U veru lume

623 a vera luce Chì seria u brillo di luci in tempu di Natale senza illuminazione? I mercati di Natale sò più atmosferichi a sera, quandu e parechje luci sparghjenu un umore di Natale romanticu. Cù tante luci, hè faciule di mancà a vera luce chì brillava per u ghjornu di Natale. "In ellu (Ghjesù) era a vita, è a vita era a luce di l'omi » (Ghjuvanni 1,4).

In i tempi quandu Ghjesù era natu in Betlemme più di 2000 anni fà, campava un vechju pietosu chjamatu Simeone in Ghjerusalemme. U Spìritu Santu avia palisatu à Simeone ch'ellu ùn muraria micca finu à avè vistu u Cristu di u Signore. Un ghjornu u Spìritu hà purtatu Simeone in i corti di u tempiu, u ghjornu stessu chì i genitori di Ghjesù anu purtatu u zitellu per rializà i bisogni di a Torah. Quandu Simeone hà vistu u zitellu, hà pigliatu à Ghjesù in i so bracci è hà ludatu à Diu cù e parolle: «Signore, avà lasciate andà u vostru servitore in pace, cum'è avete dettu; perchè i mo ochji anu vistu u vostru Salvatore, a salvezza chì avete preparatu davanti à tutti i populi, una luce per l'illuminazione di i pagani è per a lode di u vostru populu Israele » (Luca 2,29-32).

Luce per i pagani

Simeone hà ludatu à Diu per ciò chì i scribi, i Farisei, i sommi sacrificadori è l'avucati ùn anu pussutu capì. U Messia d'Israele hè venutu micca solu per a salvezza di Israele, ma ancu per a salvezza di tutti i populi di u mondu. Isaia hà prufetizatu assai prima: «Eiu, u Signore, ti aghju chjamatu in ghjustizia è ti tengu per a manu. Ti aghju creatu è ti aghju fattu una allianza per u populu, per a luce di i pagani, per chì aprissi l'ochji di i cechi è cunducissi i prigiuneri fora di a prigiò è quelli chì pusanu in u bughju fora di a prigiò » (Isaias 42,6-7).

Ghjesù: U novu Israele

L'Israele sò u populu di Diu. Diu l'avia chjamati fora di i pòpuli è l'hà apartu per allianza cum'è u so propiu populu particulare. Hà fattu questu micca solu per elli, ma per a salvezza suprema di tutte e nazioni. "Ùn basta ch'è tù sia u mo servitore per fà cresce e tribù di Ghjacobbu è ripurtà l'Israele spargugliatu, ma aghju ancu fattu di tè a luce di i populi, affinchì a mo salvezza possi ghjunghje sin'à l'estremità di a terra" (Isaia 49,6).

Israele duvia esse una luce per i pagani, ma a so luce hè stata spenta. Ùn avianu micca riesciutu à mantene l'allianza. Ma Diu ferma fidu à a so allianza indipendentemente da a incredulità di u so populu di l'allianza. "Chì avà? Se alcuni sò diventati infedeli, a so infedeltà annulla a fideltà di Diu? Luntanu! Piuttostu, ferma cusì: Diu hè veru è tutti l'omi sò bugiardi; cum'ellu hè scrittu: "Cusì avete ragione in e vostre parolle è vincite quandu avete a ragione" (Rumani 3,3-4).

Cusì in a pienezza di i tempi Diu hà mandatu u so Figliolu per esse a luce di u mondu. Era l'israelita perfettu chì tinia perfettamente l'allianza cum'è u novu Israele. "Cum'è a cundanna hè ghjunta nantu à tutte e persone per mezu di u peccatu di l'Unu, cusì a ghjustificazione hè ghjunta per tutte e persone per via di a ghjustizia di l'Unu, chì porta à a vita". (Rumani 5,18).

Cum'è u Messia prufetizatu, u riprisentante perfettu di u populu di l'allianza è a vera luce per i pagani, Ghjesù hà liberatu sia Israele sia e nazioni da u peccatu è li hà ricunciliatu à Diu. Cridendu in Ghjesù Cristu, essendu fidu à ellu è identificandu cun ellu, diventate un membru di a cumunità di l'allianza fidela, u populu di Diu. "Perchè hè quellu Diu chì face i Ghjudei solu per fede è i Ghjenti per fede" (Rumani 3,30).

Ghjustizia in Cristu

Ùn pudemu micca riunisce a ghjustizia da noi stessi solu. Solu quandu simu identificati cun Cristu Redentore simu ghjusti. Simu peccatori, micca più ghjusti in noi chì Israele era. Solu quandu ricunniscimu a nostra peccaminalità è piazzemu a nostra fede in quellu chì Diu ghjustifica u gattivu, pudemu esse cunsiderati ghjusti per ellu. "Sò tutti peccatori è mancanu a gloria chì si suppone avè davanti à Diu, è sò ghjustificati senza meritu per via di a so grazia per via di a redenzione chì hè accaduta per mezu di Cristu Ghjesù" (Rumani 3,23-24).

Tutti anu bisognu di a gràzia di Diu quant'è u populu d'Israele. Tutti quelli chì anu a fede di Cristu, pagani è Ghjudei, sò salvati solu perchè Diu hè fidu è bonu, micca perchè simu stati fideli o perchè avemu trovu qualchì formula secreta o una duttrina ghjusta. «Ellu ci hà liberatu da u putere di e tenebre è ci hà trasferitu in u regnu di u so Figliolu caru» (Colosiani 1,13).

Fiducia in Ghjesù

Cume simplice quantu pare, hè difficiule di fidà si di Ghjesù. Fidà si in Ghjesù significa mette a mo vita in manu à Ghjesù. Dà u cuntrollu di a mo vita. Ci piacerebbe esse in cuntrollu di a nostra vita. Ci piace à esse in cuntrollu di piglià e nostre decisioni è di fà e cose à a nostra manera.

Diu hà un pianu à longu andà per a nostra liberazione è securità, ma ancu un pianu à cortu andà. Ùn pudemu micca riceve i frutti di i so piani sì ùn simu fermi in a nostra fede. Alcuni capi di Statu sò fermamente impegnati in u putere militare. Altre persone tenenu a so sicurezza finanziaria, integrità persunale, o reputazione persunale. Certi sò fermi in a so capacità o forza, ingenuità, cumpurtamentu cummerciale o intelligenza. Nisuna di queste cose ùn hè intrinsecamente cattiva o piccante. Cum'è esseri umani, simu inclinati à mette a nostra fiducia, energia è dedica in elli, piuttostu chè a stessa fonte di sicurezza è di pace.

Andate umilmente

Quandu affidemu i nostri prublemi à Diu è fiducia in a so cura, pruvista è liberazione, cù i passi pusitivi chì femu per trattà cun elli, Ellu prumette di esse cun noi. Ghjacumu hà scrittu: "Umiliatevi davanti à u Signore, è ellu vi esalterà" (Ghjacumu 4,10)

Diu ci chjama à mette da cantu a nostra cruciata di a vita, difendeci, prumove noi stessi, priservà i nostri pussessi, prutege a nostra reputazione, è allargà a nostra vita. Diu hè u nostru fornitore, u nostru difensore, a nostra speranza è u nostru destinu.

L'illusione chì pudemu avè una presa nantu à a nostra vita deve esse esposta à a luce, a luce di Ghjesù: «Sò a luce di u mondu. Quellu chì mi seguita ùn marchjarà in u bughju, ma averà a luce di a vita » (Ghjuvanni 8,12).

Allora pudemu esse risuscitati in ellu è esse quellu chì simu veramente, i figlioli preziosi di Diu chì ellu salva è aiuta, di e quale batte e so paure, di e so paure, di u so dulore, di u so avvene è di a so reputazione ellu cunserva. "Ma se camminemu in a luce cum'è ellu hè in a luce, avemu una cumunità cun l'altri, è u sangue di Ghjesù, u so Figliolu, ci rende puliti da ogni peccatu" (1 Ghjuvanni 1,7). 

Se rinunciemu à tuttu, vincemu tuttu. Quandu ci inghjinuchjemu, ci alzemu. Abbandunendu a nostra illusione di cuntrollu persunale, simu vistuti di tutta a gloria è a splendezza è e ricchezze di u regnu celeste, eternu. Petru scrive: «Lanciate nantu à ellu tutte e vostre preoccupazioni; perchè ellu s'occupa di tè » (1 Petru 5,7)

Di chì ti inchieti? I vostri piccati piattati? Un dulore insuppurtevule? Un disastru finanziariu insurmontabile? Una malatia devastante? Una perdita inimaginabile? Una situazione impussibile in quale site cumpletamente impotente per fà qualcosa? Una relazione disastrosa è dolorosa? False accuse chì ùn sò micca vere? Diu hà mandatu u so Figliolu è per mezu di u so Figliolu ci piglia e mani è ci alza è porta a luce di a so gloria in a crisa scura è dulurosa chì stemu attraversendu. Ancu se camminemu per a Valle di l'Ombre di a Morte, ùn avemu micca paura perchè Ellu hè cun noi.

Diu ci hà datu u segnu chì a so salvezza hè certa: «È l'ànghjulu li disse: Ùn àbbia paura! Eccu, vi portu una bona nutizia di grande gioia, chì serà per tutte e persone; perchè oghje u Salvatore hè natu per voi, chì hè Cristu u Signore, in a cità di Davide » (Luca 2,10-11).

In ogni locu chì fighjate in questa epoca di l'annu ci hè illuminazione decorativa, luci bianche, culurite o candele accese. Queste luci fisiche, u so debule riflessu, ponu purtà assai gioia per pocu tempu. Ma a vera luce chì vi prumette a salvezza è vi illumina da l'internu hè Ghjesù, u Messia, chì hè ghjuntu à noi nantu à sta terra è vene oghje personalmente per via di u Spìritu Santu. "Questa era a vera luce chì illumina tutte e persone chì venenu in stu mondu" (Ghjuvanni 1,9).

da Mike Feazell