U celu hè quì - ùn hè micca?

Pocu dopu ai morti, ti truvà in una fila di fronte à a porta paradisiaca, induve San Petru ci aspetta cù alcune domande. Sè site truvatu dignu, sarete ammessi è, equipatu cun una roba bianca è l'arpa obligatoria, vi striverete versu a nuvola assignata à voi. È quandu coglia i cordi, puderete ricunnosce alcuni di i vostri amichi (ma possibbilmente micca quantunque speratu); ma probabilmente ancu parechji chì avete preferitu evitari durante a vostra vita. È cusì hè cumu cumencia a vostra vita eterna.

Probabilmente ùn ci crede micca seriamente. Fortunatamente, ùn ci vole micca crede cusì, perchè ùn currisponde à a verità. Ma cumu avete daveru imaginate u celu? A maiò parte di noi chì credimu in Diu credi ancu in ogni vita dopu a morte in quale simu ricumpensati per a nostra fedeltà o puniti per i nostri peccati. Quantu hè certu - hè per quessa chì Ghjesù hè venutu à noi; hè per quessa chì hè mortu per noi, è hè per quessa chì vive per noi. A chjamata regula d'oru ci ricorda: "... cusì Diu hà amatu u mondu chì hà datu u so figliolu unicu per chì tutti quelli chì credenu in ellu ùn si perderanu, ma anu a vita eterna" (Ghjuvanni 3,16).

Ma chì significa? Se u salariu di i ghjusti hè ancu vicinu à e stampi ben cunnisciuti, duvemu fighjate più vicinu à l'altru locu - beni, pudemu micca micca piace chì l'admittemu.

Pensendu à u celu

Questu articulu hè distinatu per incuragisce à pensà à u celu in un modu completamente novu. Da una grande impurtanza per ùn esse dogmaticu; chì saria stupente è arrogante. A nostra unica fonte fiduciale d'infurmazioni hè a Bibbia, è hè incredibilmente vaga à quantu si deve aspittà in u Celu. Tuttavia, l'Scrittura ci prumette chì a nostra fiducia in Diu ci daranu tramindui in questa vita (cù tutte e so sfide) cume in u mondu futuru. Ghjesù hà fattu questu chjaru. Tuttavia, era menu menu cumunicativu annantu à ciò chì u mondu futuru pare (Marcu 10,29: 30).

L'apostulu Paulu hà scrittu: "Ora vedemu solu una stampa pocu clara cum'è in un specchiu nuvoloso ..." (1 Corintini 13,12, Bona Bibbia Bibbia). Paulu era una di e pochi persone per riceve una "visa di visitatore" à u celu, è hà truvatu difficiuli di spiegà ciò chì li era successu. (2 Corintini 12,2: 4). Qualunque sia, era abbastanza impressiunante per fà lu per riesorisce a so vita. Ùn avia paura di a morte. L’avia vistu abbastanza di u mondu futuru è ancu l’aspittava di gioia. Tuttavia, a maiò parte di noi, ùn sò micca cum'è Paulu.

Sempre avanti?

Quandu pensemu à u celu, pudemu solu imaginà quandu u nostru livellu attuale di cunniscenze permette. Per esempiu, i pittori di u Medievu pittonu un quadru di u paradisu cumplettamente terrenu, chì dissenu cun u so zeitgeist, attributi di bellezza fisica è di perfezione. (Bisogna dumandassi, da induve a terra si ispirò l'ispirazione per mettere, chì s'assumigliava à i zitelli nudi, aerodinamici altamente improbabili.) Stili cum'è a tecnulugia è u gustu sò sottumessi à mudificazioni constanti, è cusì l'idee medievali di U Paradisu oghje ùn vai micca assai luntanu se vulemu avè una idea di quellu mondu futuru.

I scrittori muderni utilizanu stampi più cuntempuranei. CS Lewis 'classicu imaginativu U Grande divorziu (U Grandu Divorziu) descrive un viaghju in busu imaginariu da l'infernu (ch'ellu veda com'è un immensu suburbiu desolatu) in u celu. L'obiettivu di sta viaghju hè di dà à quelli di "infernu" l'occasione di cambià di opinione. U Celu di Lewis riceve alcuni, ancu se parechji di i peccatori ùn li piaci micca dopu l'acclimatazione iniziale è preferiscenu l'infernu chì sanu. Lewis enfatizeghja chì ùn hà micca datu capiscenu più speciale nantu à a natura è a natura di a vita eterna; u so libru hè puramente allegoricu.

U fascinante travagliu di Mitch Alborn I Cinque Persone Scontrate in u Celu (Eng .: E cinque persone chì incontrate in u celu) ùn facenu alcuna pretensione à a correzione teologica. Con ellu, u celu si trova in un parcu di divertimenti à u mare, induve u caratteru principale hà travagliatu tutta a so vita. Ma Alborn, Lewis, è altri scrittori cum'è elli anu pussutu ricunnosce u fondu. Forsi u celu ùn hè micca cusì sfarente di l'ambientu chì sapemu quì in stu mondu. Quandu Ghjesù parlava di u regnu di Diu, hà spessu fattu paraguni cù a vita cum'è a sapemu in e so descrizioni. Ùn hè micca listesse per ellu, ma hè cusì simile à ellu chì pò tracciate paralleli simili.

Allora è avà

A maiò parte di a storia umana hà avutu pocu cunniscenze scientifiche nantu à a natura di u cosmu. Sì avete pensatu à qualcosa di questu in tuttu, credeva chì a terra era un discu chì era circundatu da u sole è a luna in circuli cuncentrici perfetti. U celu hè statu cridutu esse quì in altrò, mentre l'infernu era in u mondu sottu. L'idee tradiziunale di a porta celestiale, arpe, robes bianche, ali d'anghjulu è elogie senza fine currispondenu à l'expectativa chì attribuiscimu à i più belli experti di a Bibbia chì anu interpretatu u pocu chì a Bibbia dice di u celu in cunfurmità cù a so capiscitura di u mondu.

Oghje avemu assai più cunniscenze astronomiche di u cosimu. Dunque sapemu chì a terra hè solu un locu minuscule in l'immensurabile immensità di l'universu apparentemente sempre in espansione. Sapemu chì ciò chì ci pare una realtà tangibile hè fondamentalmente micca più ch'è una rete energetica delicata intercalata chì hè tenuta inseme da forze cusì forti chì a maiò parte di a storia umana ùn hà mancu sospettatu l'esistenza. Sapemu chì forse circa 90% di l'universu hè custituitu da "materia scura" - chì pudemu teorizà cù i matematichi, ma chì ùn pudemu vede o misura.

Sapemu chì ancu fenomeni innegabili cum'è u "tempu di passazione" sò relative. Ancu e dimensioni chì definiscenu e nostre idee spaziali (Larghezza, larghezza, altezza è prufundità) sò solu aspetti visuali è comprensibili di una realtà assai più cumplessa. Certi astrofisici ci dicenu chì ci pò esse almenu sette altre dimensioni, ma u modu di azzione hè inimaginabile per noi. Questi scientifichi sospettanu chì e dimensioni supplementari sò vere cum'è altezza, lunghezza, larghezza è tempu. Sò nantu à un nivellu chì supera i limiti di misurable di i nostri strumenti più sensitivi; è ancu da u nostru intelettuu pudemu solu cumincià à trattà cun ellu senza esse spertu.

I successi scientifichi innovatori di l'ultime decennii anu rivoluzionatu u statu di a cunniscenza in guasi tutti i duminii. E chì ci hè di u celu? Avemu duvemu dinò ripensà e nostre idee nantu à a vita in seguitu?

Dopu

Una parolla interessante - oltre. Micca da stissu, micca di stu mondu. Ùn saria pussibile passà a vita eterna in un ambiente più familiar è fà esattamente ciò chì ci hè sempre piaciutu à fà - cù e persone chì sapemu in i corpi chì ricunnosce? Ùn puderia micca esse chì a vita dopu a morte hè un allargamentu di u tempu u più bellu cunnisciutu di sta vita senza i so carichi, e paure è e soffrenze? Ebbè, à questu puntu si duverebbe leghje attentamente - a Bibbia ùn prumette chì ùn serà micca. (Preferissi chì ripetissi dinò - a Bibbia ùn prumette chì ùn serà micca).

U teologu americanu Randy Alcorn hà trattatu di u sughjettu di u celu durante parechji anni. In u so libru Celu (Celu) esamina currettamente ogni citazione da a Bibbia chì si riferisce à a vita dopu a morte. U risultatu hè un ritrattu fascinante di ciò chì a vita dopu a morte puderia pare. Scrive:

"Ci simu stanchi di noi stessi, simu stanchi di l'altri, peccatu, suffrenza, crimini è morte. Eppuru amemu a vita terrestra, ùn avemu micca? Amu l'immensità di u celu di notte nantu à u disertu. Mi piace à pusà cunfortu à fiancu à Nancy nantu à u divano à u focu, una manta sparita sopra à noi, u cane annicatu vicinu à noi. Questi sperienze ùn anticipanu micca u celu, ma offrenu un gustu di ciò chì ci vole aspittà. Ciò chì amu di questa vita terrena hè e cose chì ci facenu in u muru per a stessa vita chì simu fatti. Ciò chì amemu quì in questu mondu ùn hè micca solu u megliu chì sta vita hà da offre, hè ancu un visu à a vita futura ancu più grande. "Allora perchè duvemu limità a nostra vista di u Regnu di i Celi à a visione mundiale di aieri? Basatu nantu à a nostra cunniscenza mejorata di u nostru ambiente, spekulemu nantu à ciò chì a vita in celu puderia pare.

Fisicità in celu

U Credu di l'Apòstuli, a testimonianza più cumuna di a fede persunale trà i cristiani, parla di a "risurrezzione di i morti" (littiralmenti: a carne). Puderete avè ripetutu una volta di centinaie di volte, ma avete mai pensatu à ciò chì significa?

Di solitu, si associa à a risurrezzione un corpu "spirituale", una cosa delicata, eterica, irreale chì s'assumiglia à un spiritu. Tuttavia, questu ùn currisponde à l'idea biblica. A Bibbia dice chì una risurrezzione sarà un esseru fisicu. Tuttavia, u corpu ùn serà micca carnale in u sensu in quale capiscenu stu terminu.

A nostra idea di carnalità (o ancu fisicità) hè assuciatu à e quattro dimensioni cù quale percepimu a realtà. Ma s'ellu ci sò in fatti numerosi altre dimensioni, ci sò sbagliati in a nostra definizione di materialità.

Dopu a so risurrezzione, Ghjesù hà avutu un corpu carnale. Era capace di manghjà è cammina è pareva abbastanza normale. Pudete toccà ellu. Eppuru hà sappiutu deliberatamente andà oltre i dimensioni di a nostra realtà da solu andendu attraversu pareti cum'è Harry Potter à a stazione. U interpretemu questu cum'è micca reale; ma forsi hè completamente normale per un corpu chì pò sperimentà u spettru sanu di a realità.

Allora pudemu aspittà una vita eterna cum'è un sè ricunnoscivule, dotatu di un corpu veru chì ùn hè micca sottumessu à morte, malattie è decadenza, nè hè dipendente da l'aria, l'alimentariu, l'acqua è a circulazione di sangue per esiste? Iè, in verità pare cusì. "... ciò chì seremu ùn hè statu ancu revelatu", dice a Bibbia. "Sapemu chì, quand'ellu hè revelatu, seremu cum'è ellu; perchè u vedaremu cum'è ellu " (2 Ghjuvanni 3,2, Bibbia di Zurigo).

Immaginate una vita cù a vostra mente è u significatu - porta sempre i vostri propri tratti è seria solu liberu di tuttu superfluu, averia rialornatu e priorità è puderia cusì pianificà, sognu è esse creativa per sempre. Imagine una eternità in quale site riunitu cù vechji amichi è avè l'uppurtunità di vince di più. Imaginate relazioni cù l'altri cum'è cù Diu chì sò liberi di paura, tensione o delusione. Immaginate di ùn avè mai bisognu di diri addiu à quelli amati.

Noch nicht

Luntanu da esse involucatu in una adorazione senza fine per tutta l'eternità, a vita eterna pare esse una sublimazione di ciò chì ùn si pò micca superà in a so magnificenza. A vita dopu hà assai per noi di più chè pudemu percive cù i nostri sensi limitati. In ocasu, Diu ci dà un'anteprima di primura di ciò chì vede quella realtà più larga. San Paulu disse à l'Atenei superstiziunosi chì Diu ùn era "luntanu di tutti ..." (Atti 17,24: 27). U celu ùn hè definitivamente vicinu à noi in una forma misurabile. Ma ùn pò micca esse solu "un paese felice, distante". Infatti, ùn puderia micca esse quellu chì ci circonda in una manera chì ùn pudemu micca mette in parolle?

Lasciate chì a vostra imaginazione curri un tempu salvaticu

Quandu era natu Ghjesù, l'anghjuli si apparsu subitu à i pastori in u campu (Luca 2,8-14). Era cumu si surtissi da u so regnu in u nostru mondu. Ùn ci hè stata a stessa cosa descritta in u Libru 2 di Re 6:17 di u servitore spaventatu d'Elisa quandu si apparse subitu legioni d'angeli? Subitu prima chì ellu sia statu sbulicatu da una folla arrabbiata, Stephanus hà ancu apertu impressioni frammentarie è soni chì sò normalmente oltre a percezione umana (Atti 7,55: 56). Cusì, Ghjuvanni hà vistu e visioni di Revelazione?

Randy Alcorn indetta chì "cume i cecchi ùn ponu vede u mondu chì li circundanu, anche si esiste, a nostra peccatura significa chì ùn simu incapaci di vede u celu. Hè pussibule chì prima di a Caduta, Adamu è Eva videssinu chjaramente ciò chì ci hè invisibile oghje? Hè pussibile chì u regnu di i celi stessu hè solu à una distanza corta da noi? " (Cielo, p. 178).

Sò speculazioni fascinanti. Ma ùn sò micca fantastichi. A scienza hà dimustratu chì a creazione hè assai più di quellu chì pudemu percepisce in e nostre limitazioni fisiche attuale. Sta vita umana terrestra hè una spressione estremamente limitata di ciò chì seremu infine. Ghjesù hè venutu à noi esseri umani cum'è unu di noi è cusì sottumessu à e limitazioni di l'esistenza umana finu à u destinu finale di tutta a vita carnale - a morte! Pocu prima di a so crucifixione, pricava: "Babbu, dame di novu a gloria chì aghju cun voi prima di creazione u mondu!" E ùn ne dimenticemu micca chì hà continuatu in a so preghiera: "Babbu, l'avete [ ghjente] datu à mè è vogliu esse cun mè induve sò. Hanu da vede a mo gloria chì tu m'hai datu perchè tu m'avete amatu prima chì u mondu hè statu creatu " (Ghjuvanni 17,5: 24 è, Bibbia di e Novità).

L'ultimu nemicu

I promessi di u novu celu è di a terra includenu chì "a morte serà scunfitta per sempre". In u mondu sviluppatu, avemu riisciutu à capì cumu campà una dicina o duie più. (Sfurtunatamente, ùn avemu micca pussutu capisce cumu utilizà stu tempu extra). Ma ancu s'ella forse puderà scappà a tomba un pocu più, a morte hè sempre u nostru nemicu inevitabbile.

In u so affascinante studiu di u celu, Alcorn spiega: "Ùn duvemu micca glurificà a morte - nè Ghjesù. Ellu hà chianciatu di morte (Ghjuvanni 11,35). Cum'è ci sò belli storii di e persone chì andavanu pacificamente in l'eternità, ci sò ancu storie chì dicenu di persone in decadenza mentale è fisica, cunfusu, emaciate, chì a so morte lascia à ella esaurite, stordite, sciaffate. A morte ferite è hè un nemicu. Ma per quelli chì campanu in a cunniscenza di Ghjesù, hè l'ultimu dulore è l'ultimu nemicu " (P. 451).

Aspetta! Cuntinuà. , ,

Avemu pussutu guardà assai più aspetti. Assumintendu chì l'equilibriu hè mantinutu è ùn ci scappamu da u sughjettu, esplurà ciò chì ci aspetta dopu à a morte hè un area di ricerca eccitante Ma u conte di parolle di u mo computer mi ricorda chì questu articulu hè sempre limitatu in u tempu. è u spaziu hè sottumessu. Dunque cuncludemu cun un finale finale, veramente allegru, di Randy Alcorn: "Cù u Signore amemu è l'amici chì apprezzemu, diventeremu inseme l'ultimu in un universu fantasticu novu per esplurà è cunquistà. cercà grandi avventure. Ghjesù serà in u centru di tuttu, è l'aria chì respiremu sarà piena di gioia. E si pensemu allora chì ùn ci pò esse micca un altru aumentu, rimarchemu - ci vole! " (P. 457).

di John Halford


in pdfU celu hè quì - ùn hè micca?