Arrivedete è aspettate!

Certe volte, pari, aspittà hè a cosa più dura per noi. Dopu pensemu chì sapemu ciò chì avemu bisognu è pensemu chì simu pronti, a maiò parte di noi truvamu a stesa aspettata quasi insupportable. In u nostru mondu occidentale, pudemu diventà frustrati è impacienti si avemu aspettà cinque minuti in vestiti micca di ferru in un ristorante di fast food mentre stavamu in vittura è ascolta a musica. Imagine chì a vostra bisnea a videria.

Per i cristiani, l'aspittazione hè ancu più cumplicata da u fattu chì avemu fiducia in Diu, è spessu trovemu difficiuli di capiscenu perchè facemu e cose chì credimu profondamente chì avemu bisognu è per chì continuemu à fà pricava è facia tuttu u pussibule, ùn l'avete micca.

U rè Saul era preoccupatu è preoccupatu mentre aspettava Samuel per vene à fà u sacrifiziu per a battaglia (1 Sam. 13,8). I suldati sò diventati inquieti, alcuni l'abbandunonu, è in frustrazione per l'aspettazione apparentemente interminabile, hà finalmente offerto à a vittima ellu stessu. Di sicuru, allora fù arrivatu à Samuel. L'incidentu hà purtatu a fine di a dinastia di Sauls (Vv. 13-14).

In un mumentu o l'altru, a maiò parte di noi hà probabilmente sentitu cum'è Saul. Avemu fiducia in Diu, ma ùn pudemu micca capì perchè ùn intervene o calmu i nostri mari tempestosi. Aspettemu è aspettemu, e cose pareranu peggiate è peggiu, è in finta l'aspettata pare andà oltre ciò chì pudemu piglià. Sò chì aghju sentitu chì qualchì volta ci sentimu tutti quì in Pasadena è certamente tutte e nostre cumunità quandu avemu vendutu a nostra prupietà in Pasadena.

Ma Diu hè fideli è ellu prumette di purtassi à traversu tuttu ciò chì incontru in a vita. Hà pruvatu una volta è novu. A volte si passa per u soffrenu cun noi è di volte - più raramente, pare - mette un termine per ciò chì ùn pareva mai finisce. In ogni modu, a nostra fede ci chjama di cunfidassi in ellu - di cunfidassi chì ellu farà ciò chì hè bonu è bonu per noi. In retrospettiva, spessu pudemu vede solu a forza chì avemu ottinutu attraversu a longa notte di aspittà è cumincià à capisce chì l'esperienza dolorosa pò esse una benedizzione disfressata.

Tuttavia, ùn hè micca menu miserabile a suppurtà mentre attraversemu, è simpatizemu cù u salmista chì hà scrittu, "A mo anima hè assai paura. Oh, signore, quantu tempu! " (Salmu 6,4). Ci hè un mutivu perchè l'anticu King James Version hà traduttu a parolla "pacienza" cù "soffrenu longu"!

Luca ci parla di dui discepuli chì eranu tristi in strada per Emmaus perchè pareva chì a so aspittà era in vain è tuttu era persu perchè Ghjesù era mortu (Luca 24,17). Ma esattamente à u stessu tempu, u Signore risuscitatu, in quale avianu speratu tutti, andonu da u so latu è li davanu incuragimentu - ùn l'anu micca solu ricunnisciutu (Vv. 15-16). Calchì volta ci accade a stessa cosa. Spessu ùn ricunnosciamu i modi in chì Diu hè cun noi, ci circà, ci aiuta, ci incurage - finu à un puntu dopu in u tempu.

Eranu solu quandu Ghjesù rompe u pane cun elli "chì l'ochji eranu aperti è u ricunniscìanu è si sparì da elli. È si dissi: Ùn ci sò stati i nostri cori brusgiati in noi quandu ci parlava in strada è ci hà apertu e Scritture? " (Vv. 31-32).

Se avemu fiducia in Cristu, ùn seremu micca attenti solu. Stà cun noi ogni notte scura, ellu ci da a forza di tene è a luce per vede chì micca tuttu hè finitu. Ghjesù li assicura chì ùn ci lasciarà mai più solu (Matteu 28,20)

di Ghjiseppu Tkach


in pdfArrivedete è aspettate!