Comparare, evaluà è ghjudicà

605 paragunà valutà è cundannate Avemu campà in un mondu chì vive prima sicondu u mottu: "Semu boni è l'altri stanu tutti cattivi". Ogni ghjornu simu à sente gruppi di gridà ad altre persone per ragioni politiche, religiose, razziali o socio-ecunomiche. I media suciali pareranu peghju questu. I nostri opinioni ponu esse dispunibili per migghiara, più di ciò chì vuleriamu, assai prima di avè l'uppurtunità di riflette e parolle è risponde à elli. Mai mai i gruppi sferenti ùn si sò capaci di gridà a unu l'altra cusì rapidamente è cusì forte.

Ghjesù conta a storia di u Fariseu è u colettore di l'imposite chì preghjanu in u tempiu: "Dui persone si sò cullati in u tempiu per pregà, unu un Fariseu, l'altru un colettore di tassi" (Luca 18,10). Hè a parabola classica di "noi è l'altri". U Fariseu dichjara orgogliu: «ti ringraziu, Diu, chì ùn sò micca cume altre persone, ladri, persone ingiuste, adulteri o ancu cum'è questu colettore di tassi. Vu subitu duie volte à settimana è detezimu tuttu ciò chì piglia. U colettore di l'impositu, però, stava luntanu è ùn vulia micca alzà l'ochji à u celu, ma batte u pettu è disse: Diu, sia misericordiosu da mè! (Luca 18,11-13).

Ghjesù discrive quì l'insupportable "noi contr'à l'altri" scenariu di u so tempu. U Fariseu hè struitu, pulitu, è piacè, è facendo ciò chì hè ghjustu in i so ochji. Sembra esse u tippu "noi" chì unu vuleria invità à e feste è à chì unu sognu di esse maritatu cù a figliola. U tributariu, invece, hè unu di l '"àutri"; hà cullatu imposte da u so propiu populu per u putere occupante di Roma è hè statu odiatu. Ma Ghjesù finisci a so storia cù a frasa: «A vi dicu: questu colettore di l'impositu era ghjuntu à a so casa ghjustificata, micca quella stessa. Perchè quellu chì esalta ellu stessu serà umiliatu; è quellu chì si umilia si hè esaltatu » (Luca 18,14). U risultatu hà scunfittatu u so uditariu. Cumu puderia ghjustificà sta persona, u peccatore evidente quì, ghjustificatu? Ghjesù ama per scopre ciò chì passa in u profunnu. Cù Ghjesù ùn ci sò micca paraguni "noi è l'altri". U Fariseu hè un peccatore ancu di u colettore di tassi. I so peccati sò menu evidenti è postu chì l'altri ùn li ponu micca vede, hè faciule d'appuntà u dito da "l'altru".

Mentre u Fariseu in questa storia ùn hè vulutu ammettà a so ghjustizia, a so peccata è a so fiertà, u cullettore di l'imposti si rende a so culpa. U fattu hè, avemu tuttu fallutu è tutti avemu bisognu di u stessu guaritore. "Ma parlo di a ghjustizia davanti à Diu, chì vene per a fede in Ghjesù Cristu à tutti quelli chì credenu. Perchè ùn ci hè nisuna differenza: tutti sò peccatori è mancanu a gloria chì sò supposti d'avè davanti à Diu, è sò ghjustificati senza meritu per a so grazia per mezu di a redenzione chì hè ghjuntu per Cristu Ghjesù » (Rumani 3,22-24).

A guarigione è a santificazione venenu per mezu di a fede in Ghjesù Cristu à tutti quelli chì credenu, vale à dì chì sò d'accordu cù Ghjesù nantu à sta materia è cusì li permettenu di campà in ellu. Ùn si tratta micca di "noi contr'à l'altri", si tratta solu di noi tutti. Ùn hè micca u nostru travagliu di ghjudicà l'altri. Basta à capisce chì tutti avemu bisognu di salvezza. Simu tutti destinatari di a misericordia di Diu. Avemu tutti u listessu salvatore. Quandu dumandemu à Diu di aiutacci à vede l'altri cum'è ellu li vede, capimu subitu chì in Ghjesù ùn ci hè micca noi è altri, solu noi. U Spìritu Santu ci permette di capisce questu.

di Greg Williams