Grazia in sofferenza è in morte

Mentre scrivu queste righe, mi appruntu à assistisce à u funerale di u mo ziu. Si senti abbastanza male dapoi un tempu. A frasa populari di Benjamin Franklin hè populari: "Solu duie cose in questu mondu sò certe per noi: a morte è i tassi". Aghju digià persu parechje persone impurtanti in a mo vita; cumpresu u mo babbu. Mi ricordu sempre di visità ellu in l'uspidale. Era in gran dulore è ùn puderaghju à pena di vedelu in una tale sofferenza. Era l'ultima volta chì l'aghju vistu vivu. Sò sempre tristu oghje chì ùn aghju più un babbu chì possu chjamà è passanu u tempu cù u ghjornu di u Babbu. Eppuru, ringraziu à Diu per a grazia chì ricevemu da ellu per via di a morte. Fora di ellu, a bontà è a misericordia di Diu diventa accessibile à tutti i persone è esseri viventi. Quandu Adamu è Eva peccatu, Diu hà impeditu di manghjà l'arbre di a vita. Vulia ch'ella mori, ma perchè ? A risposta hè questu: S'elli anu cuntinuatu à manghjà da l'arbre di a vita ancu s'ellu hà piccatu, vivenu per sempre in u peccatu è a malatia. Sì, cum'è u mo babbu, avianu cirrosi di u fegatu, campavanu per sempre in u dulore è a malatia. S'elli avianu u cancer, soffrenu per sempre senza speranza perchè u cancer ùn li uccideria micca. Diu ci hà datu a morte per grazia per chì pudemu un ghjornu scappà i dulori terrestri. A morte ùn era micca una punizione per u peccatu, ma un rigalu chì porta à a vita vera.

"Ma Diu hè cusì misericordioso è ci hà amatu tantu chì ci hà datu à noi chì eramu morti per via di i nostri peccati una nova vita cù Cristu quandu ellu hà risuscitatu da i morti. Era solu da a gràzia di Diu chì avete statu salvatu! Perchè ci hà risuscitatu da i morti inseme cù Cristu è avà appartenemu cù Ghjesù à u so regnu celeste » (Efesini 2,4-6 New Life Bible).

Ghjesù hè vinutu à sta terra cum'è un omu per liberà a ghjente da a prigiò di a morte. Cum'ellu si n'andò in a tomba, s'unì à tutte e persone chì anu mai vissutu è mortu è mai morse. In ogni casu, era u so pianu ch'ellu si alzassi da a tomba cù tutti. Pàulu u descriva cusì: "S'è vo avete avà risuscitatu cun Cristu, cercate ciò chì hè sopra, induve Cristu hè, pusatu à a diritta di Diu" (Colossians). 3,1).

L'antidotu à u peccatu

Ci hè dettu chì quandu avemu peccatu, u soffrenu di u mondu peghju. Diu accurtà a vita di a ghjente, dice in Genesi: «Allora u Signore disse: U mo spiritu ùn deve micca guvernà in a ghjente per sempre, perchè e persone sò ancu carne. Vogliu dà ellu centu vint'anni cum'è una vita "(1. Mosè 6,3). In i Salmi hè riportatu cumu Mosè si lagnava anni dopu nantu à a cundizione di l'umanità: "A vostra còllera hè pesante nantu à a nostra vita, cusì hè fugace cum'è un suspiru. Forse campemu settanta anni, forse ancu ottanta - ma ancu i più boni anni sò un sforzu è un fardelu ! Quantu prestu tuttu hè finitu è ​​ùn simu più » (Salmu 90,9: 120f; GN). U peccatu hè aumentatu è a vita di l'omu hè diminuita da anni, cum'è registratu in Genesi, à una età più bassa. U peccatu hè cum'è u cancer. L'unicu modu efficau per trattà cun questu hè di distrughjelu. A morte hè a cunsequenza di u peccatu. Dunque, in a morte, Ghjesù hà pigliatu i nostri peccati nantu à ellu stessu, hà distruttu i nostri peccati nantu à sta croce. Per mezu di a so morte, avemu l'antidotu à u peccatu, u so amore cum'è a grazia di a vita. U puntu di a morte hè andatu perchè Ghjesù hè mortu è risuscitatu da i morti.

A causa di a morte è a risurrezzione di Cristu, aspittemu a risurrezzione di i so seguitori cun fiducia. "Perchè cum'è tutti murenu in Adamu, cusì in Cristu tutti saranu vivi" (1. Corinti 15,22). Stu vene à a vita hà effetti maravigliosi : « È Diu vi asciugherà tutte e lacrime da i vostri ochji, è ùn ci sarà più a morte, nè dulore, nè grida, nè dulore ; perchè u primu hè passatu » (Apocalisse 21,4). Dopu à a risurrezzione, ùn ci sarà più morte ! Per via di sta speranza Paul scrive à i Tessalonicesi chì ùn deve micca piantà cum'è e persone chì ùn anu micca speranza: "Ma ùn vulemu micca, cari fratelli, chì vi lascià in a bughjura di quelli chì si sò addurmintati, per chì tù sia. micca tristi cum'è l'altri chì ùn anu micca speranza. Perchè se credemu chì Ghjesù hè mortu è risuscitatu, Diu purterà ancu quelli chì anu addormentatu cun ellu per mezu di Ghjesù. Perchè questu hè ciò chì vi dicemu in una parolla di u Signore, chì noi chì simu vivi è restamu finu à a venuta di u Signore ùn precederanu micca quelli chì si sò addurmintati "(1. Tesa 4,13-15u).

Alivio da u dulore

Mentre dolu i danni di l'amori è l'amichi perchè li mancemu, speru chì li vidaremu di novu in u celu. Hè cumu per dì un addiu à un amicu chì và à l'esteru per un bellu pezzu. A morte ùn hè micca a fine. Hè grazia chì ci libera da u dolore. Quandu Ghjesù vultà, ùn ci hè morte, nè dolore, è nè tristezza. Pudemu ringrazià à Diu per a grazia di a morte quandu un amatu mori. Ma chì ci hè di e persone chì anu da soffre assai tempu prima di esse chjamati à a so casa eterna? Perchè ùn sò micca ancu capaci di sperimentà a grazia di a morte? L'hà lasciatu Diu? Sicuramente micca! Ùn lasciarà mai o rinunce nantu à noi. U soffrenu hè ancu una grazia di Diu. Ghjesù, chì hè Diu, hà patitu u dolore d'esse umanu durante trenta anni - cù tutte e so limitazioni è tentazioni. U peghju chì hà patitu era a so morte nantu à a croce.

Participà à a vita di Ghjesù

Parechji cristiani ùn sanu micca chì u soffrenu hè una benedizzione. U dulore è u soffrenu sò grazia, perchè per elli participemu à a vita dulurosa di Ghjesù: «Ora sò cuntentu in e soffrenze chì suffru per voi, è in a mo carne rimbursaghju per u so corpu ciò chì manca ancu in i soffrenze di Cristu. , chì hè a chjesa » (Colossians 1,24).

Petru hà capitu u rolu chì u soffrenu ghjoca in a vita di i cristiani : « Avà chì Cristu hà patitu in carne, armatevi di a listessa mente ; perchè quellu chì hà patitu in a carne hà cessatu u peccatu "(1. Petru 4,1). A vista di Paulu di a soffrenza era simile à quella di Petru. Paul vede u soffrenu per ciò chì hè: una grazia per rallegra. "Laudatu sia à Diu, u Babbu di u nostru Signore Ghjesù Cristu, u Babbu di a misericordia è u Diu di ogni cunsulazione, chì ci cunsuleghja in tutte e nostre tribulazioni, per chì pudemu ancu cunsulà quelli chì sò in tutte e tribulazioni cù u cunsulazione chì avemu cunsulatu. sò da Diu. Perchè cum'è e soffrenze di Cristu venenu in abbundanza nantu à noi, cusì simu ancu cunsulati assai da Cristu. Ma s'è avemu a tribulazione, hè per a vostra cunsulazione è salvezza. S'è avemu cunsulazione, hè per a vostra cunsulazione, chì prova esse efficaci quand'ellu suppurte cù pacienza i stessi soffrenze chì soffremu ancu noi "(2. Corinti 1,3-6u).

Hè impurtante di vede tuttu u soffrenu cum'è Petru u descriva. Ci ricurdeghja chì avemu sparte in u soffrenu di Ghjesù quandu avemu avutu u dulore è u soffrenu inghjustificatu «Per quessa, hè a grazia quandu qualchissia soffre u male è soffre inghjustizia davanti à Diu per a cuscenza. Per chì tipu di fama hè quandu site battutu per atti cattivi è suppurtà pacienza ? Ma s'è vo soffrenu è soffrenu per i boni atti, questu hè a grazia cù Diu. Perchè hè ciò chì site chjamatu à fà, postu chì Cristu hà patitu ancu per voi è avete lasciatu un esempiu di seguità i so passi »(1. Petru 2,19-21u).

Dintimu in a grazia di Diu u dulore, a suffrenza è a morte. Cum'è Job, sapemu ancu chì quandu vedemu l'umanità, sperimentate inghjustamente a malatia è a soffrenza, ùn avemu micca abbandunatu Diu, ma stà vicinu à noi è ci rallegriamu in noi.

Sè in u vostru dulore dumandate à Diu di piglià da voi, allora Diu vole chì tù sia sicuru di a so cunsulazione: "Lasciate chì a mo grazia ti basti" (2. Corinti 12,9). Pò esse un cunsulatore à l'altri populi attraversu u cunfortu chì anu sperimentatu per elli stessi.    

da Takalani Musekwa