Crisa di u virus Corona

583 pandemia di coronavirus Ùn importa micca a vostra situazione, ùn importa quantu e cose tristi possanu sembrà, u nostru Diu misericurdiosu rimane fidu è hè u nostru Salvatore onnipresente è amorevule. Cum'è Paul hà scrittu, nunda ci pò alluntanà da Diu o isolacci da u so amore: «Chì ci pò allora separà da Cristu è da u so amore? Soffre è paura forse? Persecuzione? A fame? Miseria? Periculu o morte violenta? Semu veramente trattati cum'ellu hè dighjà discrittu in e Sacre Scritture: Perchè simu di voi, Signore, simu perseguitati è tombi dapertuttu - simu macellati cum'è pecure! Ma sempre: in mezu à a sofferenza triunfemu nantu à tuttu què per mezu di Cristu chì ci hà tantu amatu. Perchè sò abbastanza sicuru: Nè a morte nè a vita, nè l'ànghjuli nè i dimònii, nè u presente nè u futuru nè alcunu puteri, nè alti nè bassi o qualsiasi altra cosa in u mondu ùn ci ponu separà da l'amore di Diu, ch'ellu ci dà in Ghjesù Cristu, u nostru Signore, date » (Rumani 8,35-39 Speranza per Tutti).

Quandu face a crisa di coronavirus, lascia chì Ghjesù sia in prima punta di u spiritu. Hè un tempu per fà cunnosce u nostru Cristianesimu, micca per isolala. Hè un tempu per apparisce, micca per ocultallu in un angulu di a nostra casa. Pudemu bisognu di isolà noi stessi, ma questu ùn significa micca chì duvemu isolà l'altri di Ghjesù chì vive in noi. Chì i so pinsamenti sianu in noi mentre rispundemu à a situazione deteriorante. In pochi settimane, u corpu cullettivu di Cristu s'arricorda cumu Ghjesù Cristu si prisintò immaculamente à Diu per mezu di u Spìritu eternu: "Quantu di più u sangue di Ghjesù Cristu ci rinnovarà internamente è ci lavarà di i nostri peccati! Rincontu di u spiritu eternu di Diu, si hè offrittu à noi cum'è un sacrificiu impeccable à Diu. Hè per quessa chì i nostri peccati sò pardunati, chì ultimamente portanu solu à a morte, è a nostra cuscenza hè sbulicata. Ora sò liberi di serve u Diu vivu » (Ebrei 9,14 Speranza per Tutti). Continuemu à serve u Diu vivente in u mumentu di i nostri bisogni.

Cumu pudemu fà cusì? Cumu pudemu serve l'altri chì pruvamu di praticà u distanciamentu sociale è piglià cura di noi stessi? S'ellu hè sicuru è permessu, aiuta l'altri. Se u serviziu di a chjesa hè annullatu per u mumentu, ùn cunsidereghja micca chì hè a fine di a vita di a chjesa. Chjamate l'altri cù una parolla incoraggiante. Stà à sente, empatizà. Ridite inseme quandu sorta l'opportunità. Fate un pianu di scala è mette in pràtica. Aiutate à l'altri à sentaci è esse parti di a nostra cumunità lucale. In questu modu, ci aiutanu ancu l'altri à sentenu parte di a cumunità. «Lode sia à Diu, u Babbu di u nostru Signore Ghjesù Cristu, u Babbu di a Misericordia è à Diu di tutte e cunsulazioni, chì ci consolanu in tutte e nostre affliczioni, per pudemu cunfortu ancu quelli chì sò in ogni afflizione, cun u cunfortu cun quale noi stessi cunfortu. sò di Diu. Siccomu i patimenti di Cristu venenu abbundanti sopra di noi, simu ancu cunsolati da Cristu » (2 Corintini 1,3: 5).

Con tutti l'aspetti di sta materia in mente, passemu u tempu in preghiera. Pregate per u Vangelu chì cuntinuarà à fà luce à l'altri. Pregà per i nostri guverni è per tutti quelli cun autorità per piglià decisioni sage: "Pregate in particulare per quelli chì sò rispunsevuli in u guvernu è in u statu in modu chì possemu vive in pace è tranquillu, rispettu di Diu è sinceramente versu i nostri umani » (1 Timoteu 2,2).

Pregate per a chjesa per mantene a so struttura finanziariamente intacta durante a crisa. Soprattuttu, prega chì l'amore di Ghjesù flussi attraversu quelli à l'altri è prega per l'altri chì sò catturati in u bisognu attuale. Pregate à i malati, i casti è u solitu.

da James Henderson