U vangelu bona nutizia?

Sapete chì u Vangelu significa "bona nova". Ma u cunsidereti veramente una bona nutizie?

Cum'è cun tanti di voi, per a maiò parte di a mo vita aghju statu amparatu chì campemu in "l'ultimi ghjorni". Chistu m'hà datu una visione mundiale chì guardava e cose da una perspettiva chì a fine di u mondu cum'è sapemu oghje vene in "appena pochi anni". Ma si "aghju cumportu secondu" mi serà risparmiatu u Gran Tribulazione.

Per fortuna, questu ùn hè più u focus di a mo fede cristiana o u fundamentu di a mo relazione cù Diu. Ma quandu avete cridutu qualcosa per tantu tempu, hè difficiule di sguassà cumpletamente. Stu tipu di cuncepimentu di u mondu pò esse addictivu, cusì avete tendenza à vede tuttu ciò chì passa da i vetri di una interpretazione speciale di "avvenimenti di u tempu finale". Aghju intesu chì e persone chì si fixanu in a profezia di u tempu finale sò state parlate umoremente di "apocaolica".

In realtà, però, questu ùn hè micca una materia a risa. Stu tipu di vista mundiale pò esse dannusu. In casi estremi, pò tentà a ghjente di vende tuttu, rinunziare tutte e relazioni, è viaghjà à un locu solitu chì aspetta l'apocalisse.

A maiò parte di noi ùn andaria ancu cusì luntanu. Ma una attitudine chì a vita cum'è a sapemu finirà in un futuru vicinu pò guidà a ghjente à "scrive" u dulore è u soffrenu intornu à elli è à pensà, "Chì diable?" intornu ad elli in modu pessimista è diventanu più spettatori è ghjudici còmode cà i stakeholder chì travaglianu per migliurà e cose. Unipochi di "addicti di profezia" portanu ancu in quantu à ricusà di sustene u sforzu di succorsu umanitariu perchè credenu chì altrimenti in modu puderà ritardà i tempi di a fine. L'altri negligianu a so salute è quella di i so figlioli è ùn anu micca impurtanza di e so finanze perchè credenu chì ùn ci hè micca futuru per elli di pianificà.

Questa ùn hè micca u modu di seguità à Ghjesù Cristu. Ci hà chjamatu chì noi fussi lampa in u mondu. Purtroppu, certi fanali di "cristiani" parenu cum'è i fanali di un elicottero di a pulizzia chì patrullava u quartieru per seguità i crimini. Ghjesù vole chì noi esse luci in u sensu chì aiutemu à fà di stu mondu un locu megliu per i persone chì ci circundanu. Vogliu offre una perspettiva diversa. Perchè micca crede chì campemu in i "primi ghjorni" invece di i "ultimi ghjorni"?

Ghjesù ùn ci hà micca urdinatu di proclamà a dolce è a bughjura. Iddu ci dava un missaghju di speranza. Ci hà dettu di dì à u mondu chì a vita hè cumincianu solu invece di "còpiala fora". U Vangelu hè nantu à ellu, quale hè, ciò chì hà fattu, è ciò chì hè pussibile perchè. Quandu Ghjesù si libera da a so tomba, tuttu cambiò. Hà fattu tutte e cose nova. In ellu Diu hà redimitu è ​​riconciliatu tuttu in u celu è in a terra (Colosiani 1,16: 17).

Stu meraviglioso scenariu hè riassuntu in u chjamatu versu d'oru in u Vangelu di Ghjuvanni. Sfurtunatamente, stu versu hè cusì cunnisciutu chì u so putere hè diventatu stancu. Ma fighjate dinò stu versu. Digeritu lentamente è permettenu i fatti meravigliosi affondà veramente in: "Allora Diu hà amatu u mondu, chì hà datu u so figliolu solu, per chì tutti quelli chì credenu in ellu ùn si perderanu, ma anu a vita eterna" (Ghjuvanni 3,16).

U Vangelu ùn hè micca un missaghju di fallu è di tristezza. Ghjesù hà chjaru questu chjaru in u prossimu versu: "Perchè Diu ùn hà micca mandatu u figliolu in u mondu à ghjudicà u mondu, ma u mondu serà salvatu per ellu". (Ghjuvanni 3,17).

Diu hè fora per salvà u mondu, micca per distrughje. Hè per quessa chì a vita deve riflette a speranza è a gioia, micca a pessimisimu è a temutica predicazione. Ghjesù ci hà datu una nova capiscitura di ciò chì significa esse esseri umani. Luntanu da esse orientatu versu l'internu, pudemu vive productivu è custruttivu in stu mondu. Se avemu l'uppurtunità, duvemu "fà tuttu bè, in particulare quelli di a nostra fede" (Galatini 6,10). A soffrenza in Dafur, i prublemi emergenti di u cambiamentu climaticu, l'ostilità continuante in u Mediu Oriente è tutti l'altri prublemi chì sò più vicinu à a nostra casa sò u nostru affare. Cum'è i credenti, duvemu piglià a cura di noi è fà ciò chì pudemu aiutà - ùn pusà micca nantu à a margine è murmuremu contrabbus di noi: "L'avemu dettu".

Quandu Ghjesù hè risuscitatu trà i morti, tuttu cambiò - per tutte e persone - sì sappianu o micca. U nostru travagliu hè di fà u nostru megliu per chì a ghjente sapi. Finu à chì u "mondu di u male attuale" hà pigliatu u so cursu, ci facemu l'opposizione è ancu volte persecuzione. Ma simu sempre in i primi tempi. In vista di l'eternità chì esiste, questi primi dui mila anni di cristianesimu sò solu un palpeggia d'ochju.

Ogni volta chì a situazione diventa periculosa, e persone pensanu capiscenu ch'elli anu campatu in l'ultimi ghjorni. Ma i periculi in u mondu sò vinuti è si sò andati per duie mila anni, è tutti i cristiani chì eranu assicurati di sapè chì anu campatu in i tempi fini eranu sbagliati - ogni volta. Diu ùn ci hà datu micca un modu sicuru per esse ghjustu.

Ma ci hà datu un evangelu di a speranza, un evangelu chì deve esse fattu cunnosce à tutti l'omi in ogni mumentu. Simu privilegiati di vive in i primi ghjorni di a nova creazione chì hà cuminciatu quandu Ghjesù resuscitò da i morti.

Pensu chì questu hè un veru mutivu per esse ottimista, pusitiva è in l'affari di u nostru babbu. Pensu chì a vedi u listessu modu.

di Ghjiseppu Tkach


in pdfU vangelu bona nutizia?