Quale hè u mio nemicu?

Ùn dimenticheraghju mai quellu ghjornu tragicu in Durban, Sudafrica. Aviu 13 anni è ghjucava à tag in u cortile davanti cù i mo fratelli, surelle è amichi in un bellu ghjornu assulanatu di beatitudine quandu a mo mamma hà chjamatu a famiglia dentru. E lacrime currianu da u so visu mentre tenia un articulu di ghjurnale chì riporta a morte tragica di u mo babbu in l'Africa orientale.

E circustanze intornu à a so morte anu suscitatu alcuni punti d'interrogazione. Tuttavia, tuttu sembrava indicà chì era vittima di a Guerra Mao Mao, accaduta da u 1952 à u 1960 è chì era diretta contr'à u duminiu culuniale di u Kenya. U gruppu più attivu in u cunflittu armatu hè venutu da i Kikuyu, a più grande tribù in Kenya. Ancu se i scontri eranu principalmente diretti contr'à u putere coloniale britannicu è i coloni bianchi, ci sò stati ancu scontri violenti trà Mao Mao è i leali africani. U mo babbu era un maestru di un regimentu kenyan à l'epica è hà avutu un rolu impurtante in a guerra è era dunque nantu à a lista di successu. Eru emotivamente disperatu, confusu, è assai scuntentu da ghjovanu adolescente. L'unicu ciò chì eru cuscente era a perdita di u mo amatu babbu. Hè statu pocu dopu a fine di a guerra. Avia previstu di trasladassi in Sudafrica cun noi in pochi mesi. À quellu tempu ùn aghju micca capitu u mutivu esattu di a guerra è sapia solu chì u mo babbu era in lotta cù una urganizazione terrorista. Era u nemicu chì hà fattu chì parechji di i nostri amichi perdessinu a vita!

Non solu duvemu fà fronte à a perdita traumatica, ma simu stati ancu di pettu à u fattu di pudè affruntà una vita di grande puvertà perchè l'autorità di u statu anu rifiutatu di pagacci u valore di a nostra prupietà in Africa orientale. A mo mamma era tandu cunfruntata à a sfida di truvà un impiegu è di crià cinque zitelli in età sculare cù un salariu magru. Ancu cusì, in l'anni chì seguitanu, sò restatu fidu à a mo fede cristiana è ùn aghju micca suscitatu rabbia o odiu contr'à e persone chì eranu rispunsevuli di a terribile morte di babbu.

Nisun altru modu

E parolle chì Ghjesù dicia mentre stava appesu à a croce, fighjendu quelle persone chì avianu dinunziatu, burlatu, frustatu, inchjudatu à a croce è chì u vidianu more in agunia, mi cunsulavanu in u mo dulore: «Babbu, perdona ti perchè ùn sanu micca ciò chì facenu ".
A crucifissione di Ghjesù hè stata instigata da i capi religiosi autogiusti di u ghjornu, i scribi è i Farisei, impannillati in pulitica, autorità è cumpiacenza in u so mondu stessu. Sò cresciuti in stu mondu è sò stati profondamente radicati in a so propria psiche è e tradizioni culturali di u so tempu. U messagiu chì Ghjesù hà pridicatu hà fattu una seria minaccia per l'esistenza perseverante di stu mondu, dunque anu fattu un pianu per purtallu in ghjustizia è crucifissallu. Era cumpletamente sbagliatu di fà lu, ma ùn anu vistu altru via.


I suldati Rumani facianu parte di un altru mondu, facianu parte di una regula imperialista. Anu solu seguitatu l'ordini di i so superiori cum'è qualsiasi altru suldatu leali averia fattu. Ùn anu vistu altru via.

Ancu eiu aghju avutu à affruntà a verità: i ribelli Mao Mao sò stati pigliati in una guerra viziosa chì si trattava di sopravvivenza. A vostra libertà hè stata compromessa. Sò cresciuti credendu in a so causa è anu sceltu a via di a viulenza per assicurà a libertà. Ùn anu vistu altru via. Parechji anni dopu, in u 1997, sò statu invitatu à esse invitatu à una riunione vicinu à Kibirichia in a regione Meru orientale di u Kenya. Hè stata un'occasione eccitante per esplorà e mo radici è mostrà à a mo moglia è à i mo figlioli a natura impressionante di u Kenya, è ne eranu cuntenti.

In u mo discorsu iniziale, aghju parlatu di a zitiddina chì aghju avutu in questu bellu paese, ma ùn aghju micca parlatu di u latu scuru di a guerra è di a morte di u mo babbu. Pocu dopu a mo apparizione, un signore anzianu di i capelli grisgi hè venutu à mè marchjendu nantu à una stampella è cù un grande surrisu in faccia. Circundatu da un gruppu entusiasticu di circa ottu nipoti, mi hà dumandatu di pusà perchè vulia dì qualcosa.

Un mumentu toccu seguitatu da una sorpresa inaspettata. Hà parlatu francamente di a guerra è di cume era in una terribile battaglia cum'è membru di u Kikuju. Aghju intesu parlà di l'altra parte di u cunflittu. Hà dettu ch'ellu facia parte di un muvimentu chì vulia campà liberamente è travaglià in e terre chì li eranu stati presi. Purtroppu, ellu è parechje migliaia di altri cari anu persu, cumprese donne è zitelli. Stu signore cristianu di core caldu mi fighjò tandu cù l'ochji pieni d'amore è disse: "Mi dispiace assai per a perdita di u to babbu". Aghju trovu difficiule à trattene e lacrime. Quì stavamu parlendu cum'è cristiani pochi decennii dopu, dopu à esse stati in i lati opposti in una di e guerre più crudeli di u Kenya, ancu sì eru solu un zitellu ingenu durante u tempu di u cunflittu.
 
Simu stati immediatamente cunnessi in una profonda amicizia. Ancu se ùn aghju mai incontratu amarezza cù e persone rispunsevuli di a morte di u mo babbu, aghju avutu una profonda ricunciliazione cù a storia. Filippesi 4,7 mi hè accadutu allora: "È a pace di Diu, chì hè superiore à tutte e ragioni, tene u core è a mente in Cristu Ghjesù". L'amore, a pace è a gràzia di Diu ci anu unitu in l'unicità in a so presenza. E nostre radiche in Cristu ci anu guaritu, rompendu u cicculu di u dulore in u quale aviamu passatu a maiò parte di a nostra vita. Un sintimu indescrivibile di sollievu è di liberazione ci hà riempitu. U modu in u quale Diu ci hà riuniti riflette a futilità di a guerra, u cunflittu è l'ostilità. In a maiò parte di i casi, nisuna parte hà avutu veramente vintu. Hè straziante di vede i cristiani cumbatte i cristiani per nome di a so causa. In tempu di guerra, e duie parte preganu à Diu è li dumandanu di stà da u so latu, è in tempi di pace, i stessi cristiani sò probabilmente amichi trà di elli.

Amparate à lascià

Stu scontru di vita cambiante m'hà aiutatu à capisce megliu i versi di Bibbia chì parlanu di l'amore per u nemicu (Luca 6,27-36). A parte una situazione di guerra, richiede ancu a quistione di quale hè u nostru nemicu è avversariu? Chì ne pensemu di e persone chì incontremu ogni ghjornu? Stuzzicemu l'odiu è l'avversione à l'altri? Forse contr'à u patrone, cun quale ùn ci simu micca d'accordu? Forse contr'à l'amicu di fiducia chì ci hà fattu male assai? Forse contr'à u vicinu cun quale simu in disputa?

U testu di Luke ùn pruibisce micca un cumpurtamentu sbagliatu. Piuttostu, si tratta di tene in vista u quadru generale esercitendu u perdonu, a grazia, a buntà è a riconciliazione è diventà a persona chì Cristu ci chjama per esse. Si tratta di amparà à amà cum'è Diu ama mentre maturemu è crescemu cum'è cristiani. L'amarezza è u rifiutu ponu facilmente piglià noi prigiuneri è piglià u cuntrollu. Amparà à lascià si mettendu in manu à Diu e circustanze chì ùn pudemu micca cuntrullà è influenzà face a vera differenza. In Ghjuvanni 8,31: 32, Ghjesù ci incuragisce à ascultà e so parolle è à agisce in cunsequenza: «Se rispettate a mo parolla, sarete veramente i mo discìpuli è saprete a verità, è a verità vi libererà. » Questa hè a chjave per a libertà in u so amore.

di Robert Klynsmith


in pdfQuale hè u mio nemicu?