(K) un ritornu à a normale

Quandu aghju pigliatu i decoru di Natale, l'aghju imballati è mi mette in u so vechju postu, mi aghju dettu chì puderaghju finalmente vultà à a normale. Qualunque sia quella normalità. Una volta qualchissia m'hà dettu chì a normalità era solu una funzione in l'asciugatrice è sospettate chì a maiò parte di a gente pensa chì questu hè vera.

Duvemu vultà à a normale dopu Natale? Puderemu turnà nantu à a strada chì eramu dopu à sperimentà Ghjesù? A so nascita ci tocca cù a maestà chì Diu hè diventatu unu di noi, rinuncendu a so gloria è u postu cù u Babbu per vive cum'è omu cum'è noi. Manghjò, beie è dorme (Filippini 2). Si hè fattu un zitellu vulnerevule, indefensu chì avia bisognu à i so genitori di guidallu in modu sicuru in a zitiddina.

Durante u so travagliu ci hà datu un'intesa nantu à u putere chì avia guarì persone, calmendu u mare tempestosu, dendu à a folla cù alimentu è ancu elevendu i morti. Ci hà ancu mustratu u so latu animu è amore, riunendu a ghjente chì si rifiutò da a sucità cun carità.

Ci tocca quandu andemu u so chjassu di suffrenza, chì ellu hà cun curaghju è cunfidenza in u so babbu, finu à u so destinu, a morte nantu à a croce. Mi pigliu lacrime in i mo ochji quandu pensu à amare a cura per a so mamma è a preghiera per u pardonu per quelli chì sò rispunsevuli di a so morte. Hà mandatu u Spìritu Santu per incuraghjì, aiutà, è ispiràci per sempre. Ùn ci lasciava solu è simu cunsulati è rinfurzati ogni ghjornu da a so prisenza. Ghjesù ci chjama à noi stessi cum'è noi, ma Ellu ùn vole micca di stà cusì. Unu di i compiti di u Spìritu Santu hè di fà di noi una nova creazione. A cuntrariu di ciò chì eramu prima eramu stati rinnuvati da ellu. In 2 Corintini 5,17 dice: "Dunque: se qualchissia hè in Cristu, hè una nova criatura; u vechju hè passatu, eccu, novu hè diventatu ".

Pudemu - è assai persone fanu u stessu - cuntinuanu à pensà è à vive dopu à sente a storia di Ghjesù cù a so vita dà speranza. Quandu facemu questu, pudemu nigallu l'accessu à a parte più interna di u nostru core, cumu ci sò probabili di mantene una cunniscenza informativa, amica, o ancu sposa luntanu da i nostri pensamenti è sentimenti più interni. Hè pussibule bluccà u Spìritu Santu è tene à distanza. Ci permetterà piuttostu chè da impone à noi stessi.

Ma u cunsigliu di Paulu in Rumani 12,2 hè chì lasciassimu cambià si rinnuvendu e nostre menti. Chistu pò accade solu s'ellu ci danu à Diu tutta a nostra vita: dorme, manghjemu, andemu à travaglià, a nostra vita cutidiana. Ricevendu ciò chì Diu fa per noi hè u megliu chì pudemu fà per ellu. S'ellu si prestemu attenzione, seremu trasfurmati da l'internu fora. Micca cum'è a sucità chì ci circonda, chì prova di cuntinuà à tirà noi finu à u nivellu di immaturità, ma Diu porta u megliu di noi è sviluppa a maturità in noi.

Se cambiamu a nostra vita per via di Cristu, ci cumporteremu cum'è Petru è Ghjuvanni, chì anu maravigliatu i capi, anziani, eruditi in Gerusalemme, è u pòpulu. Questi omi semplici sò diventati valenti è sovrani difensori di a fede perchè eranu spiritualmente unu cun Ghjesù (Atti 4). Per elli è per noi, una volta entre in cuntattu cù a so grazia, ùn pudemu micca tornà à a normale.

di Tammy Tkach


in pdf(K) un ritornu à a normale