A gemma blu terra

513 a terra ghjuvellu turchinu Quandu feghju u celu stellatu in una notte chjara è in listessu tempu a luna piena illumina tutta a zona, pensu à a terra maravigliosa, chì hè cum'è un ghjuvellu turchinu in l'universu sanu.

Sò stunatu di l'ordine è di l'innumerable quantità di stelle è pianeti in l'universu, chì pareanu disabitati è sterili. U sole, a luna è e stelle ùn solu ci danu a luce, ma definiscenu ancu u nostru tempu. Un ghjornu hà 24 ore, l'annu hà 365 ghjorni è quattru stagioni, chì sò determinate da l'inclinazione di a terra (23,5 Gradi) à l'orbita di u sole.

U nostru Diu dichjara ch'ellu hà creatu stu pianeta per esse abitatu : « Perchè cusì dice u Signore chì hà creatu u celu - hè Diu ; chì hà preparatu è hà fattu a terra - hà fundatu; Ùn l'hà micca creatu per esse viotu, ma l'hà preparatu per ch'ellu s'abita nantu à ellu: Sò u Signore, è nimu altru "(Isaia 4).5,18).

A nostra casa preziosa hè un rigalu da a manu di Diu, u nostru Babbu amante. Tuttu quì nantu à u pianeta Terra hè pensatu per alimentà noi, per susteneci, è per purtà una grande gioia mentre viaghjemu in a vita. Chì ghjè u scopu di tutte queste benedizioni chì avemu prubabilmente piglià per scontate? U rè Salomonu scrive: "Diu hà fattu tuttu bellu per u so tempu. Hà piantatu l'eternità in u core umanu, ma ancu a ghjente ùn pò micca vede tutta l'estensione di u travagliu di Diu da u principiu à a fine. Sò ghjuntu à a cunclusione chì hè Ùn ci hè nunda di megliu cà. esse felice è divertite u più longu pussibule. È a ghjente deve manghjà è beie è gode di i frutti di u so travagliu, perchè sò rigali di Diu "(da Ecclesiaste). 3,11-13u).

Chì mostra un latu. Ma simu stati ancu creati per guardà al di là di sta vita fisica, oltre l'avvenimenti di ogni ghjornu, à una vita chì ùn hà micca fine. Un tempu di eternità cù u nostru Diu. "Perchè cusì dice l'altu è l'altu, chì abita per sempre, chì u so nome hè santu: Amu in altu è in u santuariu è cù quelli chì sò rotti è umili in spiritu, per rinfriscà u spiritu di l'umiliati è u core di i rotti » (Isaia 57,15).

Vivemu in un tempu per circallu è per ringrazià per tutte ste benedizioni quì è avà. Per dilli chì parte di a natura ci piace di più, quantu ci piace tramonti, cascate, nuvole, arburi, fiori, animali è u celu di notte cù tutte e so miriade di stelle. Andemu vicinu à Ghjesù chì stà in l'eternità è infine li ringraziemu ch'ellu hè micca solu putente ma ancu persunale. Dopu tuttu, hè quellu chì vole sparte l'universu cun noi per tutta l'eternità!

di Cliff Neill