A tomba viota: chì ci hè per voi?

637 a fossa viota A storia di a tomba viota apparisce in a Bibbia in ognunu di i quattru Vangeli. Ùn sapemu micca esattamente quandu Diu u Babbu hà fattu vita à Ghjesù in Ghjerusalemme circa 2000 anni fà. Ma sapemu chì questu avvenimentu hà da influenzà è cambià a vita di ogni persona chì hà mai campatu.

Ghjesù, un falignaghju di Nazaretta, hè statu arrestatu, cundannatu è crucifissu. Quand'ellu hè mortu, hà cunfidatu à u so Babbu Celestiale è à u Spìritu Santu. Allora u so corpu torturatu hè statu piazzatu in una fossa fatta di petra solida, chì hè stata sigillata cù una petra pesante davanti à l'entrata.

Ponziu Pilatu, u guvernatore rumanu, hà datu l'ordine di guardà a tomba. Ghjesù prufetizò chì a tomba ùn u tinia micca, è Pilatu temia chì i seguitori di u mortu pruvessinu di arrubà u corpu. Tuttavia, questu pareva improbabile perchè eranu demoralizati, pieni di paura, è dunque nascosti. Avianu vistu a fine brutale di u so capimachja - frustatu guasgi à morte, inchjudatu à una croce, è dopu à sei ore di agunia pugnalatu in u latu cù una lancia. Avianu pigliatu u corpu battutu da a croce è u avvolgianu prestu in linu. Duvia esse un funerale tempurale solu quandu un Sabbath s'avvicinava. Certi anu previstu di vultà dopu u sàbatu per preparà u corpu di Ghjesù per una sepultura adatta.

U corpu di Ghjesù era in a fossa fredda è fosca. Dopu trè ghjorni, u sudariu hà cupertu l'imminente decomposizione di a carne morta. Ciò chì emerge da ellu era ciò chì ùn era mai esistitu prima - una persona risuscitata è glurificata. Ghjesù hè statu risuscitatu da u so Babbu Celestiale è in u putere di u Spìritu Santu. Micca in un modu chì ristabilissi a so esistenza umana, cum'ellu avia fattu cun Làzaru, a figliola di Ghjairu è u figliolu di una veduva in Nain, chì eranu stati richjamati à u so vechju corpu è a vita terrena. Innò, Ghjesù ùn hè micca vultatu in u so vechju corpu solu per esse risuscitatu. A dichjarazione chì Diu u Babbu, u so Figliolu intarratu, hà risuscitatu à Ghjesù in una nova vita u terzu ghjornu hè radicalmente diversa. In a storia di l'umanità ùn ci sò nè analogie conclusive nè spiegazioni plausibili internu-mundane per questu. Ghjesù piegò u sudariu è surtì da a tomba per cuntinuà u so travagliu. Nunda ùn seria mai più u listessu.

Verità incomprensibile

Quandu Ghjesù campava cun noi nantu à a terra cum'è umanu, era unu di noi, un essere umanu di carne è sangue chì era espostu à a fame, a sete, a fatica è e dimensioni limitate di l'esistenza murtale. "È a parolla s'hè fatta carne è hà campatu trà di noi, è avemu vistu a so gloria, una gloria cum'è l'unicu Figliolu di u Babbu, pienu di grazia è di verità" (Ghjuvanni 1,14).

Campava in cumunione cù u Spìritu Santu di Diu cum'è unu di noi. I teologhi chjamanu l'incarnazione di Ghjesù "incarnazione". Era ancu unu cun Diu cum'è a Parolla Eterna o Figliolu di Diu. Questu hè un fattu chì hè difficiule è forse impossibile da capisce pienu, date e limitazioni di a nostra mente umana. Cumu Ghjesù puderia esse à tempu Diu è omu? Cum'è u teologu cuntempuraneu James Innell Packer l'hà dettu: «Eccu dui misteri à u prezzu di unu - a multitùdine di persone in l'unicità di Diu è l'unione di Divinità è di l'umanità in a persona di Ghjesù. Nunda in a finzione ùn hè cusì fantasticu cum'è sta verità di l'Incarnazione » (Sapendu à Diu). Hè un cuncettu chì cuntradisce tuttu ciò chì sapemu di a realtà ordinaria.

A scienza mostra chì solu perchè qualcosa pare sfidà a spiegazione ùn significa micca chì ùn sia micca vera. I scienziati in prima linea di a fisica sò ghjunti à un accordu cù fenomeni chì giranu a logica cunvinziunale. À u livellu quanticu, e regule chì regulanu a nostra vita d'ogni ghjornu si rompenu è si applicanu e regule nove, ancu s'elle cuntradiscenu a logica in modu tale chì parenu assurde. A luce pò agisce sia cum'è una onda sia cum'è una particella. Una particella pò esse in dui posti à tempu. Certi quarks subatomichi devenu girà duie volte prima di "girà" mentre chì altri anu bisognu solu di girà a mità di una rivoluzione. Più amparemu nantu à u mondu quanticu, menu pare probabile. Tuttavia, sperimentu dopu esperimentu mostra chì a teoria quantica hè curretta.

Avemu l'utili per esplorà u mondu fisicu è sò spessu sorpresi di i so dettagli interni. Ùn avemu micca strumenti per esaminà e realità divine è spirituali - duvemu accettalli cume Diu ci li rivela. Queste cose ci anu dettu da Ghjesù stessu è da quelli ch'ellu hà incaricatu di predicà è di scrive. L'evidenza chì avemu da e Scritture, a storia, è a nostra propria esperienza sustene a cridenza chì Ghjesù hè unu cun Diu è unu cù l'umanità. «Li aghju datu a gloria chì m'hai datu, affinch'elli sianu unu cum'è noi simu unu, eiu in elli è voi in mè, affinch'elli sianu perfettamente unu è u mondu sappia chì tù m'ai mandatu è amà li cum'è tù mi ami » (Ghjuvanni 17,22: 23).

Quandu Ghjesù hè statu risuscitatu, e duie nature anu righjuntu una nova dimensione di a vita inseme, chì hà purtatu à un novu tipu di creazione - un essere umanu glurificatu chì ùn era più sottumessu à a morte è a decadenza.

Sfrancassi da a tomba

Parechji anni, forse ancu 60 anni dopu à st'evenimentu, Ghjesù si prisintò à Ghjuvanni, l'ultimu di i so discìpuli uriginali à esse presente à a so crucifissione. Ghjuvanni era un vechju avà è stava in l'isula di Patmos. Ghjesù li disse: «Ùn àbbia paura! Sò u primu è l'ultimu è u vivu; è eru mortu, ed eccu, campu per sempre è sempre, amen! È aghju e chjave di u regnu di i morti è di a morte » (Revelazione 1,17-18 Bibbia di u macellaru).

Fighjate dinò assai attentamente à ciò chì Ghjesù dice. Era mortu, hè vivu avà è ch'ellu fermerà in vita per sempre. Hà dinò una chjave chì apre a strada per l'altri populi à fughje da a tomba. Ancu a morte ùn hè più cum'è prima di a risurrezzione di Ghjesù.

Vedemu una prumessa stupefacente di un altru versu chì hè diventatu un cliché: «Perchè Diu hà tantu amatu u mondu, chì hà datu u so Figliolu unitu, chì tutti quelli chì credenu in ellu ùn sianu micca persi, ma avianu a vita eterna» (Ghjuvanni 3,16). Ghjesù, chì hè statu risuscitatu à a vita eterna, hà preparatu a strada per noi di campà per sempre.

Quandu Ghjesù hè statu risuscitatu da a morte, entrambe e so nature anu righjuntu una nova dimensione chì hà purtatu à un novu tipu di creazione - un essaru umanu glurificatu chì ùn era più sottumessu à a morte è à a decadenza.

Ci hè ancu di più

Nanzu à Ghjesù chì morse, hà pricatu a prichera chì seguita: «Babbu, vogliu chì duv'e sò quì ci sia ancu cun mè quelli chì m'hai datu, affinch'elli possinu vede a mo gloria chì tu m'hai datu; perchè m'hai amatu prima chì u mondu sia fundatu » (Ghjuvanni 17,24:33). Ghjesù, chì hà spartutu a nostra esistenza murtale dapoi circa anni, dice chì vole ch'ellu sia cun ellu per sempre in u so ambiente immurtale.

Pàulu hà scrittu un missaghju simile à i Rumani: "Ma sì simu figlioli, simu ancu eredi, vale à dì eredi di Diu è coeredi cun Cristu, postu chì suffremu cun ellu, affinchì semu ancu risuscitati à a gloria cun ellu. Perchè sò cunvintu chì sta volta a suffrenza ùn pesa micca contr'à a gloria chì ci serà rivelata » (Rumani 8,17-18).

Ghjesù era a prima persona à vince l'esistenza murtale. Diu ùn hà mai pensatu à esse u solu. Eramu sempre in mente di Diu. "Per quelli chì hà sceltu, hà ancu predeterminatu chì devenu esse cum'è l'imaghjini di u so figliolu, per ch'ellu sia u primu natu trà parechji fratelli" (Rumani 8,29).

Ancu se ùn pudemu ancu capisce l'effettu sanu, u nostru futuru eternu hè in mani sicure. «Carissimi, simu digià figlioli di Diu; ma ùn hè ancu statu palisatu ciò chì seremu. Sapemu chì quandu serà revelatu, seremu cum'è; perchè u videremu cum'ellu hè » (1 Ghjuvanni 3,2). Ciò chì hè u so hè ancu nostru, u so tipu di vita. U modu di vita di Diu.
Attraversu a so vita, morte è risurrezzione, Ghjesù ci hà mustratu ciò chì significa esse umanu. Hè u primu omu à ottene tutta a perfezione chì Diu avia in mente per l'omu da u principiu. Ma ùn hè micca l'ultimu.

U fattu hè chì ùn pudemu micca ghjunghje soli: «Ghjesù li disse: Sò a strada è a verità è a vita; nimu vene à u babbu, per via di mè (Ghjuvanni 14,6).

Cum'è Diu hà trasfurmatu u corpu murtale di Ghjesù in u so corpu glurificatu, Ghjesù trasformerà u nostru corpu: "Trasformerà u nostru umile corpu in modu da pudè diventà cum'è u so corpu glurificatu secondu u putere cù quale ellu pò sottumette tutte e cose" (Filippini 3,21).

Mentre lighjemu attentamente e Scritture, una eccitante anteprima di u futuru di l'umanità cumencia à sviluppassi.

"Ma unu di elli testimunieghja à un mumentu datu è dice:" Chì hè l'omu chì pensate d'ellu, è u Figliolu di l'omu chì u guardate per ellu? L'avete fattu esse più bassu di l'angeli per un pezzu; l'hai incurunatu di gloria è d'onore; si mette tuttu sottu à i so pedi. "Quandu hà messu tuttu sottu à i so pedi, ùn hà micca salvatu nunda chì ùn era micca sottumessu à ellu". (Ebrei 2,6: 8).

U scrittore di a Lettera à l'Ebrei hà citatu u Salmu 8,5: 7, scrittu seculi prima. Ma hà continuatu: «Ma avà ùn vedemu ancu chì tuttu li sia sottumessu. Ma Ghjesù, chì per un pocu di tempu era più bassu di l'angeli, u vedemu incurunatu di gloria è d'onore per via di a sofferenza di a morte, affinchì per a grazia di Diu pudessi tastà a morte per tutti » (Ebrei 2,8: 9).

E donne è l'omi à i quali Ghjesù Cristu apparsu in Pasqua ùn anu micca solu testimuniatu di a so risurrezzione fisica, ma ancu di a scuperta di a so tomba viota. Da questu anu ricunnisciutu chì u so Signore crucifissu, veramente, persunale è fisicu s'arrizzò in a so nova vita.

Ma à chì ghjova a tomba viota dopu sì Ghjesù stessu ùn ne hà più bisognu? Mentre quelli battezzati in ellu, eramu stati sepolti cun ellu per pudè sviluppà cun ellu in a so nova vita. Ma quantu di u passatu ci carica una volta è l'altra; quantu hè dannosu per a vita chì ci limita sempre! Tutte e nostre preoccupazioni, carichi è paure, per i quali Cristu hè dighjà mortu, ci hè permessu di intarrà in a so tomba - ci hè statu abbastanza spaziu dapoi a risurrezzione di Ghjesù Cristu.

U destinu di Ghjesù hè u nostru destinu. U so avvene hè u nostru avvene. A risurrezzione di Ghjesù mostra a vuluntà di Diu di ligà si irrevocabilmente à noi tutti in una relazione d'amore eterna è di risuscità in a vita è a fraternità di u nostru Diu Triunu. Eccu u so pianu da u principiu è Ghjesù hè venutu per salvà per questu. L'hà fattu!

da John Halford è Joseph Tkach