A luce brilla

a luce brilla In l'invernu avemu a nutà cumu si faci scuru prima è a notte diventa più longa. A bughjura hè un simbulu per l'avvenimenti mundiali tenebrosi, a bughjura spirituale o u male.

Di notte, i pastori pastorevanu e so pecure in u campu vicinu à Betlemme, quandu, di colpu, sò circundate da una luminosità radiante: "È l'ànghjulu di u Signore li ghjunghje, è a chiarità di u Signore brillava intornu à elli; è avianu a paura assai » (Luca 2,9).

Ellu hà parlatu di una grande gioia chì duverebbe vene à elli è à tutti, "per oghje hè u Salvatore chì hà datu nascita à Cristu". I pastori anu andatu, vedenu Maria è Josef, u zitellu impannillatu in i pannolini, anu elogiatu è elogiatu à Diu, è anu annunziatu ciò chì avianu intesu è vistu.

Eccu a grande gioia chì l'anghjulu proclamò à i pastori, a ghjente semplice marginata in u campu. Queste sparghje e boni nutizie in ogni locu. Ma a storia promettente ùn hè micca finita ancora.
Quandu Ghjesù hà parlatu dopu à e persone, li disse: «Sò a luce di u mondu. Quellu chì mi segue ùn caminaranu in bughjura, ma avarà a luce di a vita » (Ghjuvanni 8,12).

In a storia di a creazione, a parolla di a Bibbia vi revela chì u Creatore separà a luce da a bughjura. Per quessa, ùn deve micca sorprenderà, ma pò sorprenderà chì Ghjesù stessu hè a luce chì vi separa da a bughjura. Se seguite Ghjesù è crede a so parolla, ùn site micca camminendu in a bughjura spirituale, ma dete a luce di a vita. In autri paroli, se a luce di a vita abite in voi, sì unu cun Ghjesù è Ghjesù brilla per tè. Cum'è u Babbu hè unu cun Ghjesù, cusì hè cun ellu.

Ghjesù vi ​​dà un mandatu chjaru: «Tu sì a luce di u mondu. Allora che a vostra luce brilli davanti à e persone, per pudè vede e vostre opere belle è elogià u vostru Babbu Celestiale » (Matteu 5,14:16 è).

Se Ghjesù vive in tè, brilla à traversu à i vostri figlioli umani. Cum'è una luce luminosa, brilla in u bughju di stu mondu è delettu à tutti quelli chì sò attrati da a luce vera.
Vi ricumandemu à lascià a vostra luce lucente stu New Year.

di Toni Püntener