Sfruttate u più di ogni opportunità

Ùn vulete micca allargà u vostru tempu? O, ancu megliu, turnate u tempu per aduprà megliu a seconda volta? Ma tutti sapemu chì questu ùn hè micca cumu travaglia u tempu. Cuntinueghja solu à tick, ùn importa micca cumu usemu o perdimu. Ùn pudemu micca cumprà u tempu persu, nè pudemu ricuperà u tempu inghjustu. Forse hè per quessa chì l'apòstulu Paul hà struitu à i cristiani: Allora guardate bè cumu conduce a vostra vita, micca cum'è sàviu, ma cum'è sàviu, è cumprà u tempu [a. Es.: sfrutta ogni opportunità]; perchè hè u tempu bruttu. Dunque ùn diventate micca stupidu, ma capisce quale hè a vulintà di u Signore (Ef. 5,15-17u).

Paulu vulia chì i cristiani in Efesu apprufittassi di ogni mumentu, per aduprà u so tempu in cunfurmità cù a vulintà di Diu. In una grande cità cum'è Efesu, ci sò stati assai distrazioni. Efesu era a capitale di a pruvincia rumana in Asia. Era in casa una di e sette meraviglie di l'antichità - u Tempiu d'Artemisa. Cum'è in i nostri metropoli muderni oghje, ci passava assai in questa cità. Ma Paulu li ricurdò à i cristiani chì sò stati chjamati per esse e mani è l'arme di Cristu in sta cità senza divinità.

Tutti avemu talenti è risorse, tutti avemu 24 ore à ghjornu. Ma noi sò ancu servitori di u nostru Signore è Maestru Ghjesù Cristu, è chì face u nostru tempu unicu in u mondu. U nostru tempu pò esse adupratu per glurificà Diu invece di suddisfà u nostru egoismu.

Pudemu aduprà e nostre ore di travagliu per dà à i nostri patroni u nostru megliu rendimentu, cum'è s'ellu travagliassi per Cristu (Col. 3,22) piuttostu cà solu ottene un salariu, o peggiu, arrubà da elli. Pudemu aduprà u nostru tempu liberu per custruisce è rinfurzà e rilazioni, è per rejuvenate a nostra salute è a vita emutiva, piuttostu chè di passà in abitudini immorali, illegali o autodistruttivi. Pudemu aduprà e nostre notti per riposà un pocu invece di esse eccitati. Pudemu aduprà u tempu chì avemu dispunibule per studià per migliurà noi stessi, per aiutà e persone in bisognu, o per offre una manu d'aiutu invece di ghjustu stendu nantu à u divano.

Di sicuru, avemu da piglià u tempu di venerà u nostru Creatore è Redentore. Ascoltamu, lode, ringraziamu e portemu e nostre paure, preoccupazioni, preoccupazioni è dubbii. Ùn avemu micca bisognu di perde u tempu di lagnà, insultà, o muzzicà di l'altri. Invece pudemu pricà per elli. Pudemu rimborsà u male cun bè, affidate e nostre crises à Diu è evitate ulcere stomacu. Pudemu campà cusì perchè Cristu vive in noi, perchè Diu hà direttu a so grazia nantu à noi per Cristu. In Cristu pudemu fà i nostri ghjorni qualcosa di valore, qualcosa chì importa.

Paulu era in prigiò quandu hà scrittu a lettera à i cristiani in Efesu, è ùn pudia aiutà ma era conscientu di tutti i minuti chì passavanu. Iè, perchè Cristu viviu in ellu, ùn hà micca permessu chì a so detenzione sia una barrera per fà u megliu di ogni opportunità. Utilizendu a so prigiuneria cum'è opportunità, hà scrittu lettere à e congregazioni è sfidatu i cristiani per esse cuscenti di cumu si deve campà secondu a vuluntà di Diu.

I nostri casali oghje anu guasi a stessa immoralità è a corruzzione chì i cristiani anu sperimentatu in l'epica di Paulu. Ma a Chjesa, li ricorda, hè una postura di luce in un mondu scuru. A chjesa hè a cumunità induve a putenza di u Vangelu hè sperimentata è sparta cun l'altri. I so membri sò a salata di a terra, u segnu sicuru di a speranza in un mondu chì ansia a salvezza.

Ci era un ghjuvanottu chì hà travagliatu u so travagliu in una urganizazione è fù numinatu per rimpiazzà u vechju presidente, facilmente irritabile. Qualchi ghjorni prima di piglià u mandatu, u ghjuvanottu era andatu à u vechju presidente è li dumandò se ellu puderia dassi cunsiglii.

Dui parolle, hà dettu. Decisioni ghjusti! U ghjuvanottu dumandò: cumu li scontri? U vechju hà dettu: Piglia l'esperienza. Cumu l'avete capita? dumandò u ghjovanu? U vechju rispose: decisione sbagliate.

Chì tutti i nostri sbagli facenu più sàviu perchè avemu fiducia in u Signore. Chì a nostra vita diventa sempre più cristiana. Pò u nostru tempu purtà gloria à Diu mentre facemu a so vuluntà in stu mondu.

di Ghjiseppu Tkach


in pdfSfruttate u più di ogni opportunità