Grazia in sofferenza è in morte

Cumu scrive queste linee, mi preparà per andà à u funerale di u ziu. Hè statu abbastanza male per un tempu. A famosa sintenza di Benjamin Franklin hè popularmente circulata: "Ùn simu sicuri solu di duie cose in stu mondu: a morte è l'impositu." Aghju persu parechje persone impurtanti in a mo vita; cumpresu u mo babbu. M'arricordu di visitallu in spitali. Eppo avia assai dulore è ùn pudia riesce à vedelu in tale suffrenza. Hè stata l'ultima volta chì l'aghju vistu in vivu. Sò ancu tristu oghje chì ùn aghju più un babbu per chjamà è passanu tempu cù u ghjornu di u Babbu. Tuttavia, ringraziu à Diu per a grazia chì ricevemu da ellu per mezu di a morte. Da ellu a bondate è a misericordia di Diu diventa accessibile per tutti l'omi è l'esseri viventi. Quandu Adam è Eva peccatu, Diu li hà impeditu di manghjà l'arbre di a vita. Ellu vulia chì morissinu, ma perchè? A risposta hè questu: se cuntinuanu à manghjà da l'arbre di a vita ancu s'ellu anu piccatu, viveranu una vita di peccatu è di malatie per sempre. Se, cum’è u mo babbu, avianu cirrosi di u fegatu, camparianu per u dulore è a malatia per sempre. Se avianu cancru, soffrianu per sempre senza una speranza di speranza perchè u cancheru ùn li ammazzassi micca. Diu hà datu a morte per grazia in modu chì pudemu un ghjornu scappà u dulore terrenu. A morte ùn era micca un casticu per u peccatu, ma un rigalu chì porta à a vita reale.

"Ma Diu hè cusì compassionevule è ci hà amatu tantu chì quandu Cristu l'hà risuscitatu trà i morti, ci hà datu quelli chì eramu morti per mezu di a nostra vita nova di i peccati cun Cristu. Eccu sò stati salvati solu da a grazia di Diu! Perchè inseme à Cristu ci hà risuscitatu trà i morti è facemu avà parte di u so regnu celeste cù Ghjesù " (Efesini 2,4: 6; Nova Vita. A Bibbia).

Ghjesù hè ghjuntu à a terra com'è un omu per liberà a ghjente da a prigiò di a morte. Quand'ellu intrì in a tomba, s'hè unitu à tutti quelli chì viviranu e morse è morì mai. Eppuru, era u so pianu chì hà da cullà da a tomba cun tutti. Pàulu a discrive cusì: "Se sì ora risuscitatu cù Cristu, cercate ciò chì hè sopra, induve Cristu hè, sedutu à a manu diritta di Diu" (Colosiani 3,1).

L'antidotu à u peccatu

Ci hè dettu chì u soffrenu in u mondu peghja quandu noi peccatu. Diu scurta a vita di e persone, dice in Genesi: "Allora u Signore disse: U mo spiritu ùn deve micca sempre guvernà in l'omu, perchè l'omu hè ancu carne. Vogliu dalli di centu vinti anni in tutta a vita » (Genesi 1:6,3) I Salmi spiecanu cumu Mosè si lamenta nantu à a cundizione di l'umanità anni dopu: "A vostra rabbia hè pisanti in a nostra vita, è cusì hè fugliante cum'è un suspiru. Forse avemu campatu settanta anni, forse ancu ottanta - ma ancu i migliori anni sò un travagliu duru! Cume hè finitu tuttu è ùn simu più " (Salmu 90,9; GN) U peccatu hà aumentatu è a vita di e persone hè diminuitu da 120 anni, cum'è dichjaratu in Genesi, à una età più profonda. U peccatu hè cum'è u cancer. L'unica manera efficace di trattà cun ella hè di distrughjinu. A morte hè a cunsequenza di u peccatu. Hè per quessa chì Ghjesù hà pigliatu i nostri peccati nantu à ellu stessu in a morte.I ha distruttu i nostri peccati nantu à sta croce. A so morte sperimentemu l'antidotu à u peccatu, u so amore cum'è a grazia di a vita. A morda di a morte ùn hè più postu perchè Ghjesù hè mortu è resuscitò di novu.

A causa di a morte è a risurrezzione di Cristu, simu fideli à a risurrezzione di i so seguitori. "Siccomu tutti moriranu in Adam, saranu tutti fatti vita in Cristu" (1 Corinzi 15,22). Questa vita viva hà effetti maravigliosi: "E Diu sguassarà tutte e lacrime da i so ochji, è a morte ùn serà più, nè soffrenza nè chiancina, nè u dulore serà; perchè u primu hè passatu ” (Revelazione 21,4). Dopu à a risurrezzione, a morte ùn serà più più! A causa di sta speranza, Paulu scrive à i Tessalonikani chì ùn deve micca dolu cum'è quelli chì ùn anu una speranza: "Ùn ti vulemu lascialli, caru fratelli, in dubbitu per quelli chì si sono addormentati per chì ùn siate tristi cum'è l'altri. chì ùn anu micca speranza. Perchè se noi cridimu chì Ghjesù hè mortu è resuscitatu di novu, Diu ancu guiderà quelli chì si sò addurmintati cun ellu per mezu di Ghjesù. Perchè noi vi dicemu in una parolla di u Signore chì noi chì vivemu è chì stemu finu à l'arrivu di u Signore ùn anticiperà micca quelli chì sò addurmintati " (1 Tess 4,13: 15).

Alivio da u dulore

Mentre dolu i danni di l'amori è l'amichi perchè li mancemu, speru chì li vidaremu di novu in u celu. Hè cumu per dì un addiu à un amicu chì và à l'esteru per un bellu pezzu. A morte ùn hè micca a fine. Hè grazia chì ci libera da u dolore. Quandu Ghjesù vultà, ùn ci hè morte, nè dolore, è nè tristezza. Pudemu ringrazià à Diu per a grazia di a morte quandu un amatu mori. Ma chì ci hè di e persone chì anu da soffre assai tempu prima di esse chjamati à a so casa eterna? Perchè ùn sò micca ancu capaci di sperimentà a grazia di a morte? L'hà lasciatu Diu? Sicuramente micca! Ùn lasciarà mai o rinunce nantu à noi. U soffrenu hè ancu una grazia di Diu. Ghjesù, chì hè Diu, hà patitu u dolore d'esse umanu durante trenta anni - cù tutte e so limitazioni è tentazioni. U peghju chì hà patitu era a so morte nantu à a croce.

Participà à a vita di Ghjesù

Parechji cristiani ùn sanu micca chì u soffrenu hè una benedizzione. U dulore è a soffrenza sò grazia, perchè per mezu di elli avemu una parte in a dolorosa vita di Ghjesù: "Ora mi rallegru di e patenze chì soffrenu per voi è rimbursà a mo carne per ciò chì manca in e soffrenze di Cristu per u so corpu. , ghjè a chjesa ” (Colosiani 1,24).

Petru hà capitu u rolu chì a soffrenza svolge in a vita di i cristiani: "Avà chì Cristu hà patitu in carne, armi u listessu significatu; perchè quellu chì hà patitu in carne hà piantatu u peccatu " (1 Petru 4,1) A vista di Paul di a patita era simile à quella di Petru. Paulu vede u soffrenu per ciò chì hè: una grazia chì duvemu rallegrà. "Lode sia à Diu, u Babbu di u nostru Signore Ghjesù Cristu, u Babbu di Misericordia è Diu di tutte e cunsulazioni, chì ci consolanu in tutte e nostre affliczioni, per pudemu cunfortu ancu quelli chì sò in ogni tippu di affliczioni, cù u cunfortu cun noi stessi cunfortu. sò di Diu. Siccomu i patimenti di Cristu venenu abbundanti sopra di noi, simu ancu cunfortu abbundanti da Cristu. Ma sè avemu afflussione, serà per u vostru cunfortu è salvezza. Se avemu cunsulazione, serà u vostru cunsulazione, chì serà efficace se u pacatu ti soffre u listessu patimentu chì soffre ancu noi " (2 Corintini 1,3: 6).

Hè impurtante di vede tutte e soffrenze cum'è Petru u descrive. Ellu ci ricorda chì quandu sperienze u dolore è u soffrenu senza ghjustificazione, avemu a sparta in u soffrenu di Ghjesù. "Perchè hè grazia quandu qualchissia rende u male per a cuscenza davanti à Diu è soffre di l'inghjustizia. Perchè chì tippu di fama hè quandu vi sò sbattuti per atti sbagliati è pacientamente induriti? Ma se soffre per bè e durazione, hè grazia à Diu. Perchè hè questu chì vi sò invitati à fà, postu chì Cristu hà patitu ancu per voi è vi lasciate un esempiu chì duvete seguità i so passi " (1 Petru 2,19-21).

Dintimu in a grazia di Diu u dulore, a suffrenza è a morte. Cum'è Job, sapemu ancu chì quandu vedemu l'umanità, sperimentate inghjustamente a malatia è a soffrenza, ùn avemu micca abbandunatu Diu, ma stà vicinu à noi è ci rallegriamu in noi.

Quandu dumandate à Diu in a vostra suffrenza per pigliallu da voi, Diu voli chì sia sicuru di a so cunsulazione: "Chì a mo grazia ti basta" (2 Corinzi 12,9). Pò esse cunfortu per l'altri persone attraversu u cunfortu chì anu espertu.    

da Takalani Musekwa


in pdfGrazia in sofferenza è in morte