A bona voluntà di stranieri

»Mostrà mi è u paese in u quale site avà un straneru u listessu bonu chì vi aghju mustratu» (Genesi 1:21,23)

Cumu un paese si deve trattà cù i so stranieri? È più impurtanti, cumu duvemu cumportassi quandu siamos un straneru in un altru paese? Secondu a Genesi 1, Abraham abitava in Gerar. Sembra ch'ellu sia statu trattatu bè, malgradu a frode chì Abraham hà fattu contra Abimelech, rè di Gerar. Abraham li avia dettu una mità di verità nantu à a so moglia Sara per pruteghja si era statu uccisu. U risultatu hè chì Abimelech guasi hà fattu adulteriu cù Sara. Abimelech, però, ùn hà micca rimbursatu u male cù u male, ma invece hà tornatu à Sara, a moglia di Abraham, à ellu. È Abimelec disse: "Eccu, a mo terra hè davanti à voi; campà induve hè bonu in l'ochji! » Gènesi 21 In questu modu, hà datu à Abraham un passaghju gratuitu per tuttu u regnu. Iddu ancu di rigalà ellu mille sicli (Verse 16).

Cumu hà rispostu Abraham? Hà pricatu per a famiglia è a casa di Abimelech chì una maledizione di infertilità sia stata sguassata. Ma Abimelech era sempre suspittosu. Forsi hà vistu Abraham à u putere di esse cunsideratu. Allora Abimelech hà ricurdatu à Abraham di cumu ellu è i so citadini l'avianu trattatu cun benevolenza. I dui omi anu furmatu un pattu; anu vulsutu campà in paese senza agressione è ostilità. Abraham hà accunsentutu ch'ellu ùn avissi più azzione fraudulently. Genesi 1:21,23 è mostra apprezzamentu per a benevolenza.

Moltu dopu, Ghjesù hà dettu in Luca 6,31, "E cume vulete chì a ghjente vi faci, fate puru!" Questu hè u significatu di ciò chì Abimelech hà dettu à Abraham. Eccu una lezione per tutti di noi: siamu lucali o stranieri, duvemu simpaticu è benèvule unu à l'altru.


prighera

Babbu caru, per piacè aiuta per piacè sempre esse amichevuli cun l'altri attraversu u vostru spiritu. In u nome di Ghjesù Amen!

da James Henderson


in pdfA bona voluntà di stranieri