Ghjesù è a Chjesa in Revelazione 12

À u principiu di u Capitulu 12 di Revelazione, Ghjuvanni conta di a so visione di una donna incinta chì sta per nasce. U vedi in splendore splendore - vistutu u sole è a luna sottu à i so pedi. A so testa hè una corona o una corona di dodici stelle. À quale si riferisce a donna è u zitellu?

In Genesi 1 truvamu a storia di u patriarca biblica Ghjiseppu, chì avia un sognu in quale una scena simile li era revelata. Hà dettu in seguitu à i so fratelli chì avia vistu u sole, a luna, è l'ondeci stelle chì si pieganu (Genesi 1:37,9)

I ritratti in u sognu di Josef sò claramente ligati à i membri di a so famiglia. Era u babbu di Ghjiseppu, Israele (Sun), a so mamma Rachel (Luna) è i so onze fratelli (Stelle, vedi Genesi 1:37,10). In questu casu, Josef era u duodicesimu fratellu o "stella". I dodici figlioli d'Israele diventonu tribù pupulanti è crescenu in una nazione chì diventa u populu sceltu di Diu (Deuteronomu 5:14,2).

Revelazione 12 cambia radicalmente l'elementi di u sognu di Ghjiseppu. Li riinterpreta in riferimentu à Israele spirituale - a chjesa o l'assemblea di e persone di Diu (Galatini 6,16).

In Revelazione, i dodici tribù ùn si riferiscenu micca à l'anticu Israele, ma simboliscenu tutta a chjesa (7,1-8). A donna vestita di u sole puderia ritratà a Chjesa cum'è a sposa radiante di Cristu (2 Corinzi 11,2). A luna sottu à i piedi di a donna è a corona in testa puderia simbolizà a so vittoria per via di Cristu.

Sicondu stu simbolisimu, a "donna" di Revelazione 12 rappresenta a chjesa pura di Diu. Una erudita biblica M. Eugène Boring dice: "Hè a donna cosmica, vestita di u sole, cù a luna sottu i so piedi è coronata cù dodici stelle Messia pruduce " (Interpretazione: Un Commentariu di Bibbia per l'Ensignamentu è a Predica, "Revelazione", p. 152).

In u Novu Testamentu, a chjesa hè cunnisciuta cum'è Israele spirituale, Sion è "a mamma" (Galati 4,26; 6,16; Efesini 5,23-24; 30-32; Ebrei 12,22). Sion-Ghjerusalemme era a mamma idealizzata di u populu d'Israele (Isaia 54,1). A metafora hè stata trasmessa à u Novu Testamentu è appiicata à a Chjesa (Galatini 4,26).

Certi cummentatori vedenu u simbulu di a donna di Revelazione 12,1: 3 cume più largu. L'imagine, dicenu, hè una reinterpretazione di e credenze ebreie in quantu à u Messia è i miti pagani di a redenzione in riferimentu à l'esperienza di Cristu. M. Eugène Boring dice: "A donna ùn hè nè Maria nè Israele nè a Chjesa, ma menu è più di tutti. I stampi chì Ghjuvanni hà fattu cunghjunghje parechji elementi: u ritrattu di u mitu paganu di a Regina di u Celu; da a storia di Eve, a mamma di tutti i vivi, da u primu libru di Mosè, chì a so "semente" hà sfracinatu u capu di u serpente primariu (Genesi 1: 3,1-6); di Israele chì scappa u dragone / faraone in u disertu nantu à e ali di l'aquila (Esodu 2: 19,4; Salmu 74,12: 15); è Sion, a 'mamma' di u populu di Diu in ogni età, Israele è a Chjesa " (P. 152).

In questu scopu, alcuni interpreti di a Bibbia in questa sezione vedenu referenze à diversi miti pagani è ancu a storia di u sognu di Ghjiseppu in l'Anticu Testamentu. In a mitulugia greca, a dea incinta Leto hè perseguitata da u pitone di u drago. Scappa à un’isula induve dà nascita à Apollo, chì dopu uccide u drago. Quasi ogni cultura mediterranea hà avutu alcuna versione di sta battaglia mitica in chì u mostru attaccò u campione.

L'imaghjini di a rivelazione di a donna cosmica hà marca tutte e sti miti cum'è falsi. Dice chì nessuna di sti storie capisce chì Ghjesù hè u Redentore è chì a Chjesa hè u pòpulu di Diu. Cristu hè u figliolu chì mata u dragone, micca Apollu. A Chjesa hè a mamma di è per quale vene u Messia; Leto ùn hè micca a mamma. A dea Roma - a personificazione di l'Imperu Rumanu - hè in realtà un tipu di prostituta spirituale internaziunale, Babilonia u Grande. A vera regina di u celu hè Sion, chì hè custituita da a chjesa o da u pòpulu di Diu.

Cusì, a rivelazione in a storia di e donne espone vechje credenze politiche è religiose. U studiente di a Bibbia Britannica GR Beasley-Murray dice chì l'usu di Ghjuvanni di u mitu Apollu "hè un esempiu maravigghiusu di cumunicazione di u Cristianesimu per via di un simbulu cunnisciutu internaziunalmente" (U Commentariu di a Bibbia di u Nuvellu Seculu, "Revelazione", p. 192).

A Revelazione rapprisenta ancu à Ghjesù cum'è u Redentore di a Chjesa - l'aspittà messia. In questu modu, u libru finamente reinterpreta u significatu di i simbuli di l'Anticu Testamentu. BR Beasley-Murray spiega: "Usendu stu mezzu di spressione, Ghjuvanni hà fattu una volta rivendicatu a cumplessa di a speranza pagana è a prumessa di l'Anticu Testamentu in u Cristu di u Vangelu. Ùn ci hè altru Salvatore salvu Ghjesù " (P. 196).

A Revelazione 12 espone ancu u nemicu principale di a Chiesa. Hè u temeru dragone rossu cù sette capi, dece corne è sette corone in u so capu. A rivelazione identifica chjaramente u dragone o u mostru - hè "u vechju serpente chjamatu Devil o Satan chì seduce u mondu interu" (12,9 è 20,2).

A prutezione terrena di Satana - a bestia da u mare - hà ancu sette capi è dece cornu è hè ancu di culore scarellu (13,1 è 17,3). U caratteru di Satana hè riflessu in i so rapprisentanti in terra. U dragone personifica u male. Perchè l'antica mitulugia avia tanti riferimenti à i draghi, l'ascultori di Ghjuvanni avarianu saputu chì u dragone di l'Apocalisse 13 era un nemicu còsmicu.

Ciò chì i sette capi di u drago rapprisentanu ùn hè micca chjaru immediatamente. Tuttavia, postu chì Ghjuvanni utilizeghja u numeru sette cum'è un simbulu di cumplessità, questu puderà indicà a natura universale di u putere di Satana è ch'ellu incarna cumplettamente tuttu u male in ellu stessu. U dragone hà ancu sette tiare o corone reale nantu à a so testa. Puderanu ripresentà a pretensione inghjustificata di Satana contr'à Cristu. Cum'è Signore di i Signori, tutte e corone di l'autorità appartene à Ghjesù. Hè quellu chì hè statu coronatu cù parechje corone (19,12.16).

Amparemu chì u dragone "sbulicò a terza parte di a stella di u celu è u ghjettò nantu à a terra" (12,4). Questa frazzioni hè adupratu parechje volte in u Libru di Revelazione. Forsi duvemu capisce questa espressione cum'è una minurità significativa.

Oltremu dinò una breve biografia di u "zitellu" di a donna, una riferenza à Ghjesù (12,5). Revelazione quì conta a storia di l'avvenimentu di Cristu è si riferisce à u tentativu fallutu di Satana di frustrà u pianu di Diu.

U dragone hà pruvatu à tumbà o "manghjà" u zitellu di a donna à u tempu di a nascita. Questa hè una indicazione di una situazione storica. Quandu Erodu hà intesu dì chì u Messia ebraica era natu in Betlemme, hà uccisu tutti i picculi zitelli in a cità, chì avarianu u risultatu a morte di u zitellu Ghjesù (Matteu 2,16). Di sicuru, Ghjesù hà scappatu in Egittu cù i so genitori. A revelazione ci dice chì Satana era in veramente daretu à l'attentativu di assassinà à Ghjesù - per "manghjà" ellu.

Alcuni commentatori credi chì l'intentazione di Satana di "manghjà" u zitellu di a donna hè ancu a so tentazione di Ghjesù (Matteu 4,1: 11), oscurendo u messagiu di l'evangelu (Matteu 13,39) è incitallu à crucifigà Cristu (Ghjuvanni 13,2). Quandu uccidì à Ghjesù per via di a crucifixione, u diavulu pò esse hà pigliatu ch'ella avia vintu una vittoria sopra u Messia. Infatti, hè stata a morte di Ghjesù ellu stessu chì hà salvatu u mondu è hà sigillatu a sorte di u diavulu (Ghjuvanni 12,31; 14,30; 16,11; Colossiani 2,15; Ebrei 2,14).

Per mezu di a so morte è a risurrezzione, Ghjesù, u figliolu di e donne "hè statu pigliatu à Diu è u so tronu" (12,5). Hè cusì, hè statu cresciutu à l'immortalità. Diu hà elevatu u Cristu glurificatu in una pusizioni d'autorità universale (Filippini 2,9: 11). Hè destinatu "à pastu tutti i pòpuli cun un persunale di ferru" (12,5). Graziri i populi cun autorità amare ma assoluta. Queste parolle - "tutti i pòpuli regulanu" - identificanu chjaramente à quale si riferisce u simbulu di u zitellu. Hè u Messia untu di Diu, chì hè sceltu per guvernà in tutta a terra in u regnu di Diu (Salmu 2,9; Rev 19,15).


in pdfGhjesù è a Chjesa in Revelazione 12