Rumani 10,1: 15: Bona nutizie per tutti

437 bona nutizie per tutti Paulu scrive in Rumani: "Cari fratelli è sorelle, ciò chì vogliu israeliti cù tuttu u mo core è prega per elli da Diu hè chì saranu salvati" (Rumani 10,1 Nova traduzzione di Ginevra).

Ma ci era un prublema: "Perchè ùn mancanu micca di zelo per a causa di Diu; Puderaghju tistimunianza di quessa. Ciò chì ùn mancanu hè cunnuscenza curretta. Ùn anu fallutu à vede di ciò chì a ghjustizia di Diu hè è prova di stà davanti à Diu per via di a so ghjustizia. In fendu cusì, si ribellenu contru à a ghjustizia di Diu invece di sottumettenu " (Rumani 10,2-3 Nova traduzzione di Ginevra).

L'israeliti Paulu sapianu chì vulianu fà cù e so opere diventendu giusti (mantendu a lege) davanti à Diu.

«Perchè cun Cristu u scopu hè ottenutu, chì hè u puntu di a lege: tutti quelli chì credenu in ellu sò dichjarati vechji. U percorsu à a ghjustizia hè u listessu per i Ghjudei è per i Ghjudei micca " (Rumani 10,4 Nova traduzzione di Ginevra). Ùn pudete micca rializà a ghjustizia di Diu per migliurà sè stessu. Diu vi dà ghjustizia.

Tutti avemu campatu ind'è e lege. Quandu era chjucu, aghju campatu sottu e lege di a mo mamma. Una di e so regule, dopu avè ghjucatu in u cantiere, era di caccià i scarpi prima di entra in l'appartamentu. Aghju avutu a pulisce i scarpi pisanti cun acqua in u veranda.

Ghjesù purifica a terra

Diu ùn hè micca sfarente. Ellu ùn vole chì a terra nera di i nostri peccati sia diffusa in tutta a so casa. U prublema hè, ùn avemu micca manera di pulisce noi stessi è ùn pudemu micca entre finu à quandu simu puliti. Diu lascia solu à quelli in a so casa chì sò sacri, peccati è puri. Nimu pò rializà sta purità à traversu stessi.

Allora Ghjesù avia da esce da a so casa per pulizziari noi. Solu ci pudia limpassi. Sè site impegnatu à sbuccà da a vostra propria terra, si pò puliti sinu à l'ultimu ghjornu, ùn sarà micca abbastanza per entre in la casa. Tuttavia, se crede ciò chì Ghjesù dice perchè Ellu vi hà purificatu, puderete entre in a casa di Diu è sentate à a so tavola per cena.

I versi 5-15 in Rumani 10 trattenu u fattu seguenti: Hè impussibile cunnosce Diu sì u peccatu hè eliminatu. Sapendu di Diu ùn pò micca eliminà u nostru peccatu.

Per sustene stu puntu in Rumani 10,5: 8-5, Paulu cita Deuteronomu 30,11: 12: "Ùn dite micca in u vostru core: Quale hà da cullà in celu? - cume s’è unu vulessi falla Cristu falà da quì ». Si dice chì cum'è umani pudemu circà è truvà Diu. Ma u fattu hè, Diu vene à noi è ci trova.

E Verbu eternu di Diu hè ghjuntu à noi cum'è Diu è l'omu, u Figliolu di Diu, Ghjesù Cristu fora di carne è di sangue. Ùn l'avemu pussutu truvà in celu. In a so libertà divina, hà decisu di falà per noi. Ghjesù ci hà salvatu a ghjente per lavà a piena di u peccatu è apre a strada per noi di vene à a casa di Diu.

Questa susciteghja a quistione: crede chì dice Diu? Pensate chì Ghjesù vi ​​hà truvatu è hà digià lavatu a to zita per entra in a so casa avà? Se ùn crede micca cusì, site fora di a casa di Diu è ùn si pò micca entre.

Paulu parla in Rumani 10,9: 13, Nuova Traduzione di Ginevra: "Se tu confessi cù a bocca chì Ghjesù hè Signore è crede cun u vostru core chì Diu l'ha risuscitatu trà i morti, sarete salvatu. Per unu hè dichjaratu ghjustu se unu crede cù u core; unu hè salvatu quandu unu confessa "a fede" cù a bocca. Hè per quessa chì si dice in l'Scrittura: "Tutti quelli chì si fidianu in ellu saranu salvati da a perdizione" (Isaia 28,16). Ùn ferma nunda chì qualchissia hè ghjudeu o micca ghjudeu: tutti anu u listessu Signore, è sparte a so ricchezza cù tutti quelli chì u chjamanu "in preghiera". "Quellu chì invoca u nome di u Signore sarà salvatu" (Ghjuvanni 3,5).

Questa hè a realtà: Diu hà redimitu a so creazione per mezu di Ghjesù Cristu. Lavava i nostri peccati è ci hà purtatu di puliti per u so sacrificiu senza u nostru aiutu è dumanda. Se avemu crede in Ghjesù è cunfessu chì hè u Signore, simu digià in questa realità.

Esempiu di schiavitù

U 1 di ghjennaghju di u 1863, u presidente Abraham Lincoln hà firmatu a Proclamazione di Emancipazione. Stu regulamentu d'implementazione hà dettu chì tutti i schiavi in ​​tutti i stati rivolti contru u guvernu di i Stati Uniti sò avà liberi. A nutizia di sta libertà ùn hà ghjunghje à i schiavi di Galveston, Texas finu à u 19 di giugnu di u 1865. Durante dui anni è mezzo, questi schiavi ùn anu sapendu di a so libertà è ùn anu micca sperimentatu a realità finu à chì i soldati di l'Armata di i Stati Uniti l'anu detta.

Ghjesù hè u nostru salvatore

A nostra confession ùn ci salva micca, ma Ghjesù hè u nostru Salvatore. Ùn pudemu micca obligà à Diu di fà qualcosa per noi. I nostri boni travaglii ùn ponu micca fà noi peccati. Ùn importa micca di chì tippu di attività hè. Ch'ella sia nantu à ubbidiu à una regula - cum'è e mantenere un ghjornu santu o evità l'alcool - o sia u travagliu di dì: "Credu". Paulu a dice in micca termini incerti: "Di novu, per grazia di Diu sì salvatu, è chì per fede. Dunque ùn devi micca a vostra salvezza à sè stessu; no, hè u rigalu di Diu » (Efesini 2,8 Nuova traduzione di Ginevra). Ancu a fede hè un rigalu di Diu!

Diu ùn aspetta micca una cunfessione

Hè aiutu à capisce a diffarenza trà un cuntrattu è una cunfessu. Un cuntrattu hè un accordu legale in u quale un scambiu hè fattu. Ogni parte hè obligata di scambià qualcosa per qualcosa. Se avemu un cuntrattu cù Diu, u nostru impegnu à Ghjesù ci obliga à salvà noi stessi. Ma ùn pudemu micca obligà à Diu per agisce per noi. Grazia hè Cristu chì, in a so libertà divina, decide di falà davanti à noi.

In una corte aperta, una persona ammetta chì l'offenda esiste da a cunfessu. Un criminale puderia dì: "Ammettu chì l'aghju arrubbatu i beni. Ellu hà accettatu a realtà in a so vita. A propiu modu, un seguitore di Ghjesù dice: "Ammettu chì aghju bisognu à esse salvatu o Ghjesù m'hà salvatu.

Chjamatu a libertà

Ciò chì i schiavi avianu bisognu in Texas in 1865 ùn era micca un cuntrattu per cumprà a so libertà. Avianu avutu a sapè è cunfèssinu ch'elli eranu digià liberi. A vostra libertà era digià stabilita. U presidente Lincoln hà sappiutu liberate ella è l'allorava à a so dispusizione. Diu hà avutu u dirittu di salvà noi è ci hà salvatu per a vita di u figliolu. Ciò chì i schiavi in ​​Texas avianu bisognu era di sente di a so libertà, crede ch'ella era, è campà in modu cunseguenza. I schiavi anu bisognu à qualchissia per vene è dite chì sò liberi.

Questu hè u messaghju di Paulu in Rumani 10:14, Nova traduzzione di Ginevra: "Avà hè cusì: Un solu pò chjamà à u Signore se unu crede in ellu. Puderete solu crede in ellu se avete intesu parlà da ellu. Un si pò sente solu di ellu se qualchissia ci hè da predicà u missaghju da ellu ».

Pudete imaginassi cumu era per quelli schiavi chì taglianu u cotone in u calore di 40 gradi di u Texas in quellu ghjornu di ghjugnu è chì sentenu a bona nova di a so libertà? Avete campatu u più bellu ghjornu di a vostra vita! In Rumani 10,15 Paul cita da Isaia: "Quantu sò belli i pedi di quelli chì portanu una bona nutizia" (Isaia 52,7).

Chì hè u nostru rolu?

Chì hè u nostru rolu in u pianu di salvezza di Diu? Semu i so messageri di gioia è purtemu a bona nova di a libertà à e persone chì ùn anu ancora sappiutu di a so libertà. Ùn pudemu micca salvà una sola persona. Sò i messageri, i persunagi di a bona nova è purtemu a bona nova: «Ghjesù hà rializatu tuttu, tu sì liberu»!

L'israeliti Paulu sapìanu sente a bona nova. Ùn crèdenu micca chì e parolle li purtonu Paulu. Credi in a liberazione da a vostra schiavitù è campà in a nova libertà?

di Jonathan Stepp


in pdfRumani 10,1: 15: Bona nutizie per tutti