A cirtezza di a salvezza

616 a cirtezza di a salvezza Paulu sustene una volta è una volta in Rumani chì duvemu à Cristu chì Diu ci guarda cum'è ghjustificati. Ancu se piccemu qualchì volta, quelli peccati sò contati versu u vechju sè chì hè statu crucifissu cù Cristu. I nostri peccati ùn contanu micca contr'à ciò chì simu in Cristu. Avemu u duvere di luttà contr'à u peccatu per ùn esse salvati, ma perchè simu dighjà figlioli di Diu. In l'ultima parte di u capitulu 8, Paul volta a so attenzione à u nostru futuru gluriosu.

L'universu sanu riscattatu da Ghjesù

A vita cristiana ùn hè micca sempre faciule. A lotta contr'à u peccatu hè stanca. A persecuzione persistenti face di esse cristianu una sfida. Fà fronte à a vita d'ogni ghjornu in un mondu falatu, cù persone senza scrupuli, ci face a vita difficiule. Eppuru Paul dice: "Sò cunvintu chì sta volta a suffrenza ùn pesa micca contr'à a gloria chì ci hà da esse palisata" (Rumani 8,18).

Cum'è Ghjesù hà aspittatu u so avvene quandu campava nantu à sta terra cum'è umanu, cusì ancu noi aspettemu un avvene cusì maravigliosu chì e nostre prove attuali parenu insignificanti.

Ùn simu micca i soli à prufittà ne. Paulu dice chì ci hè una dimensione cosmica in u pianu di Diu chì hè stata elaborata in noi: "Per l'aspettata ansiosa di a criatura aspetta chì i figlioli di Diu sianu rivelati" (Verse 19).

A Creazione ùn vole micca solu vedeci in gloria, ma a creazione stessa serà ancu benedetta cun cambiamentu quandu u pianu di Diu serà purtatu à cumpiimentu, cum'è Paul dice in i prossimi versi: «A creazione hè sottumessa à impermanenza - senza a so vulintà , ma per mezu di quellu chì li hà sottumessi - ma di speranza; perchè a creazione serà ancu liberata da a schiavitù di a transitoria à a gloriosa libertà di i figlioli di Diu » (Versi 20-21).

A creazione hè avà in calata, ma ùn hè micca ciò chì deve esse. À a risurrezzione, quandu ci serà data a gloria chì appartene currettamente à i figlioli di Diu, l'universu serà ancu liberatu da a servitù. L'universu sanu hè statu redimitu per l'opera di Ghjesù Cristu: «Perchè Diu hà piaciutu à lascià abità tutta l'abbundanza in ellu è à traversu ellu à cuncilià tuttu cun ellu, sia in terra sia in celu, fendu a pace per mezu di a so Sangue in croce » (Colosiani 1,19: 20).

Aspittavu cun pacienza

Ancu se u prezzu hè digià statu pagatu, ùn vedemu ancu tuttu cume Diu a finirà. "Perchè sapemu chì finu à questu mumentu tutta a creazione gemisce è travaglia" (Verse 22).

A creazione soffre cum'è s'ella fussi in u dulore di u travagliu, postu chì forma l'utru in u quale simu nati: "Non solu ella, ma ancu noi stessi, chì avemu u Spiritu cum'è un donu di primure, gememu in noi stessi è bramemu Zitellina, a redenzione di u nostru corpu » (Verse 23).
Ancu se u Spìritu Santu ci hè statu datu cum'è impegnu per a salvezza, ancu noi luttemu perchè a nostra salvezza ùn hè ancu cumpleta. Luttemu cù u peccatu, luttemu cun limitazioni fisiche, dolore è sofferenza - ancu mentre ci rallegremu di ciò chì Cristu hà fattu per noi è continua à fà cun noi.

A salvezza significa chì i nostri corpi ùn seranu più sottumessi à a perisabilità, ma saranu rivenuti è trasformati in gloria: "Perchè questu periscenu deve attirà l'incorruptibilità, è questu murtale deve attirà l'immortalità" (1 Corinzi 15,53).

U mondu fisicu ùn hè micca spazzatura da sminticà - Diu l'hà fattu bè è u rinnoverà torna. Ùn sapemu micca cumu i corpi sò risuscitati, nè sapemu a fisica di l'universu rinnuvatu, ma pudemu fidà si à u Creatore per compie u so travagliu. Ùn vedemu sempre una creazione perfetta, nè in l'universu nè in a terra, nè in u nostru corpu, ma simu fiduciosi chì tuttu serà trasfurmatu. Cum'è Paul hà dettu: "Perchè simu salvati in speranza. Ma a speranza chì si vede ùn hè micca speranza; perchè cumu si pò sperà per ciò chì si vede? Ma se speremu ciò chì ùn vedemu micca, l'aspettemu cun pazienza » (Versi 24-25).

Aspettemu cun pazienza è brama a risurrezzione di i nostri corpi. Simu digià riscattati, ma micca finalmente riscattati. Semu dighjà liberati da a cundanna, ma ancu micca cumpletamente da u peccatu. Simu digià in u regnu, ma ùn hè ancu in a so pienezza. Vivemu cù aspetti di l'età à vene mentre simu sempre in lotta cù aspetti di questa età. «Di listessa manera u spiritu aiuta ancu e nostre debbulezze. Perchè ùn sapemu micca chì pregà, cum'ellu si deve esse, ma u Spìritu stessu intervene per noi cun suspiri indiscrivibili » (Verse 26).

Diu cunnosce i nostri limiti è frustrazioni. Ellu sapi chì a nostra carne hè debule. Ancu s'è u nostru spiritu hè vuluntà, u spiritu di Diu ferma per noi, ancu per i bisogni chì ùn ponu micca esse messi in parolle. U Spìritu di Diu ùn sguassà a nostra debulezza, ma ci aiuta in a nostra debule. Colla u distaccu trà vechju è novu, trà ciò chì vedemu è ciò chì ci hà spiegatu. Per esempiu, peccamu ancu s'è vulemu fà u bè (Rumani 7,14-25). Vidimu u peccatu in a nostra vita, Diu ci dichjara ghjusti perchè Diu vede u risultatu finale, ancu se u prucessu di campà in Ghjesù hè ghjustu iniziatu.

Malgradu a discrepanzia trà ciò chì vedemu è ciò chì pensemu chì duvemu esse, pudemu fiducia in u Spìritu Santu per fà ciò chì ùn pudemu micca fà. Diu ci ferà passà: «Ma quellu chì circà u core, sà à chì cosa hè diretta a mente di u spiritu; perchè si leva per i santi cum'è Diu vole » (Verse 27). U Spìritu Santu hè di u nostru latu chì ci aiuta per pudè esse fiduciosi. Malgradu e nostre prove, e nostre debbulezze è i nostri peccati: "Sappemu, tuttavia, chì tutte e cose servenu per u megliu di quelli chì amanu Diu, quelli chì sò chjamati secondu i so cunsiglii" (Verse 28).

Diu ùn crea micca tutte e cose, li permette è travaglia cun elli secondu u so cunsigliu. Hà un pianu per noi è pudemu esse sicuri ch'ellu compie u so travagliu in noi. "Sò cunvinta chì quellu chì hà iniziatu u bonu travagliu in voi a finiscerà ancu finu à u ghjornu di Cristu Ghjesù" (Filippini 1,6).

Cusì ci hà chjamatu per via di u Vangelu, ci hà ghjustificatu per mezu di u Figliolu è ci hà unitu cun ellu in a so gloria: «Per quelli ch'ellu hà sceltu, hà ancu predestinatu ch'elli sianu cum'è l'immagine di u Figliolu, per ch'ellu sia u primunatu trà parechji fratelli. Ma quelli chì hà predeterminatu, chjamò ancu; ma quelli chì ellu chjamava, li ghjustificava ancu; ma ch'ellu hà ghjustificatu, hà ancu glurificatu " (Versi 29-30).

L'impurtanza di l'elezzione è di a predestinazione (Predestination) hè assai dibattitu. Paulu ùn si cuncentra micca nantu à sti termini quì, ma parla di un'elezzione per a salvezza è a vita eterna. Quì, mentre si avvicina à u climax di a so predicazione evangelica, vole rassicurà i lettori chì ùn anu micca bisognu di preoccupassi per a so salvezza. Se l'accettanu, averanu ancu ellu. Per una chjarificazione retorica, Paulu parla ancu di Diu chì li hà digià glurificati aduprendu u passatu. Hè bonu cum'è accadutu. Ancu se avemu a lotta in questa vita, pudemu cuntà nantu à a glurificazione in a prossima.

Più cà simplici invintati

«Chì volemu dì avà? Diu hè per noi, chì pò esse contru à noi? Quale hè chì ùn hà micca risparmiatu à u so propiu figliolu, ma a rigalò per noi tutti - cumu ùn puderia micca dà tuttu cun ellu? » (Versi 31-32).

Siccomu Diu hà andatu finu à dà u Figliolu per noi quandu eravamo peccatori, pudemu esse sicuru chì Ellu ci darà qualcosa di ciò chì ci vole à fà. Pudemu esse sicuru chì ùn sarà micca arraggiatu cun noi è pigliarà u so rigalu. «Quale vole culpisce l'eletti di Diu? Diu hè quì chì face ghjusti » (Verse 33). Nimu ùn ci pò accusà u ghjornu di u Ghjudiziu perchè Diu ci hà dichjaratu innocenti. Nimu ùn ci pò cundannà perchè Cristu u nostru Redentore intervene per noi: «Quale hè chì cundannerà? Ghjesù Cristu hè quì, chì hè mortu, è ancu di più, chì hè statu ancu risuscitatu, chì hè à a diritta di Diu è intercede per noi » (Verse 34). Ùn avemu micca solu un sacrificiu per i nostri peccati, ma ancu un Salvatore vivente chì hè sempre cun noi in u nostru caminu per a gloria.

L'abilità retorica di Paul si mostra in u culmine cummuvente di u capitulu: "Quale hè chì ci vole à separà da l'amore di Cristu? Tribulazione o paura o persecuzione o fame o nudità o periculu o spada? Cum'ellu hè scrittu: Per voi, simu stati tombi tuttu u ghjornu; simu rispettati cum'è pecure da tumbà » (Versi 35-36). E circustanze ci ponu separà da Diu? Sì simu stati tombi per a fede, avemu persu a battaglia? In nisun casu Paulu ùn dice: "Ma in tuttu què vincemu luntanu per quellu chì ci hà amatu" (Verse 37).

Ùn ne simu perdenti in u dulore è a soffrenza - siamu megliu cà vencitori perchè simu sparte in a vittoria di Ghjesù Cristu. U nostru premiu di vittoria - a nostra eredità - hè a gloria eterna di Diu! Stu prezzu hè infinitu più grande cà i costi.
"Perchè sò sicuru chì nè a morte nè a vita, nè l'ànghjuli nè i puteri nè i puteri, nè u presente nè u futuru, nè l'alti nè i prufondi, nè alcuna altra criatura ci ponu separà da l'amore di Diu, chì hè in Cristu Ghjesù u nostru Signore" (Versi 38-39).

Nunda pò impedisce à Diu da u pianu ch'ellu hà per voi. Assolu nunda vi pò separà da u so amore! Assolu nunda vi pò separà da u so amore! Pudete fidà si di a salvezza, di u futuru maravigliosu in fraternità cun Diu ch'ellu ti hà datu per mezu di Ghjesù Cristu!

di Michael Morrison