A bona voluntà di stranieri

"Mostra à mè è à u paese in quale stai avà cum'è stranieru a listessa benevolenza chì ti aghju dimustratu" (1. Mosè 21,23).

Cumu un paese deve trattà cù i so stranieri ? E più impurtante, cumu duvemu cumportà quandu simu un straneru in un altru paese? À 1. In Mosè 21 Abraham campava in Gerar. Pare ch'ellu hè statu trattatu bè, malgradu l'ingannimentu chì Abraham hà fattu contr'à Abimelech, rè di Guerar. Abràhamu li avia dettu una mezza verità nantu à a so moglia Sara per prutegge si da esse tombu. In u risultatu, Abimelech hà quasi fattu adulteriu cù Sara. Tuttavia, Abimelech ùn hà micca rimbursatu u male per u male, ma hà datu Sara, a moglia d'Abrahamu, torna à ellu. È Abimelech disse: "Eccu, u mo paese hè davanti à tè; campà induve hè bonu in i to ochji! " 1. In questu modu hà datu à Abraham un passaghju liberu in tuttu u regnu. Li dete ancu mille sicli d'argentu (verse 20,15).

Cumu hà rispostu Abraham? Hà pricatu per a famiglia è a casa d'Abimelech chì una malidizioni di sterilità li fussi rialzata. Ma Abimelech era sempre suspettu. Forse hà vistu Abraham cum'è un putere per esse cunsideratu. Dunque Abimelech hà ricurdatu à Abraham cumu ellu è i so citadini u trattavanu cun benevolenza. I dui omi anu fattu un pattu, vulianu campà inseme in paese senza aggressioni nè ostilità. Abraham hà prumessu ch'ellu ùn agisce più fraudulently. 1. Mosè 21,23 è mostra apprezzamentu per a benevolenza.

Moltu dopu, Ghjesù disse in Luca 6,31 "E cum'è vo vulete chì a ghjente vi facia, fate u listessu per elli!" Questu hè u significatu di ciò chì Abimelech hà dettu à Abraham. Eccu una lezziò per tutti noi: Ch'ella siamu lucali o stranieri, duvemu esse gentili è benevoli unu à l'altru.


prighera

Babbu caru, per piacè aiuta per piacè sempre esse amichevuli cun l'altri attraversu u vostru spiritu. In u nome di Ghjesù Amen!

da James Henderson


in pdfA bona voluntà di stranieri