U donu di maternità

220 u rigalu di a maternità A maternità hè una di e più grandi opere in a creazione di Diu. Questu hè tornatu à mè quandu mi dumandava pocu fà ciò chì dava à a mo moglia è a mo suocera per a festa di a mamma. M'arricordu cun piacè di e parolle chì a mo mamma hà dettu quandu spessu disse à e mo surelle è à mè quantu era felice di esse a nostra mamma. Dopu avè fattu nasce per noi, averia ricumpresu cumpletamente l'amore è a grandezza di Diu. Puderaghju solu capisce chì quandu i nostri figlioli sò nati. M'arricordu cumu sò statu maravigliatu quandu u dulore di u partitu per a mo moglia, Tammy, si trasformò in una gioia stupefacente quandu era capace di tene u nostru figliolu è a nostra figlia in i so bracci. In l'ultimi anni sò stata stupita quandu pensu à l'amore di e mamme. Benintesa ci hè una differenza per u mo tipu d'amore è noi zitelli avemu ancu sperimentatu l'amore di u nostru babbu in modi diversi.

In vista di l'intimità è a forza di l'amore maternu, ùn mi sorprende mancu chì Paulu includissi a maternità in dichjarazioni impurtanti nantu à l'allianza di Diu cù l'omi umani, cum'è in Galati 4,22: 26 (Luther 84) scrive ciò chì seguita:

«Perchè hè scrittu chì Abràhamu avia dui figlioli, unu da a serva è l'altru da quellu liberu. Ma quellu di a serva hè natu secondu a carne, ma quellu di a libera in virtù di a prumessa. Queste parolle anu un significatu più profondu. Per e duie donne significanu duie alleanze: una da u monte Sinai, chì parturisce in schiavitù, vale à dì Agar; per Agar significa Monte Sinai in Arabia è hè una parabola per l'attuale Ghjerusalemme, chì stà in schiavitù cù i so figlioli. Ma a Ghjerusalemme chì hè sopra hè libera; questa hè a nostra mamma ".

Cum'è appena lettu, Abràhamu hà avutu dui figlioli: Isaccu da a so moglia Sara è Ismaele da a so serva Agar. Ismaele hè natu di modu naturale. Cù Isaccu, però, hà pigliatu un miraculu per via di una prumessa, postu chì a so mamma Sara ùn era più in età fertile. Cusì hè natu Isaccu grazia à l'intervenzione di Diu. Ghjacobbu diventò Isaccu (u so nome hè statu dopu cambiatu in Israele) è cusì Abràhamu, Isaccu è Ghjacobbu diventanu l'antenati di u populu d'Israele. A stu puntu hè impurtante di rimarcà chì tutte e mogli di l'antenati pudianu avè figlioli solu per mezu di l'intervenzione soprannaturale di Diu. A catena di antenati porta in parechje generazioni à Ghjesù, u Figliolu di Diu, chì hè natu umanu. Per piacè leghjite ciò chì TF Torrance hà scrittu annantu à questu:

U strumentu sceltu di Diu in manu di Diu per a salvezza di u mondu hè Ghjesù di Nazaretta, chì hè venutu da u senu d'Israele - tuttavia, ùn era micca solu un strumentu, ma Diu stessu. Hè venutu in forma umana cum'è servitore per aiutà u nostru esse interiore cù u so Per guarisce e limitazioni è a so insubordinazione è per ristabilisce a cumunione viva cun Diu in modu triunfale per mezu di a riconciliazione di Diu cù l'umanità.

Ricunniscimu à Ghjesù in a storia di Isaccu. Isaccu hè natu per mezu di un interventu sopranaturale, invece chì a nascita di Ghjesù hè duvuta à una cuncezzione sopranaturale. Isaccu era statu designatu cum'è un sacrifiziu putenziale, ma Ghjesù era in realtà è vuluntariamente l'espiazione chì hà ricunciliatu l'umanità à Diu. Ci hè ancu un parallelu trà Isaccu è noi. Per noi, questu currisponde à l'intervenzione soprannaturale in a nascita di Isaccu (soprannaturale) nova nascita per mezu di u Spìritu Santu. Questu ci face fratelli di Ghjesù (Ghjuvanni 3,3:5;). Ùn semu più figlioli di schiavitù in virtù di a legge, ma figlioli aduttati, accettati in a famiglia è u regnu di Diu è ci avemu una eredità eterna. Questa speranza hè certa.

In Galati 4, Paulu compara u vechju è u novu allianza. Cum'è l'avemu lettu, cunnessa Agar cù u populu d'Israele sottu à l'antica allianza à u Sinai è cù a Legge Mosaica, chì ùn era stata prumessa alcuna appartenenza di famiglia o eredità in u regnu di Diu. Cù a nova allianza, Paulu rimette à e prumesse originali (cun Abràhamu) secondu chì Diu duveria diventà u Diu d'Israele è Israele u so pòpulu è per mezu d'elli tutte e famiglie di a terra devenu esse benedette. Queste prumesse sò rializate in l'allianza di grazia di Diu. Sara hà datu un figliolu, natu cum'è membru di a famiglia diretta. Grace face a listessa cosa. Attraversu a grazia di Ghjesù, a ghjente diventa figlioli aduttati, figlioli di Diu cù una eredità eterna.

In Galati 4 Paul distingue trà Agar è Sara. Agar cunnessa à Paulu cù quella chì era allora Ghjerusalemme, una cità sottu à u duminiu di i Rumani è di a lege. Sarah, invece, significa "Ghjerusalemme chì hè sopra", a mamma di tutti i figlioli di a gràzia di Diu cù una eredità. Ci hè assai di più in u patrimoniu chè qualsiasi cità. Hè a «cità celeste (Revelazione 21,2) di u Diu vivente » (Ebrei 12,22) chì un ghjornu falerà nantu à a terra. Ghjerusalemme Celestiale hè a nostra cità nativa, induve reside a nostra vera cittadinanza. Paulu chjama Ghjerusalemme, chì hè sopra, quella libera; hè a nostra mamma (Galatini 4,26). Ligati à Cristu da u Spìritu Santu, simu cittadini liberi è accettati da u Babbu cum'è i so figlioli.

Ringraziu Diu per Sara, Rebeca è Lea, e trè mamme ancestrali à u principiu di a linea ancestrale di Ghjesù Cristu. Diu hà sceltu ste mamme, imperfette cum'elli eranu, è Maria, a mamma di Ghjesù, per mandà u so Figliolu in terra cum'è un essere umanu è chì ci hà mandatu u Spìritu Santu per fassi figli di u so Babbu. U ghjornu di a mamma hè un'occasione speciale per ringrazià u nostru Diu di grazia per u donu di a maternità. Ringraziemu lu per a nostra mamma, a socera è a moglia - per tutte e mamme. A maternità hè veramente una spressione di a meravigliosa bontà di Diu chì dà vita.

Piena di gratitudine per u donu di a maternità,

Ghjiseppu Tkach

prisidenti
COMUNITÀ INTERNAZIONALE GRACE


in pdfU donu di maternità