U Regnu di Diu (parte 5)

L'ultima volta chì avemu trattatu di cume a verità è a realtà cumplessa di u Regnu di Diu esistente ma micca cumpletu hà purtatu certi cristiani in modu erroneu di trumpalisimu, mentre chì l'altri purtavanu à u silenziu. In questu articulu, pigliemu un altru approcciu per risponde à sta verità cumplessa per fede.

Participà à u travagliu cuntinuu di Ghjesù à u serviziu di u Regnu di Diu

Invece di aggrappassi à u triunfalisimu (quell'attivismu chì hà per scopu di fà nasce u regnu di Diu) o à u quietismu (quella passività chì significa tene fora di a strada, lascendu tuttu à Diu), simu tutti chjamati à guidà una vita speranzosa chì dà forma à i veri segni di u futuru regnu di Diu. Benintesa, sti segni anu solu un significatu limitatu - ùn creanu nè u regnu di Diu, nè ne rendenu presente è veru. Tuttavia, indicanu al di là di elli à ciò chì vene. Facenu a differenza in quì è avà, ancu s'elli ùn sò micca capaci di influenzà tuttu. Facenu solu un parente è micca una differenza decisiva. Questu hè in ligna cù a dumanda di Diu per a Chjesa in questa età malvagia attuale. Alcuni, chì tendenu à aggrappassi à u modu di pensà triunfalisticu o tranquillistu, cuntrariaranu questu è sustineranu chì ùn hè mancu à pena o niente di menziunà di mette segni chì si riferiscenu solu à u futuru regnu di Diu. À u so parè, ùn vale a pena se ùn ponu micca realizà cambiamenti sustenibili - se ùn ponu micca migliurà u mondu o almenu fà crede à l'altri in Diu. Ma ciò chì ste obiezioni ùn piglianu micca in contu hè u fattu chì i segni indicati, pruvisiunali è limitati di tempu chì i cristiani ponu mette in quì è avà ùn ponu esse visti isolati da u futuru regnu di Diu. Perchè nò? Perchè l'azione cristiana significa participazione à u travagliu custante di Ghjesù, in virtù di u Spìritu Santu. Per mezu di u Spìritu Santu pudemu unisce à u rè in a so regula in quì è avà ancu in questu tempu di u mondu malvagiu presente - un tempu chì serà superatu. U Signore di u futuru regnu di Diu pò intervene in l'età presente è fà usu di e testimunianze indicate, pruvisorie è limitate in tempu di a chjesa. Queste causanu una differenza parente ma nutevule in quì è avà, ancu s'elle ùn portanu micca u cambiamentu tuttu impurtante chì vene cù u cumplimentu di u regnu di Diu.

A luce di u futuru regnu di Diu ghjunghje à noi è ci brilla nantu à a nostra strada in stu mondu scuru. Cum'è a luce di a stella illumina a bughjura di a notte, i segni di a Chjesa, chì sò prisenti in a parolla è l'attu, indicanu u futuru regnu di Diu in piena luce di u sole di meziornu. Questi picculi punti di luce anu un effettu, ancu s'ellu hè solu insinuatu, temporaneamente è temporaneamente. Per mezu di u travagliu graziosu di l'Onniputente diventemu strumenti cù i nostri segni è tistimunianzi, guidati in l'azzione di a parolla di Diu è di u Spìritu Santu. In questu modu pudemu tuccà e persone è accumpagnate cù Cristu versu u so futuru regnu. Diu stessu hè à u travagliu in quì è avà prima chì u regnu ghjunghje à a so cunsummazione. Semu ambasciatori per Cristu; perchè Diu ammonisce per noi (2. Corinti 5,20). Per mezu di a parolla di predicazione, cum'è hè fatta usable da u Spìritu Santu, Diu hà digià permette à e persone per via di a so fede in u spiritu, cum'è citadini di u futuru regnu di Diu, per participà à stu regnu (Rumani). 1,16). Ogni semplice tazza d'acqua offerta in nome di Cristu ùn passa micca senza ricompensa (Matteu 10,42). Per quessa, ùn deveriamu micca licenzià i segni o tistimunianzi di i credenti di a chjesa di Diu cum'è simboli fugaci, puri o gesti chì puntanu à qualcosa chì ùn hè micca realità. Cristu aghjusta u nostru travagliu di segnu à u so propiu è face usu di a nostra tistimunianza per attirà a ghjente in una relazione persunale cun ellu. Allora sentenu a prisenza di a so regula amorosa è sperimentanu gioia, pace è speranza per mezu di a so regula ghjusta, piena d'amore. Hè chjaru chì sti segni ùn palesanu micca tutta a verità di ciò chì u futuru riserva per noi, ma solu indicanu. Indicanu - sia in u passatu è sò ancu diretti versu u futuru - cusì rapprisentanu Cristu, chì in a so vita è u ministeru in a terra divintò u Salvatore è u Rè nantu à tutta a creazione. Questi segni ùn sò micca solu pinsamenti, parolle, idee o individui. assai sperienze spirituali. I segni cristiani di a fede portanu tistimunianza in tempu è spaziu, in carne è sangue, di quale hè Ghjesù è ciò chì u so futuru regnu serà. Hanu bisognu di tempu è soldi, sforzu è cumpetenza, pensamentu è pianificazione, è coordinazione individuale è comunitaria. L'Omnipotente pò fà l'usu di elli per mezu di u so Spìritu Santu è ancu fà questu in modu chì cumpiendu u scopu chì li hè duvutu: un guidà à Diu in Cristu. Una tale intruduzzione porta u fruttu in a forma di un cambiamentu chì vene à fruttu in u pentimentu (pentimentu o cambiamentu di vita) è a fede, è ancu in una vita piena di speranza per u futuru regnu di Diu.

Cusì rendemu u nostru tempu, energia, risorse, talenti è tempu libaru dispunibule per u nostru Signore per l'usu. Combatemu a situazione di i bisognosi in u nostru mondu attuale. Intervenemu per aiutà cù e nostre azzioni è impegnu attivu, chì spartimu cù e persone chì anu pensatu cum'è in e nostre parrocchie è fora. A furmazione di e primure mundane si face ancu in cuuperazione cù quelli chì ùn appartenenu micca (ancu) à queste cumunità. A nostra testimunianza di fede chì pigliemu riguardu à So Ask pò esse persunale è verbale, ma deve ancu esse messa in pratica publicamente è cullettivamente. Facendu cusì, duveriamu fà usu di tutti i mezi dispunibuli per noi. Cù tuttu ciò chì avemu, fà è dì, mandemu u listessu missaghju in tutti i modi accessibili per noi, proclamendu quale Diu hè in Cristu è chì a so regula serà assicurata per tutti i tempi. Vivemu in quì è avà, ancu in u mondu peccaminosu, in cumunione cù Cristu è in a speranza di a perfetta consumazione di u so regnu. Vivemu pieni di a speranza di un novu celu è di una nova terra in u futuru tempu mundiale. Vivemu in questu tempu in a cunniscenza chì stu mondu passa - perchè grazie à a parolla di Ghjesù Cristu è a so intervenzione, hè veramente. Vivemu in a certezza chì u regnu di Diu si avvicina in a so perfezione - perchè hè esattamente cumu hè!

Cusì, a nostra tistimunianza, chì dà noi cum'è cristiani, quantunque imperfetta, necessitata è limitata in u tempu, hè vera in u sensu chì influenza a nostra situazione presente è tutte e nostre rilazioni, ancu sì ellu stessu hè u futuru regnu di Diu, chì in u Quì avà ùn hè ancu perfettu, micca riflittutu in tutta a so realità. Hè vera in u sensu chì, grazia à a grazia di Diu, condividemu, cum'ellu era, grana di mustarda ciò chì l'Ultissimu face attualmente per mezu di u Spìritu Santu in modu à rende a ghjente cuscente di Ghjesù Cristu è di u so futuru regnu. Oghje, secondu a vulintà di Diu, pudemu participà à u quadru persunale è suciale di a nostra manera di vita, alcune di e benedizioni di u regnu è di u regnu di Cristu.

A verità hè revelata

Per chjarificà un pocu questu, deve esse nutatu chì cù i nostri azzioni ùn preparanu micca u terrenu per a realità di u regnu di Cristu, nè ne ghjustificemu micca. Diu, Babbu, Figliolu è Spìritu Santu hà digià fattu questu. U regnu futuru di Diu hè reale è hè digià diventatu una realità. Semu assicurati di u so ritornu. Pudemu cuntà. Stu fattu ùn dipende micca di noi. Hè un travagliu di Diu. Allora chì facemu cù a nostra tistimunianza, i segni chì duvemu forma, se ùn ottene u Regnu di Diu, nè diventa sempre più reale? A risposta hè chì i nostri segni, chì stabilimemu, rivelanu in frammenti u regnu di Diu chì vene. U nostru compitu prisente - u nostru privilegiu - hè di esse testimoni di a realità di u Regnu di Diu in a parolla è l'attu.

Allora chì hà da fà a fine, u ritornu di Cristu? A so seconda venuta ùn dà micca a realità ultima à u regnu di Diu, cum'è s'ellu cuntene solu u putenziale necessariu finu à tandu. Hè dighjà una realità perfetta oghje. Ghjesù Cristu hè dighjà Signore, u nostru Redentore è Rè. Guverna. Ma u regnu di Diu hè attualmente sempre piattu. A portata cumpleta di a so regula ùn vene micca à fruttu è à u primu pianu in tutta a so pienezza in u tempu mundiale malvagiu attuale. Quandu Cristu ritorna, u regnu di Diu serà rivelatu à a perfezione, cù tutti i so effetti. U so ritornu o riapparizione (a so parusia) serà accumpagnatu da una rivelazione o svelazione (un'apocalisse) di a verità è di a realità di quale ellu hè è di ciò ch'ellu hà realizatu; à quellu tempu a verità vera di quale hè Cristu è di ciò chì diventerà ellu hà fattu per noi, per a fine di a nostra salvezza, per esse rivelatu à tutti. Serà infine rivelatu ciò chì custituia a persona è u ministeru di Ghjesù Cristu. A gloria di tuttu què brillerà in ogni locu è cusì svilupperà u so pienu effettu. U tempu di simpliciamente accennà, testimunianze pruvisorie è limitate in u tempu sarà allora finitu. U regnu di Diu ùn serà più piattu. Entreremu in u celu novu è in a nova terra. Ùn ci hè più bisognu di un certificatu; perchè guarderemu tutti a realtà stessa in l'ochji. Tuttu què accadrà à u ritornu di Cristu.

Allora a vita cristiana ùn hè micca di purtà u putenziale di u regnu di Diu à travaglià. Ùn hè micca u nostru travagliu per chjude a distanza trà a realità di u mondu peccatu è l'ideale di u regnu di Diu nantu à a terra. Ùn hè micca per mezu di i nostri sforzi di l'Onnipotente chì sguassate a realità di a creazione scunfitta, opposta è a rimpiazzà cù l'ideale di u novu mondu. Innò, hè piuttostu u casu chì Ghjesù hè u Rè di tutti i rè è u Signore di tutti i signori è chì u so regnu - ancu s'ellu hè sempre ammucciatu - esiste veramente è veramente. U presente, u tempu di u mondu male passerà. Vivemu avà, cum'è, in una irrealità, in una manifestazione corrupta, distorta, falsificata di a creazione bè fatta di Diu, chì Cristu hà ritruvatu riportendula nantu à a strada bona, vittoriosa nantu à e forze di u male. In questu modu, pò campà à u so scopu originale di rializà u pianu ultimu di Diu. Grazie à Cristu, tutta a creazione serà liberata da a schiavitù è i so lamenti ghjunghjeranu à a fine (Rumani 8,22). Cristu face tuttu novu. Questa hè a realità più impurtante. Ma sta realità hè ancu da esse revelata cumplettamente. Digià avà, spurtati da u Spìritu Santu di Diu, pudemu dà tistimunianza, pruvisoriu è pruvisoriu, in tutti i lochi di a vita, in quantu à quella realità futura, è fendu cusì ùn tistimuniamu micca una mera pussibilità, è certamente micca. unu chì avemu capitu, ma à Cristu è a so rè, chì un ghjornu serà revelatu in perfetta. Sta realità hè a nostra speranza legittima - una in quale campemu oghje, cum'è ogni ghjornu.

L'ambienti civili è pulitichi Ciò chì significa questu à un livellu civile è puliticu per i cristiani chì ricunnosce u regnu di Cristu è campanu in a speranza di u regnu di Diu chì vene ? A rivelazione biblica ùn sustene micca l'idea di una "presa" cristiana di un partitu puliticu, nazione o istituzione fora di u serviziu di a chjesa. Ma ùn chjama micca a non-interferenza - chì hè ciò chì u terminu "separatismu" esprime. Cristu hà pridicatu chì ùn duvemu micca campà fora di stu mondu peccatu è currutti7,15). Mentre era esiliatu in una terra strana, l'Israele sò stati incaricati di cura di e cità chì abitavanu.9,7). Daniel hà servitu à Diu in mezu à una cultura pagana è hà cuntribuitu à questu, mentre chì à u stessu tempu era fidu à u Diu d'Israele. Paulu ci esorta à pricà per u guvernu è à rispettà u putere umanu chì prumove u bè è impedisce u male. Ci insegna à mantene a nostra bona reputazione ancu trà quelli chì ùn credenu micca in u veru Diu. Queste parolle d'avvertimentu implicanu cuntatti è interessu finu à l'assunzione di rispunsabilità cum'è citatinu è in u quadru istituzionale - è micca un isolamentu cumpletu.

L'insignamentu biblicu indica chì simu citadini di stu tempu mundiale. Ma à u stessu tempu proclama chì, più impurtante, simu citadini di u regnu di Diu. Cusì Paulu dichjara in e so lettere: "Allora ùn site più invitati è stranieri, ma concittadini di i santi è membri di a casa di Diu" (Efesini. 2,191) è dice: "A nostra citadinanza hè in u celu; da induve aspittemu u Salvatore, u Signore Ghjesù Cristu "(Filippesi 3,20). I cristiani anu una nova cittadinanza chì, senza dubbitu, hà a primura annantu à tuttu u mondu. Ma ùn cancella micca i nostri vechji diritti civili. Mentre era prigiuneru, Paul ùn hà micca negatu a so citadinanza rumana, ma l'hà utilizatu per assicurà a so liberazione. Cum'è cristiani, vedemu a nostra vechja citadinanza - sottumessa à u regnu di Cristu - relativizata radicalmente in u so significatu. Ancu quì, scontru un prublema cumplessu chì ci puderia purtari à una suluzione precipitosa o à una simplificazione di u prublema. Ma a fede, a speranza è l'amore ci guidanu à suppurtà a cumplessità per a nostra testimonianza di u regnu è a signoria di Cristu.

U doppia dirittu civile

Dopu à a sinopsi di Karl Barth di l'insignamentu biblicu è tenendu in mente l'insignamentu di a chjesa à traversu l'età, pare chì quelli chì appartenenu à Cristu è u so regnu in stu mondu presente appartenenu à duie chjese assai diverse à u stessu tempu. Avemu a doppia cittadinanza. Stu prublema cumplessu pare inevitabbile perchè va in manu cù a verità chì ci sò dui tempi mundiali chì si sovrapponenu, ma in fine solu unu, vale à dì u futuru, prevalerà. Ognunu di i nostri diritti civili porta cun ellu obblighi indispensabili, è ùn pò micca esse licenziatu da a manu chì questi ponu esse in cunflittu l'un cù l'altru. In particulare, ùn ci hè micca garantitu chì un certu prezzu ùn serà micca pagatu in vista di l'obbligazione à i dui. Allora Ghjesù indica à i so discìpuli: "Ma fate attente! Perchè vi metteranu in i tribunali, è in e sinagoghe sarete flagellati, è sarete purtati davanti à i guvernatori è à i rè per mè, in testimonianza per elli "(Marcu 1).3,9). Situazioni simili, riflettendu ciò chì hè accadutu à Ghjesù stessu, sò tracciati in tuttu u libru di l'Atti. Puderanu dunque nasce i cunflitti trà i dui diritti civili chì ùn ponu esse solu solu solu in stu mondu attuale.

Link i dubligioni d'obligazioni cù u centru veru

Hè impurtante di ricunnosce cumu queste duie sette di duveri devenu esse currettamente in relazione. Di solitu ùn hè micca utile cunsiderendu cumpetenu, ancu s'elli cunflittenu di qualchì volta. Nemmenu hè utile vede li ierarchicamente organizzati, induve ci hè sempre un focus prioritariu è poi ponderazioni sussegwenti, chì significa chì una seconda o terza azione o decisione hè pigliata solu dopu chì e priorità anu ricevutu piena attenzione. avè. In questu casu, si reduce à u fattu chì assai, se micca a maiò parte, i funzioni chì sò dichjarati secundari sò ultimamente trascurati è trascurati.

Inoltre, ùn hà micca sensu selezziunà una prucedura gerarchica pocu modificata secondu chì e quistioni secondarie, cume sò state distaccate di e priorità, sò trattati. Sicondu stu sistema, ci assicuramu chì assumemu i funzioni primarie in a parrocchia per fà ghjustizia à i secondari in a parrocchia civile, cumu si fussinu relativamente indipendenti è seguitanu e nostre norme o norme, scopi o obiettivi chì determinanu cumu rispunsabilità. aspetta à l'area micca chjesa. Un tali approcciu porta à una suddivisione chì ùn face micca ghjustizia à u fattu chì u regnu di Diu hè digià entratu in questu tempu mundiale è cusì vivemu cum'è era superpositu trà i tempi. A percepzione di i duveri di priorità di testimunianze di a chjesa hà sempre un impattu annantu à cumu avvicinemu u sicundariu, a nostra cumunità mundana. I dui cumplessi di duveri si sovrapponenu, per chì e nostre speranze per u futuru regnu di Diu è i nostri testimoni, tutte e nostre azioni - sia prioritariu - u regnu di Diu ùn resterà più oculatu o secundariu. Datu u regnu di Cristu, l'unità di u destinu chì Diu attribuisce à tutta a creazione, è a finalizazione di tutte e cose in Cristu cum'è Re di Re è Signore di i Signori, l'abbandunamentu Omnipotente hè u centru di tutta a realità - à u centru di e duie comunità à quale appartenemu. 2 Ogni azione umana deve esse pianificata, strutturata è disposta à u serviziu di stu puntu centrale, è si deve applicà à tuttu. Fighjemu u Diu triune in u focu di una serie di circhuli chì tutti partenu u stessu centru. Ghjesù Cristu cù u so futuru regnu hè questu centru. A Chjesa, chì appartene à Cristu, u cunnosce è venerà à ellu solu è stà à u core di u circondu circondu u centru. A chjesa cunnosce stu centru. Ella cunnosce e caratteristiche di u futuru imperu. A so speranza hè fundata nantu à una terra ferma è hà una bona idea di l'essenza di l'amore, da a ghjustizia à a cumunità vera di e persone in Cristu. U so serviziu hè di fà visibile stu centru è di chjamà à l'altri di entre in stu cerculu centrale perchè hè a fonte di a so vita è di a so speranza. Tuttu duverebbe appartene à e duie cumunità! U centru di a so esistenza hè ancu u centru di l'esistenza di a chjesa, ancu sì u so duveri di lealtà si applica solu è sopratuttu à a cumunità in un sensu più largu. Sicondu u so destinu, Diu in Cristu hè u centru di tutta a creazione è dunque di e duie cumunità. Ghjesù Cristu hè Signore è Redentore di ogni creazione - tuttu u putere è u cumandamentu, sia cusciente o micca.

A parochja civile fora di a chjesa pò esse pensata cum'è un circulu circundante chì si trova à una distanza più grande da u circondu internu di a parochja. Ùn sà nè di u centru, nè u ricunnosce, è a cumissione data da Diu ùn cunsiste micca à fà lu manifestà. U so scopu ùn hè micca di assumisce u rolu di a parochja o di rimpiazzalla (cum'ellu hè statu pruvatu in a Germania nazista è appruvatu da i dirigenti di a chjesa di u Statu tedescu). A chjesa ùn deve micca, tuttavia, ripiglià e so funzioni cum'è una congregazione più grande, per esse. Ma a parochja civile di a zona circundante hà u stessu centru cun ella, è a so sorte hè cumpletamente ligata à Ghjesù, u Signore hè sopra tuttu u tempu è tuttu u spaziu, sopra tutta a storia è tutta l'autorità. A cungregazione civile cume a sapemu ùn hè micca indipendente da u centru cumunu, a stessa realità viva chì a chjesa ricunnosce è à a quale si applica u so ultimu duvere di lealtà. Per rimarcà è arricchisce costantemente u circondu più grande è più grande di a realtà centrale di Ghjesù è u so regnu futuru. È face ghjustizia à questu compitu cercandu di dà forma in quella più larga congregazione à schemi d'azione, forme d'essere è possibilità di interazione cumunale, chì - ancu se indirettamente - si riferiscenu à quella realtà cumuna, centrale. Queste riflessioni di u modu di vita, chì entranu in ghjocu in u più largu inseme di duveri, truveranu u so ribombu in a condotta ecclesiastica o li currispondenu. Ma seranu solu in gradu di sprimela indirettamente, indistintamente, probabilmente micca ancu di manera cunclusiva è micca senza ambiguità. Tuttavia, hè da aspettà. A cungregazione più larga ùn hè micca è ùn deve esse a chjesa. Ma duverebbe prufittà continuamente da ellu, postu chì i so membri cercanu di esse responsabili per ellu è ancu per u Signore.

Segni paragunabili di priservazione è prutezzione

U fattu chì ci muvimu in questu presente, u tempu mundiale male hè particularmente chjaru per quelli in questa zona più larga di l'essenza burghese chì pucanu a so speranza in u futuru tempu mundiale è chì cunnoscenu è venerà u centru di vita. Fondi teologichi è fonti spirituali di cunvivialità aperta cun Diu, grazie à Ghjesù Cristu, ùn sò micca manifestati nè disposti in bonu serviziu da quesse attività civiche chì si realizanu à u serviziu di a cumunità circundante. Ma e pratiche, i standard, i principii, e regule, e leggi, l'essere è i maneri in quella zona più larga ponu più o menu cuncretizà cun, o cum'ellu hè, accoppiatu cù a vita chì Diu hà per noi in Cristu. L'influenza cristiana sarà cuncipita per integrà prudentemente l'area più larga di a responsabilità è, finu à u pussibule, per implementà, quantu pussibule, i modelli organizzativi, i principii di cumpurtamentu è e pratiche chì si cumpatenu megliu cù l'ughjetti è i modi di Diu. un ghjornu serà rivelatu à u mondu sanu. Pudemu dì chì a Chjesa, a cumunità più vasta, serve com'è un tipu di cuscenza. Cercà di impedisce a cumunità circundante di rientra in più di u destinu di Diu è di u scopu di l'umanità. È face cusì micca solu per via di a so proclamazione, ma di a participazione persunale, chì senza dubbiu ùn hè micca dispunibule senza pagà un prezzu per ella. In a parolla è l'attu, serve cum'è prutezzione è tutore, ancu s'è a so saviezza, i so avvirtimenti è u so impegnu sò à volte ignorate o rifiutati.

Chì flussu segni indiretti di speranza

I membri di a chjesa ponu arricchisce u so ambiente culturale - cum'è una sorta di forza motrice o cum'è un esempiu brillanti - cù benefici suciali materiali, è ancu attraversu strutture urganistiche è di produzzione introdutte chì sò alimentate da u Vangelu di Cristu. Ma tali tistimunianza serà solu capace di serve com'è una riferenza indiretta, solu sustene u ministeru direttu è u missaghju di a chjesa in quantu à Diu in Cristu è a prisenza è a venuta di u so regnu. Questi sforzi creativi, chì servenu cum'è signali indiretti, ùn deve micca rimpiazzà a vita di a chjesa o u so missaghju cintrali è u travagliu. Ghjesù, Diu o ancu e Sacre Scritture ùn saranu micca menzionati in tuttu. A fonte chì alimenta queste attività hè raramente citata (se à tuttu), ancu s'è l'aura di Cristu hè attaccata à l'azzione o realizazione. Ci sò limiti à tali testimonii indiretti. Probabilmente seranu più ambigue paragunatu à i tistimunianzi diretti è u travagliu di a Chjesa. I risultati seranu prubabilmente più inconsistenti di quelli di a parolla basi di a chjesa è a testimonianza. Calchì volta i pruposti fatti da i cristiani, chì cuncernanu u bè cumunu, ùn sò micca accettati da l'organi publichi o privati ​​di u putere, sfere di influenza è autorità, o anu solu un effettu chjaramente limitatu. Dopu dinò, ponu esse implementati in modi chì anu implicazioni largu per u regnu di Diu. U ministeru di Chuck Colson's Prison Fellowship, chì serve in prigiò statali è federali, hè un bon esempiu. Tuttavia, ùn hè micca pussibule di valutà quanta influenza pò esse affirmata. Certi rializazioni ponu esse deludente di corta durata. Ci saranu ancu fallimenti. Ma quelli chì ricevenu sti tistimunianzi indiretti, chì riflettenu - anchi si remotamente - a vulintà è a natura di Diu sò in questu modu riferiti à u core di ciò chì a chjesa hà da offre. I tistimunianzi serve cusì cum'è una spezia di preparazione pre-evangelica.

L'obbligazione primaria di a cumunità circundante hè di assicurà l'ordine bonu è giustiziatu in modu chì a Chjesa possa in ogni casu rializà u so rolu essenziale è spirituale in quantu à una comunità di fede è à i so membri, a so testimunianza indiretta in una comunità più vasta. Amparerà in gran parte à assicurà l'attuali di dirittu, a ghjustizia publica. U scopu serà u bè cumunu. Dunque, si piglia cura di ùn apprufittassi di i debuli nantu à i forti.

Sembra chì Paul hà avutu questu in mente quandu, cum'è si pò leghje in Lettera à i Rumani 13, hà descrittu i duveri ghjusti versu l'autorità mundane. Pò ancu riflette ciò chì Ghjesù vulia dì quandu ellu disse: "Dà dunque à l'imperatore ciò chì hè di l'imperatore, è à Diu ciò chì hè di Diu!" (Matteu 22,21), è ciò chì Petru vulia sprime in a so lettera: "Siate sottumessu à tuttu l'ordine umanu per u Signore, sia à u rè cum'è capu, sia à i guvernatori cum'è quelli chì sò mandati da ellu per punisce i malfattori è per lodare quelli. chi faci u bè »(1. Petru 2,13-14u).

di Gary Deddo


in pdfU Regnu di Diu (parte 5)