, ma vedemu ancu e caratteristiche di u so esse da ellu. U risultatu hè chì a pianificazione in l'universu presuppone un pianificatore, a lege naturale presuppone un legislatore, a preservazione di tutti l'esseri presuppone un sustainer è l'esistenza di a vita fisica presuppone un donatore di vita.

U pianu di Diu per l'omu

Chì hà intenzione di Diu quandu hà creatu tutte e cose è ci hà datu a vita? Pàulu spiegò à l'Ateniani: "... hà fattu tutta a razza umana da un omu, per ch'elli abitanu in tutta a terra, è hà stipulatu quantu duverebbe esse esistenu è in quale limiti deve esse abitatu per circà. Diu, s'ellu si sentenu è truvallu; è veramente ùn hè micca luntanu da ognunu di noi, perchè in ellu campemu, tessemu è simu; cum'è certi pueti anu dettu ancu trà voi: Semu di a so generazione "(Atti 17: 26-28). O simpricimenti, cum'è Johannes scrive, chì "amemu perchè ci hà amatu prima" (1. Johannes 4,19).

A storia palesa à Diu

I scettichi dumandanu: "S'ellu ci hè Diu, perchè ùn si mostra micca à u mondu?" È "S'ellu hè veramente onnipotente, perchè permette u male?" A prima dumanda suppone chì Diu ùn si sia mai mostratu à l'umanità. È u secondu, ch'ellu hè insensatu à l'angoscia umana o almenu ùn face nunda. Storicamente è a Bibbia cuntene numerosi registri storichi, e duie assunzioni ùn sò micca tenibili. Dapoi i tempi di a prima famiglia umana, Diu hè ghjuntu spessu in cuntattu direttu cù e persone. Ma di solitu a ghjente ùn vole sapè nunda d'elli!

Isaia scrive: "In verità, sì un Diu oculatu ..." (Isaia 45,15). Ddiu spessu "si nasconde" quandu a ghjente li mostra cù i so pinsamenti è l'azzioni chì ùn volenu nunda di fà cun ellu o cù i so modi. Isaia aghjusta dopu: "Eccu, u bracciu di u Signore ùn hè micca troppu cortu ch'ellu ùn pò aiutà, è e so arechje ùn sò micca diventate duru per ch'ellu ùn pò sente, ma i vostri debiti vi separanu da un Diu è piatta i vostri piccati a so faccia davanti à voi. , perchè ùn sarete micca intesu "(Isaia 59,1-2u).

Tuttu hà cuminciatu cù Adamu è Eva. Diu li hà criatu è i mette in un giardinu in fiore. E poi li parlava direttamente. Sapete chì era quì. Li hà dimustratu cumu si relacionà cun ellu. Ùn l'abbandunò micca à u so propiu, Adamu è Eva anu da fà una scelta. Avianu à decide s'ellu vulianu adurà à Diu (simbolicamente: manghjà da l'arbulu di a vita) o disregard à Diu (simbolicamente: manghjà da l'arbre di a cunniscenza di u bè è di u male). Avete sceltu l'arburu sbagliatu (1. Mosè 2 è 3). Spessu trascuratu, però, hè chì Adamu è Eva sapianu chì avianu disubbiditu à Diu. Si sentia culpèvule. A prossima volta chì u Creatore hè ghjuntu à parlà cun elli, anu intesu: "U Signore Diu caminava in u giardinu quandu u ghjornu era frescu. È Adamu è a so mòglia si piattanu sottu à l'arburi da a vista di u Signore Diu in u giardinu "(1. Mosè 3,8).

Allora chì si piattava ? Ùn diu ! Ma ghjente davanti à Diu. Vulianu distanza, separazione trà ellu è ellu. È hè cusì ch'ella hè stata da tandu. A Bibbia hè piena d'esempii di Diu chì stende una manu d'aiutu à l'umanità è l'umanità turnendu quella manu. Noè, un "predicatore di ghjustizia" (2. Petru 2: 5), hà passatu un seculu sanu avvistendu u mondu di u ghjudiziu di Diu. U mondu ùn hà micca intesu è hè statu affucatu in l'inundazione. U peccatore di Sodoma è Gomorra Diu distruttu da una tempesta di focu, u fumu di u quale s'alzava cum'è un faro "cum'è u fumu da un fornu" (1. Mosè 19,28). Ancu sta correzione soprannaturale ùn hà micca fattu u mondu megliu. A maiò parte di l'Anticu Testamentu descrive l'azzioni di Diu versu u populu sceltu d'Israele. Israele ùn vulia micca sente à Diu nè. "... ùn lasciate micca chì Diu ci parli", gridava a ghjente (2. Mosè 20,19).

Diu hà ancu intervenutu in a furtuna di grandi putenzi cum'è Egittu, Ninive, Babyion è Persia. Spessu parlava direttamente à i più alti dirigenti. Ma u mondu cum'è un sanu restava obdurate. Peggio ancora, parechji servitori di Diu sò stati crudelmente assassinati da quelli chì anu pruvatu à purtà u messagiu di Diu. Ebrei 1: 1-2 infine ci dice: "Dopu chì Diu hà parlatu parechje volte è in parechje manere à i babbi per mezu di i prufeti, in questi ultimi ghjorni hà parlatu à noi per mezu di u Figliolu ..." Ghjesù Cristu hè ghjuntu in u mondu per pridicà. l'evangelu di a salvezza è u regnu di Diu. Risultatu ? "Era in u mondu, è u mondu hè statu fattu per ellu; ma u mondu ùn l'hà micca cunnisciutu" (Ghjuvanni 1,10). U so scontru cù u mondu li purtò a morte.

Ghjesù, Diu incarnatu, hà manifestatu l'amore è a cumpassione di Diu per a so creazione: "Gerusalemme, Ghjerusalemme, tu uccidesi i prufeti è lapidate quelli chì vi sò mandati! Quante volte aghju vulsutu cullà i vostri figlioli cum'è una ghjallina raccoglie i so pulcini sottu à e so ali. ; è ùn vulia micca! " (Matteu 23,37). Innò, Diu ùn stà luntanu. Si palesa in a storia. Ma a maiò parte di a ghjente hà chjusu l'ochji à ellu.

U testimoniu biblicu

A Bibbia ci mostra à Diu in i seguenti modi:

  • L'affirmazioni di Diu nantu à u so esse
    Cusì rivela in 2. Mosè 3,14 u so nome à Mosè: "Seraghju quellu chì serà". Mosè hà vistu una machja ardente chì ùn era micca cunsumata da u focu. In questu nome si prova di esse un esse è un vivu di ellu stessu. Ulteriori aspetti di u so esse sò revelati in i so altri nomi biblichi. Diu hà urdinatu à l'Israele: "Perciò sarete santu, perchè sò santu" (3. Mosè 11,45). Diu hè santu. In Isaia 55: 8 Diu ci dice chjaramente: "... i mo pinsamenti ùn sò micca i vostri pinsamenti, è i vostri modi ùn sò micca i mo modi ..." Diu vive è agisce nantu à un pianu più altu ch'è noi. Ghjesù Cristu era Diu in forma umana. Ellu si discrive cum'è "a luce di u mondu" (Ghjuvanni es 8:12), cum'è u "Sò" chì campava davanti à Abraham (verse 58), cum'è "a porta" (Ghjuvanni ). 10,9), cum'è "u bon pastore" (versu 11) è cum'è a "via è a verità è a vita" (Ghjuvanni 1).4,6).
  • Dichjarazioni di Diu nantu à u so travagliu
    Fare appartene à l'essenza, o piuttostu nasce da ellu. Dichjarazioni nantu à fà dunque cumplementarii dichjarazioni nantu à esse. Facciu "a luce ... è creà a bughjura", dice Diu nantu à ellu stessu in Isaia 45,7; Dà "Pace ... è crea calamità. Sò u Signore chì face tuttu questu". Tuttu ciò chì hè statu creatu da Diu. È domina ciò chì hè creatu. Diu ancu predice u futuru: "Sò Diu, è nimu altru, un Diu à quale nunda ùn hè cum'è. Da u principiu aghju pruclamatu ciò chì vene dopu, è prima di ciò chì ùn hè ancu accadutu. Dicu: Ciò chì aghju decisu. per succede, è tuttu ciò chì mi metteraghju à fà, l'aghju da fà "(Isaia 46,9-10). Diu ama u mondu è hà mandatu u so Figliolu per portà a salvezza. "Perchè Diu hà tantu amatu u mondu chì hà datu u so Figliolu unigenitu, chì tutti quelli chì credenu in ellu ùn perisca micca, ma avè a vita eterna" (Ghjuvanni). 3,16). Diu porta i zitelli in a so famiglia per mezu di Ghjesù. In Revelazione 21,7 leghjemu: "Quellu chì vince, eredite tuttu, è aghju da esse u so Diu è ellu serà u mo figliolu". Riguardu à l'avvene, Ghjesù dice: "Eccu, vengu prestu, è a mo ricumpensa cun mè, per dà à ognunu cum'è e so opere sò" (Apocalisse 2 Cor.2,12).
  • Dichjarazioni di e persone nantu à a natura di Diu
    Diu hè sempre statu in cuntattu cù e persone chì ellu hà sceltu per fà a so vulintà. Parechji di questi servitori ci anu lasciatu cù dettagli di a natura di Diu in a Bibbia. "... u Signore hè u nostru Diu, u Signore solu ", dice Mosè (5. Mosè 6,4). Ci hè solu un Diu. A Bibbia favurizeghja u monoteismu. (Vede u terzu capitulu per più dettagli). Di i tanti dichjarazioni di u salmista nantu à Diu quì solu questu: "Per quale hè Diu, se micca u Signore, o una roccia, se micca u nostru Diu?" (Salmu 18,32). Solu Diu hè duvutu à adurà, è rinfurzà quelli chì l'adoranu. Ci hè una bundanza di insights in a natura di Diu in i Salmi. Unu di i versi più cunfortanti in l'Scrittura hè 1. Johannes 4,16: "Diu hè amore ..." Un insight impurtante in l'amore di Diu è a so alta vuluntà per a ghjente pò esse truvata in 2. Petru 3: 9: "U Signore ... ùn vole micca chì nimu sia persu, ma chì tutti anu da truvà u pentimentu". Chì ghjè u più grande desideriu di Diu per noi, i so criaturi, i so figlioli ? Chì seremu salvu. È a Parolla di Diu ùn torna micca à ellu viotu - compie ciò chì era destinatu à fà (Isaia 55,11). Sapendu chì u scopu di Diu hè è hè capaci di salvà ci deve dà una grande speranza.
  • A Bibbia cuntene dichjarazioni fatte da e persone nantu à ciò chì Diu face
    Diu "impende a terra sopra nunda", dice Job 26,7 a fine. Dirige e forze chì determinanu l'orbita è a rotazione di a terra. In a so manu sò a vita è a morte per l'abitanti di a terra: "Se piattate u to visu, sò spaventati; s'ellu ci toglie u so fiatu, passanu è tornanu polvera. Mandate fora di u vostru soffiu, sò creati. è ne criate novi a forma di a terra "(Salmu 104,29-30). Néanmoins, Dieu, bien que tout-puissant, en tant que Créateur aimant, a fait l'homme à sa propre image et lui a donné le pouvoir sur la terre (1. Mosè 1,26). Quand'ellu vide chì a malvagità s'era sparghje nantu à a terra, "ellu era pente d'avè fattu l'omi nantu à a terra, è era afflittu in u so core".1. Mosè 6,6). Hà rispostu à a gattivezza di u mondu mandendu u diluviu, chì hà divuratu tutta l'umanità eccettu Noè è a so famiglia (1. Mosè 7,23). Diu dopu hà chjamatu u patriarca Abraham è hà fattu un pattu cun ellu per quale "tutte i generazioni di a terra" anu da esse benedettu (1. Mosè 12,1-3) una riferenza digià à Ghjesù Cristu, un discendente di Abraham. Quandu hà furmatu u populu d'Israele, Diu hà guidatu miraculosamente à traversu u Mari Rossu è hà distruttu l'esercitu egizianu: "... cavallu è omu hà ghjuntu in u mare" (2. Mosè 15,1). Israele hà rottu u so accordu cù Diu è hà lasciatu erupzione di a viulenza è l'inghjustizia. Dunque, Diu hà permessu chì a nazione sia attaccata da i populi stranieri è eventualmente guidata da a Terra Promessa in esclavità (Ezekiel 2).2,23-31). Eppuru, u Diu misericordioso hà prumessu di mandà un Salvatore à u mondu per fà un pattu eternu di ghjustizia cù tutti quelli chì si pentinu di i so piccati, israeliti è micca israeliti.9,20-21). È finalmente Diu hà mandatu u so Figliolu Ghjesù Cristu. Ghjesù hà dichjaratu: "Per questu hè a vulintà di u mo Babbu chì quellu chì vede u Figliolu è crede in ellu hà a vita eterna, è u risuscitaraghju à l'ultimu ghjornu" (Ghjuvanni 6:40). Diu hà assicuratu: "... quellu chì chjama u nome di u Signore serà salvatu" (Rumani 10,13).
  • Oghje Diu autorizeghja a so chjesa per pridicà l'evangelu di u regnu "in tuttu u mondu per a tistimunianza di tutti i populi".4,14). U ghjornu di Pentecoste dopu à a risurrezzione di Ghjesù Cristu, Diu hà mandatu u Spìritu Santu à: per unisce a chjesa in u corpu di Cristu è per revelà i misteri di Diu à i cristiani (Atti di l'Apòstuli). 2,1-4u).

A Bibbia hè un libru nantu à Diu è a relazione di l'umanità cun ellu. U vostru missaghju ci invita à l'esplorazione di a vita, per amparà più nantu à Diu, ciò chì hè, ciò chì face, ciò chì vole, ciò chì pensa. Eppuru nimu umanu pò capisce una stampa perfetta di a realità di Diu. Un pocu scoraggiatu da a so incapacità di capisce a pienezza di Diu, Ghjuvanni chjude u so cuntu di a vita di Ghjesù cù e parolle: "Ci hè parechje altre cose chì Ghjesù hà fattu. Ma s'ellu si deve scrive una cosa dopu à l'altra, allora, crede, u mondu ùn capisce micca i libri per esse scrittu "(Ghjuvanni 21,25).

In breve, a Bibbia mostra à Diu cum'è

• esse di sè stessu

• micca liatu da alcunu limitu di tempu

• micca ligatu da alcunu limiti spaziali

• onniputente

• onnisciente

• trascendente (stendu sopra à l'universu)

• immanent (cuncernatu cù l'universu).

Ma chì hè esattamente Diu?

Un prufessore di religione hà pruvatu una volta à dà à u so publicu una idea più stretta di Diu. Hà dumandatu à i studienti di unisce e mani in un grande cercolu è chjude l'ochji. "Avà rilassate è presentate à Diu", disse. "Pruvate à imaginà ciò chì pare, ciò chì u so tronu puderia esse, ciò chì a so voce puderia sona, ciò chì succede intornu à ellu". Cù l'ochji chjusi, manu in manu, i studienti si sò assittatu longu tempu in e so categurie è sunniavanu l'imaghjini di Diu. "Allora?" dumandò u prufessore. "U vedi? Ognunu di voi duveria avè qualchì stampa in mente per avà. Ma ", cuntinuò u prufessore, chì ùn hè micca Diu! Innò! l'hà strappatu da i so pinsamenti. "Questu ùn hè micca Diu! Ùn si pò capisce micca sanu cù u nostru intellectu! Nimu pò capisce à Diu cumplettamente, perchè Diu hè Diu è simu solu esseri fisichi è limitati ". Una visione assai prufonda. Perchè hè cusì difficiule di definisce quale è ciò chì Diu hè? L'ostaculu principalu si trova in a limitazione mintuvata da quellu prufessore: L'omu face tutte e so sperienze attraversu i so cinque sensi, è tutta a nostra capiscitura linguistica hè adattata à questu. Diu, invece, hè eternu. Hè infinitu. Hè invisibile. Eppuru pudemu fà dichjarazioni significati nantu à un Diu ancu s'è simu limitati da i nostri sensi fisichi.

Realità spirituale, lingua umana

Diu si manifesta indirettamente in a creazione. Hà spessu intervenutu in a storia mundiale. A so parolla, a Bibbia, ci dice di più nantu à ellu. Hè ancu apparsu in vari modi per alcune persone in a Bibbia. Tuttavia, Diu hè spiritu, tutta a so pienezza ùn pò esse guardata, toccata o puzzulata. A Bibbia ci dà verità nantu à una cuncezzione di Diu aduprendu termini chì l'essere fisichi ponu capisce in u so mondu fisicu. Ma ste parolle ùn sò micca capaci di riflette pienu à Diu.

Per esempiu, a Bibbia chjama à Diu "roccia" è "casteddu" (Salmu 18,3), "Scudu" (Salmu 144,2), "focu consumante" (Ebrei 12,29). Sapemu chì Diu ùn currisponde literalmente à queste cose fisiche. Sò simboli chì, basatu annantu à ciò chì hè umanamente observable è capiscibile, ci avvicinanu à aspetti impurtanti di Diu.

A Bibbia ancu attribuisce una forma umana à Diu, chì palesa aspetti di u so caratteru è a relazione cù l'omu. Passaghji descrizanu Diu cù un corpu (Filippesi 3: 21); una testa è un capelli (Apocalisse 1,14); una faccia (1. Mosè 32,31; 2. Mosè 33,23; Revelazione 1:16); ochji è orechje (5. Mosè 11,12; Salmu 34,16; epifania 1,14); nasu (1. Mosè 8,21; 2. Mosè 15,8); Bocca (Matteu 4,4; epifania 1,16); Labbra (Job 11,5); Voce (Salmu 68,34; epifania 1,15); Lingua è respiru (Isaia 30,27: 28-4); Braccia, mani è dite (Salmu 4,3-4; 89,14; Ebrei 1,3; 2. Cronaca 18,18; 2. Mosè 31,18; 5. Mosè 9,10; Salmu 8: 4; epifania 1,16); Spalle (Isaia 9,5); pettu (rivelazione 1,13); Sposta (2. Mosè 33,23); Hips (Ezekiel 1,27); Pedi (Salmu 18,10; epifania 1,15).

Spessu quandu parlemu di a nostra rilazioni cù Diu, a Bibbia usa una lingua presa da a vita di famiglia umana. Ghjesù ci insegna à pricà : "Patre nostru in u celu!" (Matteu 6,9). Diu vole cunsulà u so populu cum'è una mamma cunsuleghja i so figlioli (Isaia 66,13). Ghjesù ùn hè micca vergogna di chjamà i so scelti da Diu i so fratelli (Ebrei 2,11); hè u so fratellu maiò, u primu natu (Rumani 8,29). In Revelazione 21,7 Diu prumetti: "Quellu chì vince, eredite tuttu, è seraghju u so Diu, è ellu serà u mo figliolu". Iè, Diu chjama i cristiani à un ligame di famiglia cù i so figlioli. A Bibbia descrive stu ligame in una intelligenza chì pò esse capitu da l'omu. Pittura un ritrattu di a realità spirituale più alta chì puderia esse chjamatu impressionista. Questu ùn ci dà micca u scopu cumpletu di a futura gloriosa realtà spirituale. A gioia è a gloria di a relazione finale cù Diu cum'è i so figlioli hè assai più grande di ciò chì u nostru vocabulariu limitatu pò esprime. Allora diteci 1. Johannes 3,2: "Cari, simu digià figlioli di Diu; ma ùn hè ancu statu revelatu ciò chì seremu. Ma sapemu: quandu diventa apparente, seremu cum'è ellu, perchè u videremu cum'ellu hè ". In a risurrezzione, quandu a pienezza di a salvezza è u regnu di Diu sò ghjunti, avemu infine cunnosce à Diu "pienamente". "Ora vedemu una stampa scura à traversu un specchiu", scrive Paul, "ma dopu faccia à faccia. Avà u cunnoscu pocu à pocu; ma dopu vedaraghju cumu sò cunnisciutu "(1. Corinti 13,12).

"Quellu chì mi vede vede u babbu"

L'autorerivelazione di Diu, cum'è avemu vistu, hè attraversu a creazione, a storia è l'Scrittura. Inoltre, Diu s'hè revelatu à l'omu per u fattu chì ellu stessu divintò omu. Hè divintatu cum'è noi è hà campatu, sirvutu è insignatu trà noi. A venuta di Ghjesù era u più grande attu di l'autore rivelazione di Diu. "È a parolla hè stata fatta carne (Ghjuvanni 1,14). Ghjesù si liberò di i privilegi divini è divintò un esse umanu, cumplettamente umanu. Hè mortu per i nostri piccati, hè statu risuscitatu da i morti, è hà urganizatu a so Chjesa. A venuta di Cristu hè stata una scossa per a ghjente di u so ghjornu. Perchè? Perchè a so maghjina di Diu ùn era micca abbastanza luntanu, cum'è avemu da vede in i prossimi dui capituli. Eppuru, Ghjesù disse à i so discìpuli : « Quellu chì mi vede vede u Babbu ! (Ghjuvanni 14: 9). In corta: Diu si palesa in Ghjesù Cristu.

3. Ùn ci hè diu, ma mè

Ghjudaismu, Cristianesimu, Islam. Tutte e trè religioni mundiali si riferenu à Abraham cum'è babbu. Abràhamu differia da i so cuntimpuranei in un modu impurtante: Adurava solu un Diu - u veru Diu. Monoteisimu chì hè a cridenza chì ci hè solu un Diu denota u puntu di partenza di a vera religione.

Abraham Adorava u Veru Diu Abraham ùn hè micca natu in una cultura monoteista. Seculi dopu, Diu ammonisce l'antica Israele: "I vostri babbi campavanu da l'altra parte di l'Eufrate, Terah, Abraham è u babbu di Nacoru, è sirvutu à altri dii. Allora aghju pigliatu u vostru babbu Abraham da l'altra parte di u fiumu è l'hà lasciatu vaghjime per tuttu u paese. di Canaan è esse più numerosa Genere ... "(Josué 24,2-3u).

Prima ch'ellu fù chjamatu da Diu, Abraham campava in Ur; i so antenati prubabilmente campavanu in Haran. Parechji dii eranu venerati in i dui lochi. In Ur, per esempiu, ci era un grande ziggurat dedicatu à u diu lunare Sumeriu Nanna. L'altri tempii in Ur servenu i culti di An, Enlil, Enki è NingaL. Diu Abraham hà scappatu di stu mondu politeistu di fede: "Va da a vostra patria è da i vostri parenti è da a casa di u vostru babbu à un paese chì vogliu mustrà. voi. È vogliu fà di voi un grande populu ... "(1. Mosè 12,1-2u).

Abràhamu ubbidì à Diu è partì (v. 4). In un certu sensu, a rilazioni di Diu cù Israele hà cuminciatu à questu puntu: quandu si palesa à Abraham. Diu hà fattu un pattu cù Abraham. Dopu rinnuvà l'allianza cù u figliolu d'Abrahamu, Isaac, è più tardi ancu cù u figliolu d'Isaac, Ghjacobbu. Abràhamu, Isaac è Ghjacobbu adoravanu l'unicu Diu veru. Questu hà ancu sferenti da i so parenti stretti. Labanu, un nipote di Nahor, u fratellu d'Abrahamu, cunniscia ancu i dii di a casa (idoli) (1. Mosè 31,30-35u).

Diu salva Israele da l'idolatria egiziana

Dicenni dopu, Ghjacobbu (rinominatu Israele) si stalla in Egittu cù i so figlioli. I figlioli d'Israele sò stati in Egittu per parechji seculi. In Egittu, ancu, ci era un politeismu pronunzianu. U Lessicu di a Bibbia (Eltville 1990) scrive: "A religione [d'Egittu] hè un cunglomeratu di e religioni nomos individuali, à quale parechje divinità introdutte da l'esteru (Baal, Astarte, u grumpy Bes) appariscenu, indipendentemente da e cuntradizioni trà e diverse idee chì sò ghjunte in esse... In terra i dii s’incorporanu in animali ricunnoscevuli da certi segni » (pp. 17-18).

In Egittu, i figlioli d'Israele crescenu in numeru, ma cascò in a schiavitù di l'Egiziani. Diu hè statu revelatu in una seria di atti chì anu purtatu à a liberazione di Israele da l'Eggittu. Allora hà fattu un pattu cù a nazione d'Israele. Cum'è questi avvenimenti mostranu, l'autorerivelazione di Diu à l'omu hè sempre statu monoteistu. Si palesa à Mosè cum'è u Diu di Abraham, Isaac è Ghjacobbu. U nome ch'ellu si dà ( "Seraghju" o "Sò", 2. Mosè 3,14), suggerisce chì l'altri dii ùn esistenu micca a manera di Diu. Diu hè. Ùn site micca !

Perchè u Faraone ùn vole micca liberà l'Israeliti, Diu umilia l'Egittu cù dece pesti. Parechje di queste piaghe mostranu direttamente l'imputenza di i dii egiziani. Per esempiu, unu di i dii egiziani hà una testa di rana. A pesta di Diu di e ranochje face u cultu di stu diu ridiculu.

Ancu dopu avè vistu e cunsequenze terribili di e dece pesti, Faraone ricusa di lascià l'Israele. Allora Diu distrugge l'esercitu egizianu in u mare (2. Mosè 14,27). Questu attu dimustra l'impotenza di u diu egizianu di u mare. Cantà canti trionfanti (2. Mosè 15,1-21), i figlioli d'Israele lodanu u so Diu Onnipotente.

U veru Diu si ritrova è si perde torna

Da l'Eggittu, Diu porta l'Israele à u Sinai, induve sigillanu un pattu. In u primu di i deci cumandamenti, Diu enfatizeghja chì l'adorazione hè duvuta à ellu solu: "Ùn avete micca altri dii fora di mè" (2. Mosè 20,3: 4). In u sicondu cumandamentu pruibisce l'imaghjini è l'idolatria (versi 5). Una volta, Mosè ricumande à l'Israele di ùn succorsu à l'idolatria (5. Mosè 4,23-26; 7,5; 12,2-3; 29,15-20). Ellu sapi chì l'Israele seranu tentati di seguità i dii Canaaniti quand'elli venenu à a terra prumessa.

U nome di preghiera Sh'ma (ebreu "Senti!", Dopu à a prima parolla di sta preghiera) mostra l'impegnu d'Israele à Diu. Accumincia cusì: "Ascolta, Israele, u Signore hè u nostru Diu, u Signore solu. È amate u Signore, u vostru Diu, cù tuttu u to core, cù tutta a to ànima è cù tutte e to forza "(5. Mosè 6,4-5). In ogni casu, Israele casca ripetutamente per i dii Canaaniti, cumprese EI (un nome standard chì pò ancu esse appiicatu à u veru Diu), Baal, Dagon è Asthoreth (un altru nome per a dea Astarte o Ishtar). U cultu di Baal in particulare hà una attrazione seducente per l'Israele. Quandu anu culunizatu a terra di Canaan, eranu dipindenti di boni racolti. Baal, u diu di a tempesta, hè veneratu in i riti di fertilità. L'Enciclopedia Bibbia Standard Internaziunale: "Perchè si cuncentra nantu à a fertilità di a terra è di l'animali, u cultu di a fertilità deve avè sempre avutu un effettu attraente nantu à e società cum'è l'antica Israele, chì a so ecunumia era principarmenti rurale" (Volume 4, p. 101).

I prufeti di Diu ammoniscenu à l'Israele di pentimentu di a so apostasia. Elia dumanda à u populu: "Quantu tempu limpà da i dui lati? Se u Signore hè Diu, seguitelu, ma s'ellu hè Baal, seguitelu" (1. Re 18,21). Diu risponde à a preghiera d'Elia per pruvà ch'ellu hè solu Diu. U populu ricunnosce : « U Signore hè Diu, u Signore hè Diu ! (Versu 39).

Diu ùn si palesa micca solu cum'è u più grande di tutti i dii, ma cum'è l'unicu Diu: "Sò u Signore, è nimu altru, nisun diu hè fora" (Isaia 4).5,5). È: "Davanti à mè ùn ci hè micca Diu, cusì ùn ci sarà nimu dopu à mè. Eiu, sò u Signore, è fora di mè ùn ci hè micca Salvatore" (Isaia 4).3,10-11u).

Ghjudaismu - strettamente monoteisticu

A religione ebraica di l'epica di Ghjesù ùn era nè henotheistic (assumendu parechji dii, ma cunsiderendu unu u più grande) nè monoiatric (permettenu solu u cultu di un diu, ma cunsiderendu l'altri chì esistenu), ma strettamente monoteistu (credendu chì ci hè solu. un Diu). Sicondu u Dizziunariu Teologicu di u Novu Testamentu, i Ghjudei eranu uniti in nunda altru ch'è a so credenza in un Diu (Volume 3, p. 98).

À questu ghjornu, recite u Sh'ma hè una parte integrante di a religione ebraica. Rabbi Akiba (mortu un martire in 2. Seculu d.C.), chì si dice chì hè statu esecutatu mentre pricava u Sh'ma, si dice chì hà rigulatu ripetutamente in i so turmenti. 5. Mosè 6,4 disse è pigliò l'ultimu fiatu à a parolla "solu".

Ghjesù à u monoteisimu

Quandu un scriba dumanda à Ghjesù quale hè u cumandamentu più grande, Ghjesù risponde cù una citazione Sh'ma: "Senti, Israele, u Signore u nostru Diu, u Signore solu hè, è duvete amà u Signore u vostru Diu cù tuttu u vostru core Cori, cù tutta a to ànima, cù tutta a to mente è cù tutte e to forza. "(Marcu 12: 29-30) U scriba accunsenu, "Maestru, avete veramente parlatu bè! Hè solu unu, è ùn hè micca altru fora di ellu stessu ... "(verse 32).

In u prossimu capitulu, videremu chì a venuta di Ghjesù approfondisce è allarga l'imaghjini di Diu di a chjesa di u Novu Testamentu. Ghjesù dice di esse u Figliolu di Diu è à u stessu tempu unu cù u Babbu. Ghjesù affirma u monoteismu. U Dizziunariu Teologicu di u Novu Testamentu enfatizeghja: "Per mezu di u [Novu Testamentu] Cristologia, u monoteismu cristianu primitivu hè cunsulidatu, micca scuzzulatu ... Sicondu i Vangeli, Ghjesù ancu intensifica u credu monoteistu" (Volume 3, p. 102).

Ancu i nemici di Cristu l'attestanu: "Maestru, sapemu chì site veri è ùn dumandate micca à nimu, perchè ùn rispettu micca a reputazione di l'omi, ma insegni a strada di Diu ghjustu" (verse 14). Cumu l'Scritture mostranu, Ghjesù hè "u Cristu di Diu" (Luca 9,20), "u Cristu, u sceltu di Diu" (Luca 23:35). Hè "l'Agnellu di Diu" (Johannes 1,29) è "U pane di Diu" (Johannes 6,33). Ghjesù, a Parola, era Diu (Ghjuvanni 1,1). Forse a dichjarazione monoteistica più chjara chì Ghjesù hà fattu si trova in Marcu 10,17-18. Quandu qualchissia s'indirizza à ellu cum'è "bon maestru", Ghjesù risponde: "Chì mi chjamate bè? Nimu hè bonu, ma Diu solu".

Ciò chì predicava a chjesa primitiva

Ghjesù hà incaricatu a so chjesa di pridicà l'evangelu è di fà discìpuli di tutte e nazioni (Matteu 2).8,18-20). Per quessa, hà prestu pridicatu à e persone chì anu influinzatu da a cultura politeista. Quandu Paulu è Barnaba predicavanu è facianu miraculi in Lystra, a reazione di l'abitanti tradisce u so pensamentu strettamente politeistu: "Ma quandu u populu hà vistu ciò chì Paul avia fattu, hà alzatu a so voce è gridò in Lycaon: I dii sò diventati uguali à l'omi è ghjunsenu à noi. È chjamanu Barnabas Zeus è Paulus Hermes ... "(Atti 14,11-12). Hermes è Zeus eranu dui dii da u panteon grecu. I panteoni greci è rumani eranu ben cunnisciuti in u mondu di u Novu Testamentu, è u cultu di i dii greco-rumani fiuriscenu. Pàulu è Barnabas risposenu appassiunatu monoteistu: "Semu ancu persone mortali cum'è voi è vi annunziate l'evangelu chì vi deve turnà da questi falsi dii à u Diu vivu, chì hà fattu u celu è a terra è u mare è tuttu ciò chì hè in elli hat ". (verse 15). Ancu cusì, ùn puderanu micca impedisce à e persone di sacrificà à elli.

In Atena Paulu truvò altari di parechji dii diffirenti - ancu un altare cù a dedicazione "À u Diu scunnisciutu" (Atti 1).7,23). Hà utilizatu questu altare cum'è un "ganciu" per u so sermone nantu à u monoteismu à l'Atene. In Efesu, u cultu d'Artemis (Diana) era accumpagnatu da un vivu cummerciu di idoli. Dopu chì Paul hà pridicatu l'unicu Diu veru, quellu cummerciu s'hè calatu. L'orefice Demetriu, chì hà patitu pèrdite in u risultatu, si lamentava chì "stu Paulu abortisce, persuade è dice: Ciò chì hè fattu cù e mani ùn sò micca dii" (Atti 19:26). Una volta un servitore di Diu predica a futilità di l'idoli fatti da l'omu. Cum'è l'Anticu, u Novu Testamentu proclama solu un veru Diu. L'altri dii ùn sò micca.

Nisun altru diu

Pàulu dice chjaramente à i cristiani di Corintu chì ellu sà "chì ùn ci hè nè idolu in u mondu è nè diu, ma quellu" (1. Corinti 8,4).

U Monoteismu determina à tempu l'Anticu è u Novu Testamentu. Abràhamu, u babbu di i credenti, hà chjamatu Diu da una sucietà politeista. Diu s'hè rivelatu à Mosè è à Israele è hà fundatu l'antica allianza solu per l'adorazione di sè stessu. Hà mandatu prufeti per enfatizà u missaghju di u monoteisimu. È infine, Ghjesù stessu hà ancu cunfirmatu u monoteisimu. A Chjesa di u Novu Testamentu chì hà fundatu hà luttatu costantemente contr'à e credenze chì ùn rappresentavanu micca u monoteisimu puru. Dapoi i tempi di u Novu Testamentu, a chjesa hà sempre predicatu ciò chì Diu hà rivelatu tempi fà: Un solu hè Diu, "u Signore solu".

4. Diu hà revelatu in Ghjesù Cristu

A Bibbia insegna: "Ci hè solu un Diu". Micca dui, trè, o mille. Ci hè solu Diu solu. U Cristianesimu hè una religione monoteista, cum'è avemu vistu in u terzu capitulu. Hè per quessa chì a venuta di Cristu hà causatu un tale agitatu in quellu tempu.

Un fastidiu per i Ghjudei

Per mezu di Ghjesù Cristu, attraversu "a splendore di a so gloria è a ressemblanza di u so esse", Diu s'hè revelatu à l'omu (Ebrei 1,3). Ghjesù hà chjamatu Diu u so Babbu (Matthew 10,32-33; Luca 23,34; Ghjuvanni 10,15) è disse : « Quellu chì mi vede vede u babbu ! (Ghjuvanni 14: 9). Hà fattu a dichjarazione audace: "Eiu è u Babbu sò unu" (Ghjuvanni 10:30). Dopu à a so risurrezzione, Tumasgiu s'indirizza à ellu cù "U mo Signore è u mo Diu!" (Ghjuvanni 20:28). Ghjesù Cristu era Diu.

U Ghjudaismu ùn pudia accettà questu. "U Signore hè u nostru Diu, u Signore solu" (5. Mosè 6,4); sta sentenza da u Sh'ma hà longu furmatu u fundamentu di a fede ebraica. Ma quì hè vinutu un omu cun una prufonda cunniscenza di e Scritture è putenzi miraculosi chì dichjarava esse u Figliolu di Diu. Certi capi ebrei u ricunnoscenu cum'è un maestru chì vene da Diu (Ghjuvanni 3,2).

Ma u figliolu di Diu ? Cumu puderia quellu, solu Diu esse babbu è figliolu à u stessu tempu? "Hè per quessa chì i Ghjudei anu pruvatu ancu di più à tumballu", dice Johannes 5,18"Perchè ùn hà micca solu rumpitu u sàbatu, ma hà dettu ancu chì Diu era u so babbu." In fine, i Ghjudei u cundannanu à morte perchè avia blasfematu à i so ochji: "Allora u suvvernu sacerdote li dumandò di novu è li disse: sì u Cristu, u Figliolu di u Beatu ? Ma Ghjesù disse : Sò eiu ; è vi vede u Figliolu di l'omu à pusà à a manu diritta di u putere è chì vene cù i nuvuli di u celu. Allora u suvvernu sacerdote si stracciò i so vestiti è disse : Chì altri tistimoni avemu bisognu ? Avete intesu a blasfemia. Chì ghjè u vostru ghjudiziu ? Ma tutti l'anu cundannatu chì era culpèvule di morte "(Marcu 14,61-64).

Follia à i Greci

Ma ancu i Grechi di l'epica di Ghjesù ùn pudianu accettà l'affirmazioni chì Ghjesù hà fattu. Nunda, era cunvinta, ùn pò chjappà a distanza trà l'eternu-immutable è l'efimeru-materiale. È cusì i Grechi si burlanu di a seguente dichjarazione prufonda di Ghjuvanni: "In u principiu era a parolla, è a parolla era cun Diu, è Diu era a parolla ... È a parolla divintò carne è abitava à mezu à noi, è avemu vistu a so gloria. , una gloria cum'è u Figliolu unigenitu da u Babbu, pienu di grazia è di verità "(Ghjuvanni 1,1, 14). Ùn hè micca abbastanza di l'incredibile per l'increduli. Ùn solu Diu divintò omu è morse, hè statu risuscitatu da i morti è ripigliò a so gloria antica7,5). L'apòstulu Paulu hà scrittu à l'Efesini chì Diu "hà risuscitatu Cristu da i morti è l'hà istituitu à a so diritta in u celu" (Efesini 1:20).

Pàulu parla chjaramente di a custernazione chì Ghjesù Cristu hà causatu in i Ghjudei è in i Grechi: "Perchè u mondu, circundatu da a saviezza di Diu, ùn hà micca ricunnisciutu à Diu per via di a so saviezza, hà piaciutu à Diu, per via di a follia di a predicazione, per salvà quelli chì credenu. hè, perchè i Ghjudei dumandanu segni è i Grechi dumandanu a saviezza, ma noi predicemu u Cristu crucifissu, offense à i Ghjudei è follia à i Grechi "(1. Corinti 1,21-23). Solu quelli chì sò chjamati ponu capisce è abbraccia a maravigliosa nova di l'evangelu, dice Paul; "À quelli ... chì sò chjamati, Ghjudei è Grechi, predicemu Cristu cum'è u putere di Diu è a saviezza di Diu. Perchè a follia di Diu hè più sàviu di l'omi, è a debulezza di Diu hè più forte di l'omi "(v. 24 -25). È in Rumani 1,16 esclameghja Paulu : "... Ùn sò micca vergogna di u Vangelu, perchè hè una putenza di Diu chì salva tutti quelli chì crèdenu in questu, i Ghjudei prima è ancu i Grechi ".

"Sò a porta"

Durante a so vita terrena, Ghjesù, Diu incarnatu, hà scuppiatu assai idee anziane, amate - ma false - di ciò chì Diu hè, di cume Diu vive è di ciò chì Diu vole. Hà messu in risaltu verità chì l'Anticu Testamentu avia solu accennatu. È hà annunziatu, ghjustu
a salvezza hè pussibile per ellu.

"Sò a via, a verità è a vita", hà pruclamatu, "nimu vene à u Babbu, ma per mè" (Ghjuvanni 1).4,6). È: "Sò a vigna, voi sì i rami. Quellu chì stà in mè è eiu in ellu, porta assai volu, perchè senza mè ùn pudete micca fà nunda. Quellu chì ùn ferma micca in mè serà ghjittatu cum'è un ramu è secca, è sò riuniti è ghjittati in u focu, è devenu brusgià "(Ghjuvanni 15,5-6). Prima hà dettu: "Sò a porta; s'ellu entra per mè, serà salvatu ..." (Ghjuvanni). 10,9).

Ghjesù hè u diu

Ghjesù hà l'imperativu monoteistu chì hè custituitu 5. Mosè 6,4 parla è chì eccu in ogni locu in l'Anticu Testamentu, ùn hè micca annullatu. À u cuntrariu, cum'è ùn abulisce micca a lege, ma piuttostu espansione (Matteu 5, 17, 21-22, 27-28), avà espansione u cuncettu di u "unu" Diu in una manera cumplitamenti inesperu. Spiega: Ci hè solu un è solu Diu, ma a parolla hè stata cun Diu per l'eternità (Ghjuvanni 1,1-2). A parolla divintò carne - pienamente umana è à u listessu tempu pienamente Diu - è rinunziò di sè stessu à tutti i privilegi divini. Ghjesù, "chì era in forma divina, ùn hà micca cunsideratu cum'è un briganti d'esse uguali à Diu, ma s'hè vidutu è hà pigliatu a forma di un servitore, diventò cum'è l'omi è ellu.
Apparizione ricunnisciuta cum'è umana. Il s'humilia lui-même et fut obéissant jusqu'à la mort, même jusqu'à la mort sur la croix » (Philippins 2,6-8u).

Ghjesù era pienamente umanu è cumplettamente Diu. Cumandava nantu à tuttu u putere è l'autorità di Diu, ma sottumessu à e limitazioni di l'esistenza umana per noi. Duranti stu tempu d'incarnazione, ellu, u figliolu, ferma "unu" cù u babbu. « Quellu chì mi vede vede u babbu ! disse Ghjesù (Ghjuvanni 14,9). "Ùn possu micca fà nunda di mè stessu. Cum'è aghju intesu, ghjudicà, è u mo ghjudiziu hè ghjustu, perchè ùn cercu micca a mo vulintà, ma a vulintà di quellu chì m'hà mandatu "(Ghjuvanni). 5,30). Disse ch'ellu ùn facia nunda per ellu stessu, ma chì parlava cum'è u babbu li avia amparatu (Ghjuvanni 8,28).

Pocu prima di a so crucifixion, spiegò à i so discìpuli: "Sò fora da u Babbu è sò ghjuntu in u mondu; lasciò di novu u mondu è vai à u Babbu" (Ghjuvanni 1).6,28). Ghjesù hè vinutu à a terra per more per i nostri peccati. Hè vinutu à principià a so chjesa. Hè vinutu per inizià a predicazione mundiale di l'evangelu. È hè ancu vinutu per revelà Diu à e persone. In particulare, hà fattu a ghjente cuscenza di a relazione Babbu-Figliu chì esiste in a Divinità.

U Vangelu di Ghjuvanni, per esempiu, traccia largamente cumu Ghjesù revela u Babbu à l'umanità. I conversazioni di a Pasqua di Ghjesù (Ghjuvanni 13-17) sò particularmente interessanti in questu sensu. Chì maravigghiusu cunniscenza di a natura di Diu! A revelazione ulteriore di Ghjesù nantu à a relazione di Diu è l'omu hè ancu più maravigghiusu. L'omu pò participà à a natura divina! Ghjesù disse à i so discìpuli: "Quellu chì hà i mo cumandamenti è li guarda, hè quellu chì mi ama. Ma quellu chì mi ama serà amatu da u mo Babbu, è l'amareraghju è mi revelò à ellu "(Ghjuvanni 1).4,21). Diu vole unisce l'omu cun ellu stessu per mezu di una relazione d'amore - un amore di u tipu chì esiste trà Babbu è Figliolu. Diu si palesa à e persone in quale travaglia stu amore. Ghjesù cuntinueghja: "Quellu chì mi ama, mantene a mo parolla, è u mo babbu l'amerà, è avemu da vene à ellu, è andemu in residenza cun ellu. Ma quellu chì ùn mi ama micca, ùn mantene micca e mo parolle. È a parolla, chì cosa. vo sente ùn hè micca a mo parolla, ma quella di u Babbu chì m'hà mandatu
hà "(versi 23-24).

Quellu chì vene à Diu per via di a fede in Ghjesù Cristu è sottumette fedelmente a so vita à Diu, Diu vive in ellu. Petru hà pridicatu: "Pintiti è ognunu di voi sia battezu in u nome di Ghjesù Cristu per u pirdunu di i vostri piccati, è riceverete u rigalu di u Spìritu Santu" (Atti di l'Apòstuli) 2,38). U Spìritu Santu hè ancu Diu, cum'è avemu da vede in u prossimu capitulu. Pàulu hà sappiutu chì Diu hà campatu in ellu: "Eru crucifissu cù Cristu. I campà, ma avà micca eiu, ma Cristu campa in mè. Per ciò chì avà campà in a carne, I campà in a fede in u Figliolu di Diu, chì piglia. mi" amatu è si rinunziò per mè "(Galati 2,20).

A vita di Diu in l'omu hè cum'è un "novu nascita", cum'è Ghjesù spiega in Ghjuvanni 3: 3. Cù sta nascita spirituale principia una nova vita in Diu, diventa un citadinu di i santi è i membri di a famiglia di Diu (Efesini 2:19). Paul scrive chì Diu "ci hà salvatu da u putere di a bughjura" è "ci hà messu in u regnu di u so Figliolu amatu, in quale avemu a redenzione, vale à dì u pirdunu di i piccati" (Colossians). 1,13-14). U Cristianu hè un citadinu di u Regnu di Diu. "Cari, simu digià figlioli di Diu" (1. Ghjuvanni 3: 2). In Ghjesù Cristu, Diu hè statu revelatu cumplettamente. "Perchè in ellu tutta a pienezza di a divinità abita in corpu" (Colossians 2: 9). Chì significa per noi sta rivelazione ? Pudemu diventà participanti di a natura divina!

Petru tira a cunclusione: «Tuttu ciò chì serve a vita è a pietà ci hà datu u so putere divinu per via di a cunniscenza di quellu chì ci hà chjamatu per via di a so gloria è u so putere. Per mezu di elli ci sò datu i più cari è più grandi promessi, perchè per elli pudete sparte in a natura divina, chì avete scappatu da i desideri perniciosi di u mondu "(2. Petru 1,3-4u).

Cristu - a revelazione perfetta di Diu

Cumu Diu si hè rivelatu specificamente in Ghjesù Cristu? In tuttu ciò chì hà pensatu è fattu, Ghjesù hà rivelatu u caratteru di Diu. Ghjesù hè mortu è hè statu risuscitatu da i morti per chì l'omu pudessi esse salvatu, riconciliatu cù Diu, è uttene a vita eterna. Rumani 5: 10-11 ci dice: "Perchè sì simu stati ricunciliati cun Diu per mezu di a morte di u Figliolu, quandu eramu sempre nemichi, quantu saremu più salvati per via di a so vita dopu chì simu stati reconciliati. Ma micca solu questu, ma vantemu ancu di Diu per mezu di u nostru Henn Gesù Cristu, per mezu di quale avemu avà ricevutu a riconciliazione ".

Ghjesù hà revelatu u pianu di Diu per stabilisce una nova comunità spirituale transetnica è naziunale - a Chjesa (Efesini 2,14-22). Ghjesù hà revelatu à Diu per esse u Babbu di tutti i nati novu in Cristu. Ghjesù hà revelatu u destinu gloriosu chì Diu hà prumessu à u so populu. A prisenza di u Spìritu di Diu in noi ci dà digià un gustu di quella gloria futura. U spiritu hè "u pegnu di a nostra eredità" (Efesini 1,14).

Ghjesù hà testimuniatu ancu di l'esistenza di u Babbu è di u Figliolu cum'è un Diu unicu è cusì di u fattu chì sfarenti elementi essenziali sò spressi in una, Deità eterna. L'autori di u Novu Testamentu anu adupratu ripetutamente i nomi di Diu di l'Anticu Testamentu per Cristu. Fendu cusì, anu testimoniu micca solu cumu hè Cristu, ma ancu cumu Diu hè, perchè Ghjesù hè a rivelazione di u Babbu, è ellu è u Babbu sò una. Amparemu più nantu à Diu quandu esaminemu cumu hè Cristu.

5. Unu in trè è trè in una

Comu avemu vistu, a Bibbia rapprisenta a duttrina di un Diu senza compromessi. L'incarnazione è u travagliu di Ghjesù ci anu datu una visione più profonda di u "cumu" di l'unicità di Diu. U Novu Testamentu tistimunieghja chì Ghjesù Cristu hè Diu è chì u Babbu hè Diu. Ma, cum'è avemu vistu, rapprisenta ancu u Spìritu Santu cum'è Diu - cum'è divinu, cum'è eternu. Questu significa: A Bibbia palesa un Diu chì esiste per sempre cum'è Babbu, Figliolu è Spìritu Santu. Per quessa, u Cristianu deve esse battizatu "in nome di u Babbu è di u Figliolu è di u Spìritu Santu" (Matteu 2).8,19).

À u filu di i seculi, parechji mudelli spiigativi sò emersi chì forse rendenu più capibili sti fatti biblichi à prima vista. Ma duvemu esse attenti à ùn accettà dichjarazioni chì vanu "per a porta di daretu" contru à l'insignamentu biblicu. Perchè alcune spiegazioni ponu simplificà l'affari in quantu ci danu una maghjina più tangibile è plastica di Diu. Ma prima di tuttu dipende da se una dichjarazione sia coerente cù a Bibbia, è micca da se sia autocontenuta è coerente. A Bibbia mostra chì ci hè unu - è solu unu - Diu è ancu ci prisenta à u listessu tempu Patre, Figliolu è u Spìritu Santu, tuttu eternamente esistente è chì compie tutte e cose cum'è solu Diu li pò fà.

"Unu in trè", "trè in unu", sò idee chì vanu contr'à a logica umana. Saria relativamente faciule d'imaginassi, per esempiu, un Diu essendu "tuttu un pezzu" senza "sparte" in Babbu, Figliolu è Spiritu Santu. Ma ùn hè micca u Diu di a Bibbia. Un'altra stampa simplice hè a "famiglia di u diu", chì si compone di più di un membru. Ma u Diu di a Bibbia hè assai sfarente di tuttu ciò chì averiamu pussutu sviluppà cù u nostru pensamentu è senza alcuna rivelazione.

Diu rivela assai cose nantu à ellu stessu è i credemu, ancu se ùn pudemu micca spiegalli tutte. Per esempiu, ùn pudemu micca spiegà satisfacente cumu Diu pò esse senza principiu. Una tale idea va oltre i nostri orizonti limitati. Ùn la pudemu spiegà, ma sapemu chì hè vera chì Diu ùn hà avutu principiu. A Bibbia rivela ancu chì Diu hè unu è unicu, ma ancu Babbu, Figliolu è Spiritu Santu.

U Spìritu Santu hè Diu

Atti di l'Apostuli 5,3-4 chjama u Spìritu Santu "Diu": "Ma Petru hà dettu: Ananias, perchè Satana hà pienu u vostru core chì avete mentitu à u Spìritu Santu è hà tenutu un pocu di soldi per u campu? È ùn puderebbe ancu fà ciò chì vulia quandu hè statu vindutu? Perchè avete pensatu questu in u vostru core? Ùn avete micca mentitu à e persone, ma à Diu ". A minzogna di Ananias davanti à u Spìritu Santu era, sicondu Petru, una minzogna davanti à Diu. U Novu Testamentu attribuisce proprietà à u Spìritu Santu chì solu Diu pò pussede. Per esempiu, u Spìritu Santu hè omnisciente. "Ma Diu ci hà revelatu per mezu di u so Spìritu, perchè u Spìritu cerca tutte e cose, ancu a prufundità di Diu" (1. Corinti 2,10).

Inoltre, u Spìritu Santu hè omnipresente è ùn hè micca ligatu à alcunu limiti spaziali. "O ùn sapete micca chì u vostru corpu hè un tempiu di u Spìritu Santu, chì hè in voi è chì avete da Diu, è chì ùn appartene micca à voi stessu?" (1. Corinti 6,19). U Spìritu Santu abita in tutti i credenti, cusì ùn hè micca limitatu à un locu. U Spìritu Santu rinnuvà i cristiani. "A menu chì una persona hè nata da l'acqua è u Spìritu, ùn pò micca entre in u regnu di Diu. Ciò chì hè natu di a carne hè carne; è ciò chì hè natu di u Spìritu hè spiritu ... U ventu soffia induve ellu voli, è voi. pò sente u so frustu, ma ùn sapete da induve vene o induve và. Cusì hè cù tutti quelli chì sò nati da u Spìritu "(Ghjuvanni). 3,5-6, 8). Ellu predice u futuru. "Ma u Spìritu dichjara chjaramente chì in l'ultimi ghjorni, certi si alluntaranu da a fede è s'appoghjanu à spiriti seducenti è duttrine diaboliche" (1. Timoteu 4,1). In a formula di battesimu, u Spìritu Santu hè piazzatu à u listessu livellu chì u Babbu è u Figliolu: U Cristianu deve esse battezatu "in nome di u Babbu è di u Figliolu è di u Spìritu Santu" (Matteu 2).8,19). U spiritu pò creà da nunda (Salmu 104,30). Solu Diu hà tali rigali creativi. Ebrei 9,14 dà l'epitetu "eternu" à u spiritu. Solu Diu hè eternu.

Ghjesù hà prumessu à l'apòstuli chì dopu a so partenza hà da mandà un "consolatore" (assistenza) chì deve stà cun elli "per sempre", u "spiritu di a verità, chì u mondu ùn pò micca riceve perchè ùn u vede è ùn cunnosci micca. cunnoscilu, perchè ellu stà cun voi è serà in voi "(Giuvanni 14: 16-17). Ghjesù identifica specificamente stu "Consolatore" cum'è u Spìritu Santu: "Ma u Consolatore, u Spìritu Santu, chì u mo Babbu hà da mandà in u mo nome, vi insignà tuttu è vi ricurdarà di tuttu ciò chì vi aghju dettu" (v. 26). . U Consolatore mostra à u mondu i so peccati è ci guida in tutta a verità; tutti l'atti solu Diu pò fà. Paul cunfirmà questu: "Parlemu ancu di questu, micca in parolle, insignatu da a saviezza umana, ma in , insignatu da u Spìritu, interpretendu spirituale da spirituale "(1. Corinti 2,13, Elberfeld Bible).

Babbu, Figliolu è Spiritu Santu: un Diu

Quandu avemu capitu chì ci hè solu un Diu è chì u Spìritu Santu hè Diu, cum'è u Babbu hè Diu è u Figliolu hè Diu, ùn hè micca difficiule per noi di truvà passaghji cum'è Atti 1.3,2 per capiscenu: "Ma quand'elli servevanu è digiunavanu à u Signore, u Spìritu Santu disse: "Separami da Barnabas è Saulu à u travagliu à quale li aghju chjamatu." Sicondu Luca, u Spìritu Santu hà dettu: "Separami da Barnabas è Saul. Saul à u travagliu à quale l'aghju chjamatu. "In u travagliu di u Spìritu Santu, Luke vede direttamente u travagliu di Diu.

Se pigliemu a rivelazione biblica di a natura di Diu da a Parolla, hè bella. Quandu u Spìritu Santu parla, manda, ispira, guida, santifica, dà puteri o dà rigali, hè Diu chì a face. Ma postu chì Diu hè unu è micca trè esseri separati, u Spìritu Santu ùn hè micca un Diu indipendente chì agisce in modu indipendente.

Diu hà una vuluntà, a vuluntà di u Babbu, chì hè di listessa manera a vuluntà di u Figliolu è di u Spìritu Santu. Ùn si tratta micca di dui o trè esseri divini individuali chì decidenu indipindente esse in perfetta armunia unu cun l'altru. Piuttostu, hè un diu
è una vulintà. U Figliolu sprime a vuluntà di u Babbu. In cunsequenza, hè a natura è l'opera di u Spìritu Santu di rializà a vuluntà di u Babbu nantu à a terra.

Sicondu Paulu, u "Signore hè ... u Spìritu" è scrive di u "Signore chì hè u Spìritu" (2. Corinti 3,17-18). In u versu 6 dice ancu, "u Spìritu dà a vita", è questu hè qualcosa chì solu Diu pò. Sapemu solu u Babbu perchè u Spìritu ci permette di crede chì Ghjesù hè u Figliolu di Diu. Ghjesù è u Babbu abitanu in noi, ma solu perchè u Spìritu abita in noi (Ghjuvanni 14,16-17; Rumani 8,9-11). Siccomu Diu hè unu, u Babbu è u Figliolu sò ancu in noi quandu u Spìritu hè in noi.

In 1. Corinti 12,4-11 Paul equates u Spìritu, u Signore è Diu. Ci hè "un Diu chì travaglia in tutti", scrive in u versu 6. Ma uni pochi di versi più avanti dice: "Tuttu questu hè fattu da u stessu spiritu", vale à dì "cum'è ellu [u spiritu] vole". Cumu a mente pò vulete qualcosa? Per esse Diu. È postu chì ci hè un solu Diu, a vulintà di u Babbu hè ancu a vulintà di u Figliolu è u Spìritu Santu.

Adurà à Diu significa adurà u Babbu, u Figliolu è u Spìritu Santu, perchè sò l'unicu Diu. Ùn ci hè micca permessu di enfatizà u Spìritu Santu è adurà lu cum'è un essere indipendente. Micca à u Spìritu Santu cum'è tale, ma à Diu, u Babbu, u Figliolu è u Santu
S'ellu ci hè spiritu in unu, a nostra adorazione deve esse. Diu in noi (u Spìritu Santu) ci move à adurà à Diu. U Consolatore (cum'è u Figliolu) ùn parla micca "di ellu stessu" (Ghjuvanni 16,13), ma dice ciò chì u babbu li dice. Ùn ci riferisce micca à ellu stessu, ma à u Babbu per mezu di u Figliolu. Nè ùn preghemu à u Spìritu Santu cum'è tali - hè u Spìritu in noi chì ci aiuta à pricà è ancu intercede per noi (Rumani 8,26).

Sì Diu stessu ùn era micca in noi, ùn sariamu mai cunvertiti à Diu. S'ellu ùn era per Diu stessu in noi, ùn avemu micca cunnisciutu nè à Diu nè u Figliolu (ellu). Dunque duvemu a salvezza solu à Diu, micca à noi. U fruttu chì portamu hè u fruttu di u fruttu di u Spìritu-Diu, micca u nostru. Tuttavia, se vulemu, godimu u grande privilegiu di pudè collaborà in u travagliu di Diu.

U Patre hè u Creatore è a fonte di tutte e cose. U Figliolu hè u Redentore, u Salvadore, l'urganu esecutivu attraversu chì Diu hà creatu tuttu. U Spìritu Santu hè u cunsuladore è l'avucatu. U Spìritu Santu hè Diu in noi, chì ci porta à u Babbu per mezu di u Figliolu. Per mezu di u Figliolu simu purificati è salvati per chì pudemu avè fraterna cun ellu è u Patre. U Spìritu Santu tocca u nostru core è a nostra mente è ci porta à a fede in Ghjesù Cristu, chì hè a strada è a porta. U Spìritu ci dà rigali, i rigali di Diu, frà i quali a fede, a speranza è l'amore ùn sò micca i menu.

Tuttu què hè l'opera di u Diu unicu chì si rivela à noi cum'è Babbu, Figliolu è Spiritu Santu. Ùn hè un altru diu chè u Diu di l'Anticu Testamentu, ma si ne rivela di più in ellu in u Novu Testamentu: Hà mandatu u so Figliolu cum'è omu per more per i nostri peccati è esse risuscitatu à a gloria, è ci hà mandatu u so Spiritu - u Consolatore - chì duverebbe abità in noi, guidàci in tutta a verità, dacci rigali è cunfurmassi à l'immagine di Cristu.

Quandu preghemu, u nostru scopu hè di avè Diu risponde à e nostre preghiere; ma Diu ci deve guidà à stu scopu, è ellu hè ancu u caminu nantu à quale avemu guidatu à questu scopu. In altri palori, à Diu (u Babbu) preghemu; Hè Diu in noi (u Spìritu Santu) chì ci move à pricà; è Diu hè ancu u modu (u Figliolu) da quale avemu guidatu à quellu scopu.

U babbu principia u pianu di salvezza. U Figliolu incarna è realizeghja u pianu di riconciliazione è redenzione per l'umanità. U Spìritu Santu face nasce e benedizioni - i doni - di a salvezza, chì dopu portanu à a realizazione di i veri credenti. Tuttu què hè u travagliu di u Diu unicu, u Diu di a Bibbia.

Paul chjude a seconda lettera à i Corinti cù a benedizzione: "A grazia di u nostru Signore Ghjesù Cristu è l'amore di Diu è a cummunione di u Spìritu Santu sia cun voi tutti!" (2. Corinti 13,13). Pàulu fucalizza nantu à l'amore di Diu, chì ci hè datu per mezu di a grazia chì Diu dà per mezu di Ghjesù Cristu, è l'unità è a cummunione cù Diu è cù l'altri chì dà per u Spìritu Santu.

Quante "persone" ci sò in Diu?

Parechje persone anu una vaga idea di ciò chì a Bibbia dice di l'unicità di Diu. A maiò parte ùn ci pensanu prufundamente. Certi imaginanu trè esseri indipendenti; alcuni un esse cù trè capi; altri unu chì pò trasfurmassi liberamente in u Patre, u Figliolu è u Spìritu Santu. Questa hè solu una piccula selezzione da maghjine pupulare.

Parechji cercanu di riassume l'insignamentu biblicu nantu à Diu in i termini "Trinità", "Trinità" o "Trinità." Quandu sò dumandati più da vicinu ciò chì a Bibbia ne dice à propositu, tuttavia, devenu di solitu una spiegazione. In altre parolle: L'imagine biblica di parechje persone di a Trinità si trova nantu à pedi d'argilla, una ragione impurtante per a mancanza di chiarezza sta in l'usu di u termine "persona".

A parolla "persona" usata in a maiò parte di e definizione tedesca di a Trinità suggerisce trè esseri. Esempii: "L'unicu Diu hè in trè persone ... chì sò una natura divina ... Queste trè persone sò (reali) diffirenti l'una di l'altru" (Rahner / Vorgrimler, IQ einer Theologisches Wörterbuch, Freiburg 1961, p. 79) . In relazione à Diu, u significatu cumuni di a parolla "persona" trasmette una stampa distorta: vale à dì l'impressione chì Diu hè limitatu è chì a so trinità risulta da u fattu chì hè custituitu di trè esseri indipendenti. Ùn hè micca u casu.

U terminu tedescu "persona" vene da u latinu persona. In a lingua latina di i teologhi, a persona hè stata aduprata cum'è designazione per babbu, figliolu è Spiritu Santu, ma in un sensu diversu da a parolla tedesca "persona" oghje. U significatu basicu di a persona era "maschera". In un sensu figurativu, hà descrittu un rolu in una pezza Tandu, un attore apparve in una pezza in parechji roli, è per ogni rolu purtava una maschera specifica. Ma ancu questu termu, ancu s'ellu ùn permette micca fà nasce a falsa maghjina di trè esseri, hè sempre debule è ingannevule in relazione à Diu. Ingannevuli perchè u Babbu, u Figliolu è u Spìritu Santu sò più cà rolu in chì Diu si lampa, è perchè un attore pò ghjucà solu un rolu à a volta, mentre Diu hè sempre Babbu, Figliolu è Spiritu Santu in listessu tempu. Pò esse chì un teologu latinu hà significatu a cosa bona quandu hà adupratu a parolla persona. Ma hè improbabile chì un laicu l'averia capita bè. Ancu oghje, a parolla "persona", riferendusi à Diu, porta facilmente a persona media nantu à a pista sbagliata se ùn hè micca accumpagnata da a spiegazione chì ci vole à imaginà qualcosa cumpletamente diversu in "persona" in a divinità chè in "persona" in a divinità i sensi umani.

Qualchissia chì parla di un Diu in trè persone in a nostra lingua ùn pò veramente aiutà ma imaginà trè Diu esseri indipendenti l'unu da l'altru. In altre parolle, ùn distingue micca trà i termini "persona" è "esse". Ma ùn hè micca cusì chì Diu hè rivelatu in a Bibbia. Ci hè solu un diu, micca trè. A Bibbia rivela chì u Babbu, u Figliolu è u Spìritu Santu, travagliendu l'uni tra l'altri, devenu esse capiti cum'è un modu unicu è eternu di esse di u veru Diu di a Bibbia.

Un diu: trè ipostasi

Se vulemu sprime a verità biblica chì Diu hè "unu" è à u stessu tempu "trè", ci vole à circà termini chì ùn dà micca l'impressione chì ci sò trè dii o trè esseri dii indipendenti. A Bibbia ùn chjama micca cumprumissu annantu à l'unicità di Diu. U prublema hè: In tutte e parolle chì riferenu à e cose create, parte di u significatu chì pò esse ingannatu risona da a lingua profana. A maiò parte di e parolle, cumpresa a parolla "persona", tendenu à rapportà a natura di Diu à l'ordine creatu. Per d 'altra banda, tutte e nostre parolle anu qualchì tipu di relazione cù l'ordine creatu. Hè dunque impurtante chjarificà esattamente ciò chì significhemu è ciò chì ùn significhemu micca quandu parlemu di Diu in termini umani. Una parolla utile - una parolla-stampa in quale i cristiani di lingua greca capiscenu l'unità è a trinità di Diu si trova in Ebrei 1:3. Stu passaghju hè istruttivu in parechje manere. Si leghje: "Hè [u Figliolu] hè u riflessu di a so gloria [di Diu] è a sumiglianza di u so esse è porta tutte e cose cù a so putente parolla ..." Da a frasa "riflessione [o emanazione] di a so gloria" pò fà parechji insights deduce: U figliolu ùn hè micca un esse separatu da u babbu. U Figliolu ùn hè menu divinu chè u Babbu. È u Figliolu hè eternu, cum'è u Babbu. In altri palori, u figliolu hè in relazione cù u babbu cum'è a riflessione o a radiazione hè in relazione à a gloria: senza una fonte radiante senza radiazione, senza radiazione nè fonte radiante. Eppuru duvemu distingue trà a gloria di Diu è l'emanazione di quella gloria. Sò diffirenti, ma micca separati. Ugualmente istruttiva hè a frasa "imaghjina [o impronta, stampa, stampa] di u so esse". U babbu hè cumplettamente è cumpletamente spressione in u figliolu.
Passemu avà à a parolla greca chì stà daretu à "essenza" in u testu uriginale. Hè ipostasi. Hè cumpostu da ipo = "sottu" è stasis = "stà" è hà u significatu basicu di "stà sottu à qualcosa". Ciò chì si intende da questu hè ciò chì - cumu diceremu - stà "daretu" à una cosa, per esempiu ciò chì a rende ciò chì hè. Ipostasi puderia esse definita cum'è "qualcosa senza chì un altru ùn pò esse". Puderia esse qualificata di "ragione di esse", "ragione di esse".

Diu hè persunale

"Ipostasi" (plurale: "ipostasi") hè una bona parolla per denotà u Babbu, u Figliolu è u Spìritu Santu. Hè un termu biblicu è furnisce una separazione conceptuale più forte trà a natura di Diu è l'ordine creatu. Tuttavia, "persona" hè ancu adattatu, basta chì u requisitu (indispensable) hè chì a parolla ùn hè micca capitu in u sensu umanu-personale.

Una ragiuni perchè "persona" hè ancu adattatu - intesu currettamente - hè chì Diu hè in relazione cù noi in modu persunale. Dunque, saria sbagliatu di dì chì hè impersonale. Ùn venemu micca una roccia o una pianta, mancu un putere impersonale "darrettu à u cosmos", ma una "persona viva". Diu hè persunale, ma micca una persona in u sensu chì "semu persone. "Perchè sò Diu è micca una persona è sò u Santu trà voi" (Osea 11: 9). Diu hè u Creatore - è micca parte di u creatu. A ghjente hà un principiu di vita, avè un corpu, cresce, sò individualmente sfarente, età È infine mori. Soprattuttu, Diu hè exaltatu, è ancu ellu hè persunale in i so rilazioni cù e persone.

Diu va infinitamente al di là di tuttu ciò chì a lingua pò ripruduce; eppuru hè persunale è ci ama assai. Hà svilatu assai di sè stessu, ma ùn piatta micca tuttu ciò chì va al di là di i limiti di a cunniscenza umana. Cum'è esseri finiti, ùn pudemu micca capisce l'infinitu. Pudemu cunnosce Diu in u quadru di a so rivelazione, ma ùn lu pudemu micca cunnosce cumpletamente perchè simu finiti è ellu hè infinitu. Ciò chì Diu ci hà rivelatu di sè stessu hè reale. Hè vera. Hè impurtante.

Diu ci chjama: "Ma cresce in a grazia è a cunniscenza di u nostru Signore è Salvatore Ghjesù Cristu" (2. Petru 3,18). Ghjesù disse: "Questa hè a vita eterna, chì ti cunnoscenu, quale tù solu sì u veru Diu, è quale avete mandatu, Ghjesù Cristu" (Ghjuvanni 17: 3). Quantu più sapemu à Diu, u più chjaru diventa per noi quantu simu chjuchi è quantu hè grande.

6. A relazione di l'umanità à Diu

Cum'è una introduzione à sta brochure, avemu pruvatu à furmulà e dumande basiche chì l'umani puderanu dumandà à Diu - a dignità. Chì dumandimu s'è no fussemu liberi di fà una tale quistione ? A nostra dumanda à tampina "Quale site?" risponde u creatore è u regnu di u cosmu cù: "Seraghju quellu chì seraghju" (2. Mosè 3,14) o "Sò quellu chì sò" (traduzzione di folla). Diu si spiega à noi in a creazione (Salmu 19,2). Dapoi u tempu chì ci hà fattu, hà agitu cù è per noi umani. A volte cum'è tronu è fulmini, cum'è tempesta, cum'è terramotu è focu, à volte ancu cum'è "un ruggitu tranquillu è gentile" (2. Mosè 20,18; 1. Re 19,11-12). Ridia ancu (Salmu 2: 4). In u registru biblicu, Diu parla di ellu stessu è descrive a so impressione nantu à e persone chì hà cunfruntatu direttamente. Diu si palesa per mezu di Ghjesù Cristu è per mezu di u Spìritu Santu.

Avà ùn vulemu micca solu sapè quale hè Diu. Vulemu ancu sapè per ciò chì ci hà creatu. Vulemu sapè quale hè u so pianu per noi. Vulemu sapè ciò chì u futuru hè in tenda per noi. Chì ghjè a nostra relazione cù Diu ? Chì "avè" avemu ? E quale averemu in u futuru ? Diu ci hà fattu à a so propria imagina (1. Mosè 1,26-27). È per u nostru avvene, a Bibbia palesa - certe volte assai chjaramente - cose assai più altu di ciò chì noi avà cum'è esseri limitati ponu sognu.

Induve simu avà

Ebrei 2,6-11 ci dice chì simu oghje un pocu "più bassu" chè l'anghjuli. Ma Diu "ci hà coronatu cù lode è onore" è hà fattu tutta a creazione sottumessa à noi. Per u futuru "ùn hà micca escluditu nunda chì ùn hè micca sottumessu à ellu. Ma ùn avemu micca vistu chì tuttu hè sottumessu à ellu". Diu hà preparatu un futuru eternu è gloriosu per noi. Ma ci hè sempre qualcosa in u modu. Semu in un statu di culpabilità; i nostri peccati ci taglianu da Diu (Isaia 59: 1-2). U peccatu hà creatu un ostaculu insurmontable trà Diu è noi, una barriera chì ùn pudemu micca superà per noi stessu.

In fondu, però, a rottura hè digià guarita. Ghjesù hà tastatu a morte per noi (Ebrei 2,9). Hà pagatu a pena di morte per i nostri peccati per "guidà parechji figlioli à a gloria" (v. 10). Sicondu l'Apocalisse 21: 7, Diu ci vole à esse cun ellu in una relazione babbu-figliolu. Perchè ci ama è hà fattu tuttu per noi - è cum'è l'autore di a nostra salvezza hè sempre - Ghjesù ùn hè micca vergogna di chjamà noi ritratti (Ebrei 2,10-11u).

Ciò chì ci hè dumandatu avà

Atti di l'Apostuli 2,38 ci chjama à pentimentu di i nostri peccati è à esse battezzati, figurativamente intarratu. Diu dà u Spìritu Santu à quelli chì crèdenu chì Ghjesù Cristu hè u so Salvatore, Signore è Rè (Galati 3,2-5). Quandu ci pentimu - avendu alluntanati da i modi egoisti è peccati mondani chì avemu usatu per camminà - entremu in una nova relazione cun ellu piena di fede. Semu nati di novu (Johannes 3,3), una nova vita in Cristu hè stata datu à noi per mezu di u Spìritu Santu, trasfurmatu da u Spìritu per a grazia è a misericordia di Diu è per mezu di u travagliu redentore di Cristu. È dopu? Allora cresce "in a grazia è a cunniscenza di u nostru Signore è Salvatore Ghjesù Cristu" (2. Petru 3:18) finu à a fine di a vita. Semu destinati à participà à a prima risurrezzione, è dopu avemu "esse cun u Signore in ogni mumentu" (1. Tessalonicesi 4,13-17u).

A nostra lascita smisurata

Diu "ci hà rinasciutu ... à una speranza viva attraversu a risurrezzione di Ghjesù Cristu da i morti, à una eredità imperitura è immaculata è imperitura", una eredi chì "per u putere di Diu ... serà manifestatu in l'ultimi anni". ghjorni "(1. Petru 1,3-5). In a risurrezzione diventemu immortali (1. Corinti 15:54) è ottene un "corpu spirituale" (verse 44). "È cum'è avemu purtatu l'imaghjini di u terrenu [l'omu-Adam]", dice u versu 49, "si purteremu ancu l'imaghjini di u celeste". Cum'è "figlioli di a risurrezzione" ùn simu più sottumessi à a morte (Luca 20,36).

Puderia esse più gloriosu di ciò chì a Bibbia dice nantu à Diu è a nostra futura relazione cun ellu? Seremu "cum'è ellu [Ghjesù]; perchè u videremu cum'ellu hè "(1. Johannes 3,2). Revelazione 21: 3 prumesse per l'era di i novi celi è a nova terra: "Eccu, u tabernaculu di Diu cù u populu! È ellu abitarà cun elli, è seranu u so populu, è ellu stessu, Diu cun elli. serà u so diu ... "

Diventemu unu cun Diu - in santità, amore, perfezzione, ghjustizia è spiritu. Cum'è i so figlioli immurtali, formeremu a famiglia più piena di Diu. Sparteremu cun ellu una cumunione perfetta in gioia eterna. Chì grande è ispiratore
Diu hà preparatu un missaghju di speranza è di salvezza eterna per tutti quelli chì u credenu!

Brochure di u WKG