Spatine in Diu

304 purtavanu cura di DiuA sucietà d'oghje, in particulare in u mondu industrializatu, hè sott'à una pressione crescente: a maggior parte di a ghjente si sente costantemente minacciata da qualcosa. E persone soffrenu di mancanza di tempu, di pressione da fà (travagliu, scola, sucietà), difficultà finanziarie, insicurezza generale, terrurismu, guerra, timpeste, solitudine, disperazione, ecc. Etc. U stress è a depressione sò diventati parolle d'ogni ghjornu, prublemi, malatie . Malgradu l'avanzate tamante in parechji duminii (tecnulugia, salute, educazione, cultura), e persone parenu avè difficultà crescente à fà una vita nurmale.

Uni pochi ghjorni fà eru in fila in un bancu bancariu. Davanti à mè era un babbu chì avia u so zitellu (forse 4 anni) cun ellu. U zitellu saltava avanti è avanti spensieratu, spensieratu è pienu di gioia. Fratelli fratelli, quandu hè stata l'ultima volta chì ci sentimu ancu cusì?

Forse guardemu solu à stu zitellu è dicemu (un pocu ghjelosu): "Ié, hè cusì spenseratu perchè ùn sà mancu chì aspettà in sta vita!" In questu casu, però, avemu una attitudine fundamentalmente negativa versu a vita!

Cum'è i cristiani, avemu da cuntrullà a pressione di a nostra sucetà è guardà u futuru in modu pusitivu è cun fiducia. Sfurtunatamente, i cristiani spessu experimentanu a so vita cum'è negativa, difficile, è passanu a so vita di preghiera intera dumandendu à Diu di li liberà da una situazione particulare.

Ma tornemu à u nostru zitellu in u bancu. Cosa hè a so relazione cù i so genitori? U zitellu hè pienu di cunfidenza è di cunfidenza è dunque pienu d'entusiasmu, joie de vivre è curiosità! Pudemu amparà qualcosa da ellu? Diu ci vede cum'è i so figlioli è a nostra relazione cù Ellu duverebbe a stessa naturalità chì un zitellu hà versu i so genitori.

"E quandu Ghjesù hà chjamatu un zitellu, u mettiu in mezu à elli è disse: "In verità, vi dicu, s'ellu ùn vi pentite è ùn diventerete micca cum'è i zitelli, ùn entrerete micca in u regnu di i celi cum'è stu zitellu chì hè. u più grande in u regnu di i celi "(Matteu 18,2-4u).

Diu aspetta di noi à ingaghjà un zitellu chì hè sempre cumplettamente affidatu à i genitori. I zitelli ùn sò generalmente micca depressi, ma pienu di gioia, spiritu è ​​fiducia. Hè u nostru travagliu hè di umilà noi stessi davanti à Diu.

Diu aspetta l'attitudine di u zitellu annantu à a vita da ognunu di noi. Ùn ci vole micca per sente o sfrancà a pressione di a nostra sucetà ma ellu ci aspetta d'accostà a nostra vita cun fiducia è fiducia ferma in Diu:

« Rallegrate sempre in u Signore ! Di novu vogliu dì : aligria ! A vostra gentilezza deve esse cunnisciuta da tutte e persone; u Signore hè vicinu. [Filippini 4,6] Ùn vi preoccupate micca di nunda, ma in tuttu per via di a preghiera è di supplicazione cù ringraziamentu, e vostre preoccupazioni devenu esse cunnisciute à Diu; è a pace di Diu, chì hè fora di l'intelligenza, mantene i vostri cori è i vostri pinsamenti in Cristu Ghjesù » (Filippesi 4,4-7u).

A ste parolle riflettenu veramente a nostra perspettiva annantu à a vita o micca cusì?

In un articulu di a gestione di l'estressi, aghju lettu nantu à una mamma chì hà aspittatu per a sedia dentale per pudè infine pudè chjinà è rilassate. Ricunnoscu chì questu hè già accadutu. Quarchi cosa va cumplettamente sbagliatu se pudemu solu "rilassà" sottu u talellu di u dentistu!

A quistione hè, quantu bè ognuna di noi mette Filippi 4,6 ("Ùn vi preoccupa di nunda")? À mezu à stu mondu stressatu?

U cuntrollu di a nostra vita appartene à Diu! Semu i so figlioli è date à ellu. Venemu solu sottu a pressione se pruvemu à cuntrullà a nostra vita stessi, per risolve i nostri prublemi è prublemi. In altre parolle, se ci focalizemu nantu a tempesta e perdemu a vista di Ghjesù.

Diu ci spingarà finu à u limitu finu à chì avemu capitu quantu pocu cuntrollu avemu nantu à a nostra vita. À questi mumenti, ùn avemu micca altra scelta chì simu lampassi in a grazia di Diu. U dulore è a soffrenza ci guidanu à Diu. Sò i momenti più difficiuli in a vita di un cristianu. Tuttavia, i mumenti chì volenu esse particularmente apprezzati è duveranu dinò inizià una gioia spirituale profonda:

"Pigliate per pura gioia, i mo fratelli, quandu vi cascate in diverse tentazioni, sapendu chì a prova di a vostra fede porta a perseveranza. A perseveranza, però, deve avè un travagliu perfettu, per pudè esse perfettu è perfettu è ùn mancanu nunda ". ( Ghjacumu 1,2-4u).

Tempi difficiuli in a vita di un cristianu si dice di pruduce fruttu spirituale, per rendelu perfettu. Diu ùn ci prumette micca una vita senza prublemi. "U chjassu hè strettu", hà dettu Ghjesù. Dificultà, prucessi, e persecuzioni ùn deve micca mette un Cristianu in stress è di depressione. L'apòstulu Paulu hà scrittu:

«In tuttu simu oppressi, ma micca oppressi; Videndu nisuna via d'uscita, ma micca perseguita senza una via d'uscita, ma micca abbandunata; abbattutu ma micca distruttu »(2. Corinti 4,8-9u).

Quandu Diu piglia u cuntrollu di a nostra vita, ùn sò mai stati abbandunati, mai dipendente da noi stessi! In questu riguardu, Ghjesù Cristu deve esse un mudellu per noi. Ci hà precedutu è ci duna curagiu:

"Vi aghju dettu questu per chì avete a pace in mè. Avete angustia in u mondu; ma siate di cori, aghju cunquistatu u mondu » (Ghjuvanni 16,33).

Ghjesù era oppressu da tutti i lati, speriu di oppusizione, persecuzione, crucifixione. Raramente avianu un mumentu tranquillu è spessu ha avutu da fughje da a ghjente. Ghjesù era ancu imbuttatu finu à u limitu.

"In i ghjorni di a so carne, hà offrittu suppliche è supplicazioni cù grida forte è lacrime à quelli chì ponu salvallu da a morte, è per u so timore di Diu hè statu intesu è, ancu s'ellu era un figliolu, hà amparatu da ciò chì fù subitu ubbidienza; et perfectionné, il est devenu l'auteur du salut éternel à tous ceux qui lui obéissent, saluté par Dieu comme grand sacrificateur selon l'ordre de Melchisédek » (Ebrei). 5,7-10u).

Ghjesù hà campatu sottu un grande stress senza mai piglià a so vita in e so mani è senza perde u significatu è u scopu di a so vita. Sottomettò sempre à a vulintà di Diu è accettava ogni situazione in a vita chì u babbu hà permessu. In questu riguardu, leghjimu a seguente dichjarazione interessanti di Ghjesù quandu era veramente accoltu:

"Avà a mo ànima hè turbata. È chì duverebbe dì ? Babbu, salvami da sta ora ? Eppuru hè per quessa chì sò ghjuntu à questa ora » (Ghjuvanni 12,27).

Accettemu ancu a nostra situazione attuale in a vita (prucessu, malatie, tribulazione, ecc.)? Calchì volta Diu permette situazioni particularmente goffi in a nostra vita, ancu anni di prove chì ùn sò micca colpa nostra, è aspetta chì l'accettemu. Truvemu stu principiu in a seguente dichjarazione di Petru:

"Perchè hè grazia quandu una persona suffreghja davanti à Diu per via di a so cuscenza soffrendu ingiustamente. Per ciò chì una gloria hè quandu vi suppurtà comu tali chi piccatu è esse battu? Ma s'è vo suppurtà à fà u bè è u soffrenu, questu hè a grazia di Diu. Per questu hè ciò chì site chjamatu per fà; perchè Cristu hà patitu ancu per voi è vi lasciò un esempiu per pudè seguità i so passi: quellu chì ùn hà micca fattu peccatu è cun ellu ùn hè statu trovu in a so bocca, chì hè statu insultatu è insultatu di novu, micca minacciatu di soffre, ma s'hè rinunziatu. quellu chì ghjudica cù ghjustizia »(1. Petru 2,19-23u).

Ghjesù hà sottumessu à a vuluntà di Diu finu à a morte, hà patitu senza culpabilità è ci hà servutu per mezu di a so patenza. Ùn accettemu micca a vuluntà di Diu in a nostra vita? Ancu s'ellu diventa scomodo quandu suffremu innocentemente, sia sottu pressioni da tutti i lati è ùn pò micca capisce u significatu di a nostra situazione difficile? Ghjesù ci hà prumessu pace è gioia divina:

« Pace ti lassu, ti dugnu a pace ; micca cum'è u mondu dà, ti dugnu. Ùn siate micca turbatu in u vostru core, nè teme » (Ghjuvanni 14,27).

"Hè ciò chì vi aghju dettu, chì a mo gioia sia in voi è chì a vostra gioia sia piena" (Ghjuvanni 1)5,11).

Avemu da amparà à capisce chì u soffrenu hè pusitivu è porta a crescita spirituale:

"Ùn solu chì, ma ci vantamu ancu in l'afflizzioni, sapendu chì l'afflizione porta a perseveranza, a perseveranza chì prova a prova, a prova ma a speranza; ma a speranza ùn hà micca vergogna, perchè l'amore di Diu hè statu versatu in i nostri cori per mezu di u Spìritu Santu chì ci hè statu datu "(Rumani. 5,3-5u).

Avemu campatu in distress e stress è avemu ricunnisciutu ciò chì Diu aspetta da noi. Hè per quessa chì suppurtemu sta situazione è dà fruttu spirituale. Diu ci dà pace è gioia. Cumu pudemu mette issa pratica? Leghjemu a seguente dichjarazione meravigliosa di Ghjesù:

«Venite à mè, tutti laboriosi è aggradati! È ti daraghju riposu, pigliaraghju u mo jugu nantu à tè è amparà da mè ! Perchè sò mansu è umile di core, è "truverete riposu per e vostre ànime"; perchè u mo jugu hè dolce è u mo fardelu hè ligeru » (Matteu 11,28-30u).

Avissimu venite à Ghjesù, allora ci darà riposu. Questa hè una prumessa assoluta! Duvemu arricà nantu à ellu u nostru caricu:

"Umiliatevi, dunque, sottu a manu putente di Diu, affinchì in u tempu degnu vi esaltà, [cumu?] jettendu tutte e vostre preoccupazioni nantu à ellu! Perchè ellu hà cura di tè "(1. Petru 5,6-7u).

Cumu facemu esattamente u nostru preoccupazione per Diu? Eccu alcuni punti specifichi chì ci aiutanu à questu riguardu:

Duvemu sottumettassi è affidà tuttu u nostru essere in Diu.

L’obiettivu di a nostra vita hè di piacè à Diu è di mette in tuttu u nostru essere sottu. Quandu pruvemu di piacè tutti, ci hè cunflittu è stress perchè hè simplicemente micca pussibule. Ùn duvemu micca di dà à i nostri cullegani u putere di mette ci in angustia. Diu solu duverebbe guvernà a nostra vita. Questu porta calma, pace è gioia à a nostra vita.

U regnu di Diu deve vene prima.

Chì ci conduce a nostra vita? A ricunniscenza di l'altri? A voglia di guadagnà assai soldi? Per uttene tuttu u nostru prublema? Questi sò tutti i scopi chì portanu à u stress. Diu dice chjaramente quale deve esse a nostra priorità:

« Hè per quessa chì vi dicu: Ùn vi preoccupate micca di a vostra vita, di ciò chì duvete manghjà è di beie, nè di u vostru corpu di ciò chì duvete purtassi ! Ùn hè micca a vita più chè l'alimentariu è u corpu più chè u vestitu ? Guarda à l'acelli di u celu, ch'elli ùn suminanu, nè cuglieranu, nè cullighjanu in i granaghji, è u vostru Babbu celeste li nutre. . Ùn site micca assai più preziosu chè elli ? Ma quale di voi pò preoccupà un cubitu in a durata di a so vita? E perchè vi preoccupate di i vestiti ? Fighjate i giglii di u campu cum'è crescenu: ùn travaglianu micca, nè spinu. Ma vi dicu chì ancu Salomone ùn era micca vistutu in tutta a so gloria cum'è unu di questi. Ma s'è Diu veste l'erba di u campu chì sta oghje è dumane serà ghjittata in a stufa, micca assai più voi , voi di poca fede. Allora ùn vi preoccupate micca dicendu chì duvemu manghjà ? O : chì duvemu beie ? O : chì duvemu purtassi ? Perchè dopu tutte e nazioni cercanu; perchè u vostru Babbu celeste sapi chì avete bisognu di tutti questi. Ma prima cercate u regnu di Diu è a so ghjustizia! È tuttu ciò chì vi sarà aghjuntu. Allora avà ùn vi preoccupate micca di dumane ! Perchè dumane si prenderà cura di sè stessu. Ogni ghjornu hà abbastanza di u so male » (Matthew 6,25-34u).

Mentre guardemu à Diu è à a so vuluntà prima di tuttu, copre tutte e nostre altre bisogni! 
Hè u passu gratuitu per un stile di vita irresponsabile? Naturalmente no. A Bibbia ci insegna di guadagnà u nostru pane è di cura di i nostri famiglie. Ma questa hè una priorità!

A nostra sucetà hè piena di distrazioni. Se ùn simu attenti, ùn averemu subitu un locu per Diu in a nostra vita. Si pigghia cuncentrazione è a priorizazione, altrimenti altre cose determinanu di colpu a nostra vita.

Ci hè dumandatu di passà tempu in preghiera.

Tuttu hè di noi di scaricà i nostri carichi in preghiera nantu à Diu. Ci calma in a preghiera, clarifica i nostri pinsamenti è e priorità, è ci porta in una relazione stretta cun ellu. Ghjesù ci hà datu un esempiu impurtante:

"È a matina, quandu era ancu assai bughju, si alzò è si n'andò è si n'andò in un locu solitariu è pricava quì. È Simone è quelli chì eranu cun ellu si precipitonu dopu à ellu ; è u truvaru è li dissenu : Tutti ti cercanu » (Marcu 1,35-37u).

Cristu s'amuse à truvà tempu per a preghiera! Ùn era micca distractatu da parechje bisogni:

"Ma parlà d'ellu si sparghje più; è una grande folla si riunì per sente è esse guaritu di e so malatie. Mais il s'éloigna et se trouva dans des régions solitaires et pria » (Luc 5,15-16u).

Semu sottu a pressione, u stress hè sparitu in tutta a nostra vita? Allora duvemu ancu ritirà è passà tempu cù Diu in preghiera! Calchì volta simu troppu impiegati per ricunnosce Diu in tuttu. Hè per quessa chì hè impurtante per rinunce regularmente è fucalizza nantu à Diu.

Ti ricurdati di l'esempiu di Marta?

«Ma hè accadutu mentre ch'elli andavanu in strada ch'ellu ghjunse in un paese ; è una donna chjamata Marta l'hà pigliatu. È hà avutu una surella, chjamata Maria, chì si pusò à i pedi di Ghjesù è ascolta a so parolla. Marta, però, era assai occupata cù assai serviziu; Ma s'avvicinò è disse : Signore, ùn ti importa micca chì a mo surella m'hà lasciatu sola per serve ? Dì ch'ella m'aiuti !] Ma Ghjesù li rispose è li disse : Marta, Marta ! Sò preoccupatu è preoccupatu di parechje cose; ma una cosa hè necessariu. Ma Maria hà sceltu a parte bona chì ùn li sarà micca tolta » (Luca 10,38-42u).

Pigliemu tempu per fà u riposu è avemu una relazione stretta cù Diu. Passemu abbastanza tempu in preghiera, studiu di Bibbia, è meditazione. Altrimenti sarà difficiule per trasfirì i nostri carichi à Diu. Per tirà i nostri carichi nantu à Diu, hè impurtante di alluntanassi da elli è di fà un pause. «Ùn videndu a furesta da l'arburi ...»

Quandu eramu sempre insignendu chì Diu aspetta ancu un riposu assolutu di Sabatu da i cristiani, avemu avutu un vantaghju: da u vennari à u sabatu à a sera ùn eramu micca dispunibili per nimu, eccettu à Diu. Spergu chì avemu almenu capitu è ​​mantinutu u principiu di restu in a nostra vita. Avà è basta solu appughjà è riposa, sopratuttu in stu mondu stresatu. Diu ùn ci hà micca dettu quandu questu devu esse. L'umani anu solu bisognu di restu. Ghjesù hà amparatu à i so discepuli di ripusà:

«È l'apòstuli si riuniscenu à Ghjesù; è li dissenu tuttu ciò ch'elli avianu fattu è ciò ch'elli avianu insignatu. È li disse: Venite, solu solu, in un locu desertu è ripusatevi un pocu. Perchè ci era parechje chì andavanu è andavanu, è ùn truvavanu mancu u tempu di manghjà "(Mark 6: 30-31).

Se, di colpu, ùn avemu più tempu per manghjà qualcosa, hè dunque hè altu u tempu di spiccà è di custruisce in qualchì restu.

Allora, cumu femu e nostre preoccupazioni per Diu? Nota:

• Sottumettemu tuttu u nostru esse à Diu è fidemu in ellu.
• U regnu di Diu vene prima.
• Passemu u tempu in preghera.
• Pigliemu u tempu di ripusà.

In autri paroli, a nostra vita deve esse Diu è orientatu à Ghjesù. Semu focu annantu à ellu è fà locu per Ellu in a nostra vita.

Ci sarà dunque benedizzallu cù pace, calma è gioia. U so caricu diventa leggeru, ancu sìmimu stati pressi da tutti i lati. Ghjesù era pressatu, ma mai schiacciatu. Cunniscimu daveru in gioia cum'è figlioli di Diu è fiducia in Ellu per restà in Ellu è scaccià tutte e nostre fureste nantu à Ellu.

A nostra sucetà hè sottu pressione, ancu i cristiani, à volte ancu di più, ma Diu crea u spaziu, porta a nostra carica è ne cura per noi. Semu cunvinti di questu? Vivemu a nostra vita cun fiducia prufonda in Diu?

Concludemu cù a descrizione di David di u nostru Creatore celestiale è Signore in u Salmu 23 (David era ancu spessu in periculu è sottu una grande pressione da tutti i lati):

«U Signore hè u mo Pastore, ùn vogliu nunda. Mi campeghja nantu à i prati verdi, mi porta in acque tranquille. Ellu rinfresca a mo anima. Mi guida in i camini di a ghjustìzia per nome di u so nome. Ancu quandu viaghju in a valle di l'ombra di a morte, ùn temu nisun male, perchè site cun mè; a to canna è u to bastone, mi cunsulate. Preparate una tavula davanti à mè di fronte à i mo nemichi; mi hai untu a testa d'oliu, a mo tazza s'affonda. Solu a buntà è a gràzia mi seguiteranu tutti i ghjorni di a mo vita; è tornu à a casa di u Signore per a vita »(Salmu 23).

di Daniel Bösch


in pdfSpatine in Diu